Confessions

Film 2010 | Drammatico 106 min.

Regia di Tetsuya Nakashima. Un film Da vedere 2010 con Takako Matsu, Yukito Nishii, Kaoru Fujiwara, Masaki Okada, Yoshino Kimura. Cast completo Titolo originale: Kokuhaku. Genere Drammatico - Giappone, 2010, durata 106 minuti. Uscita cinema giovedì 9 maggio 2013 distribuito da Tucker Film. - MYmonetro 3,27 su 40 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Confessions tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un thriller psicologico che vede protagonista una madre e il suo desiderio di vendetta nei confronti degli assassini della figlia. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Japanese Academy.

Confessions è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,27/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,10
PUBBLICO 3,71
CONSIGLIATO SÌ
Violenza minorile e la vendetta di una madre attraverso le confessioni di personaggi dall'animo travagliato.
Recensione di Emanuele Sacchi
martedì 3 maggio 2011
Recensione di Emanuele Sacchi
martedì 3 maggio 2011

Conscia dell'inutilità di procedere attraverso i canali legali, l'insegnante Moriguchi medita un proprio personale piano per vendicare la morte della figlia, uccisa dalla violenza insensata di due suoi alunni. Tetsuya Nakashima è un tipo ambizioso, uno a cui è bastata la chiassosa genialata di Kamikaze Girls per autoconvincersi di poter riscrivere le regole del cinema così come lo intendiamo. Un talento imbarazzante (in senso positivo), a cui basterebbe un minimo di senso della misura per metterlo al servizio di opere destinate all'immortalità.
Pur muovendosi in ambiti totalmente estranei a Memories of Matsuko - si passa da un'allegoria della vita pop-psichedelica a una cupa dissertazione nichilista sull'attualità - il visivamente abbacinante Confessions ripropone i medesimi dubbi sull'autore e sulla sua concezione di cinema. Nakashima ritorna su quel che è assurto a topos del cinema nipponico contemporaneo, ovvero il malessere esistenziale - con conseguente sfogo violento - di una gioventù lacerata tra angst, mancanza di moralità e di freni inibitori, con le conseguenze immaginabili (e meno immaginabili) del caso. Tema su cui This World of Ours e Sono Shion con Noriko's Dinner Table avevano detto tutto o quasi; ma il punto non è sul fatto di insistere sul topos, scelta del tutto legittima. Ciò che rende il film di Nakashima fortemente soggetto all'inclinazione e alla sensibilità individuale è la sua scelta marcata in termini di linguaggio, costantemente sopra le righe ed enfatizzato, così da rendere solenne (per non dire in maiuscolo e con il font idealmente più grande che si possa sostenere) ogni momento clou di una sceneggiatura ricca di climax e spunti importanti.
Come se Nakashima avesse per le mani ancora una volta un'opera eccellente ma sentisse il bisogno di gridar(ce)lo, anziché affidarsi a un contenuto che di per sé non (dovrebbe) necessita(re) di sottolineature (in termini di ralenti a ripetizione, di colori desaturati, di inquadrature studiate alla perfezione). Nomination all'Oscar come Miglior Film in Lingua Straniera.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
CONFESSIONS
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
TheFilmClub
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 10 aprile 2013
Laur3nt1us1983

Per introdurre con efficacia un tema delle più complicate ed elaborate teorie sullo sviluppo di una mente criminale bisogna subito vedere questa pellicola. L'intreccio tra la solitudine, il desiderio di affetto, l'inettitudine, la follia del  genio, unita alla sua fragile e giovanissima età fanno del protagonista una persona che riesce per alcuni tratti a suscitare compassione, [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 maggio 2013
donni romani

Cinematograficamente potentissimo, visionario ed ipnotico, estetico ma non estetizzante, capace di raggelare e inorridire senza mai strappare il velo alle emozioni "Confessions" ha forse una scarsa verosimiglianza, ma se si abbandona il giudizio razionale sui comportamenti deviati di adolescenti ed adulti strappati all'empatia umana da un dolore sordo che corrode  la ragione e si [...] Vai alla recensione »

lunedì 13 maggio 2013
fabrizio dividi

I cappi di un'algida Lady Vendetta si stringono fino a strozzare i carnefici della figlioletta. Il plot, non nuovo per il cinema orientale, vedi Park Chan-Wook, e topico della letteratura di ogni tempo, in “Confessions” si evolve con stile e audacia narrativa di livello assoluto. A partire dalla triplice fotografia funzionale al racconto di volta in volta fredda, satura o polarizzata, [...] Vai alla recensione »

martedì 6 settembre 2016
laurence316

Scritto e diretto da un regista famoso per i suoi film pop e coloratissimi (vedi Kamikaze Girls), Confessions è un film agghiacciante e allucinante, un film diametralmente opposto ai precedenti diretti dallo stesso autore: procede a colpi di ralenti (fin troppo ostentati, talvolta), inquadrature geometriche e vertiginose e colori desaturati.

venerdì 3 maggio 2013
tiamaster

Confessions, opera seconda del talentuosissimo regista giapponese Tetsuya Nakashima è uno dei film più sorprendenti usciti nelle sale da molto tempo a questa parte. È un film dal procedere lento e dilatato, che grazie ad una sceneggiatura in stato di grazia e la delicatezza con cui il regista l'affronta, riesce ad addentrarsi in modo di stupefacente nelle psicologie dei personaggi, [...] Vai alla recensione »

domenica 12 maggio 2013
Anonimo milanese

"Confessions", un film del regista Tetsuya Nakashima, è la storia di Yuko Moriguchi, una maestra che vuole vendicare l'omicidio della figlia, di Shuya Watanabe, un ragazzo che vuole recuperare l'affetto di una madre che l'ha abbandonato, e di Naoki Shimomura, un suo coetaneo che è inevitabilmente attratto dal carisma del suo compagno di classe.

venerdì 18 aprile 2014
mikitr

Una classe, una maestra, degli alunni distratti dai loro messaggini sul cellulare, come ogni giorno, persi nella loro esistenza al limite dell'inutilità. Ma oggi l'insegnante ha da dire una cosa seria: sua figlia è stata uccisa, benchè la polizia abba archiviato il caso come "incidente" e gli assassini sono all'interno proprio di questa classe: sgomento - [...] Vai alla recensione »

domenica 27 novembre 2016
Noia1

Un’insegnante si chiude in classe con i propri alunni affermando che sua figlia è stata uccisa e che il colpevole è uno di loro. Un film che prosegue per flashback fino alla prossima svolta mostrando prima le conseguenze e poi i motivi. Una telecamera spietata che mostra chiaramente le cose come vuole siano mostrate in modo tanto raffinato, tanto delicato e pacato, che l’anima degli eventi viene addosso [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 maggio 2015
MYDEARASIA

la vendetta ha tante sfaccettature, ha i suoi tempi, ha le sue vittime. In questo film di Nakashima c'è un pò di tutto e, alla fine, non capisci chi sia la vittima e chi il carnefice. Unica vittima certa è la povera bambina innocente che, come spesso accade, paga da sola, figura incolpevole e soprattutto inerme, le follie della mente umana.

domenica 26 ottobre 2014
Priscylla17

Nakashima ci regala un'opera di grande bellezza estetica che si scrolla di dosso i consueti canoni della regia asiatica. Forte della sceneggiatura tratta dall'omonimo romanzo di Kanae Minato, il regista - dopo il visionario e pop "Memories of Matsuoko" - ci racconta una storia che si insinua nella psiche di personaggi devastati dalla società attuale giapponese.

giovedì 10 aprile 2014
gianleo67

Insegnante in una scuola media, la professoressa Moriguchi si congeda definitivamente da suoi studenti confessando che i due responsabili della morte della figlioletta, tragicamente annegata in una piscina, si nascondono tra gli alunni di quella classe e di aver messo in atto nei confronti di costoro una terribile e ferale vendetta... Costruito come uno scanzonato e delirante mosaico di false confessioni [...] Vai alla recensione »

martedì 8 aprile 2014
Francesco2

In questo film apparentemente (Molto) ironico manca, invece, quell'ironia che contraddistingueva >Per esempio- l'eccellente "Old Boy". Certo, può sembrare un paragone discutibile e per certi versi forse lo è, perché la matrice di quest'opera appare molto più di carattere sociale. Tuttavia, i virtuosismi registici di Nakashima su una storia non necessariam [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 ottobre 2013
giugy3000

In una classe a cavallo fra la seconda e la terza media, l'insegnante Yuko Moriguchi facendo stridere il gessetto scrive sulla lavagna la parola "Vita"; la sua ultima lezione della carriera travalicherà di molto i confini della sua materia e si farà promotrice di un enorme risveglio di coscienza: ricordarci il valore inestimabile della vita umana, affinchè nessuno [...] Vai alla recensione »

venerdì 31 maggio 2013
Shanks

Aula di una scuola giapponese; un gruppo di alunni scalmanati, tutt'altro che studenti modello, assistono al discorso di commiato della propria insegnante. Quest'ultima infatti, rivela di essere alla fine del suo lavoro. Ma non solo: un agghiacciante mistero verrà svelato. Crudele ma raffinato, raggelante per alcuni versi (come nella migliore tradizione giapponese), la pellicola [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 maggio 2013
renato volpone

Un quadro freddo e violento sugli adolescenti di oggi e sui danni che possono fare società e genitori nei loro intenti educativi inquinati dalle aspettative e dagli obiettivi personali.  Attraverso la vendetta ordita da una professoressa alla quale due studenti hanno ucciso la piccola figlia, si snoda una lunga serie di confessioni, forse un pochino troppo lunga,  che ci svela tutti [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 maggio 2013
Flyanto

 Film in cui, attraverso le confessioni personali di alcuni personaggi, dall'insegnante di una scuola media ad alcuni dei suoi alunni, si dispiega una vicenda di sottile vendetta per l'omicidio di una bimba di 4 anni. Ogni personaggio racconta le motivazioni del proprio operare, giustificandolo quasi. Ma ciò che ne emerge è solo un'universale crisi di valori che non trova [...] Vai alla recensione »

domenica 19 maggio 2013
no_data

Il film è stato presentato al Far East Film Festival come uno dei film più degni di nota. Purtroppo, oltre a questo, non c'è molto altro di importante da sottolineare: se questo è uno dei migliori prodotti della cinematografia orientale, allora quest'ultima ha la febbre e anche molto alta. A mio parere, la pellicola è un misto tra un video musicale ed uno [...] Vai alla recensione »

domenica 17 novembre 2013
dargam

Ritratto onirico eppure ancorato alla realtà, si rimane suggestinati dai continui motivi di questa pellicola, che è un autentico capolavoro per linguaggio e stile. Da rivedere per capirlo appieno

venerdì 6 maggio 2011
elisadz

mercoledì 29 giugno 2011
shining

Genialissimo revenge movie giapponese ricco di eccezionali colpi di scena! Ciò che più colpisce però è l'incredibile perfezione estetica del film, una gioia per gli occhi!

martedì 16 aprile 2013
Johseph

Sceneggiatura di classe,  la storia, ricca di sorprese, si incastra a meraviglia. Da vedere assolutamente.

lunedì 12 agosto 2013
Henry90

Un film realizzato in maniera magistrale e con una regia superlativa. E' molto bello il modo in cui il film è diviso secondo i punti di vista dei differenti personaggi e questo permette una maggiore identificazione e condivisione del loro pensiero. Fino alla fine rimarrete incollati allo schermo, ansiosi di sapere come procederà la catena degli eventi, la quale sarà destinata [...] Vai alla recensione »

martedì 10 maggio 2011
aksel07

Geniale con un finale inaspettato. Come in Kamikaze girls le immagini sono stupende.

domenica 31 marzo 2013
Kronos

Il cinema orientale contemporaneo ha molti estimatori (generalmente insinceri) e altrettanti detrattori (solitamente sinceri). I primi dicono di apprezzarne il linguaggio fiammeggiante, gli svolazzi dadaistici, la crudeltà senza mediazioni. I secondi odiano l'improvvisazione, il dilettantismo di gran parte delle sceneggiature, l'insipienza di attori/attrici, il didascalismo insistito [...] Vai alla recensione »

mercoledì 29 luglio 2015
nerazzurro

Confessions e un drammatico viaggio sulle note della vendetta e della follia. Un thriller che tiene incollati allo schermo. Da vedere

sabato 23 novembre 2013
Kyotrix

Di solito i film artistici ( con scene particolari ) non mi piacciono, ma questo mi ha preso dall'inizio alla fine. La vendetta è un piatto che va servito freddo...

mercoledì 21 maggio 2014
stefano capasso

Moriguchi insegnante in una classe di adolescenti svagati, medita un piano di vendetta contro due di loro che le hanno ucciso la piccola figlia. Usando il pretesto di un possibile contagio da sangue infetto di Hiv fa vivere ai due autori un periodo terribile. Attraverso il tema della vendetta e della malattia infettiva viene indagato il motivo che spinge a comportamenti atroci.

sabato 17 agosto 2013
astromelia

secondo me se noteva fare anche a meno,non aggiunge nulla al filone semitragico giapponese o per meglio dire orientale.film figli di un'altra cultura,chi grida al capolavoro evidentemente si è perso film degni di questa nomea,

sabato 20 luglio 2013
yuri.totani

Film tragico ad atta tensione sul disagio giovanile e la vendetta, pecca nell'estremizzare le situazioni. Oltre al citato "Delitto e castigo"  mi ha fatto ricordare "Rashomon", il "TIto Andronico" di Shakespeare, "Nodo al collo" di Hitchcok. Dello stesso genere consiglio "Harmful insect" di Akihiko Shiota.

sabato 18 maggio 2013
pensierocivile

Abbagliante, travolgente (nonostante la lentezza del suo incedere), impetuoso. CONFESSIONS è un film senza limiti, senza equilibrio, eppure affascinante e straordinario: Nakashima non contempla la vicenda ne è parte integrante in un flusso continuo di creazione e anticipazione senza argini, rallenta continuamente, distorce una realtà che non vuole raccontare come quotidianità, ma come follia di massa, [...] Vai alla recensione »

lunedì 22 aprile 2013
no_data

le confessioni gridate fanno più rumore ma meno effetto di quelle sussurrate. il caleidoscopio delle tante CONFESSIONI, ricorda alla lontana il grande RASHOMON, ma nel nuovo millennio la tecnologia  fa da padrona dei nostri destini, mentre nell'altro secolo, molti ma moltissimi secoli fa, era ancora la natura, gli alberi, le ombre, l'acqua, il sole ad accarezzare le vicende umane. [...] Vai alla recensione »

domenica 4 settembre 2011
molenga

...degli adolescenti giapponesi, non scadente come "suicide club" ma deludente. Una giovane insegnante ha perso la figlioletta: a ucciderla sono stati due suoi alunni, ch'ella mette in una situazione terribile per"vendicarsi"....terribile è l'occhio con cui il film sembra voler comprendere ogni tipo di disago giovanile:un genietto vuol essere riconosciuto dalla madre [...] Vai alla recensione »

domenica 12 maggio 2013
themove

molto fumetto giapponese e per questo può anche piacere agli estimatori del genere... per il resto fiacco lento banale e involontariamente ridicolo: ma quanto si prendono sul serio poi! qualcuno ha scomodato Rashomon... per favore lasciamo riposare in pace i grandi del cinema giapponese, da tempo tramontato. 

venerdì 26 aprile 2013
Effe82

In quale realtà parallela questo film è stato nominato all'Oscar?

Frasi
Fu allora che sentii per la prima volta il suono di qualcosa di importante che sparisce per sempre
Shuya Watanabe (Yukito Nishii)
dal film Confessions - a cura di The girl with a fan
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Ci sono registi talentuosi che sentono l'urgenza di manifestare la propria bravura a ogni inquadratura, in uno sfrenato (auto)compiacimento barocco. In Italia ne soffre spesso Sorrentino, ma il giapponese Tetsuya Nakashima ne fa quasi un'arte supplementare, elevando una storia atroce di vendetta, impensabile in Occidente, a un'irrefrenabile bellezza visiva e una sbalorditiva ricchezza di idee, che [...] Vai alla recensione »

Maurizio Acerbi
Il Giornale

Una prof delle medie ha perso la figlia di quattro anni, annegata in piscina. Sembra un incidente ma lei sa che i colpevoli sono due alunni della sua classe, impuniti per legge perché troppo piccoli. Per vendicarsi inietta, nel loro latte in scatola, del sangue infetto da Aids. E' solo l'inizio. Tanti i temi trattati: dalla punibilità dei minori alla inadeguatezza educativa di docenti e genitori, dalla [...] Vai alla recensione »

Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Nel suo discorso di commiato alla classe di I superiore, un'insegnante giura vendetta a chi ha causato la morte di sua figlia di 4 anni, trovata annegata in una piscina. La donna è infatti convinta che il colpevole sia tra quegli alunni, superficiali e omologati dalle tecnologie. La sua promessa si traduce in un vorticoso crescendo di gesti che coinvolgono altre vite innocenti fino a punire il giovane [...] Vai alla recensione »

Giona A. Nazzaro
Il Manifesto

Confessions di Tetsuya Nakashima giunge nelle sale italiane con ben tre anni di ritardo. A salvarlo dall'oblio, la benemerita Tucker Film cui si deve anche L'estate di Giacomo di Alessandro Comodin. Nonostante sia stato candidato all'Oscar, il film di Nakashima, noto soprattutto per il coloratissimo Kamikaze Girls, film simbolo del genere kawaii, è rimasto nell'ombra del culto degli iniziati di cose [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Un atroce delitto ai danni della figlia piccola di un'insegnante del liceo scatena gelida vendetta raccontata attraverso quattro punti di vista, sia del mondo adulto che di quello studentesco. Impossibile non pensare a Rashomon ma se il capolavoro di Kurosawa raccontava l'ipocrisia nel Giappone di ieri, Confessions di Nakashima esplora il nichilismo delle giovani generazioni nipponiche arrivando a [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
lunedì 22 aprile 2013
Chiara Renda

Con la giornata di domenica il Far East Film Festival è entrato nel vivo dello spettacolo con il film di denuncia National Security, storia basata sulle memorie di Kim Geun-tae, attivista democratico che durante il periodo della dittatura militare coreana [...]

VIDEO
venerdì 29 marzo 2013
Chiara Renda

È troppo luminoso... È troppo potente... Queste le parole, cantate dalla voce tormentata di Thom Yorke, che accompagnano le immagini del primo trailer italiano in esclusiva di Confessions. Trenta secondi che - attraverso le note di "Last Flowers" dei [...]

NEWS
lunedì 2 maggio 2011
Nicoletta Dose

All'ombra degli ombrelloni, seduti sulle sedie sdraio come d'estate, i cinefili del Far East hanno trovato il luogo ideale per chiacchierare di cinema. Crocevia di incontri e scontri intellettuali, l'atrio e il giardino del Teatro Nuovo rappresentano [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati