Leone nel basilico

Un film di Leone Pompucci. Con Ida Di Benedetto, Alessia Santacroce, Ilaria Santacroce, Carla Signoris, Catrinel Marlon.
continua»
Commedia, Ratings: Kids+13, durata 88 min. - Italia 2015. - Microcinema uscita giovedì 10 dicembre 2015. MYMONETRO Leone nel basilico * * 1/2 - - valutazione media: 2,50 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato nì!
2,50/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * 1/2 - -
 critica * * 1/2 - -
 pubblicon.d.
   
   
   
Maria Celeste, l'antipatica, l'orgogliosa, la severa, sola in una Roma deserta a metà agosto, si ritroverà a salvare la vita del piccolo Leone.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un film straniato e straniante che ha momenti di grande efficacia filmica
Paola Casella     * * 1/2 - -

Giulietta è una giovane prostituta straniera che porta in giro il suo infante Leone e lo lascia qui e là quando deve procurare ad entrambi i soldi per vivere. Maria Celeste è una signora in età che vive in una casa di cura per anziani dalla quale cerca di sottrarsi ogni giorno, dicendo che va a trovare suo figlio. In realtà il figlio di Maria vive al mare con la compagna Clara e si guarda bene dall'invitare a casa quella madre ingombrante e dispotica che Clara detesta. Eppure proprio a Maria Giulietta affiderà il suo bambino: un atto di fede che darà inizio al viaggio alla ricerca di se stessa della donna sessantenne attraverso una Roma preferragostana e ostinatamente plebea.
Dopo 15 anni Leone Pompucci torna al grande schermo con un film restato al palo per parecchio tempo prima di essere distribuito proprio sotto le feste natalizie, a combattere a mani nude contro i cinepanettoni e le guerre stellari, secondo una logica distributiva perversamente italiana. Del resto il film in sé è un evidente compromesso fra le necessità espressive di un autore originale e coraggioso e una serie di ragionamenti commerciali che ben poco hanno a che vedere con l'accezione alta della Settima arte. Il risultato è un film straniato e straniante che ha momenti di grande efficacia filmica (come la scena in cui Maria, rientrata nella sua vecchia casa, vi trova l'agente immobiliare e la sua amante in pieno sturm und drang erotico) e momenti di assoluta incoerenza narrativa.
Da un lato Pompucci conserva ancora un'idea di cinema che lo rende unico nel panorama italiano, resta uno dei pochi registi della sua generazione che sanno dove posizionare la cinepresa e come costruire un'inquadratura, è capace di creare quadri desolati di archeologia urbana estiva senza citare Il sorpasso e sa cavalcare l'aspetto surreale e sempre uguale di un'Italia cialtrona che non emerge e mai emergerà dalla sua dimensione provinciale. Dall'altro lato il regista esagera con la poetica delle periferie, crea una geografia romana degna di Escher, dà spazio a un universo umano inverosimile, pasticcia col montaggio e crea un film privo di quella unità di tono e di ritmo indispensabili per un racconto in bilico fra il surreale e il patetico, fra realismo magico e indignazione civica.
Leone nel Basilico tracima energia vitale disperata ed eleganza popolana, ma cede a pericolose suggestioni pasoliniane e felliniane (l'elefante da circo, l'imperdonabile finale) e si perde in un labirinto, anch'esso escheriano, di trame e sottotrame.
Ida di Benedetto si mangia lo schermo nel ruolo di Maria Celeste, mettendo a frutto la sua bellezza tragica e consunta e dominando le scene con consumata abilità teatrale. Intorno a lei un cast di efficaci comprimari, da Domenico Diele a Mariano Rigilllo, da Carla Signoris ad Augusto Fornari. Solo Catrinel Marlon nel ruolo di Giulietta è una nota stonata: troppo bella, troppo enfatica, troppo incredibile nei panni di una Cabiria dei nostri tempi.

Sei d'accordo con la recensione di Paola Casella?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
63%
No
38%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * * * -

Favola surreale,poetica e di grande umanità

domenica 13 dicembre 2015 di Daniela Ida De Cambio

E' un film che mi ha fatto molto riflettere. Inizialmente di difficile comprensione, ma con la giusta chiave di lettura tutte le tessere del mosaico si compongono, dando luogo alla raffigurazione della SOLITUDINE UMANA NELLE VARIE SFACCETTATURE. Tutti i personaggi sono soli, ma ciascuno di loro ha elaborato la solitudine in modo diverso. Le due vecchine della casa di riposo, vivono una solitudine rassegnata, che però non è negativa e le fa diventare complici e addirittura ironiche. La mamma del continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Leone nel basilico adesso. »

TRAILER | Il trailer e la locandina ufficiali di Leone nel basilico, il nuovo film di Leone Pompucci al cinema dal 10 dicembre.

Una rocambolesca fuga a due passi dalla realtà

giovedì 12 novembre 2015 - a cura della redazione

Una rocambolesca fuga a due passi dalla realtà Maria Celeste ha circa 60 anni, è vedova e vive in una casa di cura. Un giorno, si addormenta nella stazione ferroviaria e viene svegliata da una ragazza che le mette tra le braccia un bimbo e scappa via. Decide di lasciarlo alla Polizia, ma la madre ritorna a prenderlo e finiscono per trascorrere la mattina insieme, fino a quando Maria non sarà testimone della morte della ragazza. Così, l'orgogliosa Maria Celeste si troverà a dover salvare quel bambino. E salvando quel bambino, salverà se stessa .

   

La strana storia delle gemelline Leone nella casa per anziani

di Paolo D'Agostini La Repubblica

Lascia un po' interdetti, questo film. Forse perché capita sempre più raramente di imbattersi in un cinema di questo tipo. Praticamente senza intreccio, sostanzialmente indifferente ai codici di comunicazione convenzionali e dunque alla sorte che gli toccherà, affidato ad associazioni libere e alle suggestioni, alle visioni, che esse evocano. E sì che il regista Leone Pompucci viene da una scuola dove le regole si rispettano: promessa della nuova commedia italiana vent'anni fa è stato poi molto attivo nella serialità tv. »

Surreale storia di solitudine

di Massimo Bertarelli Il Giornale

Bislacca, surreale, ma anche poetica commedia, dai risvolti e dai toni spesso drammatici. Alle amiche della casa di riposo inventa che la domenica va a trovare il figlio, invece Maria Celeste se ne sta su una panchina alla stazione. Qui una giovane sconosciuta, un po' matta, le butta tra le braccia un bebè: sono sua mamma, si chiama Leone. E scompare, per finire sotto un tram. Tra echi felliniani e fulminee apparizioni di buffi personaggi, Ida Di Benedetto dà prova di insospettato talento. Da I »

di Anna Maria Pasetti Il Fatto Quotidiano

Leone ha una manciata di mesi e già tanto inconsapevole vissuto. La mamma, giovane straniera che sopravvive prostituendosi, muore improvvisamente e il bimbo si ritrova nelle braccia dell'anziana ma fascinosa Maria Celeste (Di Benedetto) seduta su una panchina alla stazione ferroviaria. La donna, a sua volta, era momentaneamente uscita dalla casa di riposo dove cerca di vivere sopra le righe, nostalgica di un tempo che non è più. La novella Norma Desmond si trova quindi nell'inedita posizione di badare a un piccolo indifeso rimasto solo al mondo. »

Leone nel basilico | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Paola Casella
Pubblico (per gradimento)
  1° | daniela ida de cambio
Trailer
1 | 2 |
Uscita nelle sale
giovedì 10 dicembre 2015
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità