Io, lui, lei e l'asino

Film 2020 | Avventura, Commedia, 97 min.

Regia di Caroline Vignal. Un film Da vedere 2020 con Laure Calamy, Benjamin Lavernhe, Olivia Côte, Marc Fraize, Jean-Pierre Martins. Cast completo Titolo originale: Antoniette Dans les Cevennes. Genere Avventura, Commedia, - Francia, 2020, durata 97 minuti. Uscita cinema giovedì 10 giugno 2021 distribuito da Kitchen Film. - MYmonetro 3,11 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Io, lui, lei e l'asino tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento martedì 8 giugno 2021

Una storia di tradimenti e asini, tra divertenti avventure e bugie. Il film ha ottenuto 8 candidature e vinto un premio ai Cesar, 2 candidature a Lumiere Awards, In Italia al Box Office Io, lui, lei e l'asino ha incassato 25,2 mila euro .

Consigliato sì!
3,11/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,32
PUBBLICO 2,50
CONSIGLIATO SÌ
Una commedia sentimentale tipicamente francese venata di femminismo e di inattesi echi western.
Recensione di Roberto Manassero
lunedì 7 giugno 2021
Recensione di Roberto Manassero
lunedì 7 giugno 2021

Antoinette è un'insegnante di Parigi che ha una relazione con il padre di una sua alunna. Lasciata sola dall'amante, che in estate non può esimersi dall'accompagnare moglie e figlia nelle Cévennes, catena montuosa nel sud della Francia, Antoinette decide di recarsi anche lei nelle località di vacanza e qui provare a insediare l'uomo che ama. In attesa del suo arrivo, passa le giornate facendo lunghe escursioni in compagnia di un asino chiamato Patrick e poco alla volta si affezione al luogo e alla propria indipendenza. L'incontro con la famiglia dell'uomo e le inevitabili tensioni della situazione la aiuteranno a dare un nuovo senso alla sua vita.

La regista Caroline Vignal, al secondo film per il cinema in vent'anni, gira una commedia sentimentale venata di femminismo e di inattesi echi western, dominata dalla rivelazione Laure Calamy e dal suo fedele asino.

In Francia, dove è uscito lo scorso autunno poco prima della chiusura dei cinema in tutto il paese, Io, lui, lei e l'asino, versione italiana dell'originale Antoinette dans les Cévennes, ha riscontrato un enorme successo di pubblico e contribuito a lanciare definitivamente la carriera di Laure Calamy, già notata in Chiami il mio agente e vincitrice in questa occasione del César per la miglior interpretazione femminile.

Al di là della leggerezza e dei toni vagamente grotteschi tipici della commedia francese, la seconda regia di Caroline Vignal non potrebbe essere più calata nel contesto della cultura in cui nasce: la fascinazione tutta parigina per la provincia meridionale; lo sguardo grottesco ed elitario sulla vita in campagna; l'eco letteraria per le Cévennes rese celebri da Robert Louis Stevenson nel diario "In viaggio con un asino nelle Cévennes" (usato come spunto delle stesse disavventure di Antoinette), la malattia d'amore di una donna abbandonata e tenace...

La forte tipizzazione di ogni elemento narrativo rischia di compromette una piena adesione del pubblico italiano, ma se il film risulta comunque interessante e a suo modo sorprendente è grazie alla presenza di Laure Calamy: in scena per tutto il tempo, quasi sempre sola al fianco del suo asino, sfrontata e insieme vittimista, abbastanza petulante da chiedere comprensione per un amore non corrisposto, ma altrettanto coraggiosa da non nascondersi di fronte al mondo, Antoinette si trasforma da donna passiva a tenace padrona del proprio destino, con la solitudine forzata e l'umiliazione dell'incontro clandestino che si tramutano in un'indipendenza quieta e risolutiva.

Oltre alla figura di Antoinette, moderna e neofemminista, gli altri protagonisti del film sono naturalmente l'asino Patrick, fedele e testardo come la sua padrona (con tanto di gag un poco forzate sui sentieri impervi delle escursioni), e le stesse montagne delle Cévennes, più basse e verdeggianti delle Alpi ma selvagge e maestose.

Nella stessa regione qualche anno fa un regista di caratura superiore come Alain Guiraudie aveva allestito in Rester vertical la sua nuova idea di umanità e mutamento, ma per quanto Caroline Vignal non abbia ambizioni della stessa portata il suo film resta un canto per la liberazione sia della protagonista, sia della commedia intesa come genere, con un finale che si apre al cinema western (con le motociclette al posto dei cavalli) e alla sua mitologia (la canzone "My Rifle, My Pony and Me" da Un dollaro d'onore).

Il limite della sceneggiatura firmata dalla stessa regista sta nella rigidità del racconto, troppo composito e poco amalgamato, e nel ritmo non sempre sostenuto: ma nelle pieghe del film si sente la bellezza del tempo vuoto e indolente della vacanza; la sospensione di un'attesa e il silenzio che intercorre tra una cosa che finisce e una nuova vita che inizia.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 24 luglio 2021
francesca meneghetti

Antoniette è una maestra elementare esuberante e sopra le righe, che si è innamorata pazzamente del padre di una sua allieva, Vladimir: sedicente divorziato, sì, forse, ma “costretto”, a fare una vacanza itinerante con moglie e figlia lungo il cammino di Stevenson, sulle Cévennes, una catena montuosa della Francia meridionale. Il noto scrittore, autore dell’Isola del tesoro, percorse 250 km a piedi, [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
domenica 27 giugno 2021
Fabio Ferzetti
L'Espresso

Ogni tanto al cinema si incontrano ancora personaggi che vale la pena scoprire. Gente con cui abbiamo voglia di passare del tempo facendoci un sacco di domande su di loro, dunque su di noi (al cinema non si andava anche per questo?). Ieri conditio sine qua non, questa funzione oggi sembra attiva soprattutto nelle serie tv, come se in sala contasse altro.

venerdì 18 giugno 2021
Fabiana Sargentini
Close-up

Appena passato al Festival "Rendez-vous - Nuovo cinema francese" e ora in uscita in Italia, Antoinette dans les Cévennes - tradotto in italiano in un più abbordabile Io, lui, lei e l'asino che ricorda un certo tipo di commedia antica italiana un po' passata - è un delizioso viaggio in una zona montuosa francese, nota per il celebre parco nazionale, fatto per motivi sbagliati dalla protagonista Antoinette. [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 giugno 2021
Gabriele Porro
Cult Week

La graziosa maestra Antoinette (Laure Calamy, in tv nella fortunata serie Chiami il mio agente! e nelle sale anche in Regine in campo) è innamorata del papà di una sua piccola allieva. Che la ricambia di effusioni ma dopo molte promesse la bidona andando in vacanza agreste con moglie e figlia. Decisa a vendicarsi e/o a riconquistare il "suo" uomo (Jean-Pierre Martins), raggiunge lui, consorte e bimba [...] Vai alla recensione »

sabato 12 giugno 2021
Marì Alberione
Duels.it

Finalmente arriva l'ultimo giorno di scuola e Antoinette (Laure Calamy), maestra di scuola elementare, può partire in vacanza per un'intera settimana con Vladimir (Benjamin Lavernhe), padre di una sua alunna e suo focoso amante da qualche mese. Ma alla recita di fine anno, lui le comunica che la moglie (Olivia Côte) ha prenotato proprio nella stessa settimana, per la loro famiglia, un trekking sul [...] Vai alla recensione »

sabato 12 giugno 2021
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Robert Louis Stevenson viaggiava con un asino nel massiccio francese delle Cevennes perché non avevano ancora inventato la tenda pieghevole e il sacco a pelo ( ne uscì un divertente resoconto, l' asino non era tanto docile, come del resto il luogo comune della testardaggine, unita alla stupidità, insegna). Lo spiegano i turisti montani ad Antoinette, che ha prenotato all' ultimo minuto un trekking [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 giugno 2021
Eugenio Renzi
Il Manifesto

Le Cevenne sono una regione montagnosa del sud della Francia, situata sul confine meridionale del massiccio centrale. Si tratta d' un raro scorcio di Francia non ancora completamente deturpato dalle zone commerciali, dalle rotonde e dalle stazioni di servizio che hanno invaso il resto del paese. La regista Caroline Vignal ha deciso di iscrivere nei paesaggi arcadici di questa regione vacanziera il [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 giugno 2021
Emiliano Morreale
La Repubblica

La maestra elementare Antoinette è l' amante del padre di un allievo, e per pedinarlo quando lui è in vacanza sulla catena montuosa delle Cevenne si ritrova ad affrontare una bizzarra vacanza-avventura sulle orme di Robert Louis Stevenson, in compagnia di un asino. Grande successo in Francia, questa piacevole commedia en plein air diretta da Caroline Vignalha ricevuto otto nomination ai premi César, [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 giugno 2021
Alice Sforza
Il Giornale

L'insegnante Antoinette vuole passare le va-anze estive con l'amante, padre di una sua allieva. Quando l'uomo le comunica che andrà a fare trekking con moglie e figlia, la donna decide di seguirlo nel Parco Nazionale delle Cévennes. Affitta un asino, Patrick, e, non senza difficoltà, si mette in marcia, sperando di intercettare l'uomo. Simpatica commedia francese che sfrutta soprattutto la bravura [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 giugno 2021
Maria Emilia Ambrogioni
Sentieri Selvaggi

Antoniette dans les Cévennes è il titolo originale di Io, lui, lei e l'asino con cui la regista Caroline Vignal torna a vent'anni dall'esordio Les autres filles. Nelle Cévennes, la catena montuosa della Francia Meridionale c'è un cammino lungo 280 km e diviso in dodici tappe chiamato il cammino di Stevenson. Lo si può attraversare in gruppo, in coppia, da soli o in compagnia di un asinello, proprio [...] Vai alla recensione »

martedì 8 giugno 2021
Mauro Gervasini
Film TV

«Laure Calamy au sommet» strilla in copertina "Télérama", il principale settimanale di cinema e tv francese. L'attrice è au sommet, ovvero sulla cresta dell'onda, grazie alla serie Chiami il mio agente!, dove interpreta Noémie, e al prossimo Être en mouvement di Éric Gravel. Io, lui, lei e l'asino, in originale Antoinette dans les Cévennes, in patria è stato un notevole successo, l'unico avversario [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
martedì 8 giugno 2021
 

Regia di Caroline Vignal. Un film con Laure Calamy, Benjamin Lavernhe, Olivia Côte, Marc Fraize, Jean-Pierre Martins. Da giovedì 10 giugno al cinema. Guarda il trailer »

POSTER
lunedì 7 giugno 2021
 

Antoinette è un'insegnate di Parigi che ha una relazione con il padre di una sua alunna. Lasciata sola dall'amante, che in estate non può esimersi dall'accompagnare moglie e figlia nelle Cévennes, catena montuosa nel sud della Francia, Antoinette decide [...]

winner
miglior attrice
Cesar
2021
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati