La principessa e l'aquila

Film 2016 | Documentario Film per tutti 87 min.

Titolo originaleThe Eagle Huntress
Anno2016
GenereDocumentario
ProduzioneGran Bretagna, Mongolia, USA
Durata87 minuti
Al cinema1 sala cinematografica
Regia diOtto Bell
AttoriDaisy Ridley, Lodovica Comello .
Uscitagiovedì 31 agosto 2017
DistribuzioneI Wonder Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Otto Bell. Un film con Daisy Ridley, Lodovica Comello. Titolo originale: The Eagle Huntress. Genere Documentario - Gran Bretagna, Mongolia, USA, 2016, durata 87 minuti. Uscita cinema giovedì 31 agosto 2017 distribuito da I Wonder Pictures. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi
La principessa e l'aquila
tra i tuoi film preferiti.




oppure

La vera storia di Aisholpan, tredicenne mongola che ha il sogno di diventare la prima cacciatrice di aquile donna. Il film ha ottenuto 1 candidatura a BAFTA e 1 candidatura a London Critics. In Italia al Box Office La principessa e l'aquila ha incassato 68,5 mila euro .

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Il ritratto di una cacciatrice con le aquile, frutto di un lavoro di osservazione, di immersione e di costruzione.
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 17 ottobre 2016
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 17 ottobre 2016

La tradizione dei cacciatori con le aquile, presso le popolazioni nomadi della Mongolia, ha duemila anni di storia. Il metodo per questo tipo di caccia, a volpi, lupi e altri animali, si tramanda di padre in figlio, laddove la persona mostra una propensione spiccata per la collaborazione con l'aquila. Quando cioè, per dirla come loro, "ce l'ha nel sangue". Aishoplan è una ragazzina di tredici anni che, diversamente dalle amiche, non ha mai avuto paura di un'aquila né di arrampicarsi in altissima montagna per catturare il suo personale aquilotto all'indomani dello svezzamento e crescerlo e addestrarlo secondo gli insegnamenti del padre. Incredibilmente dotata e determinata, con il supporto della famiglia, Aishoplan ha scelto di diventare la prima cacciatrice con le aquile di sesso femminile, nonostante il parere contrario di molti anziani della sua comunità.

La scena del film in cui i supposti saggi si confermano tra loro le ragioni per cui permettere alla tredicenne di tentare la strada che vuole intraprendere creerebbe soltanto un errato precedente, è genuina ed eloquente: c'è chi chiama in causa la debolezza costituzionale delle donne rispetto agli uomini, chi si preoccupa candidamente che possano prendere freddo, chi afferma senza traccia di scrupolo che è importante che stiano a casa per scaldare l'acqua del tè, chi chiude l'argomento dicendo che ci penserà il matrimonio, ad un certo punto, a porre fine alla questione.

Aishoplan - e il film con lei - risponde silenziosamente mostrando la sua abilità, di gran lunga superiore a quella di molti cacciatori maschi, più vecchi ed esperti di lei. Mentre tratta tangenzialmente del modo di vita della sua famiglia seminomade, della distanza geografica e globale che la separa dalla popolazione anche solo della città più vicina, mentre racconta come cresce una ragazzina della sua età, lontano da casa per cinque giorni su sette fin dalle prime classi di scuola, il film di Otto Bell, regista newyorkese di origini britanniche, si concentra per la maggior parte del tempo sul training di Aishoplan con la sua aquila, in compagnia del padre, su e giù da cavallo e dalle pareti rocciose dei monti Altai, nell'estremo nord occidentale del paese meno popolato della Terra. Una condizione di isolamento nell'isolamento, dunque, vissuta dalla protagonista con estrema naturalezza, e con l'impressionante consapevolezza che la sua passione non toglie nulla alla sua femminilità, catturata dall'obiettivo di Bell alla vigilia dello sbocciare, ma ancora legata all'infanzia e alla sua trasparenza emotiva.

Costruito attorno ad un evento reale, qual è il Golden Eagle Festival che si tiene in quella regione, il documentario di Bell, che segna il suo esordio nel lungometraggio, non è improntato alla rincorsa del momento topico in tempo reale, anche se è abbastanza fortunato da coglierne un paio di grande portata, vale a dire la cattura dell'aquilotto e la competizione, ma sembra piuttosto il frutto di un lavoro di osservazione, di immersione e di costruzione. La linearità del racconto è una scelta che alla fine paga, perché la semplicità della narrazione viene compensata dalla potenza delle scene "d'azione" e dalla bellezza del contesto naturale. Un passo in più e sarebbe sembrato artefatto, uno in meno e il risultato sarebbe stato povero.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 16 febbraio 2017
g_andrini

E' di una tipologia particolare, originale, risalta soprattutto il target. La protagonista è simpatica ed intelligente, con una buona preparazione. E' semplice nello svolgimento, mette i risalto i tipici costumi locali, senza però appesantirsi nel susseguirsi delle scene.

venerdì 3 febbraio 2017
g_andrini

Un documentario/biografico che considero alquanto interessante, con vari aspetti attraenti quali l'animale nobile, l'aquila, da sempre simbolo di acutezza e precisione. E' una produzione curatissima frutto di lunga preparazione artistica e tecnina, vedi girato in digitale di qualità.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 31 agosto 2017
Claudio Trionfera
Panorama

La Mongolia del Nord è bella e desolata come un deserto marziano. Là dove volano le aquile reali e dove Aisholpan, tredicenne figlia di nomadi piena di sogni e d'energia, decide di sfidare tradizioni ancestrali per un mestiere riservato soltanto agli uomini: addestrare un'aquila alla caccia delle volpi e diventare la prima donna a farlo. La principessa e l'aquila di Otto Bell racconta la storia vera, [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
mercoledì 30 agosto 2017
 

"Una stagione che ci regalerà tante sorprese" così esordisce Stefania Ippoliti dalla "Sala MYmovies" del Cinema della Compagnia di Firenze durante la presentazione della nuova stagione cinematografica che inaugura domani con il documentario La principessa [...]

VIDEO RECENSIONE
lunedì 7 agosto 2017
 

Sulle montagne della Mongolia, l'addestramento dell'aquila è una tradizione millenaria esclusivamente maschile che si tramanda di padre in figlio. Ma Aisholpan non ci sta: ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati