Killer Joe

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Killer Joe   Dvd Killer Joe   Blu-Ray Killer Joe  
Un film di William Friedkin. Con Matthew McConaughey, Emile Hirsch, Thomas Haden Church, Gina Gershon, Juno Temple.
continua»
Titolo originale Killer Joe. Thriller, durata 103 min. - USA 2011. - Bolero Film uscita giovedì 11 ottobre 2012. - VM 14 - MYMONETRO Killer Joe * * * - - valutazione media: 3,29 su 52 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,29/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * * -
 critica * * * - -
 pubblico * * 1/2 - -
   
   
   
Due fratelli assumono un killer, Joe, per uccidere la madre allo scopo di ottenere i soldi dell'assicurazione.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un noir che, per appeal, humour e stravaganza dei personaggi, aggiorna con coraggio lo stile tarantiniano
Gabriele Niola     * * * * -

Killer Joe è il poliziotto con l'hobby dell'omicidio a pagamento, assoldato da una famiglia di redneck del Texas per uccidere l'ex moglie ed ex-mamma, da tempo scappata con un altro uomo. Hanno scoperto che la sua morte frutterà 50.000 dollari di assicurazione, soldi con i quali verrà pagato il killer e la famiglia si tirerà fuori da diversi guai. Ma non è mai così semplice uccidere ed incassare e Joe non è il tipo che ammette ritardi o intoppi nel suo lavoro.
Dopo aver firmato almeno una pietra miliare per ogni decennio di attività, William Friedkin arriva alle porte del secondo decennio del nuovo millennio con un film in pieno stile pulp, che lui (e non solo) sembra considerare l'aggiornamento del noir (la doppia indennità della trama fa subito pensare a La fiamma del peccato). Prendendo le mosse dall'omonima opera teatrale di Tracy Letts (riscritta per lo schermo da lui stesso), Killer Joe si assesta dalle parti dello stile tarantiniano, per quanto riguarda l'appeal, l'umorismo e la spiazzante stravaganza dei personaggi, e a quello dei fratelli Coen sul versante dei risvolti di trama e di una più generale visione nichilista del mondo.
Sotto una superficie aliena però batte forte il cuore del regista di Vivere e morire a Los Angeles, che calza i panni di un genere nuovo (per lui) non come un travestimento ma come un buon abito. Lo si vede nel rigore dello stile (estraneo ai registi precedentemente citati), nella sapida asciuttezza dei momenti più determinanti, nella ferma chiarezza d'intenti di un film che corre come un treno verso i suoi cinque minuti finali e soprattutto nel modo in cui, ancora una volta, Friedkin lavora con i suoi attori.
Matthew McCounaghey in un ruolo tra il comico e il terrificante, bello, rassicurante e pronto a diventare disturbante in un attimo, è il capolavoro del regista. Con l'abilità che gli è riconosciuta nel caratterizzare scene e personaggi attraverso i movimenti e l'uso di tutto il loro corpo, spesso con inquadrature a figura intera, spesso con lunghi piani sequenza, Friedkin riesce a trasformare uno degli attori finora meno malleabili. La sorpresa dei protagonisti nel trovarsi preda di quello che doveva essere un loro dipendente è la stessa che lo spettatore prova nel vedere il lento mutamento di un attore che ha la commedia romantica marchiata sui pettorali.
Da quel corpo pulito da bravo ragazzo Friedkin parte e attorno a lui fa ruotare Emile Hirsch, Thomas Haden Church, Juno Temple e Gina Gershon, i quali, di volta in volta, sembrano guadagnarsi il ruolo da protagonisti. Eppure alla fine sarà McCounaghey a incarnare il senso ultimo di un viaggio nell'America violenta e spietata, una piccola parte di un mondo dominato dal caos.

Incassi Killer Joe
Primo Weekend Italia: € 106.000
Incasso Totale* Italia: € 174.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 21 ottobre 2012
Sei d'accordo con la recensione di Gabriele Niola?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
54%
No
46%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * * * -

L' america country grottesca ma coerente

mercoledì 17 ottobre 2012 di gabriele.vertullo

William Friedkin, regista da una filmografia di encomiabile fattura, si dimostra ancora una volta autore personalissimo e geniale; insofferente per qualsiasi confine canonico, rivoluziona il concetto di genere regalandoci un film inclassificabile e incasellabile, caricato di espedienti stilistico-narrativi destrutturanti, ma che nel complesso la rendono un’opera profondamente organica e logica, nonostante i caratteri assurdi e grotteschi della vicenda che simultaneamente suscitano il riso continua »

* * - - -

Forse il far west non è solo un lontano ricordo

giovedì 8 novembre 2012 di tony.stark

Dovendo grosse somme al locale boss della mala,un ragazzo coinvolge la sua famiglia nel tentativo di assoldare Joe,un investigatore che uccide a pagamento per "arrotondare", allo scopo di eliminare la madre e intascare così i soldi dell' assicurazione sulla vita della donna.Ovviamente, nulla andrà come previsto, e una scia di sangue condurrà i nostri eroi sino al grottesco ed enigmatico epilogo. Ne esce un film guardabile, dalle chiare allusioni tarantiniane, continua »

* * - - -

Sulla scia di tarantino , ma lontano anni luce

venerdì 16 novembre 2012 di Crank

sommerso da debiti di gioco un giovane ragazzo con l'aiuto della famiglia (sorella minore, padre e amante di quest'ultimo) ingaggia un killer professionista per far ammazzare la madre e ricevere i soldi dell'assicurazione, ma le cose non vanno per il verso giusto, i soldi non arrivano e quindi non ha la possibilità di pagare nè i creditori nè tantomeno il killer, che decide di fare  il lavoro  avendo però come "caparra" la sorella minore, continua »

* * * - -

La forza della debolezza

sabato 13 ottobre 2012 di renato volpone

Chris gioca alle corse e perde, per pagare i suoi debiti ricorre ad un "poliziotto assassino" che dovrebbe uccidere sua madre per poi intascare i soldi dell'assicurazione. Nessuno è innocente, nemmeno l'assassino che in fondo ha un suo codice morale, ma vuole il suo compenso. In mancanza del denaro il compenso sarà Dottie, la sorella dodicenne di Chris. È un film irriverente, con uno  humour nero squisito che trascende nello splatter e nel finale  ricorda continua »

killer joe
"Questo è il migliore dei mondi possibili!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

DVD | Killer Joe

Uscita in DVD

Disponibile on line da martedì 5 marzo 2013

Cover Dvd Killer Joe A partire da martedì 5 marzo 2013 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Killer Joe di William Friedkin con Matthew McConaughey, Emile Hirsch, Thomas Haden Church, Gina Gershon. Distribuito da Cecchi Gori Home Video. Su internet Killer Joe (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 7,49 €
Prezzo di listino: 9,99 €
Risparmio: 2,50 €
Aquista on line il dvd del film Killer Joe

SOUNDTRACK | Killer Joe

La colonna sonora del film

Disponibile on line da martedì 18 settembre 2012

Cover CD Killer Joe A partire da martedì 18 settembre 2012 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Killer Joe del regista. William Friedkin Distribuita da Milan Records.

APPROFONDIMENTI | Killer Joe e lo psicodramma d'America.

Ritratto di famiglia in un interno

domenica 14 ottobre 2012 - Roy Menarini

Ritratto di famiglia in un interno La tentazione autoriale, di fronte all'ultimo film di William Friedkin, è fortissima. E come potrebbe non esserlo, avendo a che fare con il regista che ha rivoluzionato il poliziesco (Il braccio violento della legge), l'horror (L'esorcista) e trasformato i limiti del visibile nel thriller (Cruising)? Eppure, stavolta, la responsabilità artistica di Friedkin va quanto meno suddivisa con Traci Letts, autrice teatrale che - come nel recente Bug - ha costruito per il maestro della New Hollywood un testo semplicemente formidabile, crudele come pochi e al tempo stesso venato di un'ironia paradossale.

   

INCONTRI | Il film, in concorso, tra i più applauditi dall'inizio della Mostra.

Ecco la cenerentola secondo friedkin

giovedì 8 settembre 2011 - Ilaria Ravarino

Killer Joe, ecco la cenerentola secondo Friedkin «Un trionfo», «IL film», «Meriterebbe una sezione a parte». A giudicare dai commenti entusiasti della stampa all’uscita dalla proiezione mattutina, Killer Joe di William Friedkin, in concorso oggi alla Mostra, ha ricevuto l’accoglienza più calorosa e beneaugurante del festival. Applauso lunghissimo, con tanto di urletti entusiasti, per una pellicola violenta e politicamente scorretta, con Matthew McConaughey nel ruolo di un assassino psicopatico che, secondo i rumors più caldi del Lido, l’avrebbe già lanciato in vetta alla rosa dei papabili per la Coppa Volpi.

   

di Mariuccia Ciotta Il Manifesto

Tarantino e Lynch hanno fatto bene al cinema mondiale, svecchiandone le figure e gli snodi. Ma la «vecchia guardia» hollywoodiana, in questo caso William Friedkin (Esorcista, Braccio violento della legge, Jade...) di Killer Joe in gara, dimostra di saper fare altrettanto bene i conti con il male che è dentro di lui e di noi, e di saper trasformare in forme classiche «naturali», insanguinate e d'umorismo osceno, di forza emotiva stupefacente, e senza virtuosismi di cinepresa, di dialogo e di performance d'attore, quelle deformazioni sarcastiche e grottesche del vivere texano di oggi che il gusto postmoderno vorrebbe sempre più sfrontate ed esibizioniste. »

Killer Joe, il senso tragico della famiglia Uno sguardo nichilista sul mondo

di Adriano De Grandis Il Gazzettino

William Friedkin non è mai stato uno tenero: da "Il braccio violento della legge" a "Cruising", da "L'esorcista" fino al suo capolavoro "Vivere e morire a Los Angeles", la violenza, rappresentazione parossistica di un pessimismo radicale, è da sempre al centro delle sue azioni. Ora, a oltre un anno dalla Mostra (dove finì ahimè senza premi) e dopo continui rinvii, piomba in sala il suo noir-pulp spietato, brutale, e, nel finale, quasi grottesco, dove William Friedkin (qui tra i Coen e Tarantino) conferma l'intolleranza a ogni accomodamento narrativo, agganciandosi al precedente, claustrofobico e distruttivo "Bug" (2006), anch'esso tratto da una pièce di Tracy Letts, qui sceneggiatore. »

Quella maledetta famiglia Il male oscuro che è dentro di noi

di Roberto Silvestri Il Manifesto

Tarantino e Lynch hanno fatto bene al cinema mondiale, svecchiandone le figure e gli snodi. Ma la «vecchia guardia» hollywoodiana, in questo caso William Friedkin (il regista di titoli come l'Esorcista, Braccio violento della legge, Vivere e morire a Los Angeles, Jade) con Killer Joe (passato un anno fa in concorso a Venezia e solo ora giunto sugli schermi italiani), dimostra di saper fare altrettanto bene i conti con il male che è dentro di lui e di noi, e di saper trasformare in forme classiche «naturali», insanguinate e d'umorismo osceno, di forza emotiva stupefacente, e senza virtuosismi di cinepresa, di dialogo e di performance d'attore, quelle deformazioni sarcastiche e grottesche del vivere texano di oggi che il gusto postmoderno vorrebbe sempre più sfrontate ed esibizioniste. »

Cattivisismi Smith, famiglia assassina

di Valerio Caprara Il Mattino

Sarà forse il caso di scusarsi, ma ci diverte molto il pensiero che «Killer Joe» possa raccogliere consensi entusiasti oppure fare inorridire le platee. Il dato certo è che il regista William Friedkin, lo stesso di «Il braccio violento della legge» e «L'esorcista», a 73 anni suonati è ancora in grado di mettere in scena con impeccabile coerenza un noir torbido, feroce, nichilista nonché titolare di un ventaglio di sequenze che andranno dritte nel pantheon del genere. Tanto per andare al sodo, per esempio, non è un caso che l'umiliazione sessuale inflitta in sottofinale con l'ausilio di un trancio di pollo sia diventata subito di culto grazie ai festival e ai paesi in cui Friedkin ha già divulgato il suo pulp senza via di scampo. »

Killer Joe | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Gabriele Niola
Pubblico (per gradimento)
  1° | gabriele.vertullo
  2° | sputafoco
  3° | leo grimaldi
  4° | crank
  5° | lunetta
  6° | filippo catani
  7° | gianleo67
  8° | jacopo b98
  9° | jacopo b98
10° | donni romani
11° | killbillvol2
12° | i'libano
13° | renato volpone
14° | molenga
15° | sisma
16° | sorella luna
17° | cavalcaincubi, ultimo dei lich
18° | tony.stark
Rassegna stampa
Anthony Lane
Trailer
1 | 2 |
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 |
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità