Il complotto di Chernobyl - The Russian Woodpecker

Film 2015 | Documentario, Guerra, 82 min.

Regia di Chad Gracia. Un film Da vedere 2015 con Andrei Alexandrovich, Fedor Alexandrovich, Igor Alexandrovich, Natalia Barabovskaya, Andrei Bilyk. Cast completo Titolo originale: The Russian Woodpecker. Genere Documentario, Guerra, - Ucraina, Gran Bretagna, USA, 2015, durata 82 minuti. Uscita cinema giovedì 7 aprile 2016 distribuito da I Wonder Pictures. Valutazione: 4,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Il complotto di Chernobyl - The Russian Woodpecker tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Nel bel mezzo della rivoluzione ucraina, Fedor porta alla luce una verità pericolosa e deve scegliere se rivelarla o meno. Il film è stato premiato a Biografilm Festival,

Il complotto di Chernobyl - The Russian Woodpecker è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
ASSOLUTAMENTE SÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Un monito universale e una ricerca audace, libertaria che a tratti riesce a trasfigurare anche la tragedia sul futuro del pianeta .
Recensione di Raffaella Giancristofaro
mercoledì 6 aprile 2016
Recensione di Raffaella Giancristofaro
mercoledì 6 aprile 2016

Durante le proteste antigovernative in Ucraina, nel gennaio 2014, il pittore e scenografo Fedor Alexandrovich rievoca il trauma vissuto da bambino a seguito dei fatti di Chernobyl (26 aprile 1986), il più grave disastro nucleare (prima di Fukushima) le cui cause furono imputate a errore umano. Convinto che non si sia trattato di un incidente, rabbioso per l'omertà tenuta dalle istituzioni all'epoca e insospettito dall'inquinamento delle prove, ipotizza che l'esplosione del reattore sia stata provocata intenzionalmente da Mosca per disattivare l'inefficiente e costosissimo radar Duga, costruito nelle vicinanze dell'impianto, voluto a scopi militari dal governo sovietico e chiuso proprio a settembre di quell'anno, quando avrebbe dovuto essere sottoposto a revisione. Addirittura individua come mandante Vasily Shamshin, ministro delle comunicazioni russo dall'80 all'89 e morto nel 2009.
Per dimostrare la sua teoria, si fa protagonista, insieme al cameraman e direttore della fotografia Artem Ryzhykov, di una rischiosa esplorazione, in cerca di conferme da parte di scienziati, di ormai anziani militari e tecnici allora in servizio e di alcuni superstiti. L'argomento principale della sua inchiesta è il russian woodpecker ("picchio russo"): un segnale costante a bassa frequenza, proveniente dalla Duga, che disturbava le trasmissioni radio ed era noto alle autorità e alla stampa di tutto il mondo, soprattutto statunitensi, fin dal 1976, anno di attivazione di quell'antenna imponente.
Nelle interviste in interni privati accordate dai pochi informati, si fa largo, analogamente a The Look of Silence di Joshua Oppenheimer, più che la negazione della teoria di Fedor (tutta da provare), la fedeltà cieca al regime, il silenzio motivato dal terrore del ricordo del KGB. Una traccia narrativa che ripiomba lo spettatore in piena Guerra fredda, in un continuum inquietante tra passato e presente (dall'Unione Sovietica all'autoritarismo liberticida dell'era Putin), il cui equivalente visuale è un sintonizzatore che si muove avanti e indietro tra le frequenze radio come il regista fa con le fasi cruciali della sua storia: la fine del regime comunista e la conseguente indipendenza dell'Ucraina, i notiziari statunitensi di diverse epoche e toni, le riprese delle manifestazioni recenti a Maidan, quelle "rubate" tramite una GoPro (nascosta persino a Fedor) gli archivi del Museo nazionale di Chernobyl e le immagini degli orrori staliniani, di cui la sua famiglia fu vittima; e poi ancora mappe, animazioni in cg, filmati propagandistici di un periodo idillico prima del disastro, in cui il regime assicurava prosperità e sicurezza al popolo, e che a quello stesso negò la verità e gli strumenti per affrontare quella catastrofe immane, i cui esiti drammatici perdurano nel silenzio anche oggi.
Il dato più interessante è la commistione di piste e approcci: l'indagine sui responsabili vira a un certo punto verso la denuncia del regime di polizia in Ucraina, con le minacce subite da Fedor e Artem, abbracciando anche una riflessione sul Paese come storica terra di conflitto tra due blocchi contrapposti e la persistenza di un disegno egemonico russo. Oltre a ciò è rappresentazione di come un artista naif - il cui profilo è costruito drammaturgicamente dai suoi 'a solo' in camera e dalle voci delle persone a lui più vicine - rielabori lo choc di quello che chiama "genocidio" e la propria giustificata paranoia. Sperimentale, fantasioso e visionario al punto da sembrare falso, felicemente ibridato col background teatrale del regista e di Fedor, autore-interprete, The Russian Woodpecker (il titolo italiano è un po' fuorviante) è ricerca audace, libertaria che a tratti riesce a trasfigurare anche la tragedia: è il caso delle riprese silenti e perturbanti, tramite droni, ma anche per mano dello stesso Fedor, che lo scala, del monstrum Duga ("creazione dell'Impero"); la ricognizione dell'area contaminata, il tappeto di maschere antigas (purtroppo inutili a evitare le radiazioni) di una scuola abbandonata in fretta, la ruota arrugginita del luna park, il palazzo dello sport deserto e pieno di macerie. Immagini che chiedono senso e si fanno monito universale a non ripetere l'atrocità. Gran premio della Giuria (World Cinema) al Sundance 2015.

Sei d'accordo con Raffaella Giancristofaro?
IL COMPLOTTO DI CHERNOBYL - THE RUSSIAN WOODPECKER
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 15 luglio 2016
g_andrini

E' un "documentario" un po' particolare, con qualche fantasia di troppo per essere considerato serio. Il Duga era un sistema radar a lungo raggio per rilevare eventuali attacchi missilistici, che venne destinato alla dismissione quando la sua funzione è stata sostituita da satelliti russi in orbita.

winner
life tales award
Biografilm Festival
2015
winner
premio hera
Biografilm Festival
2015
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati