MYmovies.it
Advertisement
Yuli - Danza e Libertà, la video recensione

La storia di un ballerino rivoluzionario, un guerriero, di un eroe di strada alla conquista del mondo. Recensione di Roberto Manassero, legge Giovanni Cannata.
di A cura della redazione

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
lunedì 7 ottobre 2019 - Video recensione

Bambino ribelle a L'Havana, soprannominato Yuli in onore di una divinità, Carlos Acosta è costretto dal padre a frequentare la rinomata Escuela Nacional Cubana de Ballet. Dopo anni di difficoltà e umiliazioni, conquisterà il mondo della danza, senza mai dimenticare le origini.
Nella mitologia yoruba, Yuli è il figlio di Ogùn, semidio della guerra e del fuoco: un guerriero. Acosta, ballerino rivoluzionario, primo "principal" di colore del Royal Ballet, è un guerriero anche lui. Sottolineando il paragone, il film racconta una battaglia interiore, la conquista del mondo da parte di un eroe di strada . Un racconto di formazione illustrato abilmente dallo stile senza fronzoli di Icíar Bollaín.

Il risultato è un ritratto onesto, simile all'album di ritagli di giornale che il padre di Carlos ha custodito per tutta la vita.
A cura della redazione

In occasione dell'uscita al cinema di Yuli - Danza e libertà, Giovanni Cannata interpreta la recensione di Roberto Manassero.


RECENSIONE
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati