Dreamland

Film 2019 | Drammatico, Thriller 98 min.

Regia di Miles Joris-Peyrafitte. Un film con Margot Robbie, Travis Fimmel, Garrett Hedlund, Finn Cole, Kerry Condon. Cast completo Titolo originale: Dreamland. Genere Drammatico, Thriller - USA, 2019, durata 98 minuti. - MYmonetro 2,75 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Dreamland tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una rapinatrice è in fuga ma un giovane riesce a trovarla battendo sul tempo le autorità. Che intanto celano alcuni segreti inconfessabili.

Consigliato sì!
2,75/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,50
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
Premi
Cinema
Trailer
Gangster story dove si sfidano a duello la visionarietà del regista e la prevedibilità del racconto.
Recensione di Marianna Cappi
giovedì 28 novembre 2019
Recensione di Marianna Cappi
giovedì 28 novembre 2019

Eugene ha perso il padre a cinque anni, quando l'uomo, inghiottito dall'alcool e dalla paranoia, ha lasciato moglie e figlio per il mitico Messico. Con il nuovo compagno della madre e una sorellina a cui è sinceramente legato, Eugene ha continuato la sua crescita nelle praterie del Texas, messe in ginocchio dalla siccità, cercando l'evasione nelle gangster stories d'appendice. Finché l'avventura, un giorno, non lo raggiunge a casa sua, nel suo fienile, dove si è nascosta la bella fuorilegge Allison Wells, ferita, forse assassina, di sicuro ricercata da tutti. Alison ha bisogno di Eugene e lui ha bisogno di sognare di poter fuggire con lei, alla volta del mitico Messico.

Sullo sfondo di un paesaggio malickiano e di malickiani luci al tramonto, Miles Joris-Peyrafitte, al suo secondo lungometraggio (col primo, As you are, ha vinto il premio speciale della giuria al Sundance a 23 anni), mette in scena una storia d'amore e di fuga, letteraria e nostalgica, intrisa di un immaginario cinematografico di genere, rotto però da inserti modernisti di diverso stile e formato, che veicolano i sogni di libertà dei protagonisti ma evidentemente anche del regista.

Il romanzo di formazione di Eugene non è privo di sfumature interessanti, così come l'interpretazione di Finn Cole, mentre Margot Robbie, anche produttrice, ritaglia per sé un personaggio più sfaccettato e maturo, incarnazione di eros e thanatos, capace di estreme menzogne ed estrema sincerità, di evocare Faye Dunaway e di negare immediatamente il paragone. La loro, purtroppo, è però una fuga verso un finale annunciato, attraverso un percorso troppo familiare, per cui bisogna davvero allinearsi con l'ingenuità di Eugene per non sentirsi fuori sincrono, e non è cosa facile. Il film troverà il giusto ritmo quando i due prenderanno finalmente la strada, ma è tardi, il finale è dietro l'angolo.

Il ventisettenne Joris-Peyrafitte cerca in ogni modo di personalizzare sul fronte visivo un copione che si attarda oltre misura nel romanzesco, duplicando i punti di vista e vagheggiando l'azione anziché cavalcarla: lo si sente camminare contro vento, come il patrigno di Eugene nel bel mezzo della più terribile tempesta degli anni Trenta, per combattere il carattere ultraclassico della narrazione con squarci inediti, materiali cinematografici incongrui, un montaggio emozionale e psicologico, e un'insolita, vibrante scena di seduzione, perfetta per un altro film.

Perché alla fine a vincere, in Dreamland è, sfortunatamente, la prevedibilità della sceneggiatura, la tipicità del modello, la banalità del racconto. Peyrafitte e i suoi giovani amanti ci hanno provato, ci hanno fatto sentire che un'altra visione era possibile, ma non ce l'hanno fatta ad arrivare fino in fondo.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 2 dicembre 2019
Dafne Franceschetti
Sentieri Selvaggi

Si diceva un tempo, in Europa, che l'America fosse la terra promessa, pronta ad accogliere in quelle lands sconfinate, dove la linea dell'orizzonte scompariva sotto cieli immensi, chiunque vi si volesse avventurare. Terra di miti dal grande fascino cui Dreamland, ultimo film di Miles Joris-Peyrafitte, presentato in Festa Mobile, sembra pescare a piene mani: c'è la strada, il bandito, ma soprattutto [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 novembre 2019
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Nel Texas arido della Depressione, il giovane Eugene nasconde e si invaghisce della bella Allison Wells, ricercata dalla polizia, per rapina e omicidio. La loro fuga verso il Messico, dove Eugene spera di trovare il padre che aveva abbandonato la famiglia anni prima, risulterà problematica. Raccontato dalla sorellastra di Eugene, il film è un solido racconto abbastanza consumato, che si accende soltanto [...] Vai alla recensione »

mercoledì 27 novembre 2019
Gian Luca Pisacane
La Rivista del Cinematografo

Gangster Story. Il regista Miles Joris - Peyrafitte dimostra di aver studiato a fondo la lezione di Arthur Penn. La forza evocativa dei colori, la tensione verso il mito. Il percorso che porta alla leggenda, l'esaltazione del criminale che finisce in tragedia. Partendo proprio dall'immagine del ricercato: la stessa utilizzata da Penn per descrivere la realtà prima dell'incubo.

NEWS
TORINO FILM FESTIVAL
giovedì 28 novembre 2019
Marianna Cappi

Margot Robbie è una rapinatrice in fuga tra la polvere del Texas. Al Torino Film Festival.  Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati