Legami di sangue

Film 2009 | Drammatico 92 min.

Regia di Paola Columba. Un film con Giovanni Capalbo, Cristina Cellini, Andrea Dugoni, Pino Rugiano, Arnoldo Foà. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2009, durata 92 minuti. Uscita cinema venerdì 27 marzo 2009 - MYmonetro 2,63 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Legami di sangue
tra i tuoi film preferiti.




oppure

All'interno di una famiglia contadina di oggi, sospesa tra medioevo e modernità, tre fratelli e una sorella si contendono una misera eredità. Visceralmente uniti dall'amore, arriveranno ad odiarsi. In Italia al Box Office Legami di sangue ha incassato 3,3 mila euro .

Consigliato nì!
2,63/5
MYMOVIES 1,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,75
CONSIGLIATO NÌ
Il ritratto impietoso di un presente senza futuro, un mondo lontano a due passi dalle nostre città.
Recensione di Marianna Cappi
Recensione di Marianna Cappi

Giovanni torna a casa dopo tre anni di carcere per bancarotta fraudolenta. Non ha più un soldo ma conta sulla vendita della sua parte di proprietà di famiglia. Nella masseria vivono i suoi tre fratelli: Peppe, una vita per il lavoro, Andrea, affetto da un ritardo mentale e da un'incolmabile carenza affettiva, e Luana, che ha rinunciato a se stessa per dedicarsi ad Andrea e al prete del paese. Il conflitto tra Giovanni e Peppe è viscerale: il secondo accusa il primo di fuggire, l'altro accusa il fratello di rimanere, ancorato ad un passato che aliena lui e gli altri due dalla possibilità di vivere veramente.
Per entrambi, l'altro è simbolo di uno spreco, che per Peppe ha un valore economico e per Giovanni un valore esistenziale, il che fa di lui il protagonista del film, il motore di una ricerca forse vana. È un "uomo di gomma", uno che rimbalza all'impatto con la durezza della vita, cade e si rialza, ma i Legami di sangue sono lacci stretti e indistruttibili che, come nella tragedia greca, si sostituiscono spesso al destino.
Al cimento del primo lungometraggio, Paola Columba ha un'idea di cinema precisa: un racconto che si scrive a partire dagli attori, dai loro corpi, dai vissuti e dalle loro potenzialità, e non arriva all'interprete in ultima istanza, chiuso e cintato; un racconto di sentimenti basilari, primari, dove lo spettacolo è quello dell'estremo realismo, perseguito nel nome dell'autenticità, senza ricostruzioni, dentro ambienti reali.
La denuncia è uno strato del film, che si addentra nel paese reale per farne affiorare il disagio e ribadirne l'esistenza, perché non si creda che quel che normalmente non si vede (il mondo contadino, il frigorifero buttato appena fuori dal centro urbano, la guerra fra poveri) non esista.
Volutamente asfittico nel raccontare l'entroterra molisano come un imbuto che tutto risucchia, il film ultra indipendente di Paola Columba sconta la penuria dei mezzi e l'ansia di voler farci entrare tutto e di più, con esiti ridondanti e dispersivi (il trauma di Peppe raddoppia con quello di Andrea, la critica sociale investe l'ambiguità del clero, il denaro corruttore, l'indifferenza dei medici). C'è un'idea estetica, ci sono dei volti (Cellini, Rugiano, Cracco) che sono degli straordinari paesaggi interiori, una contaminazione evidente con il teatro. Ma non basta, il film resta profondamente imperfetto e pare lavorato con l'accetta anziché con lo scalpello; il sentimento rimane attaccato alla trama e non penetra nella carne del film, né tantomeno oltrepassa la barriera dello schermo; il muto dolore e la rabbia silente hanno parole troppo dichiarate.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 14 aprile 2009
charly

Legami di sangue slegati dal sangue. Questo è il rincorrersi delle vicende del film di Paola Columba. In un periodo in cui il cinema non è più raccontare qualcosa che possa far discutere,pensare,in qualche modo dare una scossa all’interno di ciascuno,questo film invece per fortuna è pieno di effetti speciali della realtà vera,di vita viva filtrata dalla naturalezza e spontaneità di parole e attori.E’quest [...] Vai alla recensione »

domenica 19 aprile 2009
carlo passerini

"Legami di sangue", esordio di Paola Columba, è un film difficile, a tratti ostico, ma certamente di forte impatto, grazie anche ad una squadra di attori che si è evidentemente messa a servizio(e questo non sempre è scontato) dell'idea filmica attorno a cui ruota: quattro fratelli che arrivano a scannarsi per poche lire. "E' tutto talmente vero, che sembra finto" come ha detto qualcuno, ma è nella [...] Vai alla recensione »

martedì 28 aprile 2009
Camilo Cienfuegos

Di questi tempi, non è facile riuscire a portare a termine un progetto di film indipendente. Men che meno uscire nelle sale, una volta che il film è finito. Già solo per questo, "Legami di sangue", il film d'esordio di Paola Columba, va sostenuto. Il soggetto del film è di valore, nel momento in cui mette in luce un'ambiente sociale marginale, di cui poco si parla.

mercoledì 15 aprile 2009
calandra

La sfida di due film di qualità Cinema «Noi non vogliamo lamentarci ma andare avanti, e continuare a essere una piccola realtà che produce buon cinema». Paola Columba e il suo produttore, Fabio Segatori, non amano autocompatirsi. Eppure ne avrebbero ben donde: il loro film, Legami di sangue, completamente autoprodotto, pur avendo vinto il premio Flaiano come miglior opera prima e avendo [...] Vai alla recensione »

martedì 14 aprile 2009
pattypa

Non sono d'accordo con la recensione in testa! Questo film è emozionante! Questo film è convincente! Questo film è commovente! Questo film è senza filtri e proprio per questa sua peculiarità è uno specchio: della provincia e del suo entroterra, della famiglia e dei suoi legami tanto intensi quanto crudi, freddi e senza pietà! Certo è un'opera prima di "scrittura e di rigore" elaborata con pochi mezzi, [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 aprile 2009
cristina cellini

non capisco una cosa... ho letto la recensione ufficiale e evidentemente non sono d'accordo e visto che non lo è anche il 75% degli utenti di mymovies, per quale motivo le ottime critiche scritte dagli spettatori non sono pubbliche? doversi iscrivere per leggerle scoraggia molti .. è un peccato, anzi è un servizio a metà. Grazie comunque a tutti voi che avete amato il film e lo state sostenendo. Cris [...] Vai alla recensione »

domenica 29 marzo 2009
gianmaria

Ma davvero è costato 350 mila euro questo film? Sembra di meno e vale certo di più. Un film forte e crudo, ma soprattutto un'opera prima coraggiosa, a partire dalla scelta di un cast attoriale in cui finalmente si intravedono facce nuove. Convincente la prova di Joe Capalbo e dei fratelli, anche se un pò troppo caricata, credo a partire dalla scrittura.

mercoledì 15 aprile 2009
calandra

Un film davvero insolito per il cinema italiano. Talmente insolito che divide. Ecco perchè è importante vederlo. Consiglio a tutti quelli che non l'hanno ancora fatto di vederlo presto...

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati