Molto forte, incredibilmente vicino

Film 2012 | Drammatico 129 min.

Titolo originaleExtremely Loud and Incredibly Close
Anno2012
GenereDrammatico
ProduzioneUSA
Durata129 minuti
Regia diStephen Daldry
AttoriTom Hanks, Sandra Bullock, Thomas Horn, Max von Sydow, Viola Davis, John Goodman Jeffrey Wright, Jim Norton.
Uscitamercoledì 23 maggio 2012
DistribuzioneWarner Bros Italia
MYmonetro 2,55 su 59 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Stephen Daldry. Un film con Tom Hanks, Sandra Bullock, Thomas Horn, Max von Sydow, Viola Davis, John Goodman. Cast completo Titolo originale: Extremely Loud and Incredibly Close. Genere Drammatico - USA, 2012, durata 129 minuti. Uscita cinema mercoledì 23 maggio 2012 distribuito da Warner Bros Italia. - MYmonetro 2,55 su 59 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Molto forte, incredibilmente vicino tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Tratto dall'omonimo libro di Jonathan Safran Foer, il racconto di una scoperta che cambia la vita a un ragazzo. Il film ha ottenuto 2 candidature a Premi Oscar. In Italia al Box Office Molto forte, incredibilmente vicino ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 573 mila euro e 239 mila euro nel primo weekend.

Molto forte, incredibilmente vicino è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,55/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 1,78
PUBBLICO 3,38
CONSIGLIATO NÌ
Il libro si chiede come dire l'indicibile, ma il film non ha la risposta.
Recensione di Marianna Cappi
domenica 12 febbraio 2012
Recensione di Marianna Cappi
domenica 12 febbraio 2012

È passato del tempo dal "giorno piu brutto", ma Oskar Schell non si dà pace. Suo padre lo ha lasciato con una missione incompiuta, con molte domande e una sola certezza: non deve smettere di cercare. Quando, nell'armadio del genitore, trova una chiave e un nome, Black, Oskar trova con essa anche la spinta e l'alibi che gli mancavano. Incontrare tutti i 472 Black di New York City per testare le loro serrature diventa per il bambino un modo di coltivare il sogno che quella chiave possa schiudergli un ultimo messaggio del padre e una maniera di scappare ancora il più a lungo possibile dall'evidenza. "Cosa ti manca di piu di lui?", chiede Oskar alla madre. "La sua voce", risponde lei. E anche a lui mancano più che mai le parole del padre, vere e proprie istruzioni per l'uso della vita, e non a caso è ad un nome che si aggrappa e sempre non a caso è a un'occasione di dialogo persa per sempre che non si rassegna. E poi c'e l'inquilino, per il quale le parole ad alta voce non si possono più pronunciare, non dopo quello che è accaduto a Dresda, ma al quale la scrittura consente comunque di continuare a vivere.
Non è tutta colpa di Stephen Daldry, dunque. Un materiale come quello redatto da Jonathan Safran Foer è fatto di scrittura e per la scrittura e il cinema, per lo meno quello narrativo tradizionale, può aggiungere davvero molto poco. O per lo meno dovrebbe.
La sceneggiatura di Eric Roth, pur all'interno di uno sforzo evidente di fedeltà al libro, opera una selezione che fa coincidere l'intero film con il suo giovane protagonista e finisce per confondere la ricchezza e l'originalità del narrato con la performance attoriale, certo eccellente, di Thomas Horn. In questo modo, la porzione di storia selezionata si rivela comunque claustrofobica e compressa: i tempi del cinema si avvertono scopertamente come innaturali. Eppure questa è ancora una scelta comprensibile, forse obbligata. Ce ne sono altre più ardue da condividere, come il modo in cui gli adulti si rivolgono al protagonista, con un portato recitativo infarcito di retorica, che getta un dubbio retrospettivo sull'effettiva, intima comprensione tra regista e personaggio. E poi c'è un secondo livello di retorica, che riguarda l'uso dell'immagine dell'11 settembre, insistito ed estetizzato. Come se ci fosse bisogno di sentimentalizzare un'immagine che parla da sé con forza inaudita, forse l'immagine che più ha parlato al mondo negli ultimi decenni.
È anche per questo, allora, perché lì non ci sono parole di troppo, strozzate nel pianto o urlate nell'isteria del momento, che la parte più bella e riuscita del film è senza dubbio quella in cui Oskar e il vecchio Max Von Sydow camminano per la citta, prendono i mezzi pubblici, bussano alle porte, si nascondono dietro una siepe: qui, su questa strana coppia che si muove nello spazio metropolitano, il cinema ha finalmente qualcosa da dire. Ma dura poco.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
MOLTO FORTE, INCREDIBILMENTE VICINO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 10 giugno 2012
Max Ferrarini

"Le persone non sono un numero, ma storie; e le storie chiedono di essere condivise." Molto forte, incredibilmente vicino. Il titolo basta a descrivere questo intenso film che non lascia un attimo di tregua allo spettatore nell'affrantare uno dopo l'altro il dramma di un ragazzino che ha perso il proprio padre durante l'attentato dell'11 settembre 2001.

domenica 1 luglio 2012
Alessia Luna

  Esito: ci sono episodi nella vita che cambiano nel profondo, se avete voglia di immergervi in un bambino che cerca suo padre ritrovando voi stessi, guardatelo! Il padre di Oskar è molto più che un semplice padre: è un a guida, un’ ispirazione, una mano sempre porta. Offriva al figlio una spinta nelle situazioni di paura e uno stimolo che l’ha reso un [...] Vai alla recensione »

giovedì 21 giugno 2012
assenzio

Un eccezionale film – film…perfetto nella perfezione della finzione raccontata e dunque perfetta…un film che è un manuale esistenziale: i personaggi perfetti nei loro ruoli incarnano l’essenza perfetta di ognuno…in una sola parola si potrebbe dire PERFETTO! Manuale da tenere non sul comodino e da sfogliare ogni tanto per cercare la regola giusta ad una domanda scomoda, ma un manuale tascabile utile [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 giugno 2012
MICHELA31

Oscar ha perso il padre, a cui era legatissimo e con cui trascorreva molto tempo organizzando ricerche esplorative, nel crollo delle torri gemelle l'11 settembre. Un anno dopo il bambino non ha ancora superato il trauma per la scomparsa del genitore ma trova nell'armadio del padre una chiave avvolta in un foglio che reca la scritta Brown. Oscar decide quindi di mettersi alla ricerca della serratura [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 maggio 2012
Euler23

E' la storia del piccolo Oskar, è la storia della grande America. Oskar Schell (Thomas Horn) è un bambino, afflitto dalla Sindrome di Asperger, che, in seguito al dramma dell'11 Settembre, deve affrontare la perdita del padre Thomas Schell (Tom Hanks). Dopo il suo "worst day" si moltiplicano le fobie di cui soffre : eventi quotidiani come l'attraversamento di un ponte o uno dei tanti rumori che infestano [...] Vai alla recensione »

sabato 22 settembre 2012
ultimoboyscout

Un modo diverso per raccontare l'11 Settembre e più in generale il senso di una perdita. Questo film lo fa attraverso gli occhi di Oskar, che nella tragedia delle Torri Gemelle ha perso non solo il padre ma anche qualcosa in più: una figuara fiondamentale, la guida per capire il mondo ed affrontarlo. Una chiave, trovata tra le cose del padre, gli farà compiere un "viaggio" [...] Vai alla recensione »

martedì 23 ottobre 2012
Chicca3004

Un modo diverso di raccontare l'attentato dell'11 settembre. Il dolore soffocato di un bambino, le colpe inconsapevoli date ad una madre invece sempre presente ed attenta, un nonno ritrovato che, anche se a suo modo, nel suo silenzio, sa stargli vicino. E il coraggio di un bambino che si muove in una città come NYC alla ricerca di qualcosa più grande di lui, senza mai fermarsi, senza mai abbandonare [...] Vai alla recensione »

venerdì 28 giugno 2013
Filippo Catani

New York. Un bimbo affetto dalla sindrome di Asperger perde il padre, a cui era profondamente affezionato, l'11 settembre. Dopo un anno, il ragazzo decide finalmente di rientrare nella stanza e nel guardaroba del padre e rintraccia una misteriosa chiave inserita in una busta che riporta un cognome. Il piccolo deciderà allora di mettersi alla ricerca della persona e della serratura.

venerdì 18 gennaio 2013
archipic

Il 9/11 ha creato terribili sofferenze per chi lo ha vissuto in prima persona e per chi ne ha dovuto sopportare il peso delle conseguenze. Il film tratta proprio questo secondo aspetto: un figlio che perde il padre, ossia la sua guida e il suo amico, e prova a ritrovarlo affrontando sensi di colpa, problemi comportamentali e difficili rapporti col mondo adulto.

giovedì 16 agosto 2012
wallofwoodoo

Il film è molto ben costruito e recitato. Eccellenti il ragazzo e la coppia di anziani, meno incisivi proprio le stelle Hanks (in una parte importante ma non primaria) e la Bullock, non sempre a suo agio nella parte. Non ho letto il libro per cui non so il grado di fedeltà del film al romanzo nè dal punto di vista narrativo né da quello del risalto ai personaggi.

venerdì 2 gennaio 2015
paolomiki

Un bambino con problemi di socializzazione trascorre la sua vita insieme al padre che gli sta vicino praticamente sempre dedicandogli tutto il il suo tempo libero.Quando tragicamente il padre muore nell'attentato alle torri gemelle, Oskar (il nome del bambino) rimane turbato in modo estremo e comincia a cercare un motivo per continuare a vivere.Il motivo lo trova rinvenendo una chiave dentro un vaso [...] Vai alla recensione »

venerdì 2 gennaio 2015
gabrisaltgr

La tragica morte del padre l'11 settembre segna inevitabilmente la vita del piccolo Oskar. Per circa un anno vive quasi isolato dal mondo esterno avendo paura di quasi tutto quel che lo circonda. Un giorno trova una chiave nel guardaroba del padre e si mette alla ricerca disperata di un collegamento fra quell'oggetto e il padre. Inizia quindi un percorso che lo porterà a riacquistare fiducia nel mondo [...] Vai alla recensione »

sabato 29 giugno 2013
sirio

In questo film, tratto da un romanzo omonimo, come in ogni opera di rara qualità, si possono individuare varie chiavi di lettura che insieme si armonizzano e concorrono a trasmettere allo spettatore un universo di significati simbolici. Una chiave di lettura è quella della tragedia pubblica, di portata storica, dell'attentato terroristico dell'11 settembre 2001 alle Torri gemelle [...] Vai alla recensione »

mercoledì 19 settembre 2012
Fedilla

Lo stile del regista di Billy Elliot lo riconosciamo subito dall'abbigliamento un po' stravagante del bambino, vero protagonista di questa storia, così triste, così assurda che è un vero peccato non sia reale! Tom Hanks e Sandra Bullock sono due nomi famosi, ma appena accennati, poco sfruttati. Il primo è il povero papà che muore nel 'giorno più [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 agosto 2012
gabriella

Nonostante la drammaticità del contenuto, nonostante la presenza di un ragazzino rimasto improvvisamente orfano del padre morto nell’attentato delle torri gemelle, devo dire che il film di Stephan Daldry non mi ha lasciato addosso niente di significativo. Partendo dal finale, il film si snoda su una chiave trovata dal ragazzino in un vaso venduto precedentemente all’asta e comprato dal padre del ragazzo. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 6 giugno 2012
trilly10

Bel rapporto quello tra Oskar Schell e il padre: giocano, parlano, stanno molto insieme a cercare il 6° distretto di New York come un Atlantide divorata dal tempo e dalla memoria. Non si capisce perchè il bambino non vada a scuola ma lo spettatore è travolto da una storia a ritmo veloce che apre scenari fantascientifici o parapsicologici e che approda, alla fine, a un esito lacrimevole e banalmente [...] Vai alla recensione »

sabato 9 giugno 2012
Amici del Cinema (a Milano)

Quasi una sorta di purificazione collettiva dell’America dagli incubi dell’11 settembre, rappresentata dal viaggio di formazione newyorkese del piccolo Oskar Schell, “Molto forte, incredibilmente vicino” è un discreto film con le sue luci e le sue ombre. Mi è piaciuta una certa misura/pudore nell affrontare l’indicibile tema degli attacchi alle Torri [...] Vai alla recensione »

domenica 10 giugno 2012
gosnurle

Film estremamente sofferente, incredibilmente vivo e coraggioso, come lo sguardo serio e a tratti cinico di Oskar, ma forse solo tutto concentrato nella sua ricerca del tempo perduto per sempre che il padre gli ha nascosto, o cosi' lui si convince, negli angoli piu' sperduti della citta', in una caccia al tesoro senza fine , perche' interiore, caccia di sopravvivenza emotìva al dolore della perdita. [...] Vai alla recensione »

giovedì 31 maggio 2012
renato volpone

Un bambino con un dolore grande, più grande di lui, ci prende per mano e ci porta attraverso la sofferenza delle persone che incontra per schiuderci la porta della sensibilità e della comprensione. Ci prende per mano e con dolcezza ci racconta il suo tormento, ci fa vivere la sofferenza delle persone chiuse nell'inferno che si librano nell'aria liberatrice della morte.

giovedì 3 maggio 2012
Annu83

Una volta esisteva un VI distretto a New York… o almeno questo è quello che viene raccontato ad Oskar. Oskar (Thomas Horn), figlio del gioielliere Thomas (Tom Hanks) e di Linda (Sandra Bullock), pur essendo un bambino molto sveglio, non può sapere che quello che sta per succedere cambierà la sua vita per sempre. Il tragico “worst day” americano, noto semplicemente [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 maggio 2012
donni romani

Certe ferite, umane e sociali, difficilmente trovano, se non a distanza di molti anni, la giusta dimensione letteraria o cinematografica, ma "Molto forte, incredibilmente vicino" , tratto dal libro di  Jonathan Safran Foer affronta la tragedia dell'11 settembre rimanendole tangente, senza mai intersecarla, e affidandola allo sguardo sperduto, adulto, dolente e inquietante nella [...] Vai alla recensione »

venerdì 25 maggio 2012
pressa catozzo

Mi pongo sempre un dubbio quando vedo film sull'undici settembre. Devo pensare alle due torri o al Cile? Un bambino piange la scomparsa del propio padre, ma quanti sono i bambini che piangono la scomparsa del propio padre? Il film in se stesso è ben diretto , si può vedere gradire e apprezzare, artisticamente tutti bravi attori tecnici regia e aspetto tecnico dell'opera.

domenica 10 giugno 2012
Stefano Mosca

Si possono distribuire indizi per tutta New York per puro gioco? Sì, a patto che poi si scopra il motivo di tale gioco! Corre il protagonista, così come l'intero film, dietro ad un simbolismo magico che trasforma ogni scena in un insieme di simboli, formule ed enigmi da risolvere. L'organizzazione della spedizione che condurrà il protagonista alla verità,&n [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 ottobre 2012
Kyotrix

Il film e' valido, bravi gli attori ( su tutti bambino e la bullok ), ma non arriva a toccarmi, a commuovermi, che visto il genere e' una grossa pecca. La prima ora e' quasi odioso, avrei spento, migliora con l'arrivo del "vecchietto" e verso la fine con la scoperta della chiave e la confessione della madre. Insomma, nulla di che.

mercoledì 11 luglio 2012
marco8

madonna santa che lentezza. poteva esser molto meglio. del film mi rimane più che altro la storia di un insopportabile e presuntuoso ragazzino che va per tutta new york a rompere i maroni... per di più il giovane attore è di un'antipatia da record... voglio sperare che il libro, che non ho letto, sia migliore.

domenica 17 giugno 2012
Clafiore

Ho visto questo film ieri sera, e ancora le emozioni che mi ha suscitato non mi sono scivolate di dosso, sono rimaste aggrappate, perciò provo a dispiegarle attraverso le parole. Solo un cinema trasmetteva questo film a Bologna il 16 Giugno, un cinema molto piccolo, con il suono del nastro che gira, e l'interruzione a metà film per girare lo stesso nastro, cose magiche che purtroppo [...] Vai alla recensione »

domenica 10 febbraio 2013
Nero Wolfe

Troppa carne al fuoco: rapporto figlio (complicato, ma quanto, ma come?) - genitori, l'evento periodizzante della storia americana (soprattutto americana) non ancora elaborato per niente a nessun livello (nemmeno dopo la morte di Bin Laden; si vedano le conseguenze degli eventi di Bengasi), la storia di "formazione" che è una delusione.

lunedì 11 giugno 2012
brian77

Bisogna dargli due stelle perché ci sono indiscutibili professionalità che in qualche modo vanno riconosciute. Ma il film è brutto, retorico, lezioso. Per di più è anche pretenzioso. Vade retro!

martedì 4 ottobre 2011
Nicola1

Spero tanto che sia un capolavoro come lo e' il libro da cui e' tratto. Mi aspetto il solito "ammorbidimento" hollywoodiano ma se avvicina anche po' ad "Ogni cosa e' illuminata" di Liev Schreiber allora saro' contento.

martedì 24 luglio 2012
Regi1991

Morivo dalla voglia di vederlo, ma mi ha leggermente deluso. Il carattere del ragazzo non permette a pieno di affezionarsi a lui, e il fatto che non si curi della madre non aiuta. Un carattere troppo poco bambino e troppo adulto! Bello il finale e anche il forte legame con il padre. Emozionante, ma non troppo!! 3 stelle che paragonate alle aspettative ne valgono 2

mercoledì 28 marzo 2012
MyMan

Un film che attraverso il suo straordinario giovane protagonista,il suo rapporto con suo padre e con il magistrale M. Von Sydow, tenta di fare un discorso più approfondito sul concetto di perdita,su come conviverci attraverso la scoperta,la memoria e infine alla consapevolezza dolorosa o non,della fine di un qualcosa di profondamente amato che non tornerà più.

sabato 31 dicembre 2016
no_data

Sarà forse che mi trovi in un periodo particolare nel quale ho saputo della malattia mentale del mio nipotino, ma questo film mi ha sorpreso e travolto di emozioni. Pochi commenti hanno sottolineato la virtuosa interpretazione del giovane protagonista nell'impersonare un ragazzino malato della sindrome di Asperger. Perchè poi, alla fine, Thomas Horn è l'assoluto protagonista [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 ottobre 2014
yurigami

questo film non mi è piaciuto molto, mi ha fatto arrabbiare, mi ha fatto venire voglia di spaccare qualcosa, poi il bambino non lo sopporto, ma riconosco che sia un gran bel film con una grande trama, una caratterizzazione dei personaggi come poche e un'approccio ad una catastrofe più che giusto, per non dimenticare cosa successe l'undici settembre, però non è il [...] Vai alla recensione »

domenica 3 novembre 2013
nerazzurro

Un film sulla ricerca della speranza e la forza per continuare a vivere oltre il dolore. Un cast eccezzionale con un piccolo incredibile protagonista. Romanzo a parte il film e stupendo.

domenica 4 agosto 2013
Anna_lost

Bellissimo, commovente, ti prende l'anima

lunedì 22 luglio 2013
stefano bruzzone

la storia di un ragazzino che, perso il padre nell'11 settembre, trova, nascosta in un vaso nel guardaroba di casa del babbo, una chiave e decide di scoprire quale serratura avrebbe aperto e, detto questo, si potrebbe pensare chissà quali misteri si celino dietro la fatidica chiave visto che il ragazzino fa l'impossibile per scoprirlo.

domenica 18 novembre 2012
mylifeitsmymovie

Ben fatto, ben pensato, mal presentato...un film che incorpora senza alcun dubbio dramaticità, avventura, azione e curiosità. Averlo ambientato durante l'evento che ha radicalmente cambiato la storia americana e presentarlo con gli occhi un bimbo che ha perso la persona più cara  a lui è una mossa vincente.  Cerco di essere aggiornato per puro hobby alle [...] Vai alla recensione »

mercoledì 31 ottobre 2012
Cenox

Il trailer mi aveva incuriosito: la storia racconta di un ragazzino, probabilmente autistico, che attraversa un periodo traumatico della sua vita, poicgè il padre, con cui aveva un legame molto forte, è tra le persone cadute l'11 settembre nell'attacco alle torri gemelle. Il padre per costringerlo a socializzare con le altre persone e per vincere le sue paure gli proponeva sempre [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 giugno 2012
Nikitank

Ho letto critici che dicono che il romanzo è stato rovinato da questo film....mah dico ma stiamo scherzando??????si sono fumati sicuramente qualcosa di forte perchè non si possono dire certe cavolate...comunque il film è veramente ma veramente bello...Un cosa che maggiormente mi ha colpito sono stati i dialoghi fatti con classe.

lunedì 25 giugno 2012
Spike

Il film più triste degli ultimi tempi. Una pellicola che coglie la tragedia di un'intera nazione attraverso la storia dolorosa di una famiglia. Bravi gli attori, buona la regia e la sceneggiatura. Adatto al pubblico in cerca di storie tragiche.

lunedì 9 dicembre 2013
paride86

Dal regista del capolavoro "The Hours" viene fuori questo film commovente, zuccheroso, a tratti davvero fastidioso. Stavolta Stephen Daldry ha veramente toppato, nonostante la regia capace e le brillanti interpretazioni, specialmente quella del bambino - seppur con un copione odioso. Guardabile.

lunedì 28 maggio 2012
Flyanto

Film su un viaggio di ricerca che intraprende un ragazzino dopo la morte del padre avvenuta nel crollo delle Torri Gemelle a New York l'11 settembre 2001. Come in tutti i romanzi di Jonathan Safran Foer, anche in questo film, tratto  sempre da un'opera di questo autore, vi è il tema del viaggio al fine di ricercare se stessi, le proprie radici familiari ed il recupero degli affetti [...] Vai alla recensione »

mercoledì 6 giugno 2012
trilly10

Troppo lungo. Bello e efficace solo Max von Sydom. Quando gli americani fanno l'esame di coscienza, chissà perchè chiedono agli altri di piangere!!!!

giovedì 31 maggio 2012
LittleShinigStar89

La trama del film potrebbe essere valida in quanto rappresenta il dolore di un bambino causato dalla prematura scomparsa del padre durante l'attacco terroristico alle Twin Tower. La storia procede lentamente e a tratti è molto noiosa, alle volte banale e scontata. Del cast si salvano solo i personaggi della madre e del padre. Più che un film drammatico sembra una sorta di caricatura [...] Vai alla recensione »

domenica 27 maggio 2012
melania

.....da parte di un bambino superlativo,fuori da ogni schema.film molto bello!

sabato 26 maggio 2012
Ruspa Machete

Un film drammatico che in certi momenti tocca quasi il fiabesco, infatti Oskar non è un bambino normale, vede le cose in un modo tutto suo ed è questo che rende la storia più intensa. Fantastico il personaggio di Max Von Sydow, che secondo me è IMMENSO. 

domenica 3 giugno 2012
epidemic

a discapito dei detrattori penso che il film in questione vada menzionato per l'originalità della sceneggiatura e dallìinsolito punto di vista. Storia toccante e realmente drammatica. Non amo Tom Hanks (ma d'altronde recita poco) e neanche le storie patriote americane ma questa è diversa...guardare per credere

giovedì 31 maggio 2012
molenga

Dopo la nimination del vecchio von sydow mi aspettavo un gran film con un bel ruolo per il feticcio di bergman: sono deluso. La storia c'è, c'è un bravissimo attore protagonista e una regia che evita, almeno, di essere troppo muscolare. Ma cosa ci lascia il film? un finale troppo americano, una bullok insopportabile, un' analisi finta e svagata dell'elaborazione del lutto. Tr [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 giugno 2012
BARONE DI FIRENZE

Purtroppo vedendolo in lingua originale anche se sottotitolato, fa un pò perdere tratti della superba interpretazione di questo ragazzo Thomas Horn che a mio parere è stato messo ingiustamente dietro a Tom Hanks e sandra Bullock, che pur superbi nella loro interpretazione erano comunque dei comprimari, la Bullock mi ha stupito favorevolmente abituato a vederla sempre nei ruoli di bellocciona non l'avrei [...] Vai alla recensione »

Frasi
"Sono contento di aver avuto una delusione che è molto meglio di non aver avuto niente!"
Una frase di Oskar Schell (Thomas Horn)
dal film Molto forte, incredibilmente vicino - a cura di Laura
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Oscar, perduto il padre nel disastro dell’11 settembre, cerca di svelare il mistero di una chiave e un nome. Nel percorso, si fa strada una elaborazione del lutto fino a quel momento impossibile. Ci sono immagini che finiscono per diventare un surrogato del reale, perdendo ogni influenza drammatica. E’ il caso della caduta delle Twin towers. Dal romanzo di Jonathan Safran Foer, autore di un altro libro [...] Vai alla recensione »

Manohla Dargis
The New York Times

L’11 settembre è stato affrontato dal cinema statunitense con una circospezione che ha il sapore della riluttanza. Probabilmente molti autori se ne sono tenuti alla larga per paura di offendere gli spettatori. Altri, come Michael Moore con Fahrenheit 9/11, non si sono preoccupati di infastidire il grande pubblico perché si sono rivolti a un’audience specifica dandogli esattamente ciò che si aspettava. [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Un undicenne di intelligenza e cultura fuori dal comune vaga per Brooklyn seguendo le indicazioni di una dolorosa e privatissima caccia al tesoro. Cerca le tracce del padre, che 1’11 settembre 2001 non tornò più a casa gettando il piccolo Oskar in un lutto inguaribile. Cerca il padrone di una chiave misteriosa trovata fra le cose del genitore, certo che quella chiave possa ricondurlo a lui e prolungare [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Una ferita che non si rimargina. Un dolore di cui non si deve smettere di parlare. «Il giorno più brutto» - così chiama l’11 settembre Oskar, il giovanissimo protagonista del film di Stephen Daldry - ha sconvolto la sua vita. Quel giorno papà era uscito di casa perché aveva un appuntamento, proprio ai piani alti di una delle Torri gemelle. È rimasta la sua voce, registrata nella segreteria telefonica: [...] Vai alla recensione »

Lou Lumenick
New York Post

Nonostante le evidenti aspirazioni letterarie, Molto forte, incredibilmente vicino è artisticamente profondo quanto le foto 3d delle torri gemelle con la scritta “Never forget” che si vendono a Times square. È facile commuoversi, ma è stato usato ogni sistema per strizzare emozioni dal pubblico. Paccottiglia da Oscar. Da Internazionale, 25 maggio 2012

Maurizio Acerbi
Il Giornale

Oskar ha perso il papà durante l’11 settembre. A undici anni non è facile superare il trauma. E se lo aiutasse quella chiave che il babbo misteriosamente gli ha lasciato in eredità? Per capirne il significato, però, bisogna andare a bussare a tutti i signori Black di New York, accompagnato dal nonno muto. Metti un bambino sconvolto da una tragedia, con viso oltretutto predisposto, e le lacrime scenderanno [...] Vai alla recensione »

Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Un romanzo cult per un film mediocre. Capita spesso e in questo caso esemplarmente, essendo il film del regista già premiato per The Hours un quasi totale annullamento dei gradi di spiazzamento creati dal caso letterario di Jonathan Safran Foer. Daldry imprigiona la sua narrazione del romanzo di formazione negli schematismi noti al proprio cinema, limitandosi a far emergere le eccentricità sonore dell’impia [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Verrebbe da dire: finalmente! Annunciato almeno tre o quattro volte, arriva al cinema Molto forte incredibilmente vicino, il film di Stephen Daldry ispirato al romanzo di Jonathan Safran Foer pubblicato in Italia da Guanda. Un film che sicuramente aspirava a una vita diversa fin dal momento del casting: un regista candidato tre volte all’Oscar (per Billy Elliott, The Hours e The Reader), uno sceneggiatore-s [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

“E meglio il film o era migliore il libro?” si chiedono due capre mentre mangiano pellicola in una celebre battuta di Hitchcock. Forse sir Alfred aveva ragione e la domanda è solo oziosa: eppure riesce difficile trattenere la delusione per il modo in cui il solitamente migliore Stephen Daldry ha tradotto in immagini le magnifiche pagine del romanzo di Jonhatan Safran Foer.

NEWS
NEWS
mercoledì 18 gennaio 2012
Nicoletta Dose

Tratto dal romanzo "Molto forte, incredibilmente vicino" di Jonathan Safran Foer, l'omonimo film di Stephen Daldry (The Hours, Billy Elliot, The Reader – A voce alta) è in corsa per la statuetta degli Oscar ma, prima di convincere la giuria dell'Academy [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati