Tiro libero

Film 2017 | Drammatico +13 98 min.

Anno2017
GenereDrammatico
ProduzioneItalia
Durata98 minuti
Al cinema1 sala cinematografica
Regia diAlessandro Valori
AttoriSimone Riccioni, Antonio Catania, Maria Chiara Centorami, Biagio Izzo, Paolo Conticini Samuele Sbrighi, Marianna Di Martino, Jacopo Barzaghi, Nancy Brilli.
Uscitagiovedì 21 settembre 2017
DistribuzioneRainbow e Linfa Crowd 2.0
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 1,80 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Alessandro Valori. Un film con Simone Riccioni, Antonio Catania, Maria Chiara Centorami, Biagio Izzo, Paolo Conticini. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2017, durata 98 minuti. Uscita cinema giovedì 21 settembre 2017 distribuito da Rainbow e Linfa Crowd 2.0. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 1,80 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Tiro libero
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Il cambiamento di un venticinquenne fortunato ma tanto arrogante da sfidare persino Dio, e Dio raccoglie la sfida mettendolo alla prova e aprendogli gli occhi sul senso delle cose. In Italia al Box Office Tiro libero ha incassato 83,8 mila euro .

Consigliato no!
1,80/5
MYMOVIES 1,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,60
CONSIGLIATO NO
La stucchevole storia di un ragazzo viziato che nella malattia scopre di avere un cuore d'oro.
Recensione di Andrea Fornasiero
martedì 12 settembre 2017
Recensione di Andrea Fornasiero
martedì 12 settembre 2017

Dario è un giovane di buonissima famiglia dal roseo futuro nel basket e di successo con le donne, che però tratta da vero stronzo, oltretutto compiaciuto di esserlo. Quando però ha un crollo durante una partita e gli viene diagnosticata una malattia incurabile e degenerativa, Dario è costretto a cambiare vita. O meglio lo sarebbe se non fosse così testardo ed egocentrico ad andare in Chiesa e parlare direttamente con Dio pretendendo la guarigione. Non basta a fargli cambiare atteggiamento nemmeno una sentenza ai lavori sociali, per via di un incidente che ha causato. Ma quel che non può la legge può l'amore e per conquistare la bella Isabella, che fa la volontaria in un centro per anziani e ragazzi disabili, Dario dovrà finalmente far emergere il lato migliore di sé, come allenatore di una squadra di ragazzini in sedia a rotelle.

È tutto così edificante e stucchevole in Tiro libero che quasi non ci si crede, come se una brutta puntata di Braccialetti Rossi fosse finita da Rai1 direttamente sul grande schermo.

Oltre al messaggio positivo riguardo i portatori di handicap, il film non manca di santificare i valori del volontariato cattolico. Cose anche condivisibili ed encomiabili, ma più che azzoppate da una sceneggiatura didascalica e prevedibile, che sciorina luoghi comuni e svolte telefonate, neutralizzando sul nascere ogni possibile problematica. Il giovane Dario non ha che da decidere di essere buono per diventarlo improvvisamente, senza che mai ci venga mostrata alcuna fatica nel suo percorso, così come i ragazzi in sedia a rotelle sono ovviamente adorabili e bravissimi, anche con chi li maltratta come lui. È emblematico in tal senso che decidano di chiamare la loro squadra di basket "amicuccioli". Isabella poi è una figura che rasenta la santità e sebbene ci sarebbe la complicazione di un altro fidanzato, risulta immediatamente chiaro dalla prima scena in cui li vediamo insieme che lui è superficiale e lei non lo ama più. Gli unici personaggi che paiono immuni da tanto buon cuore sono gli adulti, ma è solo un'illusione, perché prima della fine del film anche i ruoli interpretati da Nancy Brilli, Antonio Catania e Paolo Conticini avranno modo di svelare una natura zuccherosa.

Tutto questo oltre a scadere nel buonismo - parola ormai odiosa ma qui davvero appropriata - priva il film di qualsivoglia conflitto e dunque di tensione. Si tratta del resto per lo più di una commedia, nonostante lo spunto sia drammatico, ma pure dal punto di vista comico c'è ben poco da stare allegri. Le scenette che si vorrebbero divertenti vedono per esempio l'inserviente del centro per disabili che balbetta e ama dire a chi va troppo forte in auto che non "qui non siamo mica a Monza", oppure hanno a che fare con l'abitudine del protagonista di rivolgersi a Dio, anche in situazioni più o meno pubbliche dove può essere visto dagli altri. Dunque o sanno di vecchio di decenni o sono malamente imbarazzanti. C'è poi un po' d'ironia anche per la madre ricca e svampita (ma pur sempre dal cuore d'oro) interpretata da Nancy Brilli.
Come se il tutto non fosse già abbastanza scontato, risaputo e didascalico, ci si mette pure il commento musicale a sottolineare il presunto tono emotivo che dovrebbero avere i vari passaggi, con esito sconfortante. Si potrebbe dire che la nostra severità è eccessiva per un film per ragazzi, ma in realtà i ragazzi, che comunque sono un pubblico che merita rispetto, in Tiro libero sono ben poco presenti in favore invece di Dario e Isabella che sono ampiamente maggiorenni. Dunque l'operazione appare insensata: non si capisce il perché di un ricorso a una narrazione così banale quando la storia, per quanto educativa, non è alla fine davvero rivolta ai più piccoli.

Sei d'accordo con Andrea Fornasiero?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 29 settembre 2017
ZioSam

Piccola chicca "made in Marche" ma con una forte professionalità. Onestamente non credevo, ma guardare un film ben fatto, curato, con una buona sceneggiatura, una fotografia brillante, musiche interessanti, dialoghi scorrevoli con una pervasiva ironia ed una ottima sintonia fra gli attori - il tutto nella familiare ambientazione delle Marche, terra dove vivo e che risulta valorizzata [...] Vai alla recensione »

lunedì 25 settembre 2017
Lakshmi81

Un film che più di essere un lungometraggio sarebbe meglio definire una sinfonia armoniosa di emozioni.Una trama lisergica sin dalle prime battute dove ogni attore sa trasmettere le sensazioni del proprio personaggio tanto da non riuscire più a distinguere quale sia l'uno e quale sia l'altro.Apparentemente una vicissitudine di eventi come spesso capitano ma che in realtà di normale non hanno nulla [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 ottobre 2017
Tina Freccia

Leggo commenti stucchevoli che senza ombra di dubbio provengono da diretti interessati alla promozione del film... Inutile strombazzare aggettivi e superlativi che non appartengono a questo film, che definire mediocre è un regalo! Questa non è un'opinione soggettiva, è un dato di fatto. Il box office lo conferma!

martedì 19 settembre 2017
AlexMai

Avete tagliato il commento precedente.Aggiungo, il tono da commedia, pur azzeccato in certi momenti del film, lo appiattisce rispetto al libro perchè manca la parte drammatica: per questo il film "fila troppo liscio". L'ho visto ieri sera, con la vostra recensione bene in mente, pronto alla delusione, e invece mi è piaciuto (seppure con qualche buonismo di troppo, funziona).

lunedì 2 ottobre 2017
Tina Freccia

Sono andata a vederlo con le migliori aspettative, ne sono uscita altamente delusa. Film deludente sotto ogni aspetto, con sceneggiatura scontata e prevedibile, recitazione improbabile, pieno di sponsor al limite del ridicolo (la scena della suola è esilerante!). Nonostante il trailer già spoilerava tutto sono andata a vederlo lostesso nelle speranza ci fosse altro, ma non è [...] Vai alla recensione »

martedì 19 settembre 2017
AlexMai

Sto leggendo il romanzo tratto dalla sceneggiatura del film, è appena uscito.Secondo me il vero problema della versione cinematografica (ho assistito alla prima ieri sera) rispetto alla storia è che la terribile SLA che colpisce il protagonista viene appena accennata, mentre nella versione cartacea è un punto forte della storia (lo si evince dalla copertina interna).

lunedì 2 ottobre 2017
Mr.Sgrunt

Al di là delle buone intenzioni, purtroppo si tratta di un filmetto banale e didascalico, più adatto a introdurre una lezione pomeridiana di catechismo, che non a una sala cinematografica. Mettiamo pure da parte l'ingombrante presenza degli sponsor (ma Conticini la doveva proprio fare quella marchetta sulla banca popolare di Macerata?).

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati