Quel che sapeva Maisie

Film 2013 | Drammatico 99 min.

Regia di Scott McGehee, David Siegel (II). Un film con Julianne Moore, Alexander Skarsgård, Onata Aprile, Joanna Vanderham, Steve Coogan. Cast completo Titolo originale: What Maisie Knew. Genere Drammatico - USA, 2013, durata 99 minuti. Uscita cinema giovedì 26 giugno 2014 distribuito da Teodora Film. - MYmonetro 2,83 su 16 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Quel che sapeva Maisie tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un adattamento contemporaneo del romanzo di Henry James. In Italia al Box Office Quel che sapeva Maisie ha incassato 63 mila euro .

Quel che sapeva Maisie è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,83/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,83
PUBBLICO 3,17
CONSIGLIATO SÌ
Fotografia di un divorzio di oggi. Incorniciato dentro ambienti impeccabili e in generale dentro uno stile indipendente.
Recensione di Marianna Cappi
giovedì 19 giugno 2014
Recensione di Marianna Cappi
giovedì 19 giugno 2014

Susanna è una madre disorganizzata e una rockstar non più giovane, impegnata a non uscire di scena. Beale è un papà in viaggio d'affari, che ha messo il lavoro davanti a tutto il resto. Maisie ha sei anni quando si ritrova contesa nella causa di divorzio tra i due. Coccolata o dimenticata, messa spesso in mezzo suo malgrado, la bambina si trova bene solo con Margo, la nuova moglie del padre, e Lincoln, il fidanzato della madre, che si occupano di lei con la dedizione e la sicurezza che i genitori non riescono a garantirle.
La derivazione del soggetto da un racconto di Henry James serve agli autori più che altro come fiore all'occhiello. Giustamente, come si conviene ad una fotografia contemporanea, i lati più apertamente ignobili dei genitori letterari sono stati espunti, così come il loro servirsi del tramite di Maisie per farsi la guerra come e più di prima della sentenza. Del matrimonio tra Beale e Susanna non sappiamo quasi nulla, se non che è una storia già finita prima che lui se ne vada ufficialmente, ma ciò che cambia le cose e segna il termometro dei tempi, è la motivazione per cui i due combattono per avere Maisie: una ragione affettiva, perché l'amore incondizionato della figlia è una riserva di affetto di cui hanno disperatamente bisogno per nutrire i loro narcisismi.
Posto che, rispetto al racconto ottocentesco, si sta raccontando un'altra storia, appare comunque evidente che dallo stereotipo (voluto) di una certa società arida e arrivista si è passati qui -meno volutamente- allo stereotipo degli adulti di oggi, egoisti e immaturi. Julianne Moore e Steve Coogan sono capaci di trovare qualche sfumatura nei loro personaggi, ma si rimane a chiedersi che interpretazione avrebbero potuto dare se solo ne avessero avuto la possibilità e i loro ruolo non fossero stati confinati a comparsate in squarci di situazioni. La stessa Onata Aprile nei panni di Maisie, giustamente incensata per la sua performance, trae il massimo da quel che le è concesso adoperare: ridotta al silenzio o quasi, si fa puro sguardo e con il solo sguardo regge l'arco intero del film, rispondendo in questo modo a due necessità drammaturgiche, quella di incarnare il punto di vista sulla vicenda e quella di rimanere un mistero.
Cosa sapeva Maisie , infatti, è tanto una dichiarazione di intenti (raccontare un divorzio esclusivamente attraverso i suoi riflessi sulla bambina) quanto la domanda che riempie il nocciolo sentimentale del film, perché cosa passi dalla testa della piccola non è dato sapere e, anche se nel finalissimo una risposta in un certo senso arriva, è per forza una risposta molto parziale. Per finire la carrellata, si dirà che Alexander Skarsgard e Joanna Vanderham hanno, da un lato, gioco facile, incarnando le figure positive e il romance che (insieme alla proverbiale resilienza dei bambini) fa del film una commedia anziché un dramma reazionario, ma dall'altro non sono esenti dalla polarizzazione eccessiva che investe tutti quanti i personaggi.
Incorniciato dentro ambienti impeccabili, metropolitani e non, e in generale dentro uno stile indipendente che idealmente calzava a pennello al soggetto e faceva ben sperare, Quel che sapeva Maisie scontenta parzialmente, perché la fotografia del reale non si fa mai cinema di pelle, di parola, di sensazione e la distanza non sempre è quella buona del pudore ma spesso è quella deludente della mancanza di profondità.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
QUEL CHE SAPEVA MAISIE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
-
CHILI
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 14 luglio 2014
veritasxxx

L'ennesimo film con Julian Moore che interpreta la parte che le riesce meglio (la donna non più giovane piena di tensioni interiori e il totale opposto della tipica "politically correct american woman" tutta sorrisi falsi e frasi di cortesia), è un excursus nella vita di una bambina che assiste impotente al disgregamento della coppia che l'ha generata e che si ritrova [...] Vai alla recensione »

venerdì 15 aprile 2016
Oldboy Muzza

Il divorzio visto finalmente e interamente dalla parte della persona che più ne paga le conseguenze, ovvero una bambina. Di questo film restano infatti le immagini di quegli occhi tristi, del volto sconsolato della piccola, sbatacchiata a destra e a sinistra da genitori che si interessano a lei per ripicca o per sfizio (la madre) o che si curano assai poco del suo benessere e la vedono come un intralcio [...] Vai alla recensione »

martedì 1 luglio 2014
sorella luna

Sono rimasta molto sorpresa da questo film di cui ignoravo l'esistenza. A mio parere è più profondo di una commedia e più leggero di un dramma. Gli attori sono tutti bravi e perfettamente in parte. La bambina stupenda, dallo sguardo disarmante che parla senza dire parola. I due incapaci e inadeguati genitori si fanno giustamente da parte per fare posto, più o meno egoisti o consapevoli, a chi un figlio [...] Vai alla recensione »

lunedì 30 giugno 2014
Flyanto

 Film in cui si narra di una bambina, di nome appunto Maisie, che viene continuamente sballottata tra due genitori, una cantante rock ed un mercante di opere d'arte, ormai divorziati ma che continuano a farsi la guerra pur di ostacolare l'uno con l'altro. Intrecciando essi nuove relazioni sentimentali, il padre con l'ex-baby sitter della bimba e la madre con un aitante cameriere [...] Vai alla recensione »

venerdì 22 gennaio 2016
vanessa zarastro

Film leggermente stucchevole come spesso succede quando tutto gira attorno a una bambina con la tartarughina, il finto cavallino, il monopoli e la spiaggia...tutto ciò che una bimba può desiderare oltre alla voglia di tenerezza. Padre business-man e madre cantante rock, divorziati e pieni di impegni, si fanno la guerra per ottenere l'affidamento della figlia Maisie, ma una volta ottenuto, non hanno [...] Vai alla recensione »

domenica 5 luglio 2015
Luigi Chierico

Sinceramente una delusione da parte di Julianne Moore come attrice, e di Susanna come madre. Spesso dai figli c’è da imparare e qui la Moore e Susanna hanno molto da imparare dalla piccola Onata Aprile,ossia da Maisie di sei anni. Un tempo abbiamo assistito al fenomeno di Dakota Fanning, la si ricorda in “Mi chiamo Sam”, oggi vediamo nascere un’altra piccola stella:Onata Aprile.

lunedì 14 luglio 2014
Stefano Pariani

Che cosa sapeva Maisie? Maisie sapeva che la sua mamma (Julianne Moore) andava spesso in tournée con la band e la lasciava a casa sola, sapeva anche che il suo papà (Steve Coogan) era spesso lontano per lavoro e per lui questo veniva prima di tutto. La mamma e il papà di Maisie non andavano d'accordo e spesso litigavano furiosamente. Anche questo sapeva Maisie.

sabato 12 settembre 2015
Filippo Catani

Maise è la figlia di una rockstar ormai in declino e di un commerciante d'arte. Quando i due genitori, al termine di una serie infinita di litigi, decidono di separarsi, la bimba si trova a suo agio solo quando è in compagnia dei rispettivi nuovi compagni dei genitori. L'intento del regista è nobile ed è quello di cercare di raccontare il dramma di una separazione [...] Vai alla recensione »

sabato 25 luglio 2015
ALEXLABY

Di questo film a emozionare, a parte la storia, è la contrapposizione "sentimenti della bambina" - "superficialità dei genitori". I 5 attori principali sono stati tutti bravissimi a rappresentare il loro personaggio. Anche Julianne Moore è da "9" pieno.

venerdì 18 ottobre 2013
iankenobi

Da un racconto di un crepuscolare heny james what maisie knew si rivela invece essere un film modernissimo sull'inabilita' di alcuni ad essere genitori. Una bambina,maisie si ritrova contesa amaramente dai genitori dopo un divorzio brutale. La madre una cantante,forse troppo presa dalla sua carrierea,ed un padre sedicente artista,entrambi si risposano molto presto e la bambina si accorgera' [...] Vai alla recensione »

venerdì 12 agosto 2016
no_data

è un film sull'egoismo, sulla superficialità, sulla rabbia e sull'immaturità. è un film sulla ingenuità, sulla tenerezza, sull'affetto, l'amore e i valori. Ed infine è una favola. è un film che mi ha fatto piangere ma mi ha reso più forte, mi sono posto tante altre domande, ma ho avuto anche tante risposte.

venerdì 29 gennaio 2016
LBavassano

Ennesimo film di coppia scoppiata e figlia contesa, con tasso di lacrimosità decisamente inferiore alla media però. Finale troppo telefonato e personaggi (genitori autentici e facenti funzioni) sull'orlo del caricaturale, ma l'insieme risulta comunque estremamente piacevole, ed il punto di vista della bambina, dichiaratamente fatto proprio dai registi, mi pare più che adeguatame [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Piccola e sensibile, Maisie è figlia di due divorziandi egocentrici, incapaci di attenzioni e tenerezze. Pensando di ovviare alla "ricostruzione" di una famiglia, anzi di due, i folli genitori decidono di risposarsi frettolosamente: il padre (Coogan) con la giovane tata della figlie, la madre (Moore) con un aitante barista. Dai nuovi congiunti - che nel frattempo si conoscono e innamorano - la bimba [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Ecco un titolo, identico all'originale, che pare fatto apposta per tenere lontano il pubblico. Peccato, perché il film non è male, anche se smaccatamente fazioso. A NewYork la piccola Maisie (la bravissima esordiente Onata Aprile) è contesa da mamma rockstar (Julianne Muore) e papà mercante d'arte, ugualmente inaffidabili. Ovvio che scelga la dolce tata scozzese e un giovane barista, temporaneo marito [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Pubblicato nel 1897, Quel che sapeva Maisie di Henry James è un ritratto di bambina che, rimpallata dopo il divorzio da un genitore all'altro e da entrambi usata come arma di reciproco ricatto, intuisce d'istinto di poter sopravvivere alla situazione solo assicurandosi un punto d'appoggio alternativo. Mediata dalla tipica voce narrante jamesiana, la coscienza di Maisie è il vero centro di esperienza [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati