La casa dell'amore

Film 2020 | Documentario 77 min.

Anno2020
GenereDocumentario
ProduzioneItalia
Durata77 minuti
Regia diLuca Ferri
AttoriBianca Dolce Miele, Natasha De Castro .
TagDa vedere 2020
MYmonetro 3,32 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Luca Ferri. Un film Da vedere 2020 con Bianca Dolce Miele, Natasha De Castro. Genere Documentario - Italia, 2020, durata 77 minuti. - MYmonetro 3,32 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La casa dell'amore tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

La storia d'amore a distanza tra la prostituta Bianca Dolce Miele e Natasha.

Consigliato sì!
3,32/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,63
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Ferri chiude la sua 'Trilogia dell'appartamento' con la storia della trans Bianca, in attesa di un amore finalmente tutto suo.
Recensione di Giancarlo Zappoli
domenica 23 febbraio 2020
Recensione di Giancarlo Zappoli
domenica 23 febbraio 2020

Bianca, una transessuale che vive a Milano dal 2009 viene seguito dalla telecamera solo ed esclusivamente all'interno dell'appartamento che condivide con un gatto nero e con la fidanzata Natasha, che al momento si trova in Brasile. Assistiamo alla sua vita quotidiana e ai suoi incontri con i clienti.

"La tenerezza, tenerezza è detta se cose nuove detta" (Sandro Penna). Questi versi e un duplice manifesto della mostra "Frammenti d'amore" di Cesare Riva marcano con forza questo documentario di Luca Ferri con il quale si conclude la "Trilogia dell'appartamento" in cui il regista ha voluto indagare la relazione che si instaura tra il mezzo di ripresa il soggetto della stessa e la limitazione spaziale.

Cosa possono significare le due marche di cui sopra? I versi sottolineano il bisogno che anche chi vende il proprio corpo avverte: quello di un'attenzione che dal 'cliente' (che paga per riceverla) si rifletta su chi la offre. Il manifesto da elemento di sfondo finisce con il trovare una sua importante rilevanza nella narrazione. Senza volerla rivelare anticipatamente ne va comunque sottolineata la valenza anche simbolica.

Ferri ad ogni opera mostra una grande consapevolezza nell'uso del mezzo e, in particolare nella composizione delle inquadrature. L'autovincolo allo spazio di un appartamento sottintende la volontà di misurarsi con l'ostacolo delle mura e di ciò che esse includono.

Tra citazioni evangeliche, canti della mala e un cliente che lo 'usa' come tavola su cui apparecchiare il pranzo, Bianca ci dice di sé, della propria condizione umana, di una solitudine affollata da persone a cui dare l'illusione di un esistere difficile da trasformare in consapevolezza duratura. Basta un preavviso di mezzora e lei sarà pronta 'per' loro. Aspettando il ritorno di un amore che sia soprattutto per sé.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 25 febbraio 2020
Giulio Sangiorgio
Film TV

"Trilogia dell'appartamento", vol. III, dopo Dulcinea e Pierino. Il primo «ora d'amore» (fiction, in 16 mm) d'una prostituta non chiamata a consumare, ma ad abbandonare feticci in casa, alla mercé di un cliente. Il secondo (doc, in VHS) resoconto di un anno, un giorno la settimana, d'un cinefilo in pensione, della sua placida compulsione, dei giorni tutti uguali, orari, riti, report.

martedì 25 febbraio 2020
Mario Blaconà
Filmidee

Terzo capitolo di un'ideale trilogia dell'appartamento, che ha visto come primi due episodi Dulcinea, messo in scena nel tempo di un'ora, girato in pellicola 16 mm e interamente di finzione, e Pierino, filmato nel periodo di un anno, girato in VHS e rigorosamente documentaristico, l'ultimo lavoro di Luca Ferri, La casa dell'amore, attraverso il supporto digitale e un connubio tra realtà e (ri)costruizione, [...] Vai alla recensione »

lunedì 24 febbraio 2020
Tonino De Pace
Duels.it

Dopo Dulcinea e Pierino, La casa dell'amore, il terzo film che dovrebbe concludere la trilogia della casa, quella trilogia domestica che forse parte più da lontano, in quel film a quattro mani che Luca Ferri ha girato nel 2013 con Claudio Casazza, quell'Habitat [Piavoli] omaggio all'Autore Franco Piavoli, così vicino e così lontano dal percorso di Luca Ferri, ma così affine nella ricerca di una assoluta [...] Vai alla recensione »

domenica 23 febbraio 2020
Sergio Sozzo
Sentieri Selvaggi

Tanto il precedente Dulcinea si mostrava come un film di insostenibile turgore erotico pur non permettendo mai ai due personaggi in scena l'istante di un contatto anche minimo, neppure unicamente sfiorato, così La casa dell'amore non si accende mai, in maniera chirurgica e crediamo del tutto consapevole, di emozione sensuale pur essendo continuamente attraversato da incontri a sfondo sessuale, grovigli [...] Vai alla recensione »

NEWS
BERLINALE
lunedì 24 febbraio 2020
Giancarlo Zappoli

Luca Ferri racconta la storia della trans Bianca, in attesa di un amore finalmente tutto suo. Presentato alla Berlinale 2020. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati