Easy Living - La vita facile

Film 2019 | Commedia, +13 93 min.

Titolo originaleEasy Living
Anno2019
GenereCommedia,
ProduzioneItalia
Durata93 minuti
Regia diOrso Miyakawa, Peter Miyakawa
AttoriManoel Hudec, Alberto Boubakar Malanchino, James Miyakawa, Camilla Semino Favro .
Uscitagiovedì 24 settembre 2020
DistribuzioneI Wonder Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,88 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Orso Miyakawa, Peter Miyakawa. Un film con Manoel Hudec, Alberto Boubakar Malanchino, James Miyakawa, Camilla Semino Favro. Titolo originale: Easy Living. Genere Commedia, - Italia, 2019, durata 93 minuti. Uscita cinema giovedì 24 settembre 2020 distribuito da I Wonder Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,88 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Easy Living - La vita facile tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Tre ragazzi decidono di aiutare un migrante a ricongiungersi con la moglie. In Italia al Box Office Easy Living - La vita facile ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 34,7 mila euro e 15,3 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,88/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,75
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Una piccola storia che riesce a parlare di migranti senza retorica e con leggerezza.
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 22 settembre 2020
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 22 settembre 2020

Ventimiglia. È qui che incontriamo Don, un maestro di tennis americano che seduce signore over cinquanta e ha una passione per la pittura; Camilla ,una contrabbandiera di medicinali ed alcolici e Brando suo fratello quattordicenne. I tre finiranno con l'entrare in azione insieme per aiutare Elvis, un migrante clandestino, a passare in Francia per ricongiungersi con la moglie incinta.

L'opera prima dei fratelli Miyakawa non è priva di problemi di scrittura (tutta la prima parte del film dà l'impressione di essere un assemblaggio di scene che dovrebbero avere lo scopo di caratterizzare i protagonisti) nonché di ingenuità (si veda la scena dell'incontro/scontro tra Don in bicicletta e un uomo con un enorme mazzo di fiori decisamente inutile nel momento in cui la tensione dovrebbe stare per crescere). Ma proprio in questa ingenuità e freschezza sta il pregio di questa piccola storia che ha un obiettivo che riesce a raggiungere: parlare di migranti senza retorica e senza virare forzatamente nel dramma.

Perché è la commedia a dominare con toni che rispettano le intenzioni dei registi che hanno dichiarato: "Abbiamo creato il personaggio di un migrante, ma con l'intenzione che non facesse semplicemente pena. L'abbiamo reso figo, l'abbiamo chiamato Elvis Presley e l'abbiamo fatto andare in giro con occhiali da sole e camicia hawaiana. Così che agli occhi di un ragazzino non suscitasse solo compassione, ma anche ammirazione".

È quanto accade a Brando che finisce con il rappresentare un possibile ed auspicabile futuro in cui sia il 'conoscere' qualcuno in difficoltà la molla che spinga ad un aiuto disinteressato che, in questa occasione, costringe ad esercitare la creatività. I Miyakawa potranno in futuro raffinare la loro scrittura ma questo esordio non manca di buone intenzioni.

Una storia che ci parla di chi siamo e di chi vorremmo essere.
Overview di Massimiliano Carbonaro
mercoledì 16 settembre 2020

Un improbabile trio composto da un quattordicenne, una ragazza universitaria che contrabbanda medicine e sigarette e un maestro di tennis di origini americane che però vorrebbe fare il pittore sono gli improbabili eroi della commedia agrodolce Easy Living. I tre diventano amici con una missione riuscire a far passare la frontiera tra l'Italia e la Francia, illegalmente, a Elvis, un migrante che vuole raggiungere la moglie a Parigi. Diretto da Peter Miyakawa, Easy Living ha ottenuto ottime recensioni nel corso dell'ultima edizione del Torino Film Festival.

La regia di Easy Living è dei fratelli Orso e Peter Miyakawa, che nonostante un cognome giapponese (che arriva dal nonno orientale) sono italianissimi.

In una Ventimiglia crepuscolare, dove tutto sembra ruotare intorno al tennis club, le cene sono consumate a lume di candela e i film al cinema sono datati, si conoscono il giovanissimo Brando, la volitiva Camilla e lo stravagante Don. Tutti e tre diventano, però, amici grazie ad un'idea un po' folle: aiutare Elvis, migrante clandestino, a superare il confine che separa l'Italia dalla Francia.

Tra momenti ironici, stranezze e curiosità, il film si dipana nel mettere in campo un bizzarro piano per riuscire ad aggirare i controlli e aiutarlo. Tre personaggi da soli incompleti e forse inconcludenti trovano il loro centro proprio nel fare qualcosa di difficile e potenzialmente pericoloso, qualcosa di easy per niente easy. L'obiettivo del film è affrontare un tema difficile come quello dei migranti senza scadere nella retorica, ma anzi con un pizzico di commedia o di follia. A raccontare la vicenda è Brando, che diventa la voce dei due fratelli registi che in questo film hanno trasfuso molte esperienze e impressioni raccolte nella loro infanzia.

Tra le curiosità del film annoveriamo la partecipazione alla lavorazione di mamma Miyakawa che ha curato la scenografia, del terzo fratello, il più piccolo della famiglia, James, e anche di Enzo, il quarto membro di questa insolita famiglia, il cui nonno era amico di Kurosawa e arrivò in Italia come giornalista ma conobbe la sua futura moglie e rimase nel nostro Paese.

Il cast vede appunto la presenza di James Miyakawa nei panni di Brando, mentre Alberto Boubakar Malanchino è Elvis. Don, l'americano che ha lasciato la sua ricca famiglia, è interpretato da Manoel Hudec, mentre Camilla ha il volto di Camilla Semino Favro.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 23 settembre 2020
Flavio Oliviero

Un film fresco come l’acqua, una commedia delicata e densa, che sa di amore per il cinema e per la vita. È Easy Living – La vita facile, opera prima di Orso e Peter Miyakawa, storia di amicizia e solidarietà che tratta il tema dell'immigrazione con tenerezza e partecipazione. Un godimento per lo spirito, per tutti coloro che amano il cinema.

sabato 26 settembre 2020
Alberto Marzocchi

È un peccato non poter parlare bene di un film di un regista così giovane ma la storia ha tutti i difetti dell'immaturità: scrittura banale, recitazione da youtuber, buonismo e retorica. L'obiettivo del film decade su una certa faciloneria di fondo. Molto brutto.

giovedì 24 settembre 2020
OLIVIA

Un quattordicenne impacciato che quasi non parla, una sorella sbrigativa, che fa piccolo contrabbando tra l'Italia e la Francia, un maestro di tennis sciupafemmine che vorrebbe dipingere, un migrante che cerca di passare il confine. Una cittadina sonnolenta quasi fuori dalla realtà. Questi gli ingredienti di un film garbato, pieno di idee, dove si racconta con humour ed [...] Vai alla recensione »

martedì 29 settembre 2020
Spikejohn

Film decisamente immaturo e inadatto a una visione al cinema. Youtube sarebbe stato un contenitore migliore per questo insieme di Pills.

giovedì 24 settembre 2020
noracarbone

Il film presenta una magnifica opera prima di due registi che per fare cinema sono assolutamente nati, che sanno come dirigere e scrivere una buona storia, come intrattenere ma anche commuovere, e persino lasciarti qualcosa di grande dentro. Dopo aver visto Easy Living, tornare a casa è difficile, perché vorresti tornare al cinema a rivederlo.

giovedì 24 settembre 2020
Biondic

I Miyakawa Bros esordiscono con una commedia che è una vera delizia! Nel loro sguardo dietro la macchina da presa si sente tutta l'influenza del cinema degli anni’70 della New Hollywood, della commedia all’italiana del grande Scola e del filone della Nouvelle Vague. Easy Living - La vita facile è una sorta di favola malinconica raccontata [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 2 ottobre 2020
Valerio Caprara
Il Mattino

Il cinema in sala agonizza e da compulsivi innamorati dobbiamo fare di tutto per salvarlo. Per avere speranze di successo servono, certo, due condizioni imprescindibili: la rigorosa applicazione delle norme di sicurezza e l' offerta di qualche titolo che non sia, come li apostrofava tanto tempo fa un caposervizio del nostro giornale, «roba pe' cinefili».

venerdì 25 settembre 2020
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Che bella sorpresa il convincente esordio alla regia dei fratelli Miyakawa, che firmano una commedia agrodolce che non si può non amare. A Ventimiglia, interagiscono tre protagonisti sui generis: una ragazza che contrabbanda Viagra e sigarette tra Francia e Italia, il fratello quattordicenne e un insegnante di tennis americano che pensa solo a sedurre.

giovedì 24 settembre 2020
Francesco Del Grosso
La Rivista del Cinematografo

Se c'è una cosa che colpisce e che fa la differenza in Easy Living è il suo sfuggire alle facili omologazioni, alle sicurezze di una comfort zone, ma soprattutto alle etichette. L'opera prima dei fratelli italo-giapponesi Peter e Orso Miyakawa, ben accolta lo scorso novembre al Torino Film Festival e ora nelle sale in cerca di ulteriori consensi, è un "oggetto" audiovisivo anomalo e grezzo, che si [...] Vai alla recensione »

martedì 22 settembre 2020
Fiaba Di Martino
Film TV

Camilla, studentessa universitaria, contrabbanda medicinali sulla frontiera italofrancese, sotto gli occhi curiosi dell'impacciato fratellastro quattordicenne Brando. Tra i clienti della piratessa bionda c'è l'immigrato Elvis, che appostato su una sedia pieghevole osserva la costa e il punto inavvertibile, a un tiro di schioppo, in cui Ventimiglia diventa Francia, un valico invisibile ma insormontabile, [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 dicembre 2019
Gianvito Di Muro
Sentieri Selvaggi

dall'incontro con un migrante clandestino sui generis. Tutti insieme organizzano un piano rocambolesco per aiutarlo a varcare il confine. Easy Living, film d'esordio dei fratelli Orso e Peter Miyakawa, gioca quindi sul concetto di migrazione, di "troisiana" memoria. Mischia culture e lingue (italiano, francese e inglese), ma soprattutto stili di vita e ambizioni personali, perlopiù confuse e in continua [...] Vai alla recensione »

NEWS
OVERVIEW
mercoledì 16 settembre 2020
Massimiliano Carbonaro

Tre ragazzi decidono di aiutare un migrante a ricongiungersi con la moglie. Da giovedì 24 settembre al cinema. Vai all'articolo »

TRAILER
lunedì 31 agosto 2020
 

Regia di Orso Miyakawa, Peter Miyakawa. Un film con Manoel Hudec, Alberto Boubakar Malanchino, James Miyakawa, Camilla Semino Favro. Da giovedì 24 settembre al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
giovedì 30 gennaio 2020
 

Tre ragazzi decidono di aiutare un migrante a ricongiungersi con la moglie. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati