Advertisement
Il TFF38 scommette sullo streaming. Il Festival quest'anno è interamente disponibile su MYmovies

Fino a sabato 28 novembre saranno visibili in streaming tutti i film del festival, con un massimo di 14 titoli al giorno, acquistabili singolarmente o con formule in abbonamento. NOLEGGIA UN FILM A € 3,50 OPPURE ACQUISTA UN CARNET OPPURE ABBONATI »
di Roberto Manassero

venerdì 20 novembre 2020 - Torino Film Festival

Dopo il Dpcm dello scorso 25 ottobre, che ha sancito la chiusura delle sale cinematografiche almeno fino al prossimo 24 novembre, anche il Torino Film Festival ha deciso gioco forza di migrare on line la programmazione della sua 38esima edizione. Fino a sabato 28 novembre su MYmovies saranno disponibili tutti i film del festival, con un massimo di 14 film al giorno, acquistabili singolarmente o con formule in abbonamento, e disponibili per 48 ore dalla messa a disposizione.

NOLEGGIA UN FILM A € 3,50 OPPURE ACQUISTA UN CARNET O ABBONATI

Non è stato facile, per un festival così radicato nella propria città e così legato alla partecipazione del pubblico, metropolitano e no, dover rinunciare alla sala. È stato però inevitabile, e dunque la prima edizione del Torino Film Festival diretta da Stefano Francia Di Celle sarà anche la prima priva di sale e «in assenza»: un peccato, certo, ma un destino condiviso con tanti altri festival (in questi giorni, sempre sulla piattaforma di MYmovies, si sta tenendo il Festival dei Popoli di Firenze e dal 27 comincerà il Filmmaker Festival di Milano) e soprattutto, spinto dalla circostanze, un inevitabile salto evolutivo che ormai pare consolidato.

Non è chiaro come si svilupperà il sistema dei festival nei prossimi anni, eppure non è per forza sbagliato pensare che i film programmati dal Torino Film Festival e da altre manifestazioni simili possano essere visti anche da chi, a un festival, non ha mai potuto o voluto andarci. Sarà un po’ una visione retorica da ufficio stampa, ma fino a prova contraria è anche la verità.

Una manifestazione cinematografica è ben altro, lo sappiamo, è incontro, esperienza, condivisione, ma anche in condizioni poco ideali un film rimane un dialogo con lo spettatore, possibile tanto in sala quanto nel privato di un’abitazione, di un televisore, di un computer. Anche per questa 38esima edizione, dunque, il Torino Film Festival presenterà il concorso di opere prime e seconde, i concorsi di documentari italiani e internazionali, i corti italiani, i restauri e la sperimentazione (con la nuova sezione "Le stanze di Rol") come ha sempre fatto. E non è detto che in futuro non si possano mantenere quelle che ormai sono le due anime di ogni festival: quella in presenza, oggi negata, e quella digitale, fino a prova contraria sempre possibile.

Al Festival, poi, lo shock per l’assenza di un luogo fisico, di una presenza reale nella città e nei suoi spazi, è stato in parte compensato dalla decisione di allestire un programma di eventi online in diretta. Una sorta di palinsesto televisivo che propone fin dal mattino incontri con i registi, masterclass, dialoghi col pubblico, presentazioni di libri e di progetti culturali e servirà a rendere più vivi i nove giorni del festival, trasformando gli account social e il canale YouTube in un canale di comunicazione diretto.

Oltre alle conferenze stampa a distanza dei film in concorso (e anche qui, pensiamoci: fino a nove mesi fa un regista assente a un festival era una presenza muta, oggi sono sdoganati i video di presentazione e pure gli incontri in streaming al termine della proiezione), ci saranno le masterclass di Aleksandr Sokurov, Mohsen Makhmalbaf, Waad Al-Khateab (la regista di Alla mia piccola Sama), Taghi Amirani e Walter Murch; gli interventi degli allievi delle scuole di cinema selezionate nel fuori concorso; i dialoghi con Goffredo Fofi (a cui è dedicato il doc Suole di vento), Natalia Aspesi (che parlerà della sua amica Lietta Tornabuoni) e Paolo Mereghetti (che presenterà la nuova edizione del suo dizionario).

Niente sostituisce la visione festivaliera di un film e tutto ciò che le sta attorno. Questo anno disgraziato, e ipotizziamo anche un pezzo importante del prossimo, insegnano però che un festival – non solo il Torino Film Festival – può e inevitabilmente deve trovare altri modi per sopravvivere.


NOLEGGIA UN FILM A € 3,50 OPPURE ACQUISTA UN CARNET OPPURE ABBONATI
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati