Monkey Man

Film 2024 | Azione, Thriller, V.M. 14 113 min.

Anno2024
GenereAzione, Thriller,
ProduzioneUSA
Durata113 minuti
Al cinema107 sale cinematografiche
Regia diDev Patel
AttoriDev Patel, Sharlto Copley, Pitobash, Vipin Sharma, Sikandar Kher Sobhita Dhulipala, Brahim Achabbakhe, Adithi Kalkunte, Joseph J.U. Taylor, Nagesh Bhonsle.
Uscitagiovedì 4 aprile 2024
TagDa vedere 2024
DistribuzioneUniversal Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14
MYmonetro 3,41 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Dev Patel. Un film Da vedere 2024 con Dev Patel, Sharlto Copley, Pitobash, Vipin Sharma, Sikandar Kher. Cast completo Genere Azione, Thriller, - USA, 2024, durata 113 minuti. Uscita cinema giovedì 4 aprile 2024 distribuito da Universal Pictures. Oggi tra i film al cinema in 107 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 - MYmonetro 3,41 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Monkey Man tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento giovedì 4 aprile 2024

Un ex criminale rilasciato di recente che vive nell'India moderna lotta per adattarsi a un mondo di avidità aziendale e valori spirituali in erosione. In Italia al Box Office Monkey Man ha incassato 157 mila euro .

Consigliato sì!
3,41/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 2,92
PUBBLICO 3,80
CONSIGLIATO SÌ
Action movie energico e ambizioso che segna il debutto alla regia di Dev Patel.
Recensione di Andrea Fornasiero
mercoledì 3 aprile 2024
Recensione di Andrea Fornasiero
mercoledì 3 aprile 2024

Kid è un giovane lottatore che si batte sul ring di un circuito di scommesse clandestine gestite, dal sudafricano Tiger. Ha origini rurali e indossa una maschera di scimmia, ispirandosi alla divinità Hanuman, esempio di virtù quali lealtà, forza e saggezza. Il suo vero obiettivo però non è farsi strada come lottatore, bensì vendicare la morte della madre, uccisa in un raid contro la comunità dov'è cresciuto. Dietro questo crimine c'è una speculazione edilizia che vede i potenti della città alleati a un santone e Kid intende infiltrarsi nel loro mondo, prima come lavapiatti e poi come cameriere, fino ad arrivare loro abbastanza vicino da poter mettere in atto la propria vendetta. Dovrà però prima assaggiare la sconfitta e ritrovare la purezza dello spirito.

Action movie senza tregua, ambientato in un'India di oscene disparità sociali, Monkey Man è un energico e ambizioso debutto alla regia per l'attore-autore Dev Patel.

Non nascondiamo che si tratta anche di una sorta di "vanity project" dove Patel è sempre al centro della scena, sebbene non si tratti di un martial artist di lunga carriera. Infatti le scene d'azione devono ricorrere occasionalmente al montaggio frenetico e alle inquadrature ravvicinate che permettono di nascondere le imperfezioni dell'azione senza guastarne il ritmo. Una tecnica che non soddisferà del tutto gli amanti dell'action asiatico più puro e che a tratti degrada in un eccesso di camera a mano e montaggio tanto frenetico da essere confuso - insomma molto lontano pure dalle estetizzazioni di John Wick per fare un esempio occidentale. D'altra parte il film è anche un miracolo produttivo che ha superato numerosi inconvenienti, uscendone comunque a testa alta.

Doveva innanzitutto essere girato in India, ma è arrivata la pandemia e quindi le riprese si sono confinate in una piccola isola dell'Indonesia, dove molte cose hanno dovuto essere ricostruite con scarsità di mezzi. Non sono mancati gli incidenti di lavorazioni, sia sul fisico di Patel sia alle macchine da presa, rendendo lo stile convulso quasi una necessità.

Ma il vero problema è arrivato alla fine della produzione: il film era infatti pronto già nel 2021 e doveva essere distribuito da Netflix, che ha però ritenuto i contenuti (come piace chiamarli a loro) troppo scomodi per il pubblico indiano, sul quale la piattaforma ha molto investito. Il film è rimasto così in una sorta di limbo finché non l'ha visto Jordan Peele, che grazie al suo accordo con la Universal è riuscito a trovargli un nuovo importante distributore. Sono stati nel mentre effettuati alcuni aggiustamenti, su tutti il rifacimento della colonna sonora, originariamente di Volker Bertelmann sostituito da Jed Kurzel. Mentre scriviamo però questa serie di disavventure non è ancora finita: l'uscita in India è stata rimandata e sembra che la locale commissione di censura abbia serie perplessità riguardo il film, la sua violenza e la sua rappresentazione del sesso e della religione.

A differenza di molte produzioni indiane di oggi, Monkey Man non è infatti un film nazionalista e se da una parte la religione induista viene rappresentata come portatrice di un valore educativo e inclusivo (ha un ruolo importante una comunità trans, come vedremo), allo stesso modo la religione appare anche connivente con la brutalità di un potere totalmente corrotto, presentato in modo che non potrebbe essere più raccapricciante.

I ricchi che Kid affronta vivono in un mondo di lusso osceno mentre fuori il popolo è ridotto nello squallore più assoluto, cosa evidente prima di tutto nei corpi degli attori e nei costumi, ricercati e torniti in un caso e sgualciti, strappati, lerci e deformi nell'altro. Ma Patel mostra anche come questi mondi non siano mai davvero separati e infatti uno dei principali combattimenti ha luogo in un bagno del mondo degli abbienti, che in pochi attimi si trasforma in un luogo disgustoso. L'attore ha voluto che per esempio il pavimento fosse così viscido che, nel girare le scene di lotta, ha finito per contrarre un'infezione all'occhio strisciando sulle piastrelle.

Il suo eroe si ispira ad Hanuman, una divinità scimmia che ha un importante ruolo nel Ramayana e il cui culto si è fatto via via più diffuso in India. Hanuman, colpevole di arroganza, fu punito dalla maledizione di un saggio e solo con l'aiuto di un'altra figura divina ritrovò i suoi grandi poteri e una nuova occasione di dimostrare la propria nobiltà. Allo stesso modo Kid, braccato dalla polizia, finisce quasi per farsi uccidere e sarà l'accoglienza da parte di una comunità trans, gli Hijra (in India legalmente riconosciuti come un "terzo sesso" dal 2014) ad aiutarlo a rimettersi in forze. Questi hanno infatti un ruolo anche religioso, perché si dicono vicini a Shiva, divinità duplice che può essere sia benaugurale sia distruttrice. Forniscono a Kid una sostanza psicotropa ricavata dalle radici di un antico albero e le allucinazioni rinsaldano il legame tra il protagonista e la foresta da cui proviene, gli ricordano il suo passato e le nobili ragioni della sua vendetta. Ma non solo: in un sorprendente momento di "trans power", gli Hijra parteciperanno anche alla resa dei conti di Kid contro i ricchi della città.

Kid dunque passa dall'essere un eroe solitario a diventare una sorta di leader, alla guida di una forza che vuole ripulire la religione dalla corruzione. Patel non è mai didascalico e i miti rimangono sullo sfondo, ma sul finale la voce over rimarca la simbologia religiosa del film. A un pubblico che ricorda le lezioni dell'illuminismo sembrerà un difetto di laicità, ma è anche presuntuoso pensare di giudicare la complessità del mondo e della società indiana, che il film ha il pregio di portare sullo schermo al grande pubblico mondiale attraverso il veicolo di un'azione quasi incessante.

Sei d'accordo con Andrea Fornasiero?
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 8 aprile 2024
Imperior Max

Ne avevo sentite di critiche divisorie su MONKEY MAN diretto dall’esordiente Dev Patel che scrive, produce e interpreta pure. Così, anche convinto da un Jordan Peele entusiasta, sono piombato in sala e devo ammettere che aveva ragione, soprattutto a non farlo mandare su Netflix.Nella città di Yatana in India Kid, un lottatore con la maschera da scimmia incentivato a perdere sempre sul ring, pianifica [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 11 aprile 2024
Giovanni Guidi Buffarini
Corriere Adriatico

Lotta sul ring clandestino, il volto nascosto sotto una maschera di scimmia (è Hanuman, dio di forza e saggezza). Ma Kid non insegue la gloria sportiva né il denaro, ne tira su appena per sopravvivere, d'altro canto. Ha sete di vendetta: per il villaggio distrutto, la madre uccisa. A mazzate, ad accettate, sale la piramide del potere che tiene in scacco la città.

martedì 9 aprile 2024
Fiaba Di Martino
Film TV

Divinità dal muso di scimmia, Hanuman, carattere di rilievo nel poema epico indiano Ramayana, un giorno scambia il sole per un mango e lo divora. Segue, da prassi, il castigo divino. La sua storia tormenta e rinvigorisce a un tempo il presente di Kid, che il sole non lo vede granché, guadagnandosi da (soprav)vivere in un fight club sotterraneo. Una maschera da scimmia indosso, calci e pugni sono il [...] Vai alla recensione »

domenica 7 aprile 2024
Paolo Fossati
Giornale di Brescia

«Ecco a voi King Kong». Così l'imbonitore presenta Kid, lottatore mascherato da scimmia incarnato da Dev Patel nel suo sepolcrale debutto alla regia (prodotto tra gli altri da Jordan Peele), che non concede scene diurne. Ispirato al mito indiano della divinità Hanuman, si snoda il calvario di un Rocky degli slums indiani, dove al riscatto corrisponde la vendetta, e all'invocare Adriana nell'urlo di [...] Vai alla recensione »

sabato 6 aprile 2024
Claudio Fraccari
La Voce di Mantova

Indossa una maschera da scimmia e sale ogni sera sul ring di un circuito clandestino di lotta: Kid, per pochi soldi, deve resistere qualche round e poi farsi battere. Durante il giorno trova da lavorare come lavapiatti, quindi come cameriere; il suo fine è però vendicare la morte della madre, uccisa brutalmente sotto i suoi occhi dal comandante della polizia.

sabato 6 aprile 2024
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Trentatré anni, nato a Londra da genitori induisti. Di origine indiana ma arrivati dal Kenya, tanto per complicare la faccenda. Abbiamo conosciuto Dev Patel in "The Millionaire" di Danny Boyle, dal romanzo di Vikas Swarup "Le dodici domande": un ragazzo musulmano uscito da un tremendo slum di Mumbai - sì, abbiamo perso, il nome originario di origine portoghese è ormai cancellato - che diventa milionario [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 aprile 2024
Sarah Mataloni
Close-Up

Dev Patel, volto noto a partire dal 2008 con The Millionarie, Marigold Hotel (2011), Humandroid (2015), Ritorno al Marigold Hotel e apprezzato nel 2016 per l'interpretazione di Saroo Brierley nel film biografico Lion - La strada verso casa, esordisce alla regia con un action movie adrenalinico (di cui è anche protagonista) ambientato in un India difficile, segnata dalle tensioni e dalle disparità sociali. [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 aprile 2024
Nick de Semlyen
Empire

"Ti piace John Wick?", chiede un trafficante d'armi al giovane eroe all'inizio del film. È un metamomento che allude a una delle influenze più evidenti di Monkey man. Ma per fortuna non siamo di fronte a un John Wick in versione indiana. Monkey man ha un'energia sua e un motore alle spalle che vuole dimostrare la sua potenza. Quel motore è Dev Patel, autore, regista e interprete del film.

giovedì 4 aprile 2024
Carlo Valeri
Sentieri Selvaggi

Ha un bel da fare Dev Patel in questo adrenalinico processo di apprendimento registico e performativo che è Monkey Man. La star di The Millionaire, senza alcun freno inibitorio ma con una frontalità quasi stalloniana, accentra su stesso il peso e la responsabilità "morale" di questo John Wick in salsa induista che decide non solo di interpretare e dirigere (prima esperienza da regista), ma anche di [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 aprile 2024
Lidia Saller
Il Giornale

Kid è un lottatore fallito. Per vendicare la morte della madre, si intrufola nel prestigioso Kings Club, locale a luci rosse frequentato dalla degenerata élite indiana. Dev Patel esordisce alla regia in un film d'azione, dimostrando che non c'è nulla che non sappia fare. Trama pulp impeccabile, tantissime scazzottate, coreografie e un ritmo da cardiopalma.

giovedì 4 aprile 2024
Francesco Alò
Il Messaggero

Nel 2008 un diciottenne lungagnone diventa star grazie a The Millionaire di Danny Boyle. Si chiama Dev Patel e nel film ama, ricorda gli insegnamenti di mamma e vince un quiz tv in India. In Monkey Man, esordio registico per la star trentatreenne, Patel è un wrestler clandestino sfigato con maschera da scimmia ancora ossessionato dalla madre, la cui uccisione deve vendicare.

giovedì 4 aprile 2024
Alessandra Levantesi
La Stampa

Imperfetto e immaginifico, coraggioso e mal calibrato: Dev Patel esordisce nella regia e ci regala un film a tratti conturbante e più spesso confuso che tuttavia dimostra un certo talento e poggia su una profonda motivazione: il desiderio di recuperare le proprie ancestrali radici culturali. L'attore, nato in Gran Bretagna e assurto a notorietà con The Millionaire, ha confessato il dramma di non sentirsi [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 aprile 2024
Sergio Sozzo
La Rivista del Cinematografo

Quindici anni fa, The Millionaire di Danny Boyle piombò con il suo exploit di pubblico e premi per dirci come il linguaggio del Duemila avesse definitivamente frullato insieme stilemi provenienti da latitudini e culture diverse in un macro-linguaggio universale in cui è tutto uguale. Le tensioni del Postmoderno anni '90 per l'abbattimento delle barriere avevano portato a un annullamento delle differenze [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
venerdì 29 marzo 2024
 

Regia di Dev Patel. Un film con Dev Patel, Sharlto Copley, Pitobash, Vipin Sharma, Sikandar Kher. Da giovedì 4 aprile al cinema. Guarda il trailer »

TRAILER
lunedì 29 gennaio 2024
 

Regia di Dev Patel. Un film con Dev Patel, Sharlto Copley, Sobhita Dhulipala, Brahim Achabbakhe, Pitobash. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2024 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati