Parola di Dio

Film 2016 | Drammatico +13 118 min.

Titolo originale(M)uchenik
Anno2016
GenereDrammatico
ProduzioneRussia
Durata118 minuti
Regia diKirill Serebrennikov
AttoriPyotr Skvortsov, Aleksandr Gorchilin, Aleksandra Revenko, Viktoriya Isakova, Yuliya Aug Svetlana Bragarnik, Irina Rudniktskaya, Anton Vasilev, Nikolay Roshchin.
Uscitagiovedì 27 ottobre 2016
DistribuzioneI Wonder Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,59 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Kirill Serebrennikov. Un film con Pyotr Skvortsov, Aleksandr Gorchilin, Aleksandra Revenko, Viktoriya Isakova, Yuliya Aug. Cast completo Titolo originale: (M)uchenik. Genere Drammatico - Russia, 2016, durata 118 minuti. Uscita cinema giovedì 27 ottobre 2016 distribuito da I Wonder Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,59 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Parola di Dio tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un adolescente sull'orlo di una crisi, e il supporto della sfida di un'insegnante. Ha vinto un premio ai European Film Awards.

Parola di Dio è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING Compralo subito

Consigliato nì!
2,59/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,67
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Serebrennikov si chiede con il suo stile barocco e stilizzato cosa accada in un nucleo chiuso moderno quando qualcuno protesta per imporre dettami tradizionalisti e religiosi.
Recensione di Gabriele Niola
Recensione di Gabriele Niola

Veniamin non è come gli altri studenti del liceo che frequenta. Benché animato da uno spirito polemico e ribelle, la sua ribellione non va nella direzione caratteristica della sua età, non pretende più libertà, più equità e meno imposizioni ma semmai più regole. Le regole che vuole fare imporre sono a suo dire le uniche che valga la pena rispettare, quelle cioè della Bibbia. Citando a memoria ampi tratti Veniamin riesce ad imporre l'uso del costume intero invece del bikini nell'ora di educazione fisica e poi prende di mira l'insegnante di biologia. Protesta contro l'educazione sessuale libertaria e anticoncenzionale da lei impartita e poi anche contro il fatto che insegni l'evoluzionismo.
I disastri che causa, i problemi che provoca e la forza del suo ribellismo diventano contagiosi, la classe spesso è con lui da che lo considerava un freak. La cosa incredibile è che nonostante il suo atteggiamento insubordinato la preside e gli altri insegnanti sembrano non disprezzare troppo queste esagerate richieste di maggior controllo religioso sulla scuola...
C'è il presupposto più semplice dietro The Student: cosa accade in un nucleo chiuso moderno quando qualcuno protesta per imporre dettami tradizionalisti e religiosi? Cosa accade se è uno studente a richiamare tutti con veemenza mentre un professore cerca di riportare tutti alla ragione? Serebrennikov non solo se lo chiede ma lo fa con il suo stile barocco e stilizzato, saturo di colori eppure capace di individuare cosa conta di andare al punto vero della questione.
In questo senso il meglio di sè il film lo dà al suo inizio, quando ancora non abbiamo visto quanto il protagonista viva il problema della religione e quanto sia in difficoltà di fronte all'esibizione di corpi dell'ora di educazione fisica in piscina. Non lo dice nessuno ma c'è una tensione sessuale verso la pelle e la carne giovane, i bikini, le risate, l'acqua e l'eccitazione che è sensibile, in quel momento invece che guardare il protagonista l'obiettivo "è" il protagonista, ne incorpora i medesimi desideri, le medesime pulsioni. Accade lo stesso quando Veniamin sarà vittima di un altro tentativo di seduzione, questa volta in classe: sono i momenti in cui Serebrennikov si sente più a suo agio, in cui dimostra di mettere in scena un'eccitazione che conosce e riconosce. In ogni altro attimo in cui invece Veniamin predica la Bibbia e recita versi a memoria le inquadrature sono più lontane, non siamo con lui, lo guardiamo dalla distanza, cerchiamo di capirlo perché non possiamo comprenderlo.
Il giudizio sugli eventi e i personaggi di questo film è molto semplice: il film non vuole minimamente rischiare una lettura diversa da quella che ha in mente e anche per questo Serebrennikov bada bene a mettere in sovrimpressione il corretto capitolo, versetto ed autore ogni qualvolta Veniamin sciorina un passo della Bibbia. Questa trovata da sola è la dichiarazione di parte più forte di tutto il film, svela le contraddizioni di quel libro e le sue esagerazioni, mette noi spettatori di fronte alla concretezza della sua storia. Peccato quindi che un finale molto sbrigativo imponga una condanna totale attraverso un espediente che cerchi un effetto teatrale forte per scuotere le coscienze invece di "accontentarsi" (si fa per dire) di mettere in scena, come aveva fatto fino a quel momento, le contraddizioni di una scelta così radicale, le pulsioni opposte alle imposizioni.

Sei d'accordo con Gabriele Niola?
PAROLA DI DIO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
Google Play
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 24 gennaio 2018
Elepton

Il film con una trama senza nè capo nè coda è un maldestro tentativo infarcito di luoghi comuni di screditare, tramite il protagonista, il messaggio profondo contenuto nella Parola di Dio; questa viene svuotata completamente del suo messaggio d'amore nei confronti dell'uomo, e agitata come una clava inquisitoria in modo da annichilire e schiacciare le persone nei loro comportame [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 agosto 2017
Rabbie

Al di là dei riferimenti specifici alla situazione Russa il film è molto attuale perchè evidenzia come la società occidentale sia priva di adeguati anticorpi vero qualsiasi fondamentalismo religioso. La difficoltà della società occidentale nell’affrontare e vincere il fondamentalismo religioso deriva dal fatto che mentre i fondamentalisti, e quindi il [...] Vai alla recensione »

Frasi
Perchè non possiamo accettare di non sapere tutto invece di dover riempire il vuoto con una favola pur di sentirci al sicuro?
Elena Krasnova (Viktoriya Isakova)
dal film Parola di Dio - a cura di Alberto
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Si parla continuamente di integralismo islamico, ma esiste anche un integralismo cristiano, benché quasi assente dal discorso pubblico. A rimediare alla distrazione provvede Parola d Dio, visto a Cannes e premiato al Biografilm Festival. Lo presenta una frase a effetto (ma non peregrina): «Cosa succederebbe se leggessimo la Bibbia come l'lSlS legge il Corano?».

Alessandra Levantesi
La Stampa

Parola di Dio di Kirill Serebrennikov è un film che gioca male un'ottima idea. Quella di immaginare un liceale russo, Veniamin, che - interpretando con contorto manicheismo il verbo della Bibbia, così come certi fanatici musulmani fanno con il Corano - si trasforma in un integralista cristiano. Non che, a parte un ragazzo zoppo zimbello di tutti, il neo-profeta abbia adepti: ma il suo feroce atteggiamento, [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

L'integralista del banco accanto è russo, si chiama Venjamin, non è islamico ma un cristiano fervente che si esprime solo attraverso citazioni dalla Bibbia (visualizzate sullo schermo). Anzi grazie a quei versetti sostiene le idee più oscurantiste e censura ogni comportamento moderno, ottenendo ad esempio che le compagne di classe in piscina non usino il bikini ma il costume intero.

Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Chi è causa del suo mal pianga se stesso, diceva il saggio. Avesse conosciuto il proverbio, forse il liceale Vienamin avrebbe evitato la lettura biblica ossessiva e la conseguente interpretazione fanaticamente fuorviante. Ma il ragazzo soffre, e trovare un senso al proprio male in un altrove colpevolizzato giova assai. Perseguita dunque la classe e i professori accusandoli di condotta immorale, coscienze [...] Vai alla recensione »

Maurizio Acerbi
Il Giornale

Il giovane studente russo Veniamin diventa un estremista religioso. Prende la Bibbia e la cita alla lettera, sempre più infervorato, mandando in crisi insegnanti, compagni di classe e madre. Chi ci ride sopra, chi finisce soggiogato; solo una professoressa di biologia, atea, cerca di opporsi ai suoi «sermoni» poco concilianti. Nella Russia orfana del comunismo, un film «teatrale» per mettere in guardia [...] Vai alla recensione »

Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Breve viaggio odierno nell'ipotesi di integralismo cristiano. Ossessionato da Bibbia e Vangelo, paragrafi mandati a memoria da Genesi e San Giovanni, Salmi e San Paolo, citati come schiaffi all'ipocrisia di compagni e insegnanti, lo studente Veniamin diventa l'estremista, il diverso da isolare, mentre lui «per Dio farei qualsiasi cosa». Il conflitto con l'insegnante di biologia diventa personale, provocator [...] Vai alla recensione »

winner
miglior compositore europeo
European Film Awards
2016
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati