Advertisement
Better Call Saul, la 2a parte della 6a stagione ha una scrittura puramente cinematografica con una messa in scena preziosa

Il prequel di Breaking Bad diventa anche un sequel e conclude la parabola (anche morale) di Kim Wexler e Jimmy McGill. Su Netflix.
di Andrea Fornasiero

martedì 16 agosto 2022 - Netflix

Lalo Salamanca è tornato, travolgendo le vite di Jimmy e Kim che hanno visto trasformare la loro persecuzione di Howard in un gioco mortale. Con un cadavere in casa e in balia di un pericoloso narcotrafficante, dovranno trovare un modo di venirne fuori a testa alta. Ma la vicenda non è più solo nel passato e nel 2010, a Omaha, l'ormai ex avvocato Saul Goodman cerca di mantenere il proprio anonimato dopo essere stato riconosciuto dal tassista Jeff. Organizza una truffa in cui farlo partecipare, così da renderlo proprio complice e assicurarsi il suo silenzio, ma il fato ha sempre un asso nella manica...

A rendere preziosa Better Call Saul è soprattutto la messa in scena, che mostra le azioni nel loro svolgersi spesso senza alcuna spiegazione, con lunghissimi silenzi, lasciando che sia il puro flusso degli eventi a chiarirne eventualmente il senso.

Una scrittura puramente cinematografica, che lascia parlare le immagini e i movimenti di macchina da presa, alternandoli alle inevitabili esplosioni verbali del protagonista, celebre per la propria parlantina. 

VAI ALLA RECENSIONE COMPLETA


news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati