La pittrice e il ladro

Film 2020 | Documentario, 106 min.

Titolo originaleThe Painter and the Thief
Anno2020
GenereDocumentario,
ProduzioneNorvegia
Durata106 minuti
Regia diBenjamin Ree
AttoriKarl Bertil-Nordland, Barbora Kysilkova, Øystein Stene .
Uscitamartedì 2 novembre 2021
TagDa vedere 2020
DistribuzioneWanted
MYmonetro 3,40 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Benjamin Ree. Un film Da vedere 2020 con Karl Bertil-Nordland, Barbora Kysilkova, Øystein Stene. Titolo originale: The Painter and the Thief. Genere Documentario, - Norvegia, 2020, durata 106 minuti. Uscita cinema martedì 2 novembre 2021 distribuito da Wanted. - MYmonetro 3,40 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La pittrice e il ladro tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una donna diventa la migliore amica del ladro che le ha preso i suoi dipinti. Il film è stato premiato a Sundance, ha ottenuto 1 candidatura a Directors Guild, In Italia al Box Office La pittrice e il ladro ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 3,7 mila euro e 3,2 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,40/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,30
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
La storia vera dell'incontro fra una pittrice e l'uomo che rubò i suoi quadri, prima di diventarne uno dei soggetti.
Recensione di Roberto Manassero
venerdì 29 ottobre 2021
Recensione di Roberto Manassero
venerdì 29 ottobre 2021

L'antefatto: nella Galleria Nobel di Oslo vengono rubati due quadri dell'artista ceca Barbora Kysilkova; uno dei due ladri, arrestato e processato, è Karl-Bertil Nordland, un tossicodipendente che dice di non ricordare nulla del furto. Durante il processo, Barbora avvicina l'uomo e gli chiede di poterlo incontrare, dando così inizio a un'amicizia fuori e dentro il carcere. Il film, girato tra il 2016 e il 2019, segue questo strano rapporto dal punto di vista entrambi, tra sedute per i ritratti, conversazioni al bar, visite di Barbora nell'ospedale dove Bertil viene ricoverato dopo un grave incidente, racconti dell'uno dell'altro, senza tralasciare il marito di Barbora, Øystein, che ha salvato la donna da una relazione violenta con un ex fidanzato.

Cosa lega Barbora a Berlil? È l'interesse artistico per il proprio lavoro? La ricerca d'ispirazione per i suoi quadri iperrealisti? Oppure, espresso attraverso uno sguardo che osserva e una mano che riproduce, il desiderio di possesso di una donna di successo verso un uomo incapace di gestire la propria vita?

I protagonisti di La pittrice e il ladro sono quattro: le due figure attorno a cui ruota la storia, la pittrice Barbora e il ladro Bertil, cioè la vittima e il criminale, ma anche il marito della pittrice, Øystein, uomo mite e ponderato e per ultima una presenza invisibile ma fondamentale perché questa storia si veda, vale a dire la macchina da presa, l'occhio meccanico del Benjamin Ree, il quale in un'intervista al "The Guardian" ha dichiarato di aver scelto di girare il film per capire «cosa le persone sono disposte a fare per essere apprezzate» e «cosa bisogna fare per aiutare e comprendere gli altri».

Il centro del discorso è chiaramente Barbora, la donna in passato vittima di una violenza a lungo taciuta e accettata solamente grazie a un uomo capace di amarla e ascoltarla, che trasformata in vittima riconosciuta - un'artista privata del proprio lavoro - si avvicina a un criminale per capirne le motivazioni. Cercando l'altro, Barbora va in cerca di sé stessa; aiutando l'altro, come le dice in maniera secca il marito, cerca di aiutare sé stessa. Dove sta dunque la moralità del comportamento di questa donna, anche dopo averne intuito le comprensibili motivazioni?

Lungi dal sollevare Barbora dalla responsabilità di uno sguardo paternalista in virtù di una passata sofferenza di segno uguale (cosa invece sottolineata dalla stampa americana, che negli articoli scritti dopo la presentazione del film al Sundance 2020 giustificava la pittrice proprio perché vittima a sua volta di una violenza patriarcale), il film, anche grazie alla mediazione di Øystein, mette a nudo l'atteggiamento ambiguo di Barbora e la sua indifendibile posizione di dominio su Bertil.

Dopo la prima mezz'ora, però, Benjamin Ree è bravo a ribaltare il racconto e mostrare la vicenda dalla prospettiva di Bertil. E dunque la domanda che lo spettatore si pone diventa: cosa prova l'ex ladro di fronte a una donna di talento che non solo lo ha perdonato, ma addirittura gli ha offerto la sua amicizia, il suo conforto, anche la sua opera, disegnando per lui vari ritratti?

Senza risposte da offrire, consapevolmente o meno il film fatica a trovare la propria traccia. Se l'ansia di costruire un racconto compiuto, romanzesco con le riprese delle vite di Barbora e Bertil porta a momenti intollerabili (come quando l'uomo scoppia a piangere di fronte al suo primo ritratto, segno di un affetto sincero probabilmente mai provato), è pur vero che la presenza di un sguardo "esterno" ai due protagonisti, sia esso della macchina da presa o del marito di Barbora (la figura più bella e complessa del terzetto), aiuta il film a restare lucido sulla complessità e la pericolosità della relazione.

Barbora e Bertil, entrambi in crisi rispetto al proprio passato e al proprio presente, trovano solo alla fine una sintesi al loro strano incontro: non nel film, però, che è pensato come uno spazio di voci molteplici e contraddittorie, ma in uno dei quadri rubati, l'unico mostrato nel suo farsi, oggetto simbolico e compiuto prima creato, poi rimosso e infine riportato al suo luogo originario.

Perché vivere - e conoscersi, incontrarsi, capirsi, anche amarsi, da sconosciuti, amici o protagonisti di un film e di un quadro - significa soprattutto ritrovarsi: riportare tutto a casa, come diceva Dylan. Riportare un quadro nella sua cornice.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 6 novembre 2021
Matteo Galli
Close-Up

La si potrebbe chiamare "sindrome di Oslo", quella al centro del documentario di Benjamin Ree intitolato The Painter and the Thief premiato al Sundance Film Festival nel 2020 e che da allora si è potuto fregiare di critiche oltremodo positive da parte della critica americana e inglese. Oggi la raffinatissima Wanted Distribuzioni (che di recente ha portato in sala il documentario su Björn Andresen [...] Vai alla recensione »

martedì 2 novembre 2021
Chiara Zuccari
Sentieri Selvaggi

Passato lo scorso anno al Sundance Film Festival, dove ha vinto il Premio Speciale della giuria, il documentario di Benjamin Ree ricostruisce l'incredibile vicenda di Barbora Kysilkova, artista iperrealista ceca trasferitasi ad Oslo, dove nel 2015 due delle sue opere più importanti sono state trafugate dalla Galleria Nobel. Dopo aver letto la notizia su un giornale, il regista norvegese, classe 1989, [...] Vai alla recensione »

martedì 2 novembre 2021
Luca Pacilio
Film TV

Un furto alla galleria Nobel di Oslo: due dipinti di un'oscura artista iperrealista. Al processo Barbora, la pittrice, avvicina uno dei ladri: vuole capire cosa c'è dietro quel furto. È l'inizio di un'amicizia particolare che segna l'entrata in gioco del regista: Ree testimonia il gioco di rispecchiamento (e a tratti di vampirismo reciproco) che si innesca tra il ladro Karl, uomo problematico che diventa [...] Vai alla recensione »

sabato 30 ottobre 2021
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Prendete Robert Bresson, per esempio Mouchette - Tutta la vita in una notte (1967), sostituite a George Bernanos Annie Ernaux, quindi levate la Grazia e metteteci l' aborto. Ecco, forse di Bresson non rimane poi molto, ma quello stile austero, quella intenzionale rinuncia agli psicologismi e agli accessi melodrammatici, dunque, il residuo minimalista, piano e fattuale ritorna ne La scelta di Anne, [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 ottobre 2021
Gian Luca Pisacane
La Rivista del Cinematografo

Sembra una favola. Il titolo evoca tempi lontani, parabole romantiche, luoghi in cui i sentimenti possono riscrivere le regole della società: La pittrice e il ladro, diretto da Benjamin Ree. A qualcuno tornerà alla mente anche il cartone animato The Princess and the Cobbler (variazione sul tema di The Thief and the Cobbler) di Richard Williams, figlio di una produzione a dir poco travagliata.

NEWS
GUARDA L'INIZIO
giovedì 28 ottobre 2021
 

Su MYmovies i primi minuti del documentario che racconta la storia di una reciproca fascinazione e di un'impensabile amicizia. Dal 2 novembre al cinema. Guarda l'inizio »

TRAILER
giovedì 21 ottobre 2021
 

Regia di Benjamin Ree. Un film con Karl Bertil-Nordland, Barbora Kysilkova, Øystein Stene. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

winner
miglior scenegg.ra doc. straniero
Sundance
2020
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati