Le cose in te nascoste

Un film di Vito Vinci. Con Lea Mornar, Luigi Iacuzio, Elena Bouryka, Giovanni Izzo, Francesco De Sapio.
continua»
Drammatico, durata 80 min. - Italia 2008. uscita venerdì 28 novembre 2008.
Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * 1/2 - -
 critican.d.
 pubblicon.d.
Trailer Le cose in te nascoste
Il film: Le cose in te nascoste
Uscita: venerdì 28 novembre 2008
Anno produzione: 2008
Fabrizio e Chiara si incontrano in una sera di pioggia e si innamorano perdutamente l'uno dell'altra.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Trailer
primo piano
Rapina a mano armata nei non luoghi di Roma. Cinema indipendente che coglie l'anima e le derive di esistenze normalizzate
Marzia Gandolfi     * * 1/2 - -

Fabrizio ha un lavoro precario e una moglie in attesa di un figlio indesiderato. Durante un temporale e dentro una farmacia incontra Chiara, una giovane donna occupata in un negozio di abbigliamento. Chiara ha due lauree e un'inquietudine profonda che la spinge tra le braccia di amanti occasionali. Insieme a Fabrizio e a un terzo complice progetteranno di rapinare la banca di un centro commerciale, nella speranza di ricominciare e di trasformare in straordinario la loro ordinaria normalità.
I protagonisti del film di Vito Vinci vivono in uno stato di perenne insoddisfazione ma ugualmente pensano che tutto sia ancora possibile. Fabrizio e Chiara immaginano l'orizzonte di un altrove e il loro sogno è fatto di soldi e materializzato nell'immagine convenzionale di una fuga. La mediocrità della loro ambizione è riscattata dalla capacità e dal coraggio, quand'anche attraverso un atto criminale, di passare dal dire al fare, di uscire dalla stasi (il posto fisso o quello precario) per giocarsi letteralmente la vita. Attraverso la maschera del noir-poliziesco, Vito Vinci racconta la prigionia di una vita normale, l'incapacità di affrontare la realtà, di afferrare la felicità, la poesia e il sogno della fuga, vocazione illusoria e luogo della possibilità.
L'autore lavora sulla decostruzione temporale, costruendo e giustapponendo, attraverso un passaggio brusco fra passato e presente, una serie di quadri che costituiscono le tessere della storia e i momenti in cui personaggi fanno le loro scelte. Del resto il tempo che passa e incalza fino all'esito tragico della vicenda è un elemento importante del film: è la dimensione della crescita e della realtà, segna il desiderio di cambiamento e l'urgenza di fuggire prima che sia la vita a sfuggirti, prima che sia troppo tardi. Le cose in te nascoste non si diletta in universi della porta accanto (appartamenti, soppalchi, cucine e tinelli) ma abita i posti affollati che non pongono interrogativi a chi li frequenta e hanno come sfondo il consumo: centri commerciali, stazioni, mercati. Non luoghi che privilegiano la dimensione della breve durata e ammettono, anzi richiedono, la trasformazione rapida. Gli ambienti, le vie, le atmosfere metropolitane disegnano una zona limite che nasconde, sotto un'apparente normalità, una nuova antropologia, un sistema socio-culturale anomalo e un desiderio fuori misura che fa deragliare esistenze normalizzate. Il film di Vito Vinci è un piccolo tesoro da scoprire in cui si osserva una qualità estetica e si accompagna la capacità di cogliere e restituire l'anima e le derive di un popolo.

Stampa in PDF

* * * * -

La forza dell'interiorità

sabato 6 dicembre 2008 di Oscar

Le cose in te nascoste, è un film nuovo, diverso dal solito. Il regista Vito Vinci con coraggio crea una rete di angoscia attraverso tasselli non collegati temporalmente che hanno la forza espressiva dei volti degli attori. Viene usata poco la parola e spesso quando c'è è mentale, ma questa non è la debolezza del film anzi. Certo Vinci si avvale di un cast che gli permette di riuscire pienamente ad usare un linguaggio espressivo ed espressionista. Nella parte finale del film quando i personaggi continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Le cose in te nascoste adesso. »

I misteri di un'escalation criminale

di Maurizio Cabona Il Giornale

«Meglio un delinquente che un borghese», diceva Ernst Jünger quand'era giovane. Poi si scontrò con un ampio numero di delinquenti organizzati in Stato e probabilmente si pentì del confronto. Vito Vinci avrà letto Jünger? Nelle Cose in te nascoste propone due giovani che diventano delinquenti, visto che non sanno esser borghesi. Il suo film passa da un ron-ron di semi-emarginazione a un'impennata criminale senza vera giustificazione. Un po' gratuita, insomma. Per gli esigui mezzi, l'opera è dignitosamente (almeno è breve) irrisolta, pur corrispondendo agli scopi dell'autore. »

Le cose in te nascoste | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1° | oscar
Rassegna stampa
Maurizio Cabona
Uscita nelle sale
venerdì 28 novembre 2008
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità