Il mistero von Bulow

Film 1990 | Drammatico 111 min.

Regia di Barbet Schroeder. Un film con Glenn Close, Jeremy Irons, Ron Silver, Annabella Sciorra, Jack Gilpin, Uta Hagen. Cast completo Titolo originale: Reversal of Fortune. Genere Drammatico - USA, 1990, durata 111 minuti. - MYmonetro 3,59 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il mistero von Bulow tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Si tratta di una storia vera narrata in un romanzo dell'avvocato Alan Dershowitz. Il film ha ottenuto 3 candidature e vinto un premio ai Premi Oscar, ha vinto un premio ai David di Donatello, 4 candidature e vinto un premio ai Golden Globes,

Consigliato sì!
3,59/5
MYMOVIES 2,75
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,34
CONSIGLIATO SÌ

Si tratta di una storia vera narrata in un romanzo dell'avvocato Alan Dershowitz. Il film inizia subito con un involontario riferimento a Viale del tramonto, infatti in entrambi è la vittima che narra: nel film di Wilder, William Holden ucciso, mentre in questo è Glenn Close in coma. Lei è Sunny e per due volte il marito Claus von Bulow ha cercato di ucciderla. Dopo il coma, durante un processo l'uomo viene ritenuto colpevole ma in un successivo appello Dershowitz riesce a scagionarlo. Schroeder, grande produttore del cinema francese anni Sessanta e regista di vari film interessanti tra i quali Barfly è il più recente, costruisce la pellicola con indubbia bravura e con grande misura. Per un eccesso di precisione tuttavia aleggia una certa freddezza che preclude buona parte di pubblico. Contagiati anche gli attori. Jeremy Irons ha vinto l'Oscar come migliore attore protagonista, sorta di compensazione alla sua ben più meritevole interpretazione nel doppio ruolo di Inseparabili di David Cronenberg.

Recensione di Stefano Lo Verme

Nel dicembre 1980, la ricchissima ereditiera Sunny von Bülow entra in coma irreversibile per cause misteriose; i suoi figli sospettano che a provocare il coma sia stato il secondo marito della donna, Claus von Bülow, e lo trascinano in tribunale con l'accusa di tentato omicidio. Condannato dalla sentenza di primo grado, von Bülow si rivolge al noto avvocato Alan Dershowitz affinché assuma la sua difesa.
Il "mistero von Bülow" è stato uno degli eventi più clamorosi e discussi nella cronaca americana degli ultimi decenni: personaggio centrale della vicenda è la ricca Sunny von Bülow, regina dei salotti dell'alta società, che dal 1980 giace in uno stato vegetativo permanente in un letto d'ospedale. Nel 1982 il marito della donna, un aristocratico di origine danese di nome Claus von Bülow, fu processato per il tentato omicidio di Sunny; condannato in primo grado, venne assolto in appello nel 1984 grazie alla brillante difesa di Alan Dershowitz, professore di legge ad Harvard. Dershowitz raccontò le fasi del processo nel libro Reversal of fortune, dal quale nel 1990 è stato tratto il film Il mistero von Bulow, diretto dal regista francese Barbet Schroeder e sceneggiato da Nicholas Kazan, con Jeremy Irons nel ruolo di Claus von Bülow, Glenn Close in quello di sua moglie Sunny e Ron Silver nei panni dell'avvocato Dershowitz.
Rispetto alla maggior parte dei titoli appartenenti al genere processuale, la pellicola di Schroeder si presenta piuttosto come un sottile dramma psicologico che, attraverso un'analitica ricostruzione del "giallo" dei von Bülow, pone una serie di interrogativi morali lasciando che sia lo spettatore a dare una risposta. La voce narrante del film è quella di Sunny, che dal proprio letto d'ospedale ripercorre i suoi quattordici anni di matrimonio con l'affascinante playboy Claus von Bülow, i loro problemi coniugali e la depressione che l'affliggeva da tempo; è la voce di una donna che giace in un coma dal quale non si risveglierà mai più, e che assomiglia in maniera sinistra alla voce del "morto che parla" in Viale del tramonto. Ma il nostro punto di osservazione è quello di Alan Dershowitz, avvocato idealista che, dopo un'iniziale riluttanza ad assumere la difesa del mellifluo von Bülow, accetta di diventare "l'avvocato del diavolo", sulla base del principio che chiunque ha diritto ad un giusto processo.
L'originalità del film di Schroeder sta proprio nel non voler sciogliere l'ambiguità di fondo della storia, rifiutandosi di offrire soluzioni consolatorie per proporre piuttosto un giallo destinato a rimanere senza risposta. Von Bülow è colpevole oppure no? La pellicola ci mostra entrambe le possibilità, ma non cancella i dubbi dello spettatore, tenendoci in una sgradevole sensazione di incertezza che si prolunga anche dopo la fine del film. Alla precisione della sceneggiatura e all'eleganza della confezione (inclusa la fotografia dai toni freddi di Luciano Tovoli) va aggiunto un magistrale terzetto di protagonisti; due anni dopo Inseparabili di Cronenberg, l'inglese Jeremy Irons si è aggiudicato il premio Oscar come miglior attore ed il Golden Globe per la sua superba e misurata interpretazione nella parte di von Bülow.

Sei d'accordo con Stefano Lo Verme?

IL MISTERO VON BULOW disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 2 luglio 2017
paolp78

Dramma giudiziario che non riesce a coinvolgere. Il difetto della pellicola è costituito dalla scelta (obbligata in realtà, trattandosi del grado d'appello) di mettere in scena l'attività di studio e preparatoria del collegio di difesa, anziché puntare sulle fasi processuali che cinematograficamente rendono sempre molto.

lunedì 20 giugno 2016
Luigi Chierico

Una terribile verità avvolta nel mistero affidata a due colossi del cinema: Glenn Close e Jeremy Irons, entrambi pluripremiati anche con Oscar. Una terribile storia iniziata nel lontano 1980, narrata nel 1990, conclusasi solo nel 2008 con la morte a 76 anni di Sunny von Bulow, dopo essere stata in coma profondo per 30 anni. Da quanto si legge ci si aspetterebbe un film profondamente triste,carico di [...] Vai alla recensione »

martedì 16 febbraio 2010
pmgto

Io mi stupisco che certi attori, peraltro assai capaci, diventino invisibili sia per i recensori che per gli spettatori. Johann Carlo non avrà un grosso curriculum cinematografico, è una attrice e regista teatrale in quel di NY, ma non ricordarsi di le come moglie di John Torturro in QUIZSHOW, mi indigna profondamente. Inoltre, per lavoro, ho spesso a che fare coi vari dizionari sul cinema(Mereghetti [...] Vai alla recensione »

domenica 11 gennaio 2015
Onufrio

Claus Von Bulow è accusato di omicidio nei confronti della moglie Sunny, la sua voce fuori campo dal letto di ospedale dove riversa in coma irreversibile parla chiaro: suo marito è colpevole. Dopo due sentenze di colpevolezza, Claus si rivolge all'avvocato Dershowitz per proclamare la sua innocenza. Tratto da una storia vera, il film è ben costruito, soprattutto dal punto di [...] Vai alla recensione »

domenica 18 maggio 2014
toty bottalla

Il caso von bulow come emblema, il modo di dire: "la giustizia non è di questo mondo" calza a pennello o come un guanto se preferite, la fase narrativa: caratterizzata dalla voce fuori campo della defunta protagonista e da svariati fashback non appassiona del tutto, l'elaborazione degli eventi è un pò confusa, vaga e sonnecchiante, carenze compensate da una buona [...] Vai alla recensione »

Frasi
Il tempo corre in una sola direzione: va avanti.
Una frase di Sunny von Bulow (Glenn Close)
dal film Il mistero von Bulow
winner
miglior attore
Premio Oscar
1990
winner
miglior attore straniero
David di Donatello
1991
winner
miglior attore
Golden Globes
1991
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati