Dizionari del cinema
Miscellanea (1)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
giovedì 18 dicembre 2014

Salvatore Ficarra

Il signor Ficarra &...

43 anni, 27 Maggio 1971 (Gemelli), Palermo (Italia)
occhiello
Ficarra: "Ho capito, avete messo le cimici!"
Pizza-boy: "Le cimici? No, le alici.."
Ficarra: "Ah, in gergo le chiamate così?"

dal film La matassa (2009) Salvatore Ficarra è Gaetano
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Salvatore Ficarra

Presentato a Roma il secondo ed ultimo capitolo della commedia dei sessi di Fausto Brizzi.

Femmine alla riscossa?

venerdì 28 gennaio 2011 - Marianna Cappi cinemanews

Femmine alla riscossa? Eravamo state avvertite, ma non siamo state salvate. Dopo aver messo alla berlina i maschi, il team Brizzi-Martani-Bruno-Pulsatilla mette in luce difetti e principali errori delle femmine, tacciate di essere manipolatrici e accusatrici per partito preso. Il secondo capitolo del dittico, Femmine contro Maschi, esce in sala con il logo Medusa, anche e soprattutto perché vede protagonista di una delle tre storie principali il duo comico Ficarra e Picone, che a Medusa è legato da un rapporto di esclusiva. A loro va il grazie più sentito, per aver portato un po’ di buonumore e di leggerezza dentro una commedia che fa un uso ampio di clichés e di opinioni al limite del pregiudiziale. Tiepido l’applauso della platea all’anteprima stampa. Riscaldano l’atmosfera gli attori presenti, molti dei quali comici, dentro e fuori lo schermo.

Si può chiedere al regista quale dei due film preferisce?
Brizzi: Me lo hanno chiesto tutti, ma non risponderò mai, nemmeno sotto tortura. Come sapete i due film sono stati girati contemporaneamente, con un piano di lavorazione mischiato, uno al mattino e uno al pomeriggio o viceversa, per cui faccio fatica a differenziarli, anche se so che nel risultato sono molto diversi: uno più comico e spettacolare e l’altro più tenero e romantico. Paradossalmente Femmine contro Maschi è finito per primo, ma è uscito per secondo.

Con Ex hai iniziato la tua personale rivisitazione della commedia sentimentale, con questo dittico prosegui sulla stessa strada. Dove vuoi arrivare? Qual è il tuo obiettivo?
Brizzi: Voglio continuare a fare film che mi piacciono, avere una lunga carriera e divertirmi. Non voglio fare film drammatici, perché sono il primo ad annoiarmi quando ne vedo uno.

Alla fine dei conti, chi esce meglio dal confronto?
Brizzi: Le femmine. Pulsatilla, nonostante in fase di sceneggiatura fosse una contro tre di noi, ha azzeccato tutti i nostri difetti, non c’era modo di ribattere.
Bisio: Aggiungerei che mi pare che le donne di questo film siano più vere e tridimensionali delle donne che vediamo sui giornali.
Ficarra: La più grande verità del film è che l’obiettivo delle donne è cambiare gli uomini, se avessero l’uomo perfetto non saprebbero cosa farci.
Littizzetto: In realtà è vero che ci innamoriamo dei difetti degli uomini, dei maschi un po’ stronzi e un po’ pirla, poi però li troviamo fastidiosi e viviamo male. Gli uomini, invece, se ne sbattono, fanno la loro strada, e fanno bene. Siamo noi donne che vogliamo per forza tenere insieme tutto, figli, lavoro, e inseguiamo un ideale impossibile.

Il film mette in campo anche la figura della suocera e porta sul grande schermo una protagonista del piccolo: Wilma De Angelis.
Wilma De Angelis: non avevo mai partecipato ad un film prima d’ora. Quando mi hanno chiamato ho accetto per incoscienza, poi mi sono trovata benissimo, mi pareva di sognare. Ad un certo punto ho detto: “Fausto, pizzicami. Così mi sveglio”. Ho visto il film finito per la prima volta ieri sera e ho pianto per l’emozione.
Brizzi: Al nostro primo incontro, pensava che io fossi un inviato di "Scherzi a Parte", che fosse tutto finto, per cui diceva “si” a tutto, ai tempi, ai compensi… Io sono uscito pensando che fosse una pazza, lei si è trovata imbarcata nel progetto.

Il personaggio della Littizzetto “riformatta” le abitudini del marito, approfittando di una sua grave amnesia. Per formattare le donne, invece, cosa ci vorrebbe?
Littizzetto: Non mi piace che delle donne in gamba si dica che hanno “le palle”. Io non ho mai avuto l’invidia del pene. Nostalgia qualche volta, invidia mai.
Solfrizzi: Anch’io penso che seguendo il modello maschile, le donne abbiano perso qualcosa. Gli uomini sono più dediti al gioco, sia esso il calcio o le figurine, ma non credo che per questo debbano essere riformattati. Ci vuole solo più rispetto, che è una cosa che ogni tanto nelle coppie si perde, per colpa del tran-tran quotidiano.

E veniamo a Ficarra e Picone…
Brizzi: La scena del bacio tra Ficarra e la Inaudi è stata girata il primo giorno delle riprese e Ficarra l’ha sbagliata almeno 20 volte, apposta.
Ficarra: Invece Picone con la Autieri ha fatto un solo ciak, buona la prima. E si vantava. Gli ho detto: “ma sei scemo?”
Picone: è vero, ci ho pensato dopo. Sono arrivato impreparato.

Quanto è difficile fare i comici quando la realtà supera la fantasia?
Brizzi: Molto. È per questo, oltre che perché mi interessa di più, che io preferisco parlare di sentimenti piuttosto che di politica o di società.
Picone: Noi registriamo Zelig il martedì e la trasmissione va in onda il venerdì. In quei due giorni in mezzo viviamo nel terrore che la realtà annulli i nostri sforzi.
Littizzetto: Il comico deve ribaltare la realtà, ma se la realtà è già ribaltata devi fare il doppio salto mortale e non sempre ti riesce. Scivolare, diventare offensivi, è un rischio reale, appena dietro l’angolo.
Bisio: Diciamo che la televisione è come fosse un quotidiano e il cinema un libro. Credo che con questo film abbiamo scritto un bel libro.

Nancy Brilli sta diventando un’attrice feticcio di Fausto Brizzi?
Brilli: Ma io dico: la rinascita del cinema italiano non poteva succedere dieci anni fa? Io ho quasi 47 anni e soffro del razzismo verso le attrici della mia età, però Fausto dieci anni fa era in fasce, non si poteva fare. Non so se è così, ma mi piacerebbe molto essere una sua attrice feticcio.

La canzone del film, “Vuoto a perdere”, è stata scritta da Vasco Rossi per Noemi.
Noemi: La canzone dipinge la figura di una donna di grande sostanza, che non ha paura di fare un resoconto della sua vita e dire che, malgrado tutto, l’ha vissuta al massimo. Il video è interpretato da Carla Signoris e Serena Autieri, per la regia di Brizzi stesso.

Medusa e il fatturato record del momento. Reinvestirete? Come?
Letta: Speriamo non sia solo un momento, perché ciè che accade ora è frutto di un impegno cominciato diversi anni fa con gli autori, i produttori, gli attori e le attrici, vale a dire della ricerca di storie di qualità, di un certo tipo e di un certo stile. Da sempre abbiamo reinvestito i risultati principalmente nel cinema italiano e continueremo a farlo. Per avere un listino eterogeneo, che spazi dalla commedia al film di Natale, al film drammatico, dal film comico all’opera prima, quando ci sono dei progetti che ci interessano particolarmente.

Il prossimo progetto di Fausto Brizzi è Sex 3D. Credi davvero nel futuro di questa tecnologia?
Brizzi: Sì, io credo che il 3D tra poco sarà lo standard. Ho appena girato un videoclip e sono entusiasta del risultato. Quello che conta in un film continuerà ad essere la sceneggiatura, il 3D non salva un film che non funziona, ma non ha nemmeno più bisogno di contenuti ad hoc, sarà sempre meno invasivo. Vedremo il cinema che ora vediamo in 2D girato e proiettato in 3D semplicemente perché l’effetto è più bello.

Il duo comico palermitano ha ritirato il premio Giffoni Experience.

Giffoni: si ride con Ficarra e Picone

venerdì 30 luglio 2010 - Fiorella Taddeo cinemanews

Giffoni: si ride con Ficarra e Picone Sul prossimo film che li vedrà di ritorno sul grande schermo Femmine contro maschi di Fausto Brizzi, in sala a febbraio, si lasciano scappare pochissimo. “Ma se proprio ci tenete, lo potete trovare già su internet. Anzi diciamolo al regista: Fausto, il film è già stato montato!". Non si smette di ridere all'incontro con Ficarra e Picone, oggi al Festival del cinema di Giffoni per incontrare i giurati e ritirare il premio Giffoni Experience. Nel film, che sarà il secondo capitolo di Maschi contro femmine in uscita ad ottobre, i due comici palermitani interpretano una coppia di amici con la passione per i Beatles, di cui amano riproporre le cover. Partner femminili Francesca Inaudi e Serena Autieri. “Ci siamo divertiti nel farlo" commentano "Era un set in cui si respirava una bellissima atmosfera". Piccolo aneddoto: in una delle scene Valentino Picone riesce nell'impresa di “murare" addirittura la campionessa di pallavolo Francesca Piccinini.
Per la loro prossima fatica cinematografica, in corso di preparazione, dicono, invece, di voler provare a “Raccontare una Sicilia diversa, un po' lontana dai soliti luoghi comuni". E sul ponte sullo stretto di Messina: “Una emerita stupidaggine. Le prossime generazioni rideranno di noi a riguardo. È antieconomico, non rispetta l'ambiente. Un tempo i faraoni costruivano le piramidi per essere ricordati, ora vogliono fare il ponte. Berlusconi, fatti una piramide!". A marzo, intanto, ritorneranno sulla rete ammiraglia di Mediaset per la conduzione di Striscia la notizia, “A meno che Antonio Ricci non se ne penta". Mentre è per settembre il prossimo spettacolo a teatro. “Ma non vi possiamo dire di più" precisano "Perché ancora lo dobbiamo scrivere. Anche i teatri a cui abbiamo prenotato le date ci stanno chiamando per avere almeno una scheda dello spettacolo". Infine sul festival di Giffoni: “Sarà bellissimo incontrare questi ragazzi. Hanno 15, 16 anni e pensare che tra ottanta o novanta anni saranno la prossima classe dirigente ci riempie di gioia!".

   

Ficarra e Picone, attori e registi di una storia di famiglia.

La matassa: terza prova al cinema per Ficarra e Picone

mercoledì 4 marzo 2009 - Marianna Cappi cinemanews

La matassa: terza prova al cinema per Ficarra e Picone Esistono le liti, si sa, di diversa natura e diversa durata, e poi esiste la lite per eccellenza, la più duratura e (in)naturale: quella che arma due fratelli l'uno contro l'altro e si estende per trasmissione diretta alle loro famiglie, radicandosi nel territorio, confondendo motivi e ricordi e finendo per far perdere ai contendenti il bandolo della matassa. A sbrogliarla, al cinema, ma solo dopo averla ingarbugliata per benino, ci pensano Ficarra e Picone, interpreti e registi – insieme a Giambattista Avellino - de La Matassa, terza incursione dei comici siciliani sul grande schermo, candidata a replicare il successo de Il 7 e l'8.

Andiamo a quel paese

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,77)
Un film di Salvatore Ficarra, Valentino Picone. Con Salvatore Ficarra, Valentino Picone, Tiziana Lodato, Lily Tirinnanzi, Fatima Trotta.
continua»

Genere Commedia, - Italia 2014. Uscita 06/11/2014.

Anche se è amore non si vede

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,85)
Un film di Salvatore Ficarra, Valentino Picone. Con Salvatore Ficarra, Valentino Picone, Ambra Angiolini, Diane Fleri, Sascha Zacharias.
continua»

Genere Commedia, - Italia 2011. Uscita 23/11/2011.

Femmine contro Maschi

* * - - -
(mymonetro: 2,31)
Un film di Fausto Brizzi. Con Claudio Bisio, Nancy Brilli, Salvatore Ficarra, Valentino Picone, Francesca Inaudi.
continua»

Genere Commedia, - Italia 2011. Uscita 04/02/2011.

Baarìa

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,79)
Un film di Giuseppe Tornatore. Con Francesco Scianna, Margareth Madè, Nicole Grimaudo, Angela Molina, Lina Sastri.
continua»

Genere Drammatico, - Italia, Francia 2009. Uscita 25/09/2009.

La matassa

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,97)
Un film di Salvatore Ficarra, Valentino Picone, Giambattista Avellino. Con Salvatore Ficarra, Valentino Picone, Claudio Gioé, Mario Pupella, Anna Safroncik.
continua»

Genere Commedia, - Italia 2009. Uscita 13/03/2009.
Filmografia di Salvatore Ficarra »

lunedì 24 novembre 2014 - Anche in USA l'unica uscita forte è stato il film con Jennifer Lawrence.

Box Office: Partenza a razzo per Hunger Games

Andrea Chirichelli cinemanews

Box Office: Partenza a razzo per Hunger Games Box Office Italia
Partenza a razzo, in Italia, per Hunger Games: Il canto della rivolta - Parte I che sbaraglia la concorrenza con oltre 4 milioni di euro, segno che il film non dovrebbe faticare troppo a raggiungere in breve tempo la soglia dei 10 milioni. Il resto del podio è italiano con la new entry Scusate se esisto! che supera di poco La scuola più bella del mondo (1.5 vs 1.2 milioni). Marcia bene anche Interstellar, che aggiunge 1.2 milioni al suo totale: il film di Nolan è arrivato a ben 8.2 milioni di euro e dovrebbe chiudere la propria corsa attorno ai 12 milioni. I pinguini di Madagascar, in attesa della release ufficiale del 27 novembre, raccolgono ben 1 milione di euro, un dato molto promettente e segno che la saga cominciata con Madagascar è sempre amatissima nel nostro Paese. In una settimana ricchissima per il boxoffice (finalmente), con ben 5 titoli capaci di stare sopra al milione di euro, anche la seconda metà della classifica riserva sorprese: Ficarra & Picone con 900mila euro devono accontentarsi del sesto posto, ma il totale è ottimo: 6.6 milioni. Gran balzo per lo splendido Due giorni, una notte che raddoppia la cifra incassata lo scorso weekend e sopravanza la new entry Clown. Bene anche Il giovane favoloso, secondo miglior incasso italiano dell'anno con 5.7 milioni. La prossima settimana per il primo posto se la giocano I pinguini di Madagascar e Ogni maledetto Natale, ma attenzione a Katniss...

Box Office USA
In America l'unica uscita forte, anzi, fortissima della settimana era il penultimo film della saga inaugurata con Hunger Games, che ovviamente ha ottenuto il miglior risultato per il weekend d'esordio del 2014 ma che, a conti fatti, nonostante la performance è da considerarsi una mezza delusione. Quasi tutti gli esperti e gli addetti ai lavori davano per scontata una partenza superiore ai 150 milioni di dollari, mentre il film si è "fermato" a 123, cifra inferiore anche ai capitoli precedenti. È pure vero che le "prime parti" dei finali di grandi saghe (trend iniziato con Harry Potter e proseguito con Twilight) sono sempre meno interessanti dei veri ultimi episodi, ma forse sarebbe stato lecito aspettarsi qualcosa in più. A livello mondiale l'esordio del film è comunque positivo, con oltre 270 milioni incassati worldwide e il miliardo nel mirino. Il resto della classifica non offre molti altri spunti di discussione: Scemo & più scemo 2 crolla al quarto posto, mentre Big Hero 6 e Interstellar si confermano film "a lunga durata" e probabilmente saranno ancora in giro a Natale. Il primo è arrivato a 135 milioni, il secondo a 120 (e ben 346 milioni a livello mondiale). In coda da segnalare l'exploit di La teoria del tutto che, grazie al raddoppio delle sale a sua disposizione vola al decimo posto. La prossima settimana arrivano I pinguini di Madagascar e l'inconcepibile sequel Come ammazzare il capo... E vivere felici 2.

   

Altre news e collegamenti a Salvatore Ficarra »
Andiamo a quel paese (2014) Anche se è amore non si vede (2011)
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | moviecard® | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso |
pubblicità