Quell'estate felice

Film 2007 | Drammatico 111 min.

Regia di Beppe Cino. Un film con Olivia Magnani, Dario Costa, Djoko Rosic, Giovanni Argante, Sergio Friscia. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2007, durata 111 minuti. Uscita cinema venerdì 20 febbraio 2009 - MYmonetro 3,00 su 1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Quell'estate felice tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento lunedì 29 giugno 2015

Estate del 1951in Sicilia. Il giovane professore Angelo Amato ama non riamato la più bella e misteriosa ragazza del paese, Maria Venera. Cinquantanni dopo, il Professore ormai invecchiato si rivedrà raccontato in un film. In Italia al Box Office Quell'estate felice ha incassato nelle prime 8 settimane di programmazione 5,7 mila euro e 2 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,00/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
Critica
Premi
Cinema
Trailer
Com'eravamo innamorati nell'estate felice degli anni Cinquanta e nella Sicilia di Bufalino.
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 23 febbraio 2009
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 23 febbraio 2009

Nell'estate del cinquantuno Angelo Amato fu giovane e felice. Professore di lettere antiche, impiegato in un istituto magistrale di Modica, fu innamorato non corrisposto della nobile e assai volubile Maria Venera, ignorando l'amore devoto di una giovane studentessa che finì per sposare un meno avvenente collega. Diversi anni dopo, nel buio di una sala cinematografica, Amato rivede come in un film la sua gioventù e le affannose avventure del suo cuore. Tra fuitine e scandali d'amore, tra affittacamere avvenenti e studentesse infatuate, tra cocotte arrendevoli e amanti resistenti, scorre lenta la stagione del perduto amore.
Quell'estate felice conferma l'impressione che il cinema italiano sia vitale solo nei suoi margini, soprattutto quelli meridionali. Alla Puglia di Winspeare e alla Sardegna di Mereu si aggiunge ora (ma non da ora) la Sicilia di Beppe Cino. Questi autori condividono e rivelano un'inedita attenzione per la loro terra, mai fondale su cui innestare storie ma rivelatrice, per affinità o per contrasto, dei sentimenti dei loro personaggi.
Per il regista siciliano e per il suo protagonista guardare è una cosa del cuore e risponde all'urgenza di rivedersi come uomo e di ripercorrere la stagione dell'amore con i suoi desideri che "non invecchiano quasi mai con l'età". Libera e nostalgica trasposizione del romanzo di Gesualdo Bufalino ("Argo il cieco"), Quell'estate felice attraversa i luoghi della vicenda narrata illuminandoli della luce del passato. Un viaggio a ritroso nella memoria, nel privato mitico delle radici e nella cultura e nella tradizione della terra d'origine. Da quell'estate felice emerge la Sicilia degli anni Cinquanta, che non sfugge a una voluta ed elegante tipizzazione (giardini e facciate barocche, interni aristocratici, ritualità sacre e pagane) ma elude i clichè mafiosi e affida temi importanti come l'amore a Ovidio alle conversazioni di piazza e a quelle da salotto.
In questo mondo cresce emotivamente e sentimentalmente Angelo Amato, alter ego dello scrittore siciliano (o forse no), accompagnato dagli insegnamenti di un collega filosofo, di un vecchio aristocratico decadente o di un virtuoso del bughivù. Una crescita che lo condurrà alla bellezza e alla scoperta di sé. Il film è la lunga evocazione di un uomo che ha intrapreso davanti allo schermo cinematografico una ricognizione interna, un viaggio attraverso la parte più nascosta e recondita del sé. Il senso arcaico di appartenenza a un luogo, a un sentimento, a una donna, regala un fulcro di fuoco alla narrazione. Un tessuto narrativo capace di (ri)comporre momenti di un'educazione sentimentale che ha il carattere di un'illuminazione.
Gli interstizi di una giovinezza, raccontata e affidata allo spettatore, diventano, nel ricordo, finestre sul grande oceano di un'umanità semplice e ricca, ironica e grata. Un film che respira un sentimento del vivere molto intenso, cantando la ballata delle dame che furono in un paese che non c'è più, in una vita nova che non è più.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati