La verità nascosta

Acquista su Ibs.it   Dvd La verità nascosta   Blu-Ray La verità nascosta  
Un film di Andrés Baiz. Con Martina García, Quim Gutiérrez, Clara Lago, Alexandra Stewart Titolo originale La cara oculta. Thriller, durata 95 min. - Colombia, Spagna 2011. - Moviemax uscita venerdì 10 febbraio 2012. MYMONETRO La verità nascosta * * 1/2 - - valutazione media: 2,62 su 22 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato nì!
2,62/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * 1/2 - -
 critica * 1/2 - - -
 pubblico * * * - -
   
   
   
Adrián e Belén sono i protagonisti di un thriller psicologico che esplora le dinamiche dell'amore, della gelosia e del tradimento.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un esempio di genere ambizioso per cui risultano azzeccati anche gli spruzzi di humour e le venature maligne
Marco Chiani     * * 1/2 - -

In seguito all'improvvisa scomparsa della sua compagna, Adrián conosce e s'innamora di Fabiana, piacente e un po' arrivista cameriera che si trasferisce presto nella sua villa. Mentre per la polizia l'uomo è l'unico sospettato della misteriosa sparizione, attraverso un flashback ne conosciamo il passato: giunto dalla Spagna in Colombia per dirigere l'Orchestra Filarmonica di Bogotà, vive insieme alla bella Belén, cui costerà molto cara l'idea di metterne alla prova la fedeltà.
Di florida e ben oliata produzione colombiana-spagnola realizzata in collaborazione con 20th Century Fox, La verità nascosta non parte per niente bene a causa di alcune evidenti sfocature nel disegno dei personaggi (si pensi ad esempio ai due poliziotti da fumetto), ma soprattutto per via di un impianto narrativo troppo spesso utilizzato.
Proprio quando l'interesse sta per scemare accade però che l'attenzione sia catturata da un linguaggio inaspettatamente frenetico, opposto alle banalità di una parte proemiale che a tratti sembrava inclinare all'horror più banale. Il primo terzo del film allora è quasi interamente riproposto mediante gli occhi della donna scomparsa, bloccata in una situazione letteralmente claustrofobica da cui può vedere ciò che accade senza poter essere vista. A voler molto bene al colombiano Andi Baiz - già noto per Satanás - si potrebbe parlare dell'essenza stessa del cinema, dell'impotenza dello spettatore e del voyeurismo sotteso ad ogni atto di visione, sebbene quello che la pellicola vuole e, per un certo minutaggio, riesce ad essere è un teso thriller da cardiopalma sull'ossessione del possesso e sul tradimento.
Purtroppo il triangolo di perversa gelosia che investe i personaggi funziona solo per un'ora scarsa compresa tra quel primo atto decisamente floscio e uno scioglimento altrettanto discutibile: come se il materiale narrativo non fosse sufficiente per la durata di un lungometraggio, la natura di racconto crudelmente esemplare del copione, infatti, viene sminuita da un finale poco credibile e incredibilmente veloce in cui la chiusura contestuale di più linee narrative fallisce su più fronti. Meglio consigliabile per i pregi che sconsigliabile per i difetti, si tratta di un esempio di genere ambizioso per cui risultano azzeccati anche gli spruzzi di humour e le venature maligne.
Nella lotta per il possesso di un uomo-trofeo, che pensa solo alle conquiste galanti e non si accorge di ciò che gli accade ad un palmo dal naso, anche il genere femminile non ci fa certo un gran figura. È il tipo di film per cui si potrebbe giustificare un remake, forse lo script va fatto decantare nella mente di uno sceneggiatore dotato.

Incassi La verità nascosta
Primo Weekend Italia: € 127.000
Incasso Totale* Italia: € 238.000
Ultima rilevazione:
Box Office di lunedì 27 febbraio 2012
Sei d'accordo con la recensione di Marco Chiani?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
65%
No
35%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* - - - -

Geometrie amorose in quel di bogotà

mercoledì 25 aprile 2012 di gianleo67

Giovane e brillante direttore d'orchestra si trasferisce per lavoro ,insieme alla bella fidanzata, dalla Spagna in Venezuela. Poco dopo aver preso in affitto una ariosa ed isolata casa di campagna, la signorina fa perdere le proprie tracce (apparentemente per allontanamento volontario). Il bel giovanotto si consola con una attraente barista la quale riuscirà a scoprire il mistero... a proprie spese.Thriller psicologico di qualche ambizione nelle premesse ma scontato e piatto nella realizzazione. continua »

* * * - -

Il colpo di scena coincide con l'idea di partenza

mercoledì 22 febbraio 2012 di Fabal

Una sola intuizione geniale sorregge tutto il film. D'altra parte è una tendenza a cui tutto il filone thriller/horror ha strizzato l'occhio nelle produzioni più recenti, lasciando in secondo piano l'intento di sviluppare una sceneggiatura organica. Non è una novità: Buried -Sepolto, perlatro un ottimo film, veniva concepito con la sola dichiarata smania di illustrare una situazione angosciosa, tanto da giustificare una durata di novanta minuti in una calotta continua »

* * * - -

Buon thriller dal ritmo programmato ed ingegnoso

lunedì 13 agosto 2012 di virginia1982

Buon thriller spagnolo. Godibillissima pellicola che lascia lo spettatore in attesa di una verità che poi sorprende con più colpi di scena. Un ritmo programmato ed ingegnoso che coinvolge. Brava purtroppo solo Clara Lago che vive il suo incubo in maniera profonda e credibile, molto meno gli altri due protagonisti che riducono la qualità generale del film. Con ansia indotta si vivono le scelte e le condizioni mano mano che queste scorrono, dalla quale si viene catturati continua »

* * * - -

Lo que tu sientes se llama "obsesiòn"!!!

mercoledì 4 luglio 2012 di purplerain

Dove può spingere l'insicurezza insita nella natura umana e l'ossessione verso una persona. Un uomo, un direttore d'orchestra anche molto bravo, flirta con una ragazza dell'orchestra, ma senza particolari effusioni, ma la cosa non sfugge all'occhio della gelosa fidanzata che dopo la confessione del maestro, aiutata dalla padrona di casa, decide di metterlo alla prova. E qui finisce la spiegazione e il racconto, altrimenti chi non ha visto il film perde la bellezza del continua »

Clara Lago
"Ah, sto esagerando? Senti, non importa, fai come ti pare. Affari tuoi se rovini tutto, non spaventarti se un giorno ti sveglierai ed io non ci sarò!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Alexandra Stewart
"Questa stanza è l'opera maestra di mio marito, ancora oggi non so perché l'abbia inventata…"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
La barista all'inizio del film
Il barista: "Gli uomini piangono solo se si sentono in colpa!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shop

GALLERY | Le foto del thriller diretto da Andrés Baiz.

Al di là dell'amore

mercoledì 8 febbraio 2012 - a cura della redazione

La verità nascosta, al di là dell'amore La verità nascosta é un thriller che esplora i limiti dell’amore, della gelosia e del tradimento. Adrián (Quim Gutiérrez), l’attraente direttore dell'Orchestra Filarmonica di Bogotá, e sua moglie Belén (Clara Lago) sembrano essere molto innamorati, ma quando Belén comincia a dubitare sulla sua fedeltà, la donna sparisce senza lasciare traccia. Afflitto, Adrián trova conforto tanto nella sua musica quanto tra le braccia di una bellissima cameriera, Fabiana (Martina García); mentre la passione tra i due aumenta, cominciano ad affiorare domande circa la misteriosa scomparsa di Belén.

Che fine ha fatto l'altra Belèn?

di Maurizio Acerbi Il Giornale

Adriàn, un maestro dell’Orchestra Filarmonica di Bogotà, è fidanzato con Belén. L’uomo, però, ha L’occhio un po’ troppo lungo verso il gentil sesso; stanca, la sua compagna sparisce senza lasciare traccia. Adrién ci mette poco a consolarsi con la cameriera Fabiana. L’ombra di Belén e la polizia incombono sull’unione. Parte lento, poi si ravviva questo thriller che pare una costola del Grande Fratello. Certo, spesso scappa da ridere; ma in giro c’è di peggio. Da Il Giornale, 10 febbraio 2012 »

Due donne, due verità, un film a metà

di Francesco Alò Il Messaggero

Due donne, due sguardi, un film: La verità nascosta, thriller diretto dal colombiano Andrés Baiz incensato per il noir da noi inedito Satanas (2008). Nella prima parte della Verità nascosta è il punto di vista dell’amante del direttore d’orchestra della Filarmonica di Bogotà, Fabiana, a guidarci dentro una vicenda di tradimenti e sotterfugi. Appena abbiamo avuto la possibilità di formarci un’idea sui personaggi ecco che arriva un secondo tempo tutto visto attraverso gli occhi della moglie del musicista fedifrago: la precedentemente scomparsa Belén. »

di José Arce La Butaca

Adrian è stato piantato dalla sua fidanzata, Belén. Mentre cerca di capire perché, conosce Fabiana, che lo aiuterà a dimenticare la sua ex. È meglio non dire di più della trama di questa coproduzione ispanocolombiana. Perché, anche se è un thriller abbastanza classico e tutto sommato corretto, La verità nascosta funziona meglio se il pubblico è disposto ad accettare certi compromessi che estrapolati dal ritmo e dall’atmosfera risulterebbero troppo ambiziosi. Senz’altro la trama sarebbe stata più adatta per un episodio di una serie tv, più breve e magari interpretato da un cast scelto con maggiore cura. »

La verità nascosta | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marco Chiani
Pubblico (per gradimento)
  1° | virginia1982
  2° | fabal
  3° | purplerain
  4° | cenox
  5° | gianleo67
Trailer
1 | 2 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 10 febbraio 2012
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità