Anime nella nebbia

Film 2012 | Drammatico 127 min.

Titolo originaleIn the Fog
Anno2012
GenereDrammatico
ProduzioneGermania, Paesi Bassi, Bielorussia, Russia, Lettonia
Durata127 minuti
Regia diSergei Loznitsa
AttoriVladimir Svirskiy, Vladislav Abashin, Sergei Kolesov, Yuliya Peresild, Nadezhda Markina, Vlad Ivanov .
Uscitagiovedì 9 maggio 2013
TagDa vedere 2012
DistribuzioneMoviemax
MYmonetro 3,18 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Sergei Loznitsa. Un film Da vedere 2012 con Vladimir Svirskiy, Vladislav Abashin, Sergei Kolesov, Yuliya Peresild, Nadezhda Markina, Vlad Ivanov. Titolo originale: In the Fog. Genere Drammatico - Germania, Paesi Bassi, Bielorussia, Russia, Lettonia, 2012, durata 127 minuti. Uscita cinema giovedì 9 maggio 2013 distribuito da Moviemax. - MYmonetro 3,18 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Anime nella nebbia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il dilemma morale di un uomo che lotta per provare la propria innocenza.

Consigliato sì!
3,18/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,36
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Una crescente spirale di sospetto che offre un'ulteriore chiave di lettura a un periodo storico tormentato.
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 25 maggio 2012
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 25 maggio 2012

Unione Sovietica. Bielorussia 1942. La regione è sotto il controllo dei tedeschi e la resistenza partigiana cerca di reagire. Un treno viene fatto deragliare non lontano dal villaggio in cui vive Sushenya, che lavora al controllo dei binari. Lui e i compagni, che aveva cercato di dissuadere da un atto le cui conseguenze avrebbero potuto ricadere sulla popolazione, vengono arrestati. Sushenya è il solo a salvarsi dall'impiccagione. Nell'ambito dei resistenti si diffonde rapidamente la voce di un tradimento da parte del giovane. Quale altra ragione ci potrebbe essere per il fatto che sia stato risparmiato? I compagni Burov e Voitik vengono mandati a prelevarlo dinanzi a moglie figlio. La sua sorte sembra segnata ma uno dei due viene ferito in modo grave e la situazione sembra essere in attesa di una svolta.
C'era una volta il cinema dell'URSS che cantava incessantemente le glorie della resistenza all'invasore nazista. Pochi osavano narrare episodi che, anche solo minimamente, potessero intaccare l'immagine voluta dalla retorica di regime (che peraltro aveva dalla sua i 23 milioni di morti). Ci potevano provare solo i pochi autori pronti a subire l'emarginazione come Andrei Tarkovskij che con L'infanzia di Ivan cantò fuori dal coro denunciando l'irrazionalità di ogni guerra. Oggi il mercato della CSI sembra solo apparentemente più libero mentre è la censura di mercato a dominare il territorio. Quindi, ora come allora, sono necessarie delle voci libere per poter portare sullo schermo la guerra senza profondersi in sparatorie ma anzi evitandole ogni volta che ciò è possibile. Il compito se lo è assunto Sergei Loznitsa che ha adattato un libro di Vasily Bykov traducendolo in un film che supera la durata delle due ore ma che viene portato sullo schermo con soli 72 tagli di montaggio.
Non è un film facile Anime nella nebbia ma riesce a far 'sentire' allo spettatore il crescere della spirale di un sospetto che ha attraversato sempre (anche se spesso accuratamente occultato) i movimenti resistenziali. Perché, messi nelle stesse condizioni, alcuni si salvano e altri soccombono? Quale sarà stata la loro attività di delazione e quanto sarà stata determinante per la loro sopravvivenza? Il regista riesce anche ad andare oltre questo assunto primario. Con il peregrinare nella foresta dei suoi protagonisti, alternato alla presentazione di flashback in cui operano collaborazionisti, offre un'ulteriore chiave di lettura ad un periodo storico in cui fa agire personaggi silenziosamente tormentati.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Natalia Aspesi
La Repubblica

Se la contemporaneità può apparire spaventosa, niente può essere più tragico del passato. Ce lo ricorda l' ucraino Sergei Loznitsa, 48 anni, con Nella nebbia uno di quei film di massima nobiltà e umanità, un tempo molto più frequenti ai festival. Nazismo e resistenza nella Bielorussia del 1942 invasa dai tedeschi, quando che su meno di dieci milioni di abitanti, due milioni furono massacrati, tutte [...] Vai alla recensione »

Hannah McGill
Sight & Sound

Il solenne dramma epico che Sergej Loznitsa ha tratto dal romanzo di Vasil' Bykav poggia sullo spostamento dei piani delle responsabilità di alcuni uomini. Una scelta anche apparentemente poco importante di uno può causare una catastrofe per un altro. I volti tragici dei personaggi e l'assenza assoluta di leggerezza possono aderire ad alcuni stereotipi nazionali russi (o bielorussi).

Stenio Solinas
Il Giornale

V tumane, Nella nebbia, di Sergei Lornitsa, è un film di guerra dove si è tutti sconfitti e nessuno è innocente. Nella Bielorussia occupata dai nazisti, c’è chi collabora, chi cerca di non mischiarsi, chi resiste, piccoli sabotaggi in segno di sfida. Quattro dei sabotatori vengono presi, tre impiccati, l'ultimo lasciato libero. Non ha né tradito nè accettato di spiare per il nuovo potere, ma nel paese [...] Vai alla recensione »

Natalino Bruzzone
Il Secolo XIX

Quando pure nel passato la paura del futuro schiaccia e il presente obbliga a un gesto estremo. Nella medesima e penultima tornata del concorso non sfigura, davanti alla visionarietà di Cronenberg, il rigore puntuale e autoriale di “In the Fog” di Sergei Loznitsa. 1942, nella Bielorussia sotto il tallone dell’invasore nazista, si consuma il calvario di Sushenya, un ferroviere arrestato con tre partigiani. [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Viaggio nel tempo. Se avessimo visto Nella nebbia prima del 1991, quando ancora esisteva l’Unione Sovietica, avremmo potuto definirlo un potente film revisionista sulla guerra partigiana in Bielorussia. Ma un simile film, nella vecchia Urss, sarebbe rimasto chiuso in un frigorifero fino ai tempi della perestrojka. Ci spieghiamo: Nella nebbia, diretto dal bielorusso Sergej Loznitsa già in concorso a [...] Vai alla recensione »

Alessandra De Luca
Avvenire

Molti applausi sono andati invece a V Tumane (In the Fog) del bielorusso Sergei Loznitza, ambientato nell’Urss del 1942 dove i partigiani si ribellano all’occupazione tedesca. Arrestato con un gruppo di sabotatori, il protagonista non viene impiccato come gli altri e tra i partigiani si sparge la voce che abbia collaborato con il nemico. L’uomo non ha la possibilità di provare il contrario e dal quel [...] Vai alla recensione »

Cristina Piccino
Il Manifesto

Sergei Loznista lo abbiamo scoperto coi suoi documentari, uno dei cineasti migliori nel cinema del reale dell'ultimo decennio. Due anni fa, con My Joy , in concorso a Cannes, ha esordito nella «finzione», anche se quel film, e sono le parti più riuscite, lascia spesso entrare nella metafora la fisicità di un reale forte. Tra l'altro è interessante che questo passaggio sia comune a diversi documentaristi [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
giovedì 24 gennaio 2013
Annalice Furfari

È Anime nella nebbia di Sergei Loznitsa il trionfatore del Trieste Film Festival. La rassegna, diventata nei suoi 24 anni di vita appuntamento di rilievo per le cinematografie dell'Europa centro-orientale, si è chiusa ieri.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati