The Habit of Beauty

Film 2016 | Drammatico +13 89 min.

Regia di Mirko Pincelli. Un film con Vincenzo Amato, Francesca Neri, Noel Clarke, Nico Mirallegro, Nick Moran. Cast completo Titolo originale: The Habit of Beauty. Genere Drammatico - Gran Bretagna, 2016, durata 89 minuti. Uscita cinema giovedì 22 giugno 2017 distribuito da Europictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,27 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
The Habit of Beauty
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Un dramma che si snoda fra i temi del sogno, dell'amore e della perdita.

Consigliato sì!
3,27/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,30
PUBBLICO 5,00
CONSIGLIATO SÌ
Una regia coraggiosa e interessante per un copione che punta sul melodramma spinto.
Recensione di Paola Casella
venerdì 16 giugno 2017
Recensione di Paola Casella
venerdì 16 giugno 2017

Il fotografo Ernesto e sua moglie, la gallerista d'arte Elena, erano una coppia felice che viveva a Londra insieme al figlio dodicenne Carlo. Ma durante una vacanza nella loro nativa Italia un incidente automobilistico cambia completamente le loro vite. Anni dopo troviamo Ernesto a Londra da solo, a intrattenere relazioni occasionali con modelle giovanissime, e a fare volontariato in un penitenziario londinese dove insegna fotografia ai detenuti. Fra questi il suo preferito è Ian, un talento fotografico naturale in carcere per spaccio, figlio di un fruttivendolo con il vizio dell'alcool e di una madre che non ce la fa più. Quando Ian viene scarcerato, senza aver rivelato i nomi dei suoi fornitori di droga, Ernesto lo raggiunge nel quartiere degradato dove il ragazzo vive e gli propone di aiutarlo ad allestire la sua prossima mostra fotografica. Quel che Ian non sa è che Ernesto pensa che quella mostra sarà l'ultima, e per questo ha chiesto anche l'aiuto di Elena, che non incontrava dall'epoca dell'incidente.

The Habit of Beauty è uno strano pesce, innanzitutto perché è girato soprattutto a Londra e soprattutto in lingua inglese da un regista esordiente italiano, Mirko Pincelli, che vive da tempo oltremanica ma non ha dimenticato le proprie radici.

Infatti parte della storia è ambientata in Trentino, coproduttore attraverso la sua Film Commission insieme a Rai Cinema. E i valori di produzione sono alti per un primo lungometraggio di finzione: il regista Cristiano Bortone fa da sostegno produttivo a Pincelli e al suo sceneggiatore, Enrico Tessarin; Fabio Cianchetti è direttore della fotografia; Esmeralda Calabria si occupa del montaggio. La regia di Pincelli, coraggiosa e interessante, si mantiene all'altezza del "taglio alto" dei "tecnici", inventandosi inquadrature insolite, riprese dall'alto e movimenti di macchina che denotano una bella creatività e una discreta ambizione autorale. Per contro la sceneggiatura presenta numerosi "buchi", a cominciare dal motivo per cui Ernesto ed Elena si trovano in Inghilterra, e le due parti del film - quella italiana e quella inglese - risultano poco riconciliabili. Inoltre se nella parte ambientata in Trentino brillano alcuni cammei (Elena Cotta, Luca Lionello e Mia Bendetta) nella parte inglese il livello della recitazione è molto più basso, e i due protagonisti (Vincenzo Amato e Francesca Neri) quando doppiano se stessi sono meno efficaci che in presa diretta.

L'ellissi secondo cui Ian diventa una sorta di figlio putativo per la coppia "scoppiata" sarebbe foriera di sottile pathos drammaturgico, ma il copione preferisce puntare sul melodramma spinto: il lutto, la malattia, la violenza urbana, le tentazioni suicide. Il personaggio con cui è più facile identificarsi alla fine è il fidanzato di Elena, Stuart, interpretato da Noel Clarke che ha reazioni umane davvero comprensibili (e ragionevoli). Pincelli viene dal documentario e cede alla tentazione di fare un cinema "alla Ken Loach" (c'è anche un'attrice di Loach nel cast, la Kierston Wareing di In questo mondo libero, nei panni della madre di Ian), raccontando una Londra periferica e abbrutita dalla crisi, ma The Habit of Beauty avrebbe fatto meglio a guardare al cinema dei Dardenne, maestri di delicatezza e precisione nel raccontare storie di resistenza umana e ricongiungimento fra genitori e figli, veri o acquisiti.

Sei d'accordo con Paola Casella?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 28 giugno 2017
Flyanto

 "The Habit of Beauty" del regista Mirko Pincelli racconta la lenta e faticosa rinascita di una coppia di genitori (Francesca Neri e Vincenzo Amato) che, in seguito alla morte del proprio figlio dopo un incidente stradale, non si sono più adattati alla vita quotidiana. Ciò li ha portati a separarsi ed a non frequentarsi più per anni e pertanto a distaccarsi l'uno [...] Vai alla recensione »

mercoledì 21 giugno 2017
hob6

Bellissimo, Bellissimo, Bellissimo, Bellissimo!!

giovedì 22 giugno 2017
Emamitt

Toccante, profondo, girato benissimo e recitato anche meglio. Da vedere!

mercoledì 28 giugno 2017
milla.giuliani

Si affrontano tanti temi con delicatezza e verità,attori veramente bravi,un film che emoziona!

martedì 27 giugno 2017
MG

Tanti i temi toccati: l’elaborazione del dolore, la famiglia, le proprie radici, la possibilità di emancipazione. Regia interessante, ottima fotografia. Insomma un buon Film.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 29 giugno 2017
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

La fotografia come metafora di vita consapevole e "riscattata" oltre che (ovviamente) carica di memoria. Non poteva che fare fuoco sulla sua primaria passione Mirko Pincelli per esordire in un lungo di finzione. Sceneggiato dal socio Tessarin con alcuni biografici riferiti al regista italiano a lungo residente a Londra, il dramma del famoso fotografo Ernesto e della sua ex compagna Elena trova forma [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 giugno 2017
Paolo D'Agostini
La Repubblica

A dispetto del titolo è un film italiano. Elena (Francesca Neri) ed Ernesto (Vincenzo Amato di Crialese e di Sicilian Ghost Story), questo l'antefatto, hanno perso il loro unico figlio in un incidente stradale e se ne sentono così colpevoli da aver distrutto il loro matrimonio. Non veniamo informati del perché, anni dopo, si trovano entrambi a Londra dopo essersi lasciati alle spalle le montagne trentine. [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 giugno 2017
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Italiani a Londra, fotografo e gallerista rinomati (Amato e la Neri), separati dalla morte del figlio in incidente stradale durante una vacanza nel nativo Trentino, si tormentano nel lutto, riuniti dall'amicizia con un ragazzo "difficile" e dal progetto di una mostra. Curioso, curato, spesso efficace nel visivo, esordio di cineasta nazionale in proficua trasferta estera: il mix di classi sociali dei [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 giugno 2017
Fulvia Caprara
La Stampa

Un vago sentore di malinconia, un disagio inespresso, una timidezza esposta a cambi d'umore e false impressioni. Qualcuno, sbagliando, avrebbe potuto attribuire a quei toni riservati significati ingiusti. Pensando, per esempio, che Francesca Neri, esordiente nell'87 con «Il grande BIek» di Giuseppe Piccioni, fosse una persona chiusa, poco disponibile, se non addirittura altezzosa.

giovedì 22 giugno 2017
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Ambizioso e scombinato dramma familiare dell'esordiente italo-inglese Mirko Pincelli. A Londra s'incrociano i destini del tormentato fotografo italiano Ernesto e del teppistello locale Jan. L'uno, separato dalla moglie gallerista Elena dopo la tragica morte del loro bambino; l'altro in urto con un padre ubriacone e incapace di slegarsi da una brutta gang.

NEWS
TRAILER
martedì 6 giugno 2017
 

Elena (Francesca Neri) ed Ernesto (Vincenzo Amato) sono una coppia lacerata dalla tragica morte per incidente del figlio Carlo, che ritrova la voglia di vivere quando incontra Ian, un problematico ragazzo inglese che diventa per loro come un figlio adottivo. [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati