Oro Verde - C'era una volta in Colombia

Film 2018 | Drammatico 125 min.

Regia di Cristina Gallego, Ciro Guerra. Un film Da vedere 2018 con Carmiña Martínez, José Acosta, Jhon Narváez, Natalia Reyes, José Vicente. Cast completo Titolo originale: Pájaros de verano. Titolo internazionale: Birds of Passage. Genere Drammatico - Colombia, Danimarca, 2018, durata 125 minuti. Uscita cinema giovedì 11 aprile 2019 distribuito da Academy Two. Oggi tra i film al cinema in 20 sale cinematografiche - MYmonetro 4,23 su 24 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Oro Verde - C'era una volta in Colombia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Una famiglia di agricoltori entra a far parte del commercio della droga e si rende conto che deve fare i conti con i risvolti violenti del cambiamento. In Italia al Box Office Oro Verde - C'era una volta in Colombia ha incassato 84 mila euro .

Consigliato assolutamente sì!
4,23/5
MYMOVIES 4,50
CRITICA 3,96
PUBBLICO N.D.
ASSOLUTAMENTE SÌ
Tra film antropologico e gangster movie, la trasformazione epocale e violenta di un popolo.
Recensione di Roberto Manassero
martedì 19 marzo 2019
Recensione di Roberto Manassero
martedì 19 marzo 2019

Alla fine degli anni Sessanta, in Colombia, nella regione settentrionale abitata dagli indiani Wayuu, che ancora vivono di pastorizia e coltivazione della terra, l'ambizioso Rapayet sposa la giovane Zaida. In poco tempo, il ragazzo convince delle proprie capacità imprenditoriali i capiclan e avvia un fiorente commercio di marijuana verso gli Stati Uniti alleandosi per interesse con una famiglia rivale. La ricchezza derivante dal narcotraffico modifica radicalmente lo stile di vita della comunità di Rapayer e conduce nel corso degli anni Settanta a uno scontro fratricida con gli alleati, che verrà combattuto cercando di rispettare usi e tradizioni di un mondo in via di sparizione.

Oro verde è un film antropologico che si trasforma inaspettatamente in un gangster movie seguendo la disgregazione di un popolo nel passaggio da un'economia arcaica a una di tipo capitalistico.

«30 capre, 20 mucche, 5 collane e 2 muli»: è la dote pagata da Rapayet per sposare Zaida all'inizio di Oro verde - C'era una volta in Colombia (versione italiana a metà tra Herzog e Leone dell'originale Pajaros de verano). Negli anni '60 del '900, un popolo che ha saputo difendersi «contro i pirati, gli inglesi, gli spagnoli e i governi» preserva ancora intatta la sua natura fuori dal tempo. Come nel precedente El abrazo dela serpiente, Ciro Guerra - a cui si aggiunge alla regia la co-sceneggiatrice e produttrice Cristina Gallego - lavora da antropologo, riprendendo con sguardo documentaristico il rituale di corteggiamento dei Wayuu e indagando le dinamiche interne a una comunità.

Ma laddove non ha potuto la Storia, possono il denaro e l'economia di mercato: i soldi ricavati dal narcotraffico verso il Nord America mutano nel giro di pochi anni la geografia umana e sociale della famiglia di Rapayet. I muli sono sostituiti dalle jeep, i coltellacci dalle pistole, un raggruppamento di capanne da un fortino blindato, e il film stesso si trasforma in un gangster movie sull'ascesa e la caduta di un narcotrafficante.

La violenza e il calcolo economico diventano i principi regolatori di un mondo che evolve alla velocità della luce, ma che, paradossalmente, nel momento in cui si allontana dalle proprie radici si ritrova attorno alle proprie tradizioni. A differenza infatti di quanto avviene nel cinema americano - a cominciare dai film di Scorsese o dalla saga del Padrino, in cui la parabola ascendente della mafia italoamericana porta a una perdita dei legami col passato - nella guerra tra i clan Wayuu a dominare sono regole ancestrali fatte rispettare dai membri anziani.

I rituali di vendetta e di compensazione del sangue compiuti in nome della sete di potere non sono diversi da quelli matrimoniali dell'incipit, ma sono di segno opposto, presagi di morte e di tragedia, e sono raccontati con modalità che non appartengono più alla natura di chi li pratica.

Senza alcun riscontro con l'evoluzione della società colombiana - che nell'arco temporale del film entra nella modernità e vede l'affermarsi dei cartelli della cocaina di Medellin - la guerra fratricida dei Wayuu esce progressivamente dalla Storia ed entra in una dimensione simbolica che documenta alla pari di un saggio d'antropologia l'annientamento di un popolo.

Il passaggio stesso del film da uno sguardo di tipo etnografico a uno spettacolare - con la scena dell'assedio al castello che potrebbe appartenere a un action americano - testimonia di una trasformazione epocale che non riguarda solamente l'economia di una società, ma più in generale e in modo ancora più drammatico la sua cultura e il suo immaginario inevitabilmente colonizzati.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 15 aprile 2019
Maurizio

Film quasi grandioso.Pregio alla fattura altamente artigianale, come non ricordarsi dell'albero degli zoccoli, con maggiore dinamicae spettacolarietà, anche se diversamente non riesce a commuovere, anche nelle scene più drammatiche.Forse è l'intento delregista, lontano da ogni tipo di retorica.

Frasi
Sai perché sono rispettata Rapayet? Perché sono capace di tutto per la mia famiglia e per il mio clan
Una frase di Úrsula, la madre (Carmiña Martínez)
dal film Oro Verde - C'era una volta in Colombia - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 11 aprile 2019
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Capanne e capre, jeep e preghiere agli spiriti, matriarcato e leggi di appartenenza e rispetto. Nella Colombia rurale delle tribù fine anni '60, dove la polvere del deserto e le piantagioni hanno pari diritto scenografico, il bisogno di trovare soldi per pagare la dote e sposarsi sposta la vita del contadino wayuu Rapayet nel traffico pesante di marijuana con gli yankee.

giovedì 11 aprile 2019
Emiliano Morreale
La Repubblica

Il penultimo film di Ciro Guerra, El abrazo de la serpiente, lo aveva rivelato al pubblico dei festival: un viaggio visionario che partiva come osservazione antropologica e diventava un percorso di fantascienza che ricordava Herzog e addirittura Kubrick. Un film azzardato e sofisticatissimo, che poteva perfino irritare per come si muoveva sul filo di un estetismo rigoroso e poteva perfino irritare [...] Vai alla recensione »

domenica 14 aprile 2019
Alberto Cattini
Gazzetta di Mantova

"Oro verde", prodotto, scritto e realizzato da Cristina Gallego e Ciro Guerra, si serve di un cantastorie per evocare una vicenda accaduta nel nord della Colombia, nella regione desertica di Guajira, tra il 1961 e il 1980. Il periodo coincide con l'origine e la caduta di un piccolo clan del narcotraffico e l'avvento del cartello di Medellin. Nel prologo, davanti alle capanne di indigeni Wajyúu, una [...] Vai alla recensione »

sabato 13 aprile 2019
Aldo Spiniello
Sentieri Selvaggi

Si inizia con un avvertimento, "Questa storia è stata ispirata da fatti reali accaduti nella regione di La Guajira tra i decenni 1960 e 1980", a garantire l'invenzione narrativa con la verità della storia. Come se fosse necessario trovare una giustificazione all'immaginazione, ribadire la sua capacità di raccontare, leggere e interpretare la realtà dei fatti, degli accadimenti, delle trasformazioni. [...] Vai alla recensione »

sabato 13 aprile 2019
Beatrice Fiorentino
Il Piccolo

Che cosa c'era all'alba dei Narcos? Prima dell'impero di Escobar e prima che l'immaginario cinematografico e televisivo si definisse secondo coordinate precise e riconoscibili come in un moderno sottogenere del western, tra fucili, ray-ban, jeep e deserti polverosi dell'America latina. Ce lo racconta Ciro Guerra in "Oro verde - C'era una volta in Colombia", affiancato in questa occasione alla regia [...] Vai alla recensione »

sabato 13 aprile 2019
Valerio Caprara
Il Mattino

"Oro verde" sembra prodotto dall'ibridazione tra il realismo magico letterario alla Garcia Marquez e il gangster movie modello "Il Padrino" con un occhio a Leone e un altro alle fiction sui Narcos. L'ambiziosa coppia dei registi costruisce, in effetti, una ballata in cinque capitoli sulla tragica deriva degli indigeni colombiani Wayuu, che tra la fine degli anni 60 a quella degli 80 hanno un po' subito [...] Vai alla recensione »

venerdì 12 aprile 2019
Alberto Sáez Villarino
El Antepenultimo Mohicano

Ciro Guerra, insieme a Cristina Gallego, torna alla Quinzaine des realisateurs con Oro verde, una storia di vendetta condita con elementi di lirismo etnografico nei confronti delle popolazioni indigene della Colombia. Siamo nel dipartimento di La Guajira, nel 1970. Per mettere insieme la somma necessaria a poter "comprare" la sua sposa dalla madre, un giovane indigeno wayuu comincia a fare da intermediario [...] Vai alla recensione »

venerdì 12 aprile 2019
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

A fine anni '60, mentre parte dell'Occidente rompe le regole dell'austerity culturale in una mutazione di pelle irreversibile, il nord della Colombia vive ancora di rituali ancestrali e dei tempi dettati dalla natura. Non fa eccezione la comunità degli indiani Wayuu, governata dalla sapienza matriarcale delle anziane e sigillata fra i confini imprenditoriali di agricoltura e pastorizia.

venerdì 12 aprile 2019
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Anche la droga ha una storia, e a scriverla in Colombia sono gli indigeni wayuu, che negli anni 70 alla domanda degli hippie americani risposero, sventurati loro. Bonanza marinbera il periodo, il deserto de La Guajira il luogo, cannabis la sostanza. Il talentuoso colombiano classe 1981 Ciro Guerra, a quattr'occhi con l'esordiente Cristina Gallego, rolla immagini e alluma poetica: Oro verde - C'era [...] Vai alla recensione »

giovedì 11 aprile 2019
Anna Chiara Bertoli
Cult Week

Quando si apre l'avvincente dramma Oro verde - C'era una volta in Colombia di Cristina Gallego e Ciro Guerra, sembra di assistere a un documentario etnografico. Siamo a fine anni '60 e si osserva una famiglia del popolo indigeno Wayúu in una remota e arida distesa del nord della Colombia. Una ragazza di nome Zaida (Natalia Reyes) ha appena completato il periodo rituale di isolamento, e si festeggia [...] Vai alla recensione »

giovedì 11 aprile 2019
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

L'alba del narcotraffico si accende dentro riti tribali, miti atavici, cerimonie antiche: quando "Oro verde - C'era una volta in Colombia" si apre ci invita a un passato governato da leggi ancestrali, modalità crudeli, come una ragazza che diventa adulta, una richiesta di matrimonio. Siamo nel nord della Colombia, fine anni '70, nella comunità indigena wayuu, guidata da Ursula.

giovedì 11 aprile 2019
Gian Luca Pisacane
La Rivista del Cinematografo

Quello di Oro verde - C era una volta in Colombia è un paradiso amaro. Anche se il titolo potrebbe suggerirlo, non è più tempo per le favole. Siamo in Colombia, alla fine degli anni Sessanta. Gli uomini vivono in comunione con la natura, hanno una spiritualità radicata, credono nelle tradizioni. I soldi non li hanno ancora corrotti, il narcotraffico non sanno che cosa sia.

giovedì 11 aprile 2019
Stefano Giani
Il Giornale

La ricchezza travolge anche i narcos. Quando un giovane fa carriera nel traffico di marijuana si scatena la guerra tra i capiclan che vedono impennarsi la qualità della vita. Ottimo western da terzo millennio, a mezza via tra Leone e Herzog, inquadra aspetti antropologici della Colombia primitiva delle tribù, la contaminazione con la società «evoluta» e la fame crescente di denaro.

giovedì 11 aprile 2019
Cristina Piccino
Il Manifesto

Il nome è di quelli che hanno conquistato ormai uno spazio importante nell'attenzione internazionale: Oro verde C'era una volta in Colombia (che ha esordito l'anno scorso alla Quinzaine) è firmato infatti da Ciro Guerra, il regista di L'abbraccio del serpente, presentato sempre alla Quinzaine nel 2015, che è stato il primo lungometraggio colombiano a ottenere la nomination agli Oscar per il miglior [...] Vai alla recensione »

giovedì 11 aprile 2019
Alessandra Levantesi
La Stampa

Oro verde rievoca la Colombia degli albori del narcotraffico con piglio antropologico, restituendo il senso di una cultura ancestrale, quella dei nativi Wayuu, che pur nel trapasso dalla tradizione alla criminalità, trova modo di esprimersi determinando scelte e azioni. Sull'arco di vent' anni (1960-1980), il film racconta l'ascesa e la caduta di Rapayet, l'uomo che avviando il primo commercio di marijuana [...] Vai alla recensione »

mercoledì 10 aprile 2019
Lorenzo Rossi
Cineforum

Per vederlo il passaggio degli uccelli basta sapere dove - e soprattutto quando - mettersi a osservare il cielo. Ma per capirlo, conoscerlo, sapere quali connessioni con il tempo, il mutare dei cicli naturali e delle stagioni nasconde, bisogna restare fermi anni, decenni, se non addirittura vite o generazioni in uno stesso luogo. E diventare tutt'uno con lo spazio e con il tempo, anche se intorno, [...] Vai alla recensione »

martedì 9 aprile 2019
Andrea Bellavita
Film TV

La prima mezz'ora racconta la tenacia con cui, alla fine degli anni 70, le famiglie discendenti dei nativi Wayuu, nel nord della Colombia, difendono le proprie tradizioni e i propri miti ancestrali, in una sorta di ostinata resistenza alla modernità. Assistiamo alla cerimonia di passaggio all'età adulta della giovane Zaida e poi alla richiesta di matrimonio da parte di Rapayet, intraprendente commerciante [...] Vai alla recensione »

domenica 7 aprile 2019
Fabio Ferzetti
L'Espresso

La nascita del narcotraffico in una remota regione della Colombia vista come una leggenda intrisa di miti e usanze ancestrali. Ascesa e caduta di un piccolo ras della marijuana raccontate come una tragedia greco-tropicale tra sogni premonitori, guerre fratricide, crimini rovinosi non in quanto tali ma perché violano i sacri codici del popolo wayuu. Per un oscuro ma potente meccanismo di compensazione, [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 aprile 2019
Gian Luca Pisacane
La Rivista del Cinematografo

L'altra faccia di Scarface: l'opposto dell'esaltazione capitalista, del culto di sé stessi. Il richiamo a Il padrino, al passaggio di testimone tra due epoche, che per Coppola era quello tra la vecchia e la nuova Hollywood. Ma qui siamo lontani dagli Stati Uniti, dalla patria del gangster movie per eccellenza. Siamo in Colombia nel '68, assistiamo alla nascita dell'impero della droga.

lunedì 1 aprile 2019
Emiliano Dal Toso
Ciak

La tentazione di etichettare Oro verde - C'era una volta in Colombia come la risposta autoctona alla Narcosmania imperante può nascere spontanea. Ma i registi Ciro Guerra e Cristina Gallego si svincolano dal confronto con le recenti produzioni cime e gangster di Hollywood e con i modelli canonici del genere, che prevedono il racconto epico ma ormai convenzionale dell'ascesa e della caduta di un qualsivoglia [...] Vai alla recensione »

sabato 12 maggio 2018
Massimiliano Schiavoni
Quinlan

Colombia del Nord, 1968. In una comunità di etnia wayùu il giovane Rapayet vorrebbe sposarsi con una giovane appena entrata nella vita sociale. Tuttavia l'uomo deve procurarsi una dote cospicua e per questo si avvia in cerca di animali con un amico fraterno. Lungo il viaggio i due scoprono la commerciabilità della marijuana locale, oggetto d'interesse di alcuni americani di passaggio nella zona.

mercoledì 9 maggio 2018
Jordan Hoffman
The Guardian

Ciro Guerra's 2015 film Embrace of the Serpent is one of the recent success stories of the Director's Fortnight sidebar at the Cannes. It received worldwide acclaim, did a decent bit of business (over $1m in the US) for a black-and-white foreign-language film with no stars and marked the first Oscar nomination from Colombia. So it is no surprise his latest would be welcomed as this year's opening film. Bir [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO RECENSIONE
sabato 13 aprile 2019
A cura della redazione

Alla fine degli anni '60, in Colombia, nella regione abitata dagli indiani Wayuu, che ancora vivono di pastorizia e coltivazione della terra, l'ambizioso Rapayet sposa la giovane Zaida. In poco tempo, il ragazzo avvierà un fiorente commercio di marijuana [...]

VIDEO
lunedì 8 aprile 2019
 

Le origini del narcotraffico colombiano, attraverso la storia epica di una famiglia indigena wayuu. Un clan famigliare, con a capo una donna Ursula, che si trova coinvolto nel boom del successo del commercio di marijuana ai giovani americani negli anni [...]

POSTER
lunedì 25 marzo 2019
 

Da semplici pastori a esperti uomini d'affari: le origini del narcotraffico in Colombia attraverso la storia epica di una famiglia inidgena wayùu. La matrona Ursula, l'audace Raphayet e la bella Zaida scopriranno la ricchezza, ma anche i suoi risvolti [...]

TRAILER
venerdì 22 marzo 2019
 

Le origini del narcotraffico colombiano, attraverso la storia epica di una famiglia indigena wayuu. Un clan familiare con a capo una donna, Ursula, che si trova coinvolto nel boom del successo del commercio di marijuana ai giovani americani negli anni [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati