Advertisement
Educa Immagine 2022, sensibilizzare i più giovani (e non solo) al linguaggio dei media

Il festival al via il 6 maggio a Rovereto offre un ricco programma per comprendere al meglio l’audiovisivo.
di Mathilde Narros

giovedì 5 maggio 2022 - Festival

Cartelli pubblicitari per strada, nelle metro, sugli autobus, immagini alla tele e sui social… Immagini ovunque. Il tutto, accompagnato da un bombardamento di informazioni in tempo reale. La società odierna si adatta sempre di più alle nuove tendenze e il cartaceo, per molti, è solo un ricordo. Il risultato è un flusso instancabile di colori, parole e opinioni. Ma, ovviamente, non tutte le immagini che ci sfiorano sono da scartare.

Si trattata di riconoscere i contenuti di qualità e EDUCA IMMAGINE è un alleato fondamentale per questa missione. Da tre anni il festival di Rovereto, che quest’anno si svolgerà dal 6 maggio, sensibilizza i giovani e gli adulti al linguaggio dei media, insegnando a comprendere i messaggi sviluppando un pensiero critico.
 

Avendo capito l’urgenza di questa tematica, Educa Immagine interviene anche nelle scuole primarie proponendo le proiezioni di Little Miss Sunshine, Mila e Minuscule - La valle delle formiche perdute. Ogni incontro sarà seguito da un laboratorio che insegnerà l’alfabeto del cinema per formare i futuri cinefili e, perché no, registi. Il gusto per i film ha bisogno di essere sviluppato fin da giovani e integrare alcune lezioni di cinema nelle scuole è un bellissimo atto culturale di cui l’Italia può andare fiera.

Proprio per capire la situazione italiana attuale, sarà proposto il focus Educazione all’immagine: quali prospettive per l’Italia? dove sarà fatto un bilancio degli investimenti sull’educazione all’immagine da parte delle scuole e da vari enti. Gli investimenti non riguardano solo la sfera del cinema ma raggiungono l’animazione e addirittura il gaming. Un altro focus gratuito e aperto al pubblico è L’ho visto su Facebook : l’informazione durante la prima guerra social. È, effettivamente, la prima volta nella storia che una guerra sia così tanto rappresentata sui social. Internet si riempie ogni giorno di nuovi video, foto e dirette sull’invasione russa in Ucraina. In un contesto così caotico è importante consultare fonti affidabili e alcuni giornalisti esperti spiegheranno come far fronte a questa moltitudine di informazioni.

Negli ultimi anni anche la fotografia sta cambiando natura. Con l’arrivo degli smartphone, la fotografia sembra alla portata di tutti. Ma in cosa consiste, oggi, la professione di reporter e di fotografo? E uno scatto amatoriale fa concorrenza ad una foto professionale? La differenza sembra sempre più sottile e più confusa. Per rispondere a questi quesiti, tre specialisti cercheranno di spiegare la rivoluzione del mondo della fotografia. Tra di essi interverrà Marco Cattaneo, direttore di National Geographic Italia, la giornalista e photo-consultant Irene Alison, e il critico cinematografico Enrico Magrelli. Un’ulteriore precisione riguarderà la natura dell’immagine, ovvero chi e come ha scattato quella foto. Per ogni opera o contenuto c’è sempre un autore che spesso viene dimenticato, per non parlare delle motivazioni e dei messaggi dietro l’opera che si possono perdere facilmente nel flusso dei contenuti.

Quest’anno si parlerà anche di televisione, tutt’ora molto utilizzata nelle case degli italiani. Se per un adulto è difficile distinguere una notizia di qualità da una fake news, per i più piccoli è ancora più complicato. Tv: istruzione per l’uso sottolinea l’importanza di proteggere i bambini e prestare attenzione ai contenuti audiovisivi. Una volta selezionate le offerte, che possono essere lette anche in chiave formative e educative, bisognerà regolarizzare i tempi e i modi di utilizzazione, proprio come gli smartphone e i tablet. Parlando dei più piccoli, le nuove generazioni nascono con Tik Tok. Per gli adulti che vogliono stare al passo con il tempo e capire cosa guardano i propri figli, Educazione all’audiovisivo: dal cinema a Tik Tok è un laboratorio fondamentale.

Costruire la cittadinanza digitale propone la definizione di cittadinanza digitale, ovvero la partecipazione attiva e responsabile alla comunità online. Il laboratorio fornirà spunti metodologici per introdurre le competenze di cittadini digitali a scuola e testare i livelli di valutazione critica. I bambini delle scuole elementari potranno, invece, participare al laboratorio Cosa vedi? Educazione alle immagini in movimento che esporrà le iniziali competenze utili alla comprensione si un prodotto audiovisivo. L’evento annuale di Rovereto aiuterà, ancora una volta, i piccole e i grandi nel loro approccio al mondo dell’audiovisivo.
 


news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati