Mar Nero

Film 2008 | Drammatico 95 min.

Regia di Federico Bondi. Un film Da vedere 2008 con Ilaria Occhini, Dorotheea Petre, Corso Salani, Vlad Ivanov, Maia Morgenstern. Cast completo Genere Drammatico - Italia, Francia, Romania, 2008, durata 95 minuti. Uscita cinema venerdì 30 gennaio 2009 - MYmonetro 3,26 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Mar Nero tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Angela è una badante romena che si occupa di Gemma, un'anziana signora che vive a Firenze. Quando il marito di Angela scompare, le due donne decidono di partire insieme per la Romania. Il film ha ottenuto 1 candidatura ai Nastri d'Argento, 1 candidatura a David di Donatello, In Italia al Box Office Mar Nero ha incassato 125 mila euro .

Mar Nero è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Consigliato sì!
3,26/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,17
PUBBLICO 3,22
CONSIGLIATO SÌ
Alla sua opera prima Federico Bondi si mostra assolutamente in grado di lavorare con gli attori ottenendo da essi il massimo.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Angela è appena giunta in Italia dalla Romania avendo trovato un posto come badante a Firenze. La donna anziana di cui si deve occupare è Gemma che ha un figlio sposato che vive a Trieste. Il marito le è appena morto e ha bisogno di aiuto. È però una donna dal carattere molto rigido e autoritario e fa fatica ad accettare che una sconosciuta le giri per casa. Progressivamente però si affeziona alla giovane romena che desidera mettere da parte un po' di soldi per poi poter avere un figlio dal marito Adrian. Il quale però, durante le festività natalizie, smette di rispondere alle sue telefonate. Angela, che ha saputo che l'uomo è stato licenziato, vuole tornare in Romania per affrontare la realtà.
"Gemma è mia nonna e Angela è stata la sua 'badante'". Così dichiara Federico Bondi. È quindi dalla costante osservazione del rapporto instauratosi tra due persone reali che nasce una sceneggiatura riveduta poi da Ugo Chiti. Alla sua opera prima il giovane regista toscano rivela già una notevole propensione alla sobrietà stilistica e, al contempo, si mostra assolutamente in grado di lavorare con gli attori ottenendo da essi il massimo. Ogni singolo gesto di quella grande attrice che è stata ed è Ilaria Occhini rivela la fiducia reciproca che è intercorsa tra regista e attrice. Qualcuno potrà trovare l'argomento un po' d'occasione ma non è così. Lo si avverte soprattutto nell'attenzione che viene prestata all'evoluzione della dinamica del rapporto tra le due donne. Gemma rivede se stessa giovane in Angela, un po' alla volta e superando i pregiudizi. La Romania odierna ricorda ancora troppo da vicino l'Italia del secondo dopoguerra per non indurre raffronti e la volitiva fiorentina finisce con l'apprezzare la quieta determinazione della romena che finisce con il considerare come una figlia. Il pudore dei sentimenti che si nasconde dietro un'iniziale ruvidità lascia progressivamente il passo a un'intimità che non si avvale mai della retorica dei buoni sentimenti. Un film d'esordio quindi come ce ne vorrebbero tanti nel panorama del cinema italiano.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

A Firenze Gemma è un'anziana signora cui il figlio Enrico ha procurato una giovane badante rumena, Angela. A poco a poco le due donne scoprono inattese affinità. Quando Angela deve rientrare in patria a cercare il marito, Gemma la accompagna. Esordio nel lungometraggio del fiorentino Bondi, ex operatore, montatore TV e documentarista, è un altro film (dopo Cover Boy - L'ultima rivoluzione , Civico zero , Il resto della notte ) sull'immigrazione rumena in Italia e, come gli altri, è stato immeritatamente trascurato dal pubblico. Scritto con Ugo Chiti e Cosimo Calamini, entrambi toscani, ha uno dei suoi pregi nella graffiante ironia, con unghiate all'ipocrisia sulla vecchiaia. Volutamente tenuto sul registro privato (con l'unica apertura collettiva nel capodanno della comunità rumena di Firenze dove si festeggia l'ammissione all'Unione Europea), c'è l'opposizione tra la grigia claustrofobia degli interni fiorentini e l'apertura geografica e umana della parte rumena dove Gemma rinasce a nuova vita. Esposto in una dozzina di festival stranieri, premiata la Occhini come miglior attrice a quello di Locarno, premi Giuria Ecumenica e Giuria Giovani.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
MAR NERO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 9 novembre 2020
Georges Méliès

Angela è sul treno che da Sulina, città della Romania, dove ha lasciato famiglia è amore, la porta a Firenze, dove ad aspettarla, o forse no, c'è Gemma( interpretata grandiosamente da Ilaria Occhini), un'anziana donna, da poco vedova e madre di un solo figlio, Enrico, che vive a Trieste con la moglie. Gemma, indurita nel carattere dalla vita, dai dolori e da un forte [...] Vai alla recensione »

domenica 30 ottobre 2016
stefano capasso

Angela ha lasciato il suo Villaggio sul Mar Nero in Romania per cercare fortuna in Italia. Il suo fidanzato è rimasto a lavorare lì per pochissimi soldi, ma lei è determinata a cambiare le prospettive della loro vita, vuole una famiglia. Finisce per fare la badante a Gemma, una anziana signora di Firenze, che vive sola e già scottata dall’esperienza con la badante [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 dicembre 2009
Vittorio

Storia di puro sentimento, stupendamente interpretato riesce a toccare le corde del cuore..... Bello veramente!! Da vedere!!

martedì 5 gennaio 2010
alchechengi

Avevo intuito cenni autobiografici per la delicatezza e l'attenzione di alcuni tratti intimi e profondi. Il film rende onore e merito a tutte quelle persone che, proveniendo da una situazione disperata, cercano lavoro da noi e nel contempo ci alleviano in genere dall'accudire i nostri anziani. Un film delicato e che ti resta dentro soprattutto a chi, come me, ha avuto bisogno dell'aiuto di badanti, [...] Vai alla recensione »

martedì 13 aprile 2010
100spindle

Forse ho visto un film diverso ma io l'ho trovato lento, insigificante e squallido. Brava la Occhini che per me è l'unica nota positiva del film che spero non sia stato finanziato da soldi pubblici.

Frasi
È meglio fare una cosa e pentirsi che non fare nulla e pentirsi uguale.
Una frase di Gemma (Ilaria Occhini)
dal film Mar Nero - a cura di Salvatore Lazzo
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Lara Ricci
Il Sole-24 Ore

Gemma e un'anziana vedo1 va tormentata da violenti dolori alle ossa e dal "tradimento" del figlio andato a vivere a centinaia di chilometri. Un supplizio che non le dà tregua e si traduce in lamenti e recriminazioni, in ondate di parole sgradevoli mai tenute a freno. Gemma non suscita pietà, è una donna insopportabile, inavvicinabile. Difficile piuttosto non provare empatia per il figlio.

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Due corpi e un continente, l'Europa, che troppo spesso consideriamo un'astrazione. I corpi appartengono a due donne che nulla hanno in comune, non l'età, né la cultura né il censo. Il primo è il corpo sofferente di Gemma (una grande Ilaria Occhini, tutta rabbia e affetti repressi, giustamente premiata a Locarno), anziana fiorentina inasprita dagli anni e dalla recente vedovanza, "parcheggiata" dal [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Liberazione

Nordafricani, albanesi, zingari. Ora romeni. Il babau viene sempre da lontano, i nostri politici e il qualunquismo di una società ormai terrorizzata puntano il dito sul mappamondo e a seconda del flusso migratorio prevalente -spesso neanche per quantità ma semplicemente per qualità dell'informazione che se ne occupa- decidono il popolo, il paese e la cultura contro cui scatenare la xenofobia degli [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Che quello dell' esordiente Federico Bondi sia un "occhio cinematografico" ce lo dimostra l' inquadratura in cui appare per la prima volta Gemma: da lontano, attraverso il cristallo appannato di una macchina. Poco a poco faremo conoscenza con l' anziana signora e con la sua badante, la giovane Angela; poco a poco, il loro rapporto evolverà dalla diffidenza alla comprensione.

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Tenera e toccante commedia del carneade Federico Bondi, girata in stretta economia in una Firenze fortunatamente antituristica, che con un pizzico (sopportabile) di demagogia spalanca la porta all'Europa allargata. Mar Nero è la storia dell' imprevedibile amicizia tra la scorbutica vedova Gemma e la dolce badante Romena Angela (Dorotheea Petre), accolta nell'appartamento con malcelata ostilità.

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Ci vuole un'Angela. Una giovane rumena di nome Angela, arrivata in Italia dal Mar Nero (questo il titolo della delicata opera prima di Federico Bondi) per accudire un'anziana bizzosa di Firenze, Gemma. La quale non ne vuole sapere di avere quell'estranea per casa: il territorio è suo, e dalla morte del marito qualsiasi altra presenza viene vissuta come un'occupazione indebita.

Roberto Silvestri
Il Manifesto

Molti rumeni, oltre a essere latini, oltre a essere culturalmente vicini a noi del «sud europa», veneti compresi, perché il Mediterraneo e il Mar Nero comunicano da secoli, oltre ad essere eredi di chi ospitò l'esule politico Ovidio «mai più schiavo di Roma»), oggi vengono a lavorare qui e diventano via via italiani al 100%, così come lo sono tanti senegalesi, indiani, peruviani, cinesi.

NEWS
NEWS
venerdì 30 gennaio 2009
Lisa Meacci

Spinte rivoluzionarie In questo weekend ancora pienamente invernale, il cinema non ci tradisce mai, e anche per questa settimana si fa trovare pronto con importanti arrivi. Partiamo dal grande ritorno della titanica coppia Leonardo DiCaprio - Kate [...]

NEWS
lunedì 18 agosto 2008
Giancarlo Zappoli

Un festival in equilibrio tra cinema di ricerca e film per grande pubblico Ilaria Occhini, una delle grandi attrici del teatro e della televisione italiani forse un pò troppo rapidamente dimenticate, ha vinto il premio quale migliore attrice al 61° Festival [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati