The Terminal

Acquista su Ibs.it   Soundtrack The Terminal   Dvd The Terminal   Blu-Ray The Terminal  
Un film di Steven Spielberg. Con Tom Hanks, Catherine Zeta-Jones, Stanley Tucci, Diego Luna, Zoe Saldana.
continua»
Titolo originale The Terminal. Commedia, durata 128 min. - USA 2004. uscita venerdì 3 settembre 2004. MYMONETRO The Terminal * * * - - valutazione media: 3,34 su 38 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,34/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Usa)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
Tom Hanks recita il ruolo di un immigrato, Viktor Navorski, un turista il cui paese nell'Europa dell'est scompare dalla mappa, proprio mentre l'ignaro viaggiatore è in volo per New York.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Tom Hanks e Steven Spielberg di nuovo in tandem
Giancarlo Zappoli     * * * - -
Showtime:
mercoledì 28 settembre 2016 alle ore 22,50 in TV su SKYCINEMAPASSION
Scopri gli altri film in televisione »

Viktor Navorski giunge all'aeroporto J.F. Kennedy di New York dalla Krakozhia, un piccolo stato sorto dalla frantumazione dell'Urss. Nel momento in cui giunge al desk dei visti viene però bloccato. In Patria c'è stato un colpo di stato. Il nuovo regime non viene riconosciuto dagli Stati Uniti e quindi lui non può entrare in America. Benché il responsabile dell'aeroporto, in attesa di un'ispezione per passaggio di grado, a un certo punto lo spinga ad infrangere la legge Viktor non esce dal terminal che diventa la sua casa in attesa di poter realizzare il sogno per cui è giunto negli States. Steven Spielberg ha realizzato, ispirandosi solo per lo spunto iniziale ad un fatto realmente accaduto, un film molto severo sul proprio Paese anche se presentato in confezione regalo. Perché non bisogna farsi trarre in inganno dalla storia d'amore tra Viktor e la hostess Amelia o dal clima idilliaco che si costituisce tra lui e gli inservienti del terminal. Il senso del film sta altrove. Sta nel ritornare, dal punto di vista della filmografia spielberghiana, in uno spazio concentrazionario. Lo erano il Jurassic Park, lo era per definizione il lager di Schindler's List, lo era l'aula di tribunale di Amistad. Questa volta il regista affronta uno dei non luoghi per eccellenza: l'aeroporto. Ci 'rinchiude' il suo protagonista(bella l'immagine dello spazio ampio e luminoso che diventa prigione in cui costruirsi con le proprie mani nicchie di creatività) e lo mette di fronte al non sogno americano. Stanley Tucci è perfetto nel delineare il ritratto di un'America sempre più chiusa in se stessa, dimentica delle sue origini e dei suoi ideali, in cui lo straniero viene tollerato solo se piega il capo e quasi 'sparisce'. E' un'America in cui si scivola spesso (chi vede o ha visto il film comprenderà il riferimento) su una pulizia di facciata mentre si cerca di 'applicare regole' che negano la speranza agli uomini ma la lasciano alle bestie (la scena dei medicinali è una delle più intense del cinema di spielberghiano). Spielberg ama il suo Paese e ce lo ha dimostrato in più di un'occasione. Proprio per questo non vuol assistere al dissolversi dell'American Dream. Che, a volte, può stare anche in una scatola di peanuts.

Premi e nomination The Terminal MYmovies
The Terminal recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
Incassi The Terminal
Incasso Totale* Italia: € 7.201.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 28 novembre 2004
Primo Weekend Usa: $ 19.053.000
Incasso Totale* Usa: $ 19.053.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 20 giugno 2004
Sei d'accordo con la recensione di Giancarlo Zappoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
82%
No
18%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * * * -

U spik inglisc?

sabato 8 luglio 2006 di sara

Cosa tiene Viktor Navoski (nel suo alfabero BH), dentro la sua scatola? I suoi sogni. Sembra quasi un libro di Verga, dove il protagonista è coivolto in una società e in un mondo talmente sommerso dall'utile e dall'interesse che i valori di amore, amicizia, famiglia diventano obsoleti, stranianti. Spielberg riesce nuovamente a regalarci un film che fa sognare, ma anche riflettere. Fra risate e battute infatti si coglie il dramma del mondo moderno, dove comunicare è diventata un'impresa che richiede continua »

* * * - -

A tempo di jazz

lunedì 4 aprile 2005 di Marco

D'accordo, la parte centrale è eccessivamente fiabesca e il finale decisamente tirato per le lunghe, eppure la commedia scudisciante di Spielberg ha un'atmosfera stranita che spiazza, una luce dissonante che inquieta segretamente e uno sguardo oppressivo che graffia l'apparente buonismo. continua »

* * * - -

Le promesse sospese dentro una falla

venerdì 24 luglio 2015 di Andrea Alesci

Semplicemente ‘inaccettabile’. È il destino di Viktor Navorski, apolide per un colpo di Stato alla sua Krakozhia e bloccato nella sala arrivi dell’aeroporto JFK. Catapultato nell’anticamera degli Stati Uniti d’America, Viktor Navorski è il piccolo grande eroe che anima con grazia magistrale il film diretto da Steven Spielberg, l’uomo finito in una falla del sistema ma ligio nell’attendere, come ordinatogli dal ferreo commissario Frank Dixon continua »

* * * * -

Un areoporto grande come la vita

sabato 7 aprile 2012 di molenga

Viktor navorsky( giunge al Kennedy di New York tra molti altri stranieri, ma giunto al controllo passaporti viene bloccato: il governo del suo paese ( un luogo inventato nell'est europa) è stato deposto e lui  non ha più una cittadionanza. il capo della sicurezza(Tucci) lo costringe nella sala transito internazionale nella speranza che scappi e il problema pasi nelle mani dell'immigrazione, ma Viktor aspetta: ha una missione da portare a termine per conto del padre e continua »

Amelia
Sai cosa regalò Napoleone a Giuseppina per il loro matrimonio? Un medaglione con scritto: "destino".
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Amelia
"Tutti aspettano qualcosa."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Viktor Navorsky
"Sono solo medicine per capra, ah, medicine per capra!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

DVD | The Terminal

Uscita in DVD

Disponibile on line da sabato 1 luglio 2006

Cover Dvd The Terminal A partire da sabato 1 luglio 2006 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd The Terminal di Steven Spielberg con Tom Hanks, Catherine Zeta-Jones, Stanley Tucci, Diego Luna. Distribuito da Paramount Home Entertainment, il dvd è in lingue e audio italiano, Dolby Digital 5.1 - italiano, DTS 5.1 - inglese, Dolby Digital 5.1. Su internet The Terminal è acquistabile direttamente on-line su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 9,99 €
Aquista on line il dvd del film The Terminal

SOUNDTRACK | The Terminal

La colonna sonora del film

Disponibile on line da lunedì 23 agosto 2004

Cover CD The Terminal A partire da lunedì 23 agosto 2004 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film The Terminal del regista. Steven Spielberg Distribuita da Decca.

di Rita Celi La Repubblica

Non ha avuto una calorosa accoglienza alle prime proiezioni per la stampa, ma The Terminal è il film giusto per aprire un Festival che, nelle intenzioni degli organizzatori, punta sulla qualità senza dimenticare lo spettacolo e l'intrattenimento. Ingredienti sapientemente miscelati come sempre da Steven Spielberg anche in questo nuovo film (nelle sale dal 3 settembre, distribuito da Uip), una commedia ambientata in un aeroporto americano dove confluiscono personaggi provenienti da ogni parte del mondo, sotto l'occhio vigile e paterno degli uomini della sicurezza. »

di Lietta Tornabuoni La Stampa

Un uomo rimane prigioniero nel terminal dell'aeroporto Kennedy di New York: mentre era in volo, nel Paese dell'Europa orientale da dove viene è cambiato il governo, sono stati chiusi i confini, i documenti hanno perduto validità, ogni legalità e cancellata. L'uomo non può uscire verso l'America, non può tornare in patria. È bloccato. Non conosce nessuno, non sa l'inglese, non riesce a farsi capire, non ha soldi: alla tv vede immagini di guerra nel suo Paese, ma non arriva a cogliere il senso delle notizie. »

di Carlo Bizio Film Tv

Qui si aspetta un Godot che non arriva mai: quello del visto turistico». «Qui» è l’aeroporto Kennedy di New York, e chi sta parlando è Tom Hanks, protagonista di The Terminal, il nuovo e molto atteso film di Steven Spielberg (è nelle sale americane dal 18 giugno e in Italia arriverà a settembre, dopo aver inaugurato la Mostra di Venezia). Naufrago del nuovo ordine mondiale e delle attuali tensioni geopolitiche, Hanks si ritrova arenato non più sull’isola di Cast Away, come gli succedeva nel film di Ron Howard del 2000, ma nel microcosmo compresso di un transit lounge: il non luogo per eccellenza, dove tutti passano ma nessuno si ferma a lungo. »

di Valerio Caprara Il Mattino

Venezia. Grandi aeroporti internazionali... Un po’ il paese dei balocchi, al di là dei ritardi o delle urgenze personali, prima che l'ombra del terrorismo non sovrastasse la paura di volare. Dove per tanti è ancora bello passeggiare tra scale mobili e finestroni panoramici, caffetterie e ristoranti, duty free e lussuosi punti vendita, un microcosmo in cui gran parte della caotica energia del viaggio sembra rifluire nello svagato ritmo dell'attesa. Ed ecco un impagabile Tom Hanks ritrovarsi al John F. »

The Terminal | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Link esterni
Sito ufficiale
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità