Bohemian Rhapsody

Acquista su Ibs.it   Dvd Bohemian Rhapsody   Blu-Ray Bohemian Rhapsody  
   
   
   

Didascalico e privo di empatia Valutazione 2 stelle su cinque

di Rino79


Feedback: 116 | altri commenti e recensioni di Rino79
domenica 9 dicembre 2018

Premesso che ho amato i Queen fin da bambino, la mia recensione riguarda esclusivamente l'opera cinematografica, cercando di non lasciare che l'amore per Freddie, per i Queen e per la loro musica ne influenzi il giudizio. 
Nonostante Freddie Mercury sia magistralmente interpretato da Rami Malek (già apprezzato in Mr. Robot), con un'interpretazione da Oscar, senza dubbio, nonostante un casting eccezionale ed attentissimo degli attori secondari (Brian May e Deacon erano identici agli originali, così come la madre e il padre di Freddie), l'approccio generale del film risulta troppo didascalico, frettoloso e politcally correct e in fin dei conti, una grande occasione persa di rappresentare davvero la grandezza di Freddie. 
Troppo didascalico, poichè ingabbiato nello schema trito e ritrito della biografia dell'artista "maledetto": l'infanzia modesta, il trauma fondante, l'ascensione con prezzo annesso da pagare quasi sempre con una tossicodipendenza, la caduta, la redenzione a cui segue qualche volta la malattia e la morte. E pur non scostandosi mai da questi clichè, il film non riesce comunque a creare l'empatia tra lo spettatore ed il dramma interiore di Freddie. Tantomeno riesce ad esaltarne la genialità, la forza creativa e l'unicità. Lo spettatore non assiste MAI alla genesi delle canzoni, (per me la pecca più grave della pellicola) ovvero al processo creativo ed alle cause scatenati che portano alla creazione di un'opera d'arte, ma assiste soltanto al fatto compiuto, quando cioè le canzoni sono già in testa di Freddie o di May o di Deacon. Basti pensare alla "nascita" di Bohemian Rhapsody, che Mercury scrisse quasi interamente da solo, rappresentata in maniera frettolosa e priva di dettagli che esaltino la genialità del momento, nella scena in cui Malek suona il pianoforte e sembra colto dall'ispirazione divina. Sembra appunto, perchè tutto il resto è lasciato allo sforzo immagignifico dello spettatore. E del fatto che la canzone sia stata quasi certamente il mezzo utilizzato dal cantante per dichiarare la propria omosessualità? Nemmeno un accenno. 
Per la maggior parte del tempo sembra infatti di assistere piuttosto ad un docu-fiction, una ricostruzione cronologica (nemmeno troppo accurata) della nascita della band e di alcune loro celebri canzoni, fino al grande successo planetario Non troppo accurata perchè alcuni fatti narrati sono inesatti e/o confusionari (ad esempio John Decon arrivò nella Band un anno dopo e non insieme a Freddie e i Queen decisero di comune accordo di separarsi per un periodo dal 1982 al 1983, non fu Freddie a lasciare la band per intraprendere la carriera di solista). 
Altra grande lacuna a mio avviso rimane l'assenza di una vera introspezione dei personaggi, troppo stereotipata nei componenti della band e troppo superficiale nel personaggio di Freddie: i suoi drammi interiori non coinvolgono mai davvero lo spettatore: nè la presa di coscienza dell'omoessualità, nè il rapporto conflittuale con il padre, nè la notizia della malattia. In questo a mio avviso il regista Bryan Singer avrebbe potuto osare di più, sfruttando magari qualche scena onirica e simbolica. Sarà che il mio metro di paragone per il cinema biografico rimane The Doors di Oliver Stone, dove l'introsprezione di Jim Morrison è allo stato dell'arte.
Troppo frettoloso dicevo: troppe le cose da raccontare per una pellicola di sole due ore. Un film sui Queen avrebbe richiesto perlomeno un'altra ora ed arrivare almeno al loro concerto più celebre, quello di Wembley nel 1986. 
Politcally Correct poichè di tutta quel periodo importante nella vita di Freddie durante i primi anni 80, gli eccessi, l'omosessualità libertina, rimane un accenno frettoloso e pudico, quasi una tacita censura, a voler pensar male. 
Tuttavia il film merita comunque di essere visto. Al cinema certamente, per godere appieno della colonna sonora e perchè ha il grande pregio di riportare in vita Freddie per qualche ora.
La scena finale invece merita un giudizio a parte, poichè la ricostruzione delll'intera esibizione dei Queen al Live Aid del 1985 a Wembley, seppur un copia-incolla della performance originale - è davvero un capolavoro cinematografico (e tecnologico) che ricongiunge sia i membri della band tra loro che lo spettatore ai Queen, restituendo a Cesare quel che è di Cesare e cioè Freddie, in tutta la sua grandezza, al suo pubblico.

[+] lascia un commento a rino79 »
Sei d'accordo con la recensione di Rino79?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
55%
No
45%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
colette84 martedì 18 dicembre 2018
magari fosse stato almeno didascalico Valutazione 0 stelle su cinque
25%
No
75%

Mio caro, purtroppo non è nemmeno didascalico, con tutti gli scivoloni ben studiati nel cambiare, date eventi e personaggi. inoltre, lo trovo politacally correct in maniera anacronostica, perchè qui invece di essere progay, è decisamente omofobo.

[+] lascia un commento a colette84 »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di Rino79:

Bohemian Rhapsody | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1° | scarface9
  2° | bontropi
  3° | ale
  4° | daniele marsero
  5° | lucio di loreto
  6° |
  7° | tiziano
  8° | umberto
  9° |
10° | enzo70
11° | volont�78
12° | rmarci 05
13° | mauro
14° | rino79
15° | cristiano catalini
16° | roby 82
17° | dekxal
18° | erica villafranca
19° | ollipop
20° | carlaas
21° | folignoli
22° | dariobottos
23° | massenzio99
24° |
25° | clavius
26° | rewind10
27° | lucascialo
28° | anna
29° | gustibus
30° | luci benni
31° | tmpsvita
32° | giorgio postiglione giorpost
33° | nino pellino
34° | rogertah
35° | flyanto
36° |
37° | festuceto
38° | rear kane
39° | chiaragolightly
40° | paolorol
SAG Awards (3)
Premio Oscar (9)
Producers Guild (1)
Golden Globes (3)
David di Donatello (1)
Critics Choice Award (3)
CDG Awards (1)
BAFTA (8)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 | 37 | 38 | 39 | 40 | 41 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 29 novembre 2018
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 25 maggio
Roubaix, Une Lumière
martedì 11 maggio
Mi chiamo Francesco Totti
mercoledì 28 aprile
La prima donna
martedì 27 aprile
L'agnello
Imprevisti Digitali
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità