Un po' per caso, un po' per desiderio

Film 2006 | Commedia 106 min.

Regia di Danièle Thompson. Un film con Laura Morante, Cécile De France, Valérie Lemercier, Claude Brasseur, Albert Dupontel. Cast completo Titolo originale: Fauteuils d'orchestre. Genere Commedia - Francia, 2006, durata 106 minuti. Uscita cinema venerdì 16 giugno 2006 - MYmonetro 3,07 su 19 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Un po' per caso, un po' per desiderio tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Intreccio di vicende esileranti ma anche commoventi con sfondo la Ville Lumière. In Italia al Box Office Un po' per caso, un po' per desiderio ha incassato 361 mila euro .

Un po' per caso, un po' per desiderio è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING Compralo subito

Consigliato sì!
3,07/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,00
PUBBLICO 2,60
CONSIGLIATO SÌ
La commedia sentimentale e garbata di Danièle Thompson mette al centro dello schermo l'uomo e il suo bisogno di bellezza.
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 8 giugno 2006
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 8 giugno 2006

C'è un quartiere a Parigi dove l'arte si fa, si acquista, si esibisce e si respira. È Avenue Montaigne, la zona elegante delle sale da concerto, dei teatri, delle case d'aste e degli alberghi carichi di stelle. Fuori dalle loro hall e dentro al "Bar des Theatres" si incrocia un consorzio umano privilegiato: un concertista stanco di misurarsi con un pubblico borghese, un'attrice di teatro prestata alle soap opera che sogna il cinema e un collezionista che liquida la propria collezione d'arte per non morire "guardiano di un museo". Dall'altra parte del "bancone", del palcoscenico, li osserva un'umanità senza vocazione ma non per questo meno ispirata: la custode del teatro che ascolta Gilbert Becaud e raccoglie in "concierge" fiori e intimità, un giovane professore figlio malinconico e impacciato del collezionista e Jessica, cameriera per caso e spettatrice per desiderio dei tanti artisti che si trova a servire, a incoraggiare e a far confluire in quell'unica data, quella della "prima" e di una nuova vita.
La commedia sentimentale di Danièle Thompson mette al centro dello schermo l'uomo e il suo bisogno di bellezza. Col tono garbato con cui ha sceneggiato "il tempo delle mele" di Sophie Marceau, la regista confronta la precarietà dei suoi personaggi con la stabilità dell'arte e della forma. La farsa di Feydeau, esponente del teatro brillante di tardo Ottocento, il "Bacio" di Brancusi e il Concerto n.5 di Beethoven, che debutteranno a Parigi la sera del 17, rivelano la loro durata estetica contro la volubilità dell'esistenza e il consumo effimero della società dello spettacolo. Quella in frac e benpensante avversata dal pianista Jean-François Lefort, che rivendica per sé e la sua musica spontaneità e libertà. La sua arte vuole affrancarsi dai calendari delle agenzie internazionali di musica classica e smettere l'abito della professione per tornare a rappresentare lo smarrimento umano, per tornare ad esibirsi davanti a un pubblico più umano. La spettatrice ideale di Lefort è Claudie, factotum del teatro, che coglie tutto il dolore della vita e la tensione intesa a superarlo, dentro una canzone di Becaud o dentro la musica di Beethoven. Registri opposti che coesistono magnificamente anche nel valzer di Nicola Piovani.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
UN PO' PER CASO, UN PO' PER DESIDERIO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 8 aprile 2014
angelo umana

 D’accordo, “tu chiamale se vuoi …” commedie, d’accordo, sono leggere, fanno sorridere e fanno commuovere, ma questo non gli toglie valore. E’ impagabile la scena in cui il “pianista” di fama Albert Dupontel interrompe il concerto, si spoglia del frac e in maglietta e bretelle finalmente respira, confessa al pubblico che con quei vestiti e con quei [...] Vai alla recensione »

domenica 30 maggio 2010
angelo umana

Sliding doors sono le porte che si aprono per caso o perché a quelle tendiamo, le cose che potrebbero accadere, accadono, solo questione di porte che si aprono o che facciamo sì che s'aprano. D'accordo sulla apparente "leggerezza" di una commedia francese ma ... chi vuole condividere con me la bellezza del pianista che suona tra i malati in un ospedale, o la pelle d'oca che lo stesso pianista fà venire [...] Vai alla recensione »

lunedì 19 aprile 2010
don64

Film del genere azione tailandese interpretato in modo magistrale dal ben noto attore N.Cage che in questo film si impegna molto dando il meglio di se stesso.La trama e' buona come l'intero film.Nel complesso un film bello, interessante pieno di scene di azione .Voto 8

mercoledì 15 aprile 2009
Luviana

....

Frasi
"Una vita nuova è come una casa: alla tua età si costruisce, alla mia si compera"
Jacques Grunberg (Claude Brasseur)
dal film Un po' per caso, un po' per desiderio - a cura di Helene
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Elisa Grando
Ciak

Dopo il deludente Jet-Lag, dove era riuscita a soffocare nella melassa due tosti come Juliette Binoche e Jean Reno, Danièle Thompson torna a raccontare microcosmi ben definiti all'interno dei quali ci si scontra e confronta (come la famiglia allargata di Pranzo di Natale, il suo primo film). La commedia ruota intorno al quartiere parigino di Avenue Montaigne, luogo di teatri, sale da concerti e di [...] Vai alla recensione »

Aldo Fittante
Film TV

C'è, da tempo, un nuovo Claude Sautet nel cinema francese, ma quasi nessuno se n'è accorto, impegnato com'è a inseguire gli autoreferenziali, tediosi, poco emozionanti autori "parigini". Si chiama Danièle Thompson e come Sautet nasce sceneggiatrice. Tra le sue rare regie ricordiamo l'ottimo Pranzo di Natale e ora questo Un po' per caso un po' per desiderio, splendido esempio di "cinema di papà", scritto [...] Vai alla recensione »

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Se non si può stare sul palco, bene in vista e ben dentro la commedia, almeno si abbia l'accortezza di scegliersi una poltrona in prima fila. Da lì, spettatori plaudenti, si prenderà comunque parte allo splendore della messa in scena. Così la pensa Jessica (Cécile De France), attorno alla quale s'intesse Un po' per caso, un po' per desiderio (Francia, 2006, 106').

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Parigi all'alba, di notte e a ogni ora, il quartiere elegante di Avenue Montagne popolato di artisti, una ventenne di provincia alla scoperta della città. Il mito turistico di Parigi, irresistibile, è al centro del film umoristico e patetico abbastanza aggraziato: ogni tanto sembra di vedere «Un americano a Parigi», ogni tanto ci si chiede come sia possibile una visione tanto manierata e obsoleta della [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Se non sono straricchi non li vogliamo. E più che esclusivo il quartiere parigino in cui si intrecciano le storie raccontate da Danièle Thompson in Un po' per caso Un po' per desiderio: miliardari, musicisti, registi, attori. In somma, intorno all'Avenue Montaigne gira il mondo che ci fa luccicare gli occhi, il popolo dei semidei che ci appaiono del tutto staccati dalle piccolezze e dalle preoccupazioni [...] Vai alla recensione »

Serafino Murri
XL

La monegasca Danièle Thompson, soggettista e sceneggiatrice del classico di un'epoca Il tempo delle mele, torna dopo Pranzo di Natale a raccontare con il gusto dolceamaro di una certa commedia francese l'upper class artistica parigina che ruota attorno a un caffè del centro. Qui un angelo custode-cameriera assiste alle pene ordite dal destino alle spalle dei protagonisti, sballottati tra dubbi di fallimento [...] Vai alla recensione »

Pedro Armocida
Il Giornale

Dopo una lunga carriera di sceneggiatrice, suoi i tre episodi de Il tempo delle mele, Danièle Thompson da qualche anno ha deciso di passare dietro la cinepresa (Pranzo di Natale e Jet Lag). Ora è la volta di Un po' per caso, un po' per desiderio, scritto con Christopher Thompson. Un film complesso e ambizioso, prima di tutto per la coralità dei personaggi, più di 15, e poi perché con la scusa della [...] Vai alla recensione »

Gloria Satta
Il Messaggero

Affidereste il ruolo di Simone de Beauvoir a una nevrotica attrice di soap, una che mette l'aceto balsamico nel croissant per neutralizzare le calorie? Come giudichereste un pianista-star che, a dispetto della moglie manager, sogna di esibirsi gratis solo per malati e derelitti? E un miliardario disilluso che mette all'asta la collezione d'arte mentre la giovanissima amica gli mette le corna con suo [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Ancora una commedia parigina a tutti gli effetti, intrisa delle atmosfere, delle strizzatine d'occhio e delle compiacenze surreali care ai cultori del cinema francese. Un po' per caso un po' per desiderio («Fauteuils d'orchestre») può essere, così, classificato sia come chicca del genere scacciapensieri sia come film-gassosa con pretese di champagne: magari utilizzando come cartina al tornasole il [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati