L'età dell'innocenza

Film 2021 | Documentario, 75 min.

Titolo internazionaleThe Age Of Innocence
Anno2021
GenereDocumentario,
ProduzioneItalia, Svizzera
Durata75 minuti
Al cinema1 sala cinematografica
Regia diEnrico Maisto (II)
Uscitamercoledì 25 maggio 2022
TagDa vedere 2021
DistribuzioneWanted
MYmonetro 3,09 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Enrico Maisto (II). Un film Da vedere 2021 Titolo internazionale: The Age Of Innocence. Genere Documentario, - Italia, Svizzera, 2021, durata 75 minuti. Uscita cinema mercoledì 25 maggio 2022 distribuito da Wanted. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica - MYmonetro 3,09 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi L'età dell'innocenza tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento lunedì 16 maggio 2022

Un diario personale che si interroga sulla propria educazione sentimentale. In Italia al Box Office L'età dell'innocenza ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 2,2 mila euro e 930 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,09/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,17
PUBBLICO
CONSIGLIATO SÌ
Un diario intimo e personale sulla ricostruzione della relazione madre-figlio.
Recensione di Carlotta Centonze
lunedì 22 novembre 2021
Recensione di Carlotta Centonze
lunedì 22 novembre 2021

Enrico ha da sempre guardato al mondo che lo circondava attraverso la lente di una videocamera. All'indomani del pensionamento dei suoi genitori, entrambi magistrati, il giovane regista indaga il suo rapporto con loro e ne scopre le fragilità, ritrovandosi in procinto della sua definitiva trasformazione in adulto. Il risultato è un diario intimo e personale che rappresenta le diverse fasi del distacco e della ricostruzione della relazione genitore-figlio, unite a una più ampia riflessione sul cinema.

Nel precedente lungometraggio di Enrico Maisto La convocazione - Premio del pubblico al Festival dei Popoli 2017 - il tema familiare era utilizzato come spunto: la fascinazione per il lavoro dei suoi genitori lo spingeva ad analizzare il ruolo delle giurie popolari nella Corte d'Assise di Milano. Al contrario, nell'ultimo film documentario autobiografico L'età dell'innocenza - presente nel Concorso Italiano alla 62° edizione del Festival dei Popoli - i legami familiari vengono spostati al centro della riflessione.

Dalle aule del tribunale alle mura domestiche, Enrico Maisto costruisce un cinema relazionale e personale, tramite il quale osservare da vicino la propria crescita come individuo.

Sin da piccolo Enrico riprende qualunque cosa: il padre che lavora alla scrivania, la madre china sulle scartoffie, i giochi con gli amici, i baci impacciati di due coetanei. L'abitudine di filtrare la realtà attraverso il cinema nasce da una certa paura del confronto, e fa della videocamera uno scudo e un pretesto per sciogliere l'imbarazzo, senza rinunciare all'emozione dell'esplorazione e alla ricerca di contatto.

Quando ormai ha già compiuto trent'anni, vive da solo e sente di essere sulla strada dell'indipendenza, Enrico si ritrova con entrambi i genitori pensionati, stanchi di pronunciare sentenze e desiderosi di lasciare spazio al dubbio, al ripensamento. E proprio in questo spazio si insinua ancora una volta la videocamera di Enrico, mosso a questo punto dal timore di vederli invecchiare senza che conoscano nulla di lui e deciso a sciogliere i nodi che lo tengono legato all'infanzia. Il cinema così diventa un mezzo per conoscere l'altro, e la videocamera vero e proprio soggetto che inteviene a strutturare il rapporto tra interno ed esterno, intimità e reciprocità.

Un senso di nostalgia dolce scorre nel documentario, mano a mano che il distacco dalla figura genitoriale, soprattutto quella della madre, prende la forma di un'educazione sentimentale. Enrico non ha veri motivi di conflitto, eppure il tema dell'incomunicabilità incombe sulle sue modalità di interazione con gli altri. "C'è sempre questa telecamera tra noi due" dice la madre con amarezza. Un'operazione medica a cui è sottoposto, le riunioni di famiglia a Natale, la malattia della madre segnano le tappe di un processo di trasformazione necessario, a tratti crudele: diventare adulti significa mettere a nudo le fragilità dei propri genitori, per distruggerli, processarli e infine ritrovarli come pari.

Al culmine della maturazione e della costruzione di sé, Enrico dice addio alla vecchia pelle di figlio per abbracciare il proprio divenire individuo, e solo in questo modo si riconcilia con la famiglia e l'infanzia e si apre all'amore. Fotogramma dopo fotogramma crea un nuovo spazio di condivisione e di accettazione, fino alla svolta: Enrico cede la videocamera ai soggetti che ritrae, cambiando prospettiva e includendo il loro punto di vista. Diventando così libero, attraverso l'unico strumento per lui possibile: la pratica di quotidiana osservazione della realtà.

Sei d'accordo con Carlotta Centonze?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 31 maggio 2022
Andrea Lavagnini
Duels.it

Cosa significa diventare adulti? Quando si smette di dipendere dai propri genitori e si diventa un nuovo nucleo familiare? In un mondo in cui sono spariti i riti sociali che hanno scandito le vite dei nostri padri (e delle nostre madri) quando si taglia il cordone ombelicale che ci lega alle nostre famiglie d'origine? L'età dell'innocenza, opera terza del documentarista milanese Enrico Maisto, si configura [...] Vai alla recensione »

martedì 24 maggio 2022
Roberto Manassero
Film TV

C'è un senso di resa e impotenza negli occhi dei genitori di Enrico Maisto, il regista di L'età dell'innocenza, che da anni sono costretti ad accettare che il figlio filmi ogni momento della propria vita e della loro. Maisto - regista, narratore, protagonista del suo film - chiede, invita, costringe il padre e soprattutto la madre a rimandargli indietro il suo sguardo e quello della macchina da presa, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 24 novembre 2021
Giorgio Amadori
Sentieri Selvaggi

Chi è il vero protagonista del nostro sguardo, soprattutto quando interponiamo uno strumento come la cinepresa tra l'occhio di chi osserva e l'oggetto del suo osservare? L'età dell'innocenza, l'ultimo film di Enrico Maisto che ha chiuso il Filmmaker Festival 2021, sembra ragionare su questo cortocircuito interno, man mano che la pellicola scorre tra immagini di repertorio e riprese realizzate nell'arco [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
lunedì 16 maggio 2022
 

Un diario personale che si interroga sulla propria educazione sentimentale. Vai all'articolo »

MYMOVIESLIVE
lunedì 22 novembre 2021
Carlotta Centonze

In Concorso italiano al Festival dei Popoli, il film di Enrico Maisto è in streaming su MYmovies. Guarda il filmVai all'articolo »

SHOWTIME
    Oggi distribuito in 1 sala cinematografica
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati