The Domestics

Film 2017 | Thriller +13 95 min.

Titolo originaleThe Domestics
Anno2017
GenereThriller
ProduzioneUSA
Durata95 minuti
Regia diMike P. Nelson
AttoriKate Bosworth, Tyler Hoechlin, Lance Reddick, Sonoya Mizuno, Brad Leland Jeff Chase, David Jensen, Dave Davis, Lance E. Nichols, Jim Gleason, Al Vicente.
Uscitagiovedì 4 ottobre 2018
DistribuzioneEagle Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Mike P. Nelson. Un film con Kate Bosworth, Tyler Hoechlin, Lance Reddick, Sonoya Mizuno, Brad Leland. Cast completo Titolo originale: The Domestics. Genere Thriller - USA, 2017, durata 95 minuti. Uscita cinema giovedì 4 ottobre 2018 distribuito da Eagle Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi The Domestics tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Dopo un evento post-apocalittico, una coppia deve lottare per rientrare nella propria casa. In Italia al Box Office The Domestics ha incassato 61,4 mila euro .

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Pathos, vivacità narrativa e buone interpretazioni: non tutto è originale ma lo spettacolo tiene.
Recensione di Rudy Salvagnini
giovedì 4 ottobre 2018
Recensione di Rudy Salvagnini
giovedì 4 ottobre 2018

Una guerra batteriologica ha spopolato la Terra. I sopravvissuti devono fare i conti con la nuova realtà e decidere cosa fare. Gang spietate dominano gli Stati Uniti in assenza di qualunque tipo di controllo governativo e si contendono il territorio senza risparmiarsi crudeltà di ogni genere. In questo contesto, Mark e la moglie Nina, una volta normale coppia borghese, cerca di sopravvivere puntando a trovare un posto dove vivere in sicurezza. Le cose tra loro non andavano tanto bene, ma la catastrofe ha convinto Mark a cercare una ripartenza insieme. Nina è meno convinta, ma ci prova. La loro meta è la casa dei genitori di lei, molto distante, a Milwaukee. Il tragitto è però costellato di insidie e di brutti incontri, a partire da due pittoreschi membri di una gang che piombano nella casa dove Mark e Nina hanno trovato precario rifugio.

È il primo di una serie di ostacoli che costringono i due a venire a patti con la loro morale e a uccidere per non essere uccisi in un gioco mortale che rivela la caratteristica ferocia della natura umana.

Il fortuito incontro con l'amichevole Nathan Wood, sua moglie Theresa e i loro figli Bella e Steven porta un po' di solidarietà in un orizzonte tenebroso, ma i pericoli continuano a incombere ed è sempre più difficile fidarsi del prossimo.

Punteggiato dagli interventi di un disc-jockey che scandisce i tempi e fornisce le necessarie informazioni narrative, il film utilizza uno scenario che una volta si sarebbe detto post-atomico (ma in realtà è post qualcos'altro di non ben definito, ma altrettanto letale) per realizzare una sorta di replica delle situazioni di devastante anarchia recentemente riportate alla ribalta nei film della serie iniziata con La notte del giudizio, ma che avevano popolato il cinema di genere (e non) sin dagli anni '60 e '70: film come Il giorno dopo la fine del mondo diretto e interpretato nel 1962 da Ray Milland o ancor più come 2000: la fine dell'uomo diretto da Cornel Wilde nel 1970 prefigurano molte delle atmosfere, certo qui più cupe, di questo film, per non parlare in tempi appena più recenti dei film di Mad Max e similari.

Anche il look pittoresco e variopinto degli appartenenti alle varie gang richiama alcuni dei film di quell'epoca e ancor più quelli della saga de La notte del giudizio a ricordare come quando perde totalmente la sua umanità - o quello che si ama pensare che sia definibile come umanità - l'essere umano debba travisarsi e nascondersi per non vedere il proprio abbrutimento.

Com'è d'uso in questo genere di film, quanto più le cose si fanno selvagge, tanto più gli uomini si aggrappano alle usanze di quando la vita era normale: così la cena che i Wood preparano per i West è una sorta di isola di buone maniere nel mare in tempesta della violenza. Ma, come avviene anche in altre occasioni, la ricerca della normalità si scontra con la durezza della nuova situazione e il film ha qualche discreta svolta narrativa che intorbida le acque, spiazza almeno in parte le aspettative e mantiene una certa vivacità lungo il percorso narrativo. La descrizione, spesso con una discreta finezza psicologica, delle tensioni relazionali della coppia dei protagonisti serve a dare un po' di spessore ai caratteri. Niente di troppo profondo, giusto quel che serve a creare un po' di pathos e di interesse per le loro sorti.

Certo, non tutto è di prima mano: l'immaginario è già visto e spesso il film prende scorciatoie e si adagia sulle convenzioni del genere distopico, ma nell'insieme lo spettacolo tiene. Kate Bosworth - la Lois Lane del Superman interpretato da Brandon Routh - offre una convinta interpretazione nel ruolo della donna che deve ritrovare se stessa e il suo rapporto col marito. Tyler Hoechlin è più monocorde, ma è comunque funzionale. Mike P. Nelson opta per una regia senza fronzoli cercando di assecondare l'azione e riuscendo in genere nell'intento. Qualche tocco interpretativo del cast di supporto, come il criminale cinefilo interpretato con soavità da David Dastmalchian (che cita addirittura Occhi senza volto di Georges Franju), è simpatico.

Sei d'accordo con Rudy Salvagnini?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 25 agosto 2018
Ashtray_Bliss

Inutile girarci intorno; The Domestics è un thriller old school che si ispira apertamente e spudoratamente al celeberrimo Mad Max di George Miller e non esita a rivisitare i topoi narrativi dei viaggi on the road attraverso paesi completamente devastati all'indomani di un collasso sociale (ma anche economico e tecnologico) senza precedenti come già abbiamo [...] Vai alla recensione »

venerdì 24 agosto 2018
Ashtray_Bliss

Inutile girarci intorno; The Domestics è un thriller old school che si ispira apertamente e spudoratamente al celeberrimo Mad Max di George Miller e non esita a rivisitare i topoi narrativi dei viaggi on the road attraverso paesi completamente devastati all'indomani di un collasso sociale (ma anche economico e tecnologico) senza precedenti come già abbiamo visto [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati