Resina

Film 2018 | Drammatico +13 90 min.

Anno2018
GenereDrammatico
ProduzioneItalia
Durata90 minuti
Regia diRenzo Carbonera
AttoriMaria Roveran, Thierry Toscan, Jasmin Barbara Mairhofer, Andrea Pennacchi, Alessandro Averone Mirko Artuso, Diego Pagotto, Eugenia Sartori.
Uscitagiovedì 31 maggio 2018
TagDa vedere 2018
DistribuzioneParthénos
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,92 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Renzo Carbonera. Un film Da vedere 2018 con Maria Roveran, Thierry Toscan, Jasmin Barbara Mairhofer, Andrea Pennacchi, Alessandro Averone. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2018, durata 90 minuti. Uscita cinema giovedì 31 maggio 2018 distribuito da Parthénos. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,92 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Resina tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un film sulla musica, sul cambiamento climatico e sul rapporto conflittuale che abbiamo con la bellezza.

Consigliato sì!
2,92/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,83
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
L'urgenza di raccontare un microcosmo che ha bisogno di una resina sociale per contrastare le numerose avversità.
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 31 maggio 2018
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 31 maggio 2018

Maria è una giovane violoncellista che, delusa dal non facile mondo dei musicisti, torna al suo paese di montagna in cui si parla una lingua ormai dimenticata: il cimbro. La situazione della sua famiglia non è però facile e la vita in paese scorre monotona. Con un'eccezione: il coro che in passato ha conosciuto ottimi riconoscimenti e che ora vede l'organico ridotto al minimo. L'anziano Quirino cerca di fare quello che può ma con scarsi esiti. Maria potrebbe, se volesse, essere di grande aiuto.

Si respira un'aria da Il vento fa il suo giro in questo film.

Non però perché se ne tenta un'imitazione o perché il coprotagonista è Thierry Toscan che là aveva fatto il suo esordio come attore ma perché si avverte in ogni inquadratura il bisogno, si potrebbe dire l'urgenza, di raccontare un storia, 'questa' storia. Renzo Carbonera, al suo esordio nel lungometraggio, ha come punto di riferimento le vicende del coro friulano di Ruda, di tradizione austro-ungarica, tornato a nuova vita dopo l'arrivo come direttrice della musicista Fabiana Noro. Da questa realtà il regista ha tratto un film che sa come far 'sentire' la condizione di un paese di montagna in cui si cerca con fatica di conservare una tradizione linguistica e musicale non in nome di un passatismo sterile ma con finalità che guardano al futuro.

Questo futuro è apparentemente rappresentato da un concorso a cui partecipare ma di fatto sta nello sguardo e nella auspicata disponibilità di Maria. È dalla sua disillusione che, in modo solo apparentemente contraddittorio, può nascere una speranza. Non solo per il coro ma anche per chi le sta vicino. Carbonera però non si ferma alla narrazione di questa pur significativa storia ma, attraverso di essa, presenta un microcosmo che si trova a fronteggiare una molteplicità di mutamenti (dal climatico al finanziario) che rischiano di abbattere anche i caratteri più forti. Occorre allora ricorrere a una resina sociale, a un collante che aiuti a tenere insieme avversità e potenzialità non permettendo alle prime di prevalere. In questo contesto anche un coro può dire (o cantare) la sua.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 31 maggio 2018
Claudia Ferrero
La Stampa

L'idea del coro come condivisione e apertura alla vita non è una novità. Ma funziona sempre. In Una canzone per Marion, ad esempio, il coro aiutava un vedovo a emergere dal dolore. In Quattro donne, due uomini e una mucca depressa faceva uscire dall'apatia un musicista in crisi esistenziale. Ora in Resina, primo lungometraggio di Renzo Carbonera, una giovane violoncellista delusa ritorna al paesino [...] Vai alla recensione »

giovedì 31 maggio 2018
Beatrice Fiorentino
Il Manifesto

È possibile per una giovane donna riuscire a imporsi in un ambiente a forte prevalenza maschile? Vincere i sospetti e le diffidenze, farsi accettare, rispettare, e magari cambiare alcune delle regole del gioco, alzando la posta e aprendosi al «nuovo»? Stando all'esperienza di Fabiana Noro, direttrice del Coro Polifonico di Ruda (tra i migliori cori maschili al mondo) che ha ispirato il personaggio [...] Vai alla recensione »

giovedì 31 maggio 2018
Alice Sforza
Il Giornale

Maria, giovane violoncellista, ritorna nel paesello di montagna, dove si parla ancora il cimbro. In casa, i problemi abbondano e la ragazza decide di dare una mano al coro locale, composto da amici che preferiscono il bere al bel canto. Da copione, ecco un concorso canoro che potrebbe dare lustro ai suoi abitanti. Come l'enclave descritta, anche il film sembra appartenere ad altri tempi.

NEWS
TRAILER
mercoledì 2 maggio 2018
 

Maria è una giovane violoncellista costretta a tornare per motivi familiari al paese di montagna dove è nata, in Friuli. Lì trova, oltre alla sua famiglia, un coro polifonico maschile di cui una volta faceva parte anche suo nonno.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati