La scomparsa di Patò

Film 2010 | Drammatico 105 min.

Regia di Rocco Mortelliti. Un film Da vedere 2010 con Angelo Maria Sferrazza, Francis Pardeilhan, Alessandra Mortelliti, Simona Marchini, Gilberto Idonea. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2010, durata 105 minuti. Uscita cinema venerdì 24 febbraio 2012 distribuito da Emme Cinematografica. - MYmonetro 3,12 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
La scomparsa di Patò
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Venerdì Santo 1890. A Vigata va in scena la Passione di Cristo. Ma qualcosa va male, e l'integerrimo ragioniere di banca Patò, che interpreta la parte di Giuda, sparisce improvvisamente. Il film ha ottenuto 1 candidatura ai Nastri d'Argento. In Italia al Box Office La scomparsa di Patò ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 113 mila euro e 42,3 mila euro nel primo weekend.

La scomparsa di Patò è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,12/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,10
PUBBLICO 3,22
CONSIGLIATO SÌ
In una commedia tinta di giallo una Sicilia di ieri che è molto simile all'Italia di oggi.
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 24 febbraio 2012
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 24 febbraio 2012

1890. Vigata. Nel corso della recita del Venerdì Santo, detta il "Mortorio", il ragioniere Antonio Patò che è impiegato nella banca locale, scompare. Il suo ruolo era quello di Giuda che, una volta messosi il cappio al collo, doveva cadere in una botola. Quella botola però risulta vuota. La moglie si rivolge al delegato di Pubblica Sicurezza Ernesto Bellavia ma costui si trova a fianco nelle indagini il Maresciallo dei Carabinieri Paolo Giummaro, stanco di occuparsi di piccole beghe paesane e pronto per la grande inchiesta. I due procederanno fianco a fianco, con una rivalità che progressivamente si trasformerà in cooperazione, nello scoprire verità che alcuni preferirebbero occultare.
È un giallo in piena regola (e l'immaginario paese di Vigata teatro delle inchieste del commissario Montalbano ne è garanzia) quello che Mortelliti porta sul grande schermo a partire dal romanzo omonimo di Andrea Camilleri (con il quale si era già confrontato grazie al soggetto di La strategia della maschera uscito nel 1999). Questa volta il regista ha a fianco nella stesura della sceneggiatura, oltre allo scrittore, anche Maurizio Nichetti. Di quest'ultimo si avverte la freschezza di alcune scelte stilistiche (i siparietti che mettono in scena personaggi minori ma determinanti per gli sviluppi dell'indagine o le compresenze degli investigatori e dei fatti accaduti in precedenza nella parte finale del film). Nichetti aveva diretto Frassica nel troppo facilmente archiviato Il Bi e il Ba e si sente che sa come adattare sulla sua personalità le battute di Camilleri.
Mortelliti dedica il film a suo padre e, a differenza di quanto accade a volte con opere di altri, il genitore può essere orgoglioso di questo gesto. Perché la Sicilia postunitaria che emerge da quest'opera è al contempo circoscritta nel tempo e nello spazio (grazie a un'attenta ricostruzione filologica e all'uso del dialetto, per quanto ammorbidito e comprensibile) ma anche riferibile alla realtà nazionale odierna. Bellavia (il 'nordico' in quanto napoletano) e Giummaro sono i sagaci e inarrestabili servitori di uno Stato che nei loro pensieri ha conquistato la Maiuscola.
Debbono però scontrarsi con chi invece quell'iniziale maiuscola non l'ha mai neppure pensata impegnato com'è ad occuparsi del 'suo particulare'. Si ride e si sorride in questa commedia gialla ma l'amaro resta incollato al palato. Perché i Patò, purtroppo, non sono mai scomparsi dalla nostra società. Semmai si sono moltiplicati a dismisura.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
LA SCOMPARSA DI PATÒ
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 8 marzo 2012
LaNera

La scomparsa di Patò è stato presentato due anni fa al Festival di Roma e finalmente arriva al cinema. Dico finalmente perché si tratta di un bellissimo film. Siamo a Vigata nel 1890, il ragioniere Antonio Patò durante la rappresentazione del Mortorio in cui interpreta la parte di Giuda, scompare misteriosamente. Allertati dalla moglie, si mettono sulle sue tracce il Maresciallo [...] Vai alla recensione »

sabato 3 marzo 2012
pappardella ai funghi

film nel complesso gradevole e a tratti anche  molto divertente tratto dall'omonimo romanzo del grande A. Camilleri, Ambientato nella Vigata postunità un maresciallo dei Carabinieri (Frassica) e un delegato di polizia (Casagrande) dopo iniziali dissidi indagano  sulla scomparsa di un notabile del luogo durante la rappresentazione della Passione di Cristo (Martorio), Divertente [...] Vai alla recensione »

domenica 4 marzo 2012
Camillo Triolo

Da un testo mediocre un film mediocre!  Certo "La scomparsa di Patò" non è "Il fu Mattia Pascal", così come Camilleri non è Pirandello, ciò non giustifica che il film dovesse obbligatoriamente essere poco più di una fiction di scarso livello da mandare in onda in estate come riempitivo.

mercoledì 29 febbraio 2012
renato volpone

Splendido quadro di Sicilia questo dipinto dalla penna di Camilleri e dalle riprese  di Rocco Mortelliti. Una storia semplice, avvicente, quella della scomparsa di patò, che nessuno sa dove è andato a finire, della competizione tra pubblica sicurezza e carabinieri nelle indagini e di tutti i personaggi che si affacciano in questo paese di Sicilia.

venerdì 16 marzo 2012
glucab76

Film che rispecchia il genere di Cammilleri. Per chi è appassionato dei suoi film sul piccolo schermo non può non andare a vedere questo. Commedia divertente.

mercoledì 16 gennaio 2013
arisa

e' un film stupendo... grande interpretazione da parte dei protagonosti... uno straordianario Maurizio Casagrande e Nino Frassica... bella accoppiata!!! girato bene ed e' anche molto divertente... peccato che grandi film come questi come al solito non trovano spazio...

Frasi
"Al nord, dalle mie parti, a Napoli, l'educazione vuole che si aspetti un'avanti prima di entrare dopo aver bussato…"
"Anche noi in Sicilia, si…"
"Non l'ho detto."
"E perché non l'avete detto?"
"Non ne ho avuto il tempo…"
"Noi in Sicilia siamo più veloci."
"Troppo."
(Maurizio Casagrande)
dal film La scomparsa di Patò - a cura di Giacomo
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Francesco Alò
Il Messaggero

L'apparizione, al cinema, di Camilleri. Domanda: come è possibile che uno scrittore italiano tradotto in 35 lingue venga prodotto solo ora per il grande schermo con La scomparsa di Patò? A 87 anni? Risposta: è l'Italia, bellezza. Lo stesso paese che ha regalato Dylan Dog a Hollywood. Sicilia, Vigàta (la finta cittadina che sarà di Montalbano), fine '800.

Michele Anselmi
Il Riformista

Per dare una mano all’uscita di “La scomparsa di Patò”, da Rocco Mortelliti girato nel 2009, Andrea Camilleri ci mette la voce inconfondibile. «Che fine ha fatto Patò? Io lo so, ma voi non dovete chiederlo a me. Al cinema dovete andare: è lì che stanno indagando» scandisce nel trailer l’inventore di Montalbano. Sempre di giallo trattasi, ma ambientato nella Vigàta del 1890, Sicilia post-unitaria ma [...] Vai alla recensione »

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

1890, la Vigata di Andrea Camilleri: è Venerdì Santo, e in piazza viene messo in scena il Mortorio, con l’integerrimo ragioniere Antonio Patò (Marcorè) nella parte di Giuda. Impiccato da copione, cade in una botola, ma terminata la celebrazione non si trova. Qualche giorno dopo, un graffito: “Murì Patò o s’ammucciò (si nascose)?”. A indagare Pubblica Sicurezza (Maurizio Casagrande) e Reali Carabinieri [...] Vai alla recensione »

Dario Zonta
L'Unità

Questo adattamento dell’omonimo un romanzo di Andrea Camilleri risente in qualche modo di una impostazione televisiva, seppure c’è molto accuratezza nell’ambientazione e c’è molta attenzione alla recitazione degli attori, in un cast di nome ma non scontato. Nino Frassica e Maurizio Casagrande, (quest’ultimo tra i nostri migliori caratteristi) si contendono un’inchiesta che ha sconvolto la siciliana [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Adattamento del romanzo omonimo di Andrea Camilleri, un mystery che si svolge alla fine dell' Ottocento nella cittadina immaginaria di Vigata, resa celebre dal commissario Montalbano. Durante la sacra rappresentazione pasquale del Mortorio svanisce misteriosamente Antonio Patò (Marcoré), bancario di intemerata onorabilità. Dietro c' è una macchinazione, su cui indagano assieme - loro malgrado - il [...] Vai alla recensione »

NEWS
GALLERY
venerdì 24 febbraio 2012
 

A Vigata è il Venerdì Santo del 1890. Nella piazza del paese sta andando in scena la rappresentazione della Passione di Cristo. Ma quando arriva il momento dell'impiccagione di Giuda, il ragioniere Antonio Patò, direttore di banca che interpreta il traditore, [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati