Re Granchio

Film 2021 | Drammatico, +13 90 min.

Regia di Alessio Rigo de Righi, Matteo Zoppis. Un film Da vedere 2021 con Gabriele Silli, Maria Alexandra Lungu, Jorge Prado, Dario Levy, Mariano Arce. Cast completo Genere Drammatico, - Italia, Francia, Argentina, 2021, durata 90 minuti. Uscita cinema giovedì 2 dicembre 2021 distribuito da Istituto Luce. Oggi tra i film al cinema in 12 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 4,28 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Re Granchio tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un uomo mandato in esilio in Argentina dedicherà la sua vita a cercare un prezioso tesoro.

Consigliato assolutamente sì!
4,28/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 3,83
PUBBLICO N.D.
ASSOLUTAMENTE SÌ
Un'investigazione filosofica inquadrata come un dipinto d'epoca. I protagonisti pulsano di una passione senza tempo.
Recensione di Paola Casella
sabato 10 luglio 2021
Recensione di Paola Casella
sabato 10 luglio 2021

Luciano è il figlio del medico locale di un borgo della Tuscia tardo ottocentesca: un'anima persa, un ubriacone che si trascina attraverso il villaggio e le campagne con grande scandalo per la comunità. Ma Luciano guarda in alto, e ama una contadina promessa ad un principe: lo stesso che taglieggia la comunità, e contro cui Luciano intende ribellarsi in nome di una giustizia di principio. Le cose non andranno come crede, e l'uomo si troverà a vagare dall'altra parte del mondo in cerca di un tesoro leggendario inseguito da molti, convinti che l'oro nascosto cambierà la loro vita. Quella vita in cui le cose importanti invece, a ben guardare, sono altre.

Alessio Rigo de Righi (di per sé un cognome da epopea) e Matteo Zoppis, entrambi classe 1986, esordiscono alla regia e sceneggiatura di Re Granchio.

Un film che nella versione internazionale è intitolato The Legend of King Crab ad evocare La leggenda del santo bevitore di Ermanno Olmi e che aveva per protagonista un uomo intento a ribadire la sua estraneità alle cose del mondo alzando il gomito.

Anche in Re Granchio ogni inquadratura è un quadro, ogni sequenza la tappa di una via Crucis lungo un percorso di pentimento e redenzione, narrato a metà fra il racconto del cantastorie e l'elegia pastorale. Di Olmi i due registi hanno la profondità spirituale e il gusto pittorico che attinge ai maestri dell'arte figurativa europea (molto Caravaggio, fra gli altri) usando la luce (il direttore della fotografia è Simone D'Arcangelo) come va usata al cinema: ovvero in modo totalmente consapevole delle sue potenzialità drammaturgiche.

Ma Rigo de Righi e Zoppis hanno anche la visionarietà (e la sensibilità contemporanea) del Lisandro Alonso di Jauja di cui riproducono la vertigine spaziotemporale, quella sospensione sul baratro di un passato che coesiste con la modernità, giacché la leggenda di Luciano viene rievocata dagli abitanti attuali del borgo, in fondo anche loro incastrati nella Storia.

E non è un caso che Luciano si sposti verso la Terra del Fuoco e che i due registi italiani abbiano uno stretto rapporto con l'Argentina, con cui hanno coprodotto i loro precedenti corti Belva nera e Solengo.

Il peregrinare esistenziale di Luciano ha una forte risonanza contemporanea: è una ricerca di senso e un tentativo di sfuggire ad un habitat che non ci appartiene (più) e che ci chiama ad un confronto materico con la natura, umana quanto ambientale. Re Granchio è "un'investigazione filosofica sull'origine e la posizione dell'uomo nell'universo", come ha scritto Ilaria Gianni a proposito dell'opera di Gabriele Silli, l'artista contemporaneo che interpreta il ruolo del protagonista e che fa della materia organica la sua poetica scultorea.

Intorno a lui bellezza e desolazione, anelito e disincanto hanno lo stesso impatto, e i registi ce lo restituiscono incastonando le figure umane in panorami incantevoli e alieni. Ogni cosa è tangibile, tridimensionale, ogni colore denso e disposto all'affondo della cinepresa. Ancora parafrasando le parole di Ilaria Gianni nel descrivere le opere di Silli, Re Granchio è un film "sfrontato, intenzionato a rivelarsi nella sua natura fisica, corporea, piuttosto che narrativa", "un viaggio sensoriale nell'extra-ordinario, a lasciarsi trasportare dalla potenza del 'mero' elemento fisico, tattile, grottesco".

L'unica osservazione negativa, in un film così accurato e preciso, è la colorazione dialettale di alcuni attori, che a tratti abbandonano l'accento toscano per altre sonorità regionali. Ma Silli e Maria Alexandra Lungu (il cui volto antico e misterioso avevamo già apprezzato ne Le meraviglie) restano presenze intense e memorabili, inquadrate (è il caso di dirlo) come dipinti d'epoca, ma capaci di pulsare di passione senza tempo, di desiderio senza argine possibile.

Sei d'accordo con Paola Casella?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 30 novembre 2021
marcosesti2

Una storia passata di bocca in bocca in Italia, viene trasportata dall'altro lato del mondo fino a creare una leggenda sudamericana.Un film poetico che cambia più generi nel suo arco, lirico. Finalmente.

martedì 30 novembre 2021
arivelardi

Un coro popolare in cui le parole sono messe in scena. Un film dove recitano persone vere, con le loro facce antiche e la loro immensa poesia, ci trasporta dall'altro lato del mondo in un cammino salvifico che parte dal mare per arrivare alla luce.#Realismomagico

martedì 30 novembre 2021
arivelardi

Un coro di parole e volti antichi, di canti e storie intrecciate tra loro dall'Italia al sud America. Un cammino salvifico che parte dal mare per arrivare alla luce.  #realismomagico

martedì 30 novembre 2021
Vale21

Ma che filmone avete fatto!!!!!!!! 

venerdì 19 novembre 2021
Polissena

"Re Granchio" è un invito all'attesa, all'osservazione, all'ascolto e all'immaginazione. Come quando si finisce un bel libro, usciti dalla sala ci si sente arricchiti,  come se si fosse guadagnato del tempo. Ne vale la pena.

giovedì 18 novembre 2021
Lavinia

Bella storia bella musica grandi personaggi da vedere !

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 30 novembre 2021
Giona A. Nazzaro
Film TV

Ci fu un tempo in cui Rezza e Mastrella provarono ad allargare al racconto cinematografico la coincidenza tra genuina ricerca avanguardistica e immediata accessibilità comica che ha reso grande il loro teatro. Samp viene da lì. E supera brillantemente l'anarchia distruttiva che era pregio e limite di Delitto sul Po (2002), a ridosso di cui fu iniziata, e poi mollata e ripresa fino al 2020, questa nuova [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 luglio 2021
Francesca Pistocchi
Close-up

Una storia, per chiamarsi storia, deve concedersi il piacere di tradire. Il racconto, per sua stessa definizione, non è affidabile: Alessio Rigo de Righi e Matteo Zoppis ce lo dimostrano in Re granchio, primo lungometraggio di finzione con cui i registi sbarcano a Cannes 2021 nella sezione "Quinzaine des Réalisateurs". Come ogni leggenda che si rispetti, anche questa nasce davanti al fuoco - più precisament [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 luglio 2021
Sergio Sozzo
Sentieri Selvaggi

Non so se possa davvero essere la secca sparatoria alla Raoul Walsh che divampa tra le rocce della montagna sull'isola "in culo al mondo" dove nel suo secondo atto plana il film, la cosa più sorprendente di questo exploit di Zoppis/Rigo de Righi, che a quel punto di forme, deviazioni e dimensioni ne ha già attraversate parecchie, dal Rossellini tv al Pasolini "mitologico" a un certo realismo magico [...] Vai alla recensione »

mercoledì 14 luglio 2021
Massimo Causo
Duels.it

Seguire i passi del granchio rosso per trovare il tesoro: una mappatura mobile e invisibile, organica e ponderata sull'incedere lento del crostaceo. C'è tutto il peso del pensiero, della riflessione, nel destino che segna la storia di Luciano, il Re Granchio del film di Alessio Rigo de Righi e Matteo Zoppis a Cannes 74 nella Quinzaine des Réalisateurs.

martedì 13 luglio 2021
Eddie Bertozzi
Film TV

«Giusto così, a ciascuno il suo posto» dice alla fine di Ouistreham, terzo film da regista di Emmanuel Carrère, una delle protagoniste, Justine, madre di tre bambini e donna delle pulizie sulle grandi navi che attraccano nel porto di Caen. Lo dice a Marianne Winckler (Juliette Binoche), scrittrice parigina che si è finta anche lei donna delle pulizie per conoscere la realtà della crisi e del precariato. [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 luglio 2021
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Nel tardo '800, un ubriacone che vive nella Tuscia si ribella al principe locale, fino a commettere un crimine che lo costringe all'esilio nella Terra del Fuoco. Qui va alla ricerca di un mitico tesoro, in una specie di percorso di redenzione. Ma come per tutti i tesori, l'avidità umana provoca danni. L'esordio nel cinema di finzione della coppia di registi italiani, capaci di sconfinare con il loro [...] Vai alla recensione »

domenica 11 luglio 2021
Eugenio Renzi
Il Manifesto

Nel Re Granchio ci sono due films che crescono uno dentro l' altro. Anzi, tre. Il primo nasce ai giorni nostri. Siamo alla tavola di Ercolino, un romano «de Roma» che da alcuni anni ha deciso di vivere a Vajano, in Tuscia, dove ha costruito un rifugio che si riempie dei cacciatori della zona. I cacciatori parlano, bevono, raccontano storie. Due di queste avevano dato luogo ai primi due film documentari [...] Vai alla recensione »

domenica 11 luglio 2021
Raffaele Meale
Quinlan

C'era una volta un re, così inizia una celebre filastrocca, interamente costruita sull'impossibilità di uscire dal concetto di narrazione, e di affrancarsi dal racconto, dalla "storia infinita" che ne racchiude al proprio interno altre migliaia, forse milioni. Si costruisce così da sempre il racconto orale, già proteso a essere ripetuto con modifiche, aggiunte e sottrazioni, e foriero di intuizioni [...] Vai alla recensione »

sabato 10 luglio 2021
Valerio Sammarco
La Rivista del Cinematografo

Luciano è l'ubriacone del villaggio, a detta di tutti, ma in realtà è l'unico deciso ad opporsi al potere del padrone. E proprio un suo gesto scellerato, incendiario, lo costringerà ad un esilio avventuroso, dal borgo di Vejano nella Tuscia alla lontanissima Terra del Fuoco, all'estremità del Sudamerica. Alessio Rigo de Righi e Matteo Zoppis esordiscono al lungometraggio di finzione con Re Granchio [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
martedì 23 novembre 2021
 

Regia di Alessio Rigo de Righi, Matteo Zoppis. Un film con Gabriele Silli, Maria Alexandra Lungu, Jorge Prado, Dario Levy, Mariano Arce. Da giovedì 2 dicembre al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
mercoledì 17 novembre 2021
 

Un uomo mandato in esilio in Argentina dedicherà la sua vita a cercare un prezioso tesoro. Vai all'articolo »

CANNES FILM FESTIVAL
sabato 10 luglio 2021
Paola Casella

Un film dal grande gusto pittorico. Presentato alla Quinzaine des Réalisateurs. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati