Le acrobate

Film 1997 | Commedia 120 min.

Regia di Silvio Soldini. Un film con Valeria Golino, Licia Maglietta, Mira Sardoc, Roberto Citran, Sonia Gessner, Fabrizio Bentivoglio. Cast completo Genere Commedia - Italia, 1997, durata 120 minuti. - MYmonetro 3,09 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Le acrobate tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il titolo del film si ispira a "Le acrobate", tre piccole statue di terracotta della Magna Grecia esposte al Museo archeologico nazionale di Taranto.

Le acrobate è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,09/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,11
CONSIGLIATO SÌ
Un film dal fascino sottile che indaga criticamente l'abulia del reale attraverso personaggi che non si possono non amare.
Recensione di Marco Chiani
Recensione di Marco Chiani

Chimica in una ditta farmaceutica di Treviso, Elena investe con l'auto Anita, un'anziana signora di origine slave che vive in condizioni di indigenza; in maniera molto particolare, diventano amiche fino alla morte della misteriosa vecchina. Risoluta a sapere di più, Elena torna a casa di Anita, dove, rovistando tra le sue cose, trova delle cartoline inviate da Taranto. Decide allora di rintracciare il mittente che scoprirà essere Maria, una donna insoddisfatta del proprio matrimonio e madre della piccola Teresa.
Ulteriore capitolo di quel saggio sull'insoddisfazione che Silvio Soldini scrive di film in film, Le acrobate conclude, a suo modo, un'ideale trilogia iniziata con L'aria serena dell'Ovest e continuata col già compiuto Un'anima divisa in due. Ancora un racconto di fuga da un diffuso grigiore e dalla mancanza di una direzione certa che, cadenzato su toni narrativi di rilassato respiro, trova un terreno fertile nella scelta del femminile come obiettivo d'indagine. Differentemente dai due precedenti lungometraggi di finzione, qui, il regista esplora la condizione interiore di quattro donne, un'anziana, due adulte e una bambina, legate l'una all'altra, lasciando gli uomini, variamente farfalloni quando non ripugnanti soltanto sullo sfondo. Non privo di qualche compiacimento intellettualistico, soprattutto nella prima parte, forse un po' troppo simbolica con il personaggio dell'anziana slava che quasi rimanda ad una versione invecchiata della Pabe di Un'anima divisa i due, il film prende il volo a partire dall'incontro tra Elena, Maria e Teresa. Al di là dei facili stereotipi che vi si possono trovare, il loro viaggio verso il Nord è uno dei grandi pezzi di cinema italiano degli anni Novanta, quantomai vero, pulsante e ravvivato dall'interpretazione di due attrici in stato di grazia come Licia Maglietta e Valeria Golino.
Più controllato rispetto ai passati lavori e ancora abbellito dalla fotografia di Luca Bigazzi, Le acrobate è un film dal fascino sottile che indaga criticamente l'abulia del reale attraverso personaggi che non si possono non amare, forse perché ancora capaci di mettersi in gioco. Introspettivo, sfaccettato e sfuggente, richiede un pubblico disposto ad ascoltare il dolore della crisi esistenziale e ugualmente pronto a cogliere i cambiamenti che derivano da un incontro. Breve ruolo per Fabrizio Bentivoglio, l'amante di Elena, presente anche nei due film precedenti e fugace apparizione del regista sulla funivia.

Sei d'accordo con Marco Chiani?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Impersonato da un'anziana slava (M. Sardoc), il caso fa incontrare due donne, la benestante Elena (L. Maglietta) di Treviso e la malmaritata Maria (V. Golino) di Taranto, entrambe insoddisfatte, ma non rassegnate. Insieme fanno un viaggio che finisce tra le cime innevate della Val d'Aosta. Non dramma né racconto psicologico, tocca temi gravi, ma con delicatezza. Registra malessere sociale e disagi esistenziali, ma si affaccia alla speranza, alla volontà di cambiare. Fondato su un quadrilatero femminile, con gli uomini sullo sfondo, ha 2 ottime protagoniste. Cammina sulle punte, in alto, in equilibrio precario e difficile. Ha trovato estimatori, non un pubblico: appartiene all'infelice categoria dei film che non si consumano, ma durano.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
LE ACROBATE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 7 marzo 2017
LBavassano

Gli oggetti che lasceremo dietro di noi, l'accumulo di cianfrusaglie, dei ricordi della nostra vita, che parleranno della nostra vita, a saperli ascoltare, che porranno domande a chi avrà la pazienza di cercare le risposte, l'umano interesse a farlo. E' questo lo spunto da cui parte il film di Silvio Soldini, quello che gli dà l'abbrivio, peccato che poi scelga un'altra [...] Vai alla recensione »

domenica 20 luglio 2014
stefano capasso

Ho visto Le acrobate di Silvio Soldini, un film che definirei magico con tanti collegamenti simbolici e coincidenze che si ritrovano e si verificano grazie allo spirito magico delle protagoniste della storia. Elena, biologa, vive a Treviso. E’ divorziata ed ha un compagno che la riempie di attenzioni, ma che non le dà quello che cerca.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati