Mortal Kombat

Film 2021 | Azione, Avventura, Fantasy, +13

Anno2021
GenereAzione, Avventura, Fantasy,
ProduzioneUSA, Canada
Regia diSimon McQuoid
AttoriJessica McNamee, Ludi Lin (I), Hiroyuki Sanada, Lewis Tan, Tadanobu Asano Josh Lawson, Mehcad Brooks, Joe Taslim, Chin Han, Sisi Stringer.
DistribuzioneWarner Bros Italia
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 1,95 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Simon McQuoid. Un film con Jessica McNamee, Ludi Lin (I), Hiroyuki Sanada, Lewis Tan, Tadanobu Asano. Cast completo Genere Azione, Avventura, Fantasy, - USA, Canada, 2021, distribuito da Warner Bros Italia. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 1,95 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Mortal Kombat tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il primo adattamento cinematografico del celebre videogioco fu un successo internazionale al quale fecero seguito altri sequel. Ora Simon McQuoid dirige il reboot del franchise. Al Box Office Usa Mortal Kombat ha incassato nelle prime 5 settimane di programmazione 41,5 milioni di dollari e 22,5 milioni di dollari nel primo weekend.

Consigliato no!
1,95/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA 1,90
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Nuovo reboot della saga videoludica, incentrato sul tentativo di impedire un Mortal Kombat e su un nuovo protagonista.
Recensione di Emanuele Sacchi
sabato 29 maggio 2021
Recensione di Emanuele Sacchi
sabato 29 maggio 2021

Giappone, XVII secolo. Gli assassini del clan Lin Kuei, guidato da Bi-Han, aggrediscono la magione di Hanzo Hasashi, capo del clan di ninja Shirai Ryu, massacrandone la famiglia. Hanzo sfida il rivale Bi-Han, che ha il potere di generare ghiaccio dalle mani, ma muore nel tentativo e finisce nel regno ultraterreno di Netherrealm. Stati Uniti, XXI secolo. Cole Young, sfortunato lottatore di MMA, ha impresso sul petto il simbolo del Mortal Kombat, che fa di lui un guerriero destinato a difendere la Terra in un torneo intergalattico di scontri all'ultimo sangue. Bi-Han, divenuto nei secoli Sub-Zero, arriva a fargli visita per impedire che Cole possa partecipare al torneo.

L'ormai ciclica tendenza al remake dei principali brand cinematografici e videoludici non poteva certo dimenticarsi di Mortal Kombat.

Il videogioco, prodotto dalla Midway Games e concepito nel 1992, ha vissuto il momento della trasposizione al cinema nel 1995, in un'epoca di primi e timidi effetti di computer graphics, in cui la possibilità di transizione dallo spettacolare al ridicolo era elevatissima: Christopher Lambert nei panni del Dio del Tuono Raiden e altri goffi momenti del film diretto da Paul W.S. Anderson hanno consegnato la pellicola agli annali del trash. 26 anni dopo, con la meccanica tendenza all'iterazione tipica dell'industria dello spettacolo contemporanea, ecco un nuovo tentativo Warner Bros, preannunciato dal cruento spin-off di animazione Mortal Kombat Legends: Scorpion's Revenge.

La prima curiosità che salta all'occhio di questa nuova incarnazione dell'universo creato da Ed Boon e John Tobias è che non si tiene un vero e proprio Mortal Kombat in questo adattamento di Mortal Kombat. Le regole del torneo implicano infatti che, dopo dieci sconfitte consecutive, il "regno" perdente si sottometta al vincitore: questo spiega perché lo stregone Shan Tsung e i suoi seguaci, governanti del brullo e ostile "Outworld", intendano mettere le mani sulle delizie di "Earthrealm", ossia la nostra Terra. Nel film di Simon McQuoid però il duello tra Bene e Male ruota attorno al tentativo degli alieni di eliminare i campioni terrestri affinché il torneo non abbia luogo.

Trama comprensibile sul piano logico - ammesso che di questo si possa parlare in un film di Mortal Kombat - quanto esiziale sul piano spettacolare: il fan della saga sarà pure incline a perdonare scivoloni o libertà di troppo prese dagli sceneggiatori, ma difficilmente potrà tollerare di non assistere a un Mortal Kombat in oltre un'ora di film. Immaginate cosa sarebbero Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma o Ben-Hur se la gara degli sgusci o la corsa delle bighe fossero impossibilitate da un sabotaggio tecnico.

Tuttavia i duelli "preventivi" tra beniamini dei gamers non mancano: Jax, Sonya Blade e Liu Kang se la vedono con Kano, Sub-Zero e Goro per la gioia dei fan. Gli effetti speciali sono naturalmente molto meno risibili che nel film di Paul W.S. Anderson, benché la tendenza della CGI odierna, e della fotografia ad essa applicata, di appiattire il tutto su toni grigio-blu tolga molto della componente splatter e fumettistica del videogioco dal fascino del film. Sembra quasi un mondo a misura di Sub-Zero - uno dei principali antagonisti della saga, che ha il potere di produrre ghiaccio dalle mani - anziché di una variopinta serie di contendenti. Mancando il personaggio di Johnny Cage, poi, viene a mancare anche la componente umoristica, cruciale per spezzare il ritmo e abbassare il livello di seriosità.

Chiaro caso di film concepito e studiato per dar vita a una nuova serialità, a seguito di meticolose indagini di mercato su quel che possa funzionare maggiormente, MK si prende maledettamente sul serio e lascia tutto o quasi in sospeso, predisponendo il tutto per un vero e proprio capitolo 1, in cui sarà mattatore l'hollywoodiano Johnny Cage (qui preannunciato nell'epilogo). Per ora i panni del protagonista li veste un nuovo personaggio - l'unica mossa audace di McQuoid - l'asiatico americano Cole Young, predestinato di cui si scopriranno le origini cammin facendo. A livello di cast, largo a molti carneadi di belle speranze, mentre i ruoli chiave di origine asiatica sono affidati a ultra-veterani come Hiroyuki Sanada (Scorpion) e Tadanobu Asano (Raiden): a uscirne meglio è decisamente il primo, un atollo di professionalità in un oceano di dilettantismo. Sebbene i momenti divertenti non manchino, specie grazie alla caratterizzazione di Kano, l'appeal dell'operazione resta minimo e limitato nel tempo. Fino al prossimo Mortal Kombat.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
Ispirato alla saga di videogame campione di vendite.
a cura della redazione

Il campione di MMA Cole Young, abituato a farsi picchiare per soldi, è ignaro della sua eredità-e anche del perché l'Imperatore dell'Outworld Shang Tsung abbia mandato il suo guerriero migliore, Sub-Zero, e altri Cryomancer ultraterreni, per dargli la caccia. Preoccupato per la sicurezza della sua famiglia, Cole parte alla ricerca di Sonya Blade responsabile della Jax, Maggiore delle Forze Speciali che porta anche lei sulla pelle lo stesso marchio del drago con cui Cole è nato. Molto presto, si ritrova nel tempio di Lord Raiden, Antico Dio e Protettore di Earthrealm, che assicura riparo a tutti coloro che portano un marchio come il suo. Qui, Cole si allena con guerrieri esperti come Liu Kang, Kung Lao e l'implacabile mercenario Kano, preparandosi a combattere con i più grandi campioni della Terra, contro i nemici dell'Outworld, in una battaglia in cui è in gioco il destino dell'universo. Riuscirà Cole ad essere abbastanza motivato da scatenare il suo arcana-l'immenso potere custodito nella sua anima-in tempo non solo per salvare la sua famiglia, ma anche per sconfiggere Outworld una volta per tutte?

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 3 giugno 2021
Alessandro De Felice

Ci risiamo! Ennesima trasposizione di un videogioco in film ( qui recidivi visto che ne esisteva già una versione del 1995) che si risolve nell’ennesima bufala!Pur prodotto da una major è chiaro che ci si trova davanti ad un prodotto di “serie B” ( quelli che tanto piacciono ai cultori di Stracult per intenderci)...ma accidenti...qui si prende tutto troppo sul serio! Il film di genere ha la capacità [...] Vai alla recensione »

sabato 5 giugno 2021
no_data

Na schifezza colossale e cosmica. Non si salva niente, in confronto il primo ( che a me è sempre piaciuto, pur non essendo perfetto) è un capolavoro. Bocciatissimo, peccato, lo aspettavo con grandi aspettative da come era stato pompato. Attori insopportabili che sembra facciano cose a caso, una storia la non storia, personaggi piatti e troppo spesso grotteschi e ridicoli.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 1 giugno 2021
Nicola Cupperi
Film TV

Solo chi ha giocato a un videogioco picchiaduro, anche poche volte, sa che la sconfitta più frustrante arriva contro i pragmatici che spammano sempre lo stesso calcio basso. Questo per dire che il reboot di Mortal Kombat è talmente orchestrato per gli appassionati della saga videoludica - arrivata (in 29 anni) all'undicesimo capitolo - da prendersi il tempo per una scenetta che ammicca alla vittoria [...] Vai alla recensione »

domenica 30 maggio 2021
K. Austin Collins
Rolling Stone

Di solito non sono uno che cerca il bollino per i film. Ma è arrivato un punto mentre guardavo il nuovo Mortal Kombat per cui mi sono incuriosito. Un momento dopo aver sentito Kano, mercenario australiano noto per essere parecchio aggressivo, chiamare qualcuno "fottuto idiota" per quella che sembrava la cinquantesima volta, ma prima della parte in cui vediamo un'onda di energia fare un buco così netto [...] Vai alla recensione »

sabato 29 maggio 2021
Alice Sforza
Il Giornale

Cole Young e il marchio del drago, l' Outworld e Shang Tsung, Sub-Zero e il decimo torneo per salvare l' Earthrealm. È l' adattamento di un videogioco, quindi non aspettatevi troppi voli pindarici nella trama. La caratterizzazione dei personaggi è fedele a quella dei giochi e questo non era scontato. I fan, insomma, gradiranno, mentre chi non conosce nulla di questo universo videoludico, ma apprezza [...] Vai alla recensione »

mercoledì 26 maggio 2021
Gian Luca Pisacane
La Rivista del Cinematografo

Il matrimonio tra cinema e videogiochi non è mai stato felice. Il cambio di linguaggio è complesso, i videogame fanno fatica a interagire col grande schermo. Un esempio è proprio quello di Mortal Kombat, picchiaduro per definizione, nato nel 1992, inizialmente con una grafica bidimensionale. I combattenti dovevano pestarsi a sangue fino a quando i punti vita di uno dei due si esaurivano.

venerdì 21 maggio 2021
Stefano Tevini
Nocturno

Se c'è una cosa che fa incazzare nel caso di un adattamento fatto male, è quando nel materiale originale ci sono tutti i presupposti per riuscire nell'impresa, senza eccessivi sforzi. Questo è il caso di Mortal Kombat. Il film è il nuovo adattamento di una lunga e fortunata serie di videogiochi che, negli ultimi anni, ha prodotto tre fortunati titoli che, con una sorta di reboot della trama dei precedenti [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
mercoledì 19 maggio 2021
 

Regia di Simon McQuoid. Un film con Jessica McNamee, Ludi Lin (I), Hiroyuki Sanada, Lewis Tan, Tadanobu Asano. Dal 30 maggio su Sky Cinema e NOW. Guarda il trailer »

NEWS
venerdì 14 maggio 2021
 

Il primo adattamento cinematografico del celebre videogioco fu un successo internazionale al quale fecero seguito altri sequel. Ora Simon McQuoid dirige il reboot del franchise. Vai all'articolo »

BOX OFFICE
lunedì 26 aprile 2021
Andrea Chirichelli

Dopo una lunga attesa possiamo ricominciare a parlare di incassi e box office: domani sapremo com'è andato il primo giorno di riapertura in Italia, ma nei mesi trascorsi dall'ultima edizione di questa rubrica nel mondo del cinema di cose ne sono successe [...]

TRAILER
venerdì 19 febbraio 2021
 

Regia di Simon McQuoid. Un film con Jessica McNamee, Ludi Lin (I), Hiroyuki Sanada, Lewis Tan, Tadanobu Asano. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati