Dizionari del cinema
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
sabato 25 settembre 2021

Elisa Del Genio

Data nascita: 2007, Napoli (Italia)
Biografia Filmografia Critica Premi Foto Articoli e news Trailer Dvd
Elisa Del Genio

Madre norvegese e padre italiano, la giovane attrice è stata Elena nella serie L'amica geniale.

Elisa Del Genio: «Vorrei interpretare un personaggio un po' folle, spaventosissimo»

giovedì 13 maggio 2021 - Ilaria Ravarino cinemanews

Elisa Del Genio: «Vorrei interpretare un personaggio un po' folle, spaventosissimo» Nata a Napoli nel 2007 da madre norvegese e padre italiano, Elisa del Genio e` stata la protagonista della prima stagione della serie L'amica geniale di Saverio Costanzo, nei panni della giovane Elena Greco, e sarà presto al centro del thriller -horror Occhi di tenebre di Antonello De Leo. La prima volta su un palco: quando?
Alle elementari, nella recita di primo anno: interpretavo una medusa. Ma non ero bravissima, mi dimenticavo tutto.
La prima volta su un palco vero?
La prima volta su un set è stato per L'amica geniale. Ma la prima volta su un palco è stato quando ho dovuto parlare alla Mostra del Cinema di Venezia, per la premiére della serie. Avevo 11 anni, è stata una grande emozione.
La prima volta che hai recitato fuori da un palco?
Ho sempre fatto un sacco di scherzi alla mia famiglia: facevo finta di farmi male e qualche volta mi sono anche disegnata le ferite sulle gambe per sembrare più credibile. E ottenere qualcosa in cambio, magari un gelato.
Il tuo cavallo di battaglia ai provini?
Non ho cavalli di battaglia, mi piace essere spontanea. Per adesso ho sempre fatto provini su parte.
Il ruolo per cui potrebbero riconoscerti per strada?
Elena, naturalmente. Mi è capitato che mi riconoscessero anche mentre ero in gita con la scuola: ora con le mascherine è più difficile.
C'è una cosa che sai fare bene, e che vorresti fare in un film? Danza. Ho ballato per nove anni e mi piacerebbe farlo in un film. Danza classica, moderna, hip hop e contemporanea.
Cosa non deve mancare nel tuo camerino?
La musica per concentrarmi e delle gomme da masticare. Ma in camerino non ci sto molto, mi piace andare sul set e vedere cosa fanno gli altri attori.
Sul set o sul palco ti senti sicuro se...
... se c'è feeling con le persone con cui lavoro, se so cosa vuole da me il regista e se mi piace il personaggio.
A chi porteresti il caffè sul set pur di vederlo recitare?
A Leonardo DiCaprio. Perché è bello e bravissimo.
Qual è il film che, se lo vedi iniziato in tv, non puoi smettere di guardare?
A un metro da te (guarda la video recensione) (di Justin Baldoni, ndr). L'ho visto quattro volte e mi ha fatto piangere tantissimo, sempre.
Il film di cui cambieresti il finale?
Sempre A un metro da te: vorrei che la vita permettesse a Stella e Will di fidanzarsi.
Serata a casa, Netflix & chill: cosa guardi? Cosa ordini?
Ordino il sushi e mi guardo Teen Wolf, una serie che parla di lupi e avventura.
Un personaggio del cinema con cui passeresti una serata?
Stiles Stilinski, un personaggio mezzo matto di Teen Wolf. Mi fa molto ridere, mi mangerei volentieri una pizza con lui.
Protagonista di un film di genere: quale?
Un horror di quelli con i fantasmi. Mi piacerebbe un personaggio un po' folle, spaventosissimo.
Se non facessi l'attrice come ti guadagneresti da vivere?
L'architetto: sin da piccola avevo la passione per arredare gli ambienti, avevo una casa delle Barbie in cartone per cui ho creato tutti i mobili.
Chi può dirti che stai sbagliando?
La mia famiglia e la mia migliore amica, Francesca.
Da chi vorresti sentirti dire che sei brava?
Dal regista con cui lavoro.
Gli ultimi tre brani ascoltati sul telefono?
The Nights di Avicii, These Days di Rudimental e Renegades di X Ambassadors.
Dopo questa intervista che farai?
Una lezione di recitazione via Zoom con una coach di New York.

   

domenica 19 settembre 2021 - A Napoli la prima edizione dell'evento dedicato ai talenti e all’industria che ha cambiato mercato, pubblico e storytelling. Premi a produzioni, registi, attori e un omaggio speciale a Maurizio De Giovanni.

Nastri d'argento - Grandi Serie Internazionali, vincono Petra, Romulus e Il commissario Ricciardi

a cura della redazione cinemanews

Nastri d'argento - Grandi Serie Internazionali, vincono Petra, Romulus e Il commissario Ricciardi Nastri d’Argento alle Serie dell’anno: Petra di Maria Sole Tognazzi con Paola Cortellesi prodotta da Cattleya per Sky e Romulus, ideata e diretta da Matteo Rovere, prodotta da Sky, Cattleya e Groenlandia e Il Commissario Ricciardi prodotto da Rai Fiction e Clemart, i titoli che hanno ‘rinnovato’ anche nell’immagine la grande fiction di qualità nell’ultima stagione. Festeggiati a Napoli anche i loro produttori e alcuni attori che il pubblico ha particolarmente amato: Andrea Pennacchi che affianca Paola Cortellesi in Petra e Antonio Milo con Lino Guanciale per Il Commissario Ricciardi. A loro i Nastri d’Argento Grandi Serie che inaugurano una nuova stagione del Premio nato nel 1946.

Nastri ‘eccellenti’ agli autori e ai ‘capitani coraggiosi’ della produzione
Con i tre vincitori 2021, i Nastri di eccellenza già annunciati di questa prima edizione realizzata in collaborazione con la Film Commission Regione Campania, che i Giornalisti Cinematografici ringraziano per la disponibilità, verranno consegnati i premi alle cinque Serie Internazionali che hanno rilanciato lo stile autoriale e il racconto, ma anche il mercato italiano nel mondo in una ‘cinquina’ eccellente dei titoli amati dagli spettatori, non solo in Italia: L’amica geniale (guarda la video recensione), The New Pope, We Are Who We Are, Gomorra - La Serie, ZeroZeroZero (guarda la video recensione).

E i premi sono andati ai registi Saverio Costanzo, Luca Guadagnino, Paolo Sorrentino, Stefano Sollima, Marco D’Amore, ai ‘capitani coraggiosi’ della più grande produzione degli ultimi anni: Riccardo Tozzi per Cattleya, Lorenzo Mieli insieme a Mario Gianani (The Apartment, Wildside). Con loro Domenico Procacci (Fandango) e Luca e Matilde Bernabei (Lux Vide), e ancora, Nicola Serra che con Carlo degli Esposti ha lanciato Montalbano (Palomar) ma soprattutto Rai Fiction con il Nastro al Direttore Maria Pia Ammirati e Sky Italia rappresentata a Napoli da Nils Hartmann, Senior Director Original Production.

Le ‘icone’, i premi più giovani
Palazzo Reale Nastri per Luca Zingaretti, per i vent’anni de Il Commissario Montalbano, Marco D’Amore e Salvatore Esposito per Gomorra - La Serie, Stefano Accorsi - anche ideatore - per la trilogia di 1992, 1993, 1994, Alessandro Borghi per Suburra - La Serie e Silvio Orlando per il ruolo del Cardinale Voiello di The Young Pope e The New Pope del Premio Oscar Paolo Sorrentino.

Altri riconoscimenti dai Giornalisti Cinematografici (SNGCI) sono andati a Matilda De Angelis per The Undoing - Le verità non dette (protagonista anche in Leonardo, andata in onda in primavera sulla Rai) per la più sorprendente performance dell’anno e tra le serie teen a Skam Italia (guarda la video recensione) - premiati il produttore Rosario Rinaldo e il regista e sceneggiatore Ludovico Bessegato - con la sua protagonista Ludovica Martino alla quale è andato anche il Premio Wella per l’immagine.

apoli anche premi per i giovani protagonisti a cominciare dalle interpreti de L’amica geniale che avranno un riconoscimento speciale dei Nastri insieme a Nuovo Imaie: con Ludovica Nasti e Elisa Del Genio, le ex piccole Lila e Lenù, i premi andranno anche alla coppia delle due interpreti più grandi Gaia Girace e Margherita Mazzucco. E tra i premi anche l’attenzione della Fondazione Claudio Nobis che affianca da due anni i Nastri e a Napoli andrà alla fiction più attenta ai giovani, Mare Fuori prodotta da Roberto Sessa.

Nastri alla fiction di qualità prodotta a Napoli
In questa prima ‘edizione vetrina’ promossa, non a caso, nella Regione che vanta il fermento più interessante della fiction nazionale, premiata anche la qualità delle serie prodotte e girate a Napoli: dal 2005 a oggi sono mille i progetti sostenuti in Campania, di cui 250 tra film e fiction. Oltre 50 i titoli per la tv, comprese le 5 stagioni di Gomorra - La Serie, le 2 stagioni de L’amica geniale (di cui la terza è in lavorazione), le stagioni de I Bastardi di Pizzofalcone. Che inaugurano proprio domani, lunedì 20 su Rai 1 la terza serie. E le produzioni, oltre ai cast ricchissimi di attori, coinvolgono tecnici e personale in una percentuale che oscilla fra il 40% e il 60% di maestranze del territorio, dalla produzione alla scenografia.

E l’omaggio a Napoli va innanzitutto al ‘padre’ delle serie rapidamente diventate evergreen della produzione e dello stile narrativo della fiction prodotta in Campania Maurizio De Giovanni, Nastro Speciale condiviso con Siae proprio per la scrittura. Un premio che celebra i suoi titoli più rappresentativi, da I bastardi di Pizzofalcone a Mina Settembre, ricordandone le produzioni (Rai Fiction con Clemart, Gabriella Buontempo e Massimo Martino anche produttori de Il Commissario Ricciardi) e Italian International Film (Mina Settembre). Riconoscimenti anche per alcuni popolarissimi protagonisti di queste serie come Tosca D’Aquino e Massimiliano Gallo.

   

Altre news e collegamenti a Elisa Del Genio »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
giovedì 23 settembre
A Quiet Place II
Maternal
Tutti per Uma
Regina
mercoledì 22 settembre
Un altro giro
Maledetta Primavera
Peter Rabbit 2 - Un birbante in fuga
giovedì 16 settembre
Freaky
mercoledì 15 settembre
100% Lupo
Adam
martedì 14 settembre
Black Widow
giovedì 9 settembre
Rifkin's Festival
Corpus Christi
Morrison
mercoledì 8 settembre
Il cattivo poeta
Il sacro male
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità