The Disciple

Film 2020 | Drammatico 127 min.

Regia di Chaitanya Tamhane. Un film Da vedere 2020 con Aditya Modak, Arun Dravid, Sumitra Bhave, Deepika Bhide Bhagwat, Kiran Yadnyopavit. Cast completo Genere Drammatico - India, 2020, durata 127 minuti. - MYmonetro 3,02 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi The Disciple tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento giovedì 6 maggio 2021

Sharad Nerulkar vive a Mumbai e sogna di diventare celebre nel mondo della musica classica Hindustani. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Spirit Awards,

Consigliato sì!
3,02/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 3,07
PUBBLICO 2,00
CONSIGLIATO SÌ
Un'opera ambiziosa che da iniziazione spirituale si trasforma in una coraggiosa autoanalisi..
Recensione di Emanuele Sacchi
venerdì 4 settembre 2020
Recensione di Emanuele Sacchi
venerdì 4 settembre 2020

Sharad Nerulkar ha scelto di dedicare la propria vita allo studio della musica classica dell'Indostan, rinunciando a prospettive professionali più remunerative. La via verso la perfezione artistica però è lunga e tortuosa: lungo il cammino Sharad si scontrerà con le esigenze quotidiane della vita e con delle delusioni che lo indurranno a riflettere.

Per alcuni minuti non ascoltiamo che musica, sotto forma di un raga iterativo che lascia spazio all'esecuzione di un khayal intenso e ricco di sfumature.

Solo dopo arriverà il dialogo, a interrompere la cappa di misticismo che avvolge la ricerca spirituale di Sharad. I raga (tappeti armonici) e i khayal (le parti vocali) sono due elementi fondamentali della composizione della musica classica dell'India settentrionale, quella tradizione Alwar in cui Sharad e il suo anziano guru credono così fermamente.

A sei anni dal debutto di Court - Leone del futuro alla Mostra di Venezia - il regista Chaitanya Tamhane porta a termine la lunga gestazione - che ha coinvolto anche il regista di Roma Alfonso Cuaron - di un'opera ambiziosa, coinvolgendoci in quello che sembra un viaggio di iniziazione spirituale e si trasforma a poco a poco in coraggiosa autoanalisi. Sharad è ossessionato dall'obiettivo che si è posto nella vita, primeggiare nella tradizione musicale insegnata dal suo guru: tutto intorno a lui diviene agevolazione o ostacolo di questo cammino interiore.

Ad ogni spostamento in moto corrispondono altrettanti ascolti illuminanti delle registrazioni clandestine dei raga di Maaji, maestra dell'attuale guida di Sharad e figura mitica della musica classica indiana, che si è rifiutata pervicacemente di registrare su nastro testimonianze della propria arte. Tamhane trasforma il mito del viaggio dell'eroe in una prosaica accettazione dei propri limiti in una Mumbai caotica e ostile, che dà poca importanza alla tradizione e rende la devozione di Sharad sempre più simile a una donchisciottesca sfida ai mulini a vento.

Ma quella combattuta dal protagonista è una battaglia della fede nella tradizione contro l'ignoranza del presente, o è solo la narcisistica e onanistica ricerca di un riconoscimento individuale? Tamhane non fornisce risposte autoevidenti, ma dispone gli elementi del racconto su tre distinti piani temporali, rimbalzando tra l'uno e l'altro: l'infanzia di Sharad, alle prese con un padre che gli trasmette il "tarlo" della passione per la musica classica dell'Indostan, la sua gioventù intrisa di devozione e l'amarezza della mezza età, il momento in cui si tirano le somme sull'esistenza e sulle opportunità mancate.

Lo stile del regista di Court è riconoscibile nella predilezione per le scene corali, in cui il protagonista si trova a confronto con una maggioranza silenziosa e spesso ostile - là erano le aule dei tribunali, in The Disciple il pubblico dei concerti -, ma nella sua opera seconda Tamhane infonde nuove ambizioni al proprio linguaggio, donando una nuova spazialità alle inquadrature e raggiungendo esiti ragguardevoli nella commistione di musica e immagini.

La suggestione tipica del sogno americano, secondo cui ad attendere colui che ha fede c'è l'inesorabile gratificazione finale, è abilmente rimessa in discussione dal percorso di Sharad. A contare non è il compimento dell'esito atteso; è ciò che Sharad apprende di se stesso, trasformando gli incidenti di percorso in altrettante lezioni di vita.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 7 maggio 2021
Stefano Giani
Il Giornale

Sharad Nerulkar digitalizza i corsi di Maadi, musa e cantrice di raga che insegnò quell' arte al padre del protagonista, ambizioso nel consacrare la musica classica indiana ma privo di talento. Morale: due ore di vocalizzi sfiancanti, mandolini strimpellanti, voce narrante, mentre Sharad attraversa Mumbai in moto e altre inutilità erotiche e non solo, tutte sottotitolate.

mercoledì 5 maggio 2021
Michele Anselmi
Cinemonitor.it

Bisogna ringraziare Netflix se si può vedere anche in Italia, sempre che interessi, ma dovrebbe, perché è davvero bello, il film indiano "The Disciple", vincitore di un meritato premio per la migliore sceneggiatura alla Mostra di Venezia 2020. Porta la firma del giovane Chaitanya Tamhane, classe 1987. Ricordo che parecchi colleghi si assopirono al Lido durante i 128 minuti della proiezione e certo [...] Vai alla recensione »

martedì 4 maggio 2021
Roberto Manassero
Film TV

La distanza temporale, geografica e culturale che separa il pubblico occidentale dal khyal, l'antica musica sacra indiana al centro di The Disciple, è racchiusa nei gesti misteriosi e imperscrutabili dei musicisti che la eseguono, perduti in uno stato di concentrazione che segue ritmi inaccessibili ai più. Chaitanya Tamhane, regista indiano al secondo film dopo Court, vincitore nel 2014 della sezione [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 ottobre 2020
Maria Sole Colombo
Gli Spietati

Non è per sciovinismo o per cieco amor di tradizione che The Disciple - nuova immersione nel mondo della musica indiana per Chaitanya Tamhane, ma questa volta senza il côté legal thriller del precedente Court - fa risuonare quasi ininterrotte per le sue oltre due ore di durata le antichissime, avviluppanti armonie dell'Indostan, e le contrappone allo stridore delle sue derivazioni pop.

mercoledì 9 settembre 2020
Eddie Bertozzi
Film TV

Sulle orme del padre e del suo guru, Sharad consacra la propria vita alla tradizione millenaria della musica classica indiana. È la cronaca di una sconfitta, la lotta di un antieroe che si confronta con i propri limiti e la caduta dei suoi idoli, lungo un percorso ascetico e totalizzante, alla ricerca di una perfezione artistica che sfiori il divino.

domenica 6 settembre 2020
Marco Cacioppo
Cineforum

Dopo il felice esordio con Court, tenuto a battesimo sei anni fa proprio dalla Mostra di Venezia, il giovane regista indiano Chaitanya Tamhane è tornato con un secondo film che ne mette ulteriormente in evidenza il talento. Attento osservatore della società del suo paese, raccontata lasciandosi trasportare dalla curiosità tanto per le sue mistiche bellezze e per il suo ricco patrimonio culturale, ma [...] Vai alla recensione »

sabato 5 settembre 2020
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Appare per ora come il miglior film in Concorso "The disciple" dell'indiano Chaitanya Tamhan, che racconta la storia di un discepolo che disperatamente tenta di diventare un interprete di musica tradizionale, non accettando serenamente di non avere quel talento che si augurava. La storia di Sharad racconta dunque un fallimento, accettato infine nel modo più plateale, mentre il regista si interroga [...] Vai alla recensione »

sabato 5 settembre 2020
Adriano De Grandis
Il Messaggero

Appare per ora come il miglior film in Concorso The disciple dell' indiano Chaitanya Tamhan, che racconta la storia di un discepolo che tenta di diventare un interprete di musica tradizionale, non accettando di essere poco dotato. La storia di Sharad racconta un fallimento, mentre il regista si interroga anche sul passato dell' India e quella di oggi, usando la musica.

sabato 5 settembre 2020
Francesca Pistocchi
Close-up

Sharad Nerulkar (Aditya Modak) è un giovane musicista. Iniziato dal padre fin dalla più tenera età al culto di una tradizione millenaria e inaccessibile, il ragazzo tenta di schiudere il mistero che si cela sotto la superficie di un'arte apparentemente eterna. Guidato dalle parole del proprio mentore spirituale e canoro, egli peregrina per la Mombai contemporanea a bordo del suo scooter, inseguendo [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 settembre 2020
Gian Luca Pisacane
La Rivista del Cinematografo

Cinema indiano e musica, spesso un connubio indissolubile. Ce lo spiegava bene nel 1984 Utpalendu Chakraborty nel documentario Music of Satyajit Ray, quando mostrava il maestro al lavoro sul sintetizzatore, mentre componeva le colonne sonore dei suoi film. Lo stesso Ray in Jalsaghar del 1958 raccontava di una serie di esibizioni legate alla musica classica all'interno del palazzo di un potente.

venerdì 4 settembre 2020
Teresa Marchesi
Huffington Post

Sarà distribuito in Italia? Improbabile. È bello? Sì, molto. Ci vuole orecchio, come cantava Jannacci, almeno un po', per farsi catturare anima e corpo dal primo film importante in concorso a Venezia. Il film è l'indiano "The Disciple", Il discepolo, e il regista è Chaitanya Tamhane - duro da leggere, lo so! - già premiato a Venezia a "Orizzonti" e per l'opera prima, così talentuoso che Alfonso Cuaròn [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 settembre 2020
Antonio D'Onofrio
Sentieri Selvaggi

La tradizione è fatta di riti, storie, persone e percorsi, quella linea dove si incrocia il passato con il presente, quando la memoria riaffiora nello sviluppo inedito di un destino ancora da scrivere. The Disciple, in concorso alla 77° Mostra del Cinema di Venezia, segue la scia sonora della musica classica indiana, uno spartito ideale per descrivere la vita di Sharad Nerulkar, indottrinato dal padre [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 settembre 2020
Raffaele Meale
Quinlan

È un archivista, Sharad Nerulkar, protagonista di The Disciple. Converte su computer i nastri in cui la maestra di un'intera genia di musicisti classici indiani ha dispensato i suoi buoni consigli (lei che non ha mai voluto essere registrata durante le esecuzioni, preferendo che l'ascolto restasse solo nelle orecchie degli spettatori presenti), mantiene viva la memoria del padre - che proprio della [...] Vai alla recensione »

NEWS
MOSTRA DI VENEZIA
venerdì 4 settembre 2020
Emanuele Sacchi

Un'iniziazione spirituale diventa un grande viaggio dentro se stessi. In concorso a Venezia 77. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati