Tokyo Eyes (Gli occhi di Tokio)

Film 1998 | Thriller 90 min.

Regia di Jean-Pierre Limosin. Un film con Shinji Takeda, Hinano Yoshikawa, Kaori Mizushima, Tetta Sugimoto, Ren Ôsugi. Cast completo Genere Thriller - Francia, Giappone, 1998, durata 90 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Tokyo Eyes (Gli occhi di Tokio) tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,00
CONSIGLIATO NÌ
Scheda Home
News
Critica
Premi
Cinema
Trailer
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Una storia tra la commedia romantica e il thriller poliziesco, con un imperdibile cameo di Kitano: un giovane viene ricercato dalla polizia, anche se senza capi di imputazione precisi, perchè spaventa le persone sparando colpi di pistola in aria, senza però ucciderle; la sorella diciassettenne dell'investigare che indiga su "Quattrocchi" (cosi' viene chiamato perchè indossa spessi occhiali da vista) incontra e si innamora di un giovane che poi si rivela essere proprio il ricercato degli strani reati. Una trama affascinante e con risvolti inaspettati.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Nella Tokyo di fine secolo c'è un giovanotto (Takeda) che si è inventato un ruolo di giustiziere: inforcando un paio di occhiali bifocali, spara alle sue vittime, scelte a ragion veduta, mancandole sistematicamente. Sui giornali lo chiamano Quattrocchi. Hinano (Yoshikawa), sorella adolescente di un poliziotto che indaga sulle sue imprese, lo induce con l'amore a lasciare il suo gioco e a ritornare alla vita reale. 4° film di Limosin che ha una sua idea di cinema, e sa tradurla in immagini suggestive con originali invenzioni di regia e qualche gala pleonastica. È in apparenza la storia di un criminale e di un'inchiesta poliziesca, ma, come nella vita reale, nulla è come sembra. Le sue componenti principali: a) il rapporto tra il protagonista e Hinano, interpretato da due giovani attori che hanno il dono raro della grazia; b) la scoperta di una città (una Tokyo inedita) e di una cultura da parte di un occhio "barbaro", quello di un francese; c) la dinamica, nell'era del videogame, tra reale e virtuale, tra gioco e vita; d) lo sguardo. Gli occhi e la città. Spesso gli attori "guardano in macchina". Altrettanto spesso ricorre il motivo del vetro: vetrine, finestrini, occhiali, schermi di computer. Il vetro è una protezione dal mondo. Tokyo Eyes è un film sensuale e casto sulla percezione.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati