Corpi

Film 2015 | Drammatico, +13 90 min.

Titolo originaleBody
Anno2015
GenereDrammatico,
ProduzionePolonia
Durata90 minuti
Regia diMalgorzata Szumowska
AttoriJanusz Gajos, Maja Ostaszewska, Justyna Suwala, Ewa Dalkowska, Adam Woronowicz Tomasz Zietek, Malgorzata Hajewska, Ewa Kolasinska, Roman Gancarczyk, Wladyslaw Kowalski, Marcel Borowiec.
Uscitagiovedì 5 novembre 2015
TagDa vedere 2015
DistribuzioneCineclub Internazionale
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,44 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Malgorzata Szumowska. Un film Da vedere 2015 con Janusz Gajos, Maja Ostaszewska, Justyna Suwala, Ewa Dalkowska, Adam Woronowicz. Cast completo Titolo originale: Body. Genere Drammatico, - Polonia, 2015, durata 90 minuti. Uscita cinema giovedì 5 novembre 2015 distribuito da Cineclub Internazionale. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,44 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Corpi tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

La regista polacca torna alla regia dopo Elles con Juliette Binoche e In the Name of. E lo fa con un film raccontato con toni a volte umoristici e a volte sentimentali. Il film è stato premiato al Festival di Berlino, ha ottenuto 3 candidature e vinto 2 European Film Awards, In Italia al Box Office Corpi ha incassato 7,8 mila euro .

Consigliato sì!
3,44/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,88
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
In un quadro di disarmante fragilità i corpi finiscono per tormentare le coscienze di chi è rimasto in vita.
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 10 febbraio 2015
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 10 febbraio 2015

Varsavia, oggi. Un sostituto procuratore ha una figlia anoressica, Olga, che è in aperto contrasto con lui dopo la morte della madre avvenuta anni prima. La ragazza ha come terapeuta una donna che ha perso un figlio in tenerissima età e ritiene di poter essere in contatto con i defunti. Il procuratore però è di giorno in giorno sempre meno convinto dei suoi metodi.
Malgoska Szumowska è una sceneggiatrice, regista e produttrice tra le più interessanti nel panorama del cinema polacco. Lo conferma anche in questo film complesso in cui prova a fondere, riuscendoci, una lettura della società del suo Paese con quella di vicende individuali del tutto particolari. Sembra di essere tornati ai tempi di Kieslowski quando si vedono quei casermoni anonimi che facevano da efficace sfondo al Decalogo. Tutto però è cambiato da allora. Il comunismo non c'è più ma la sensazione di profonda solitudine si è addirittura accentuata in un universo consumista e liberistico in cui i modelli vengono imposti non più da un regime ma dal dio mercato a cui ragazzine caratterialmente fragili sacrificano il proprio corpo per corrispondere ad assurdi canoni estetici.
Al contempo la religione cattolica, che aveva costituito comunque una barriera all'ideologia totalitaria, non sa far fronte alla nuova emergenza lasciando spazio a misticismi più o meno esoterici. È in questo quadro di disarmante fragilità che si contestualizzano le vicende di una figlia senza madre, di un marito senza moglie e che sta perdendo l'amore della figlia e di una madre senza figlio e senza marito che vorrebbe curare gli altri mentre cerca, attraverso loro, di curare se stessa. I corpi a cui si fa riferimento nel titolo sono quelli che pesano con la loro sconvolgente fisicità nei luoghi del crimine ma ancor più quelli, ormai immateriali, che tormentano le coscienze di chi è rimasto in vita. Qui si pone il dilemma a cui Szumovska offre una propria risposta: onoriamo di più i nostri cari deceduti lasciandoli andare o continuando a conservarne un costante e quotidiano ricordo? Il quesito non è dei più semplici e solo alla fine del film potremo riflettere sulla nostra personale posizione in materia. Accettando o respingendo quella che la regista ci propone.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 21 marzo 2016
NERONE BIANCHI

Così, dopo l'Orso d'Oro di Rosi, ci siamo visti anche quello d'Argento e debbo concludere che gli occhi della giuria di Berlino sono distanti da quelli dello scrivente, né il primo né il secondo mi sono sembrati film meritevoli di tali riconoscimenti. “Corpi” è un racconto ben fatto, con diverse trovate registiche ed inquadature ben studiate, tuttavia resta al livello di “film ben fatto”, non riesce [...] Vai alla recensione »

mercoledì 2 marzo 2016
Aldo Marchioni

Non sono sicuro che sia un "bel film" nel significato convenzionale dell'espressione. Ma sicuramente è molto, molto interessante: certamente non mi sono annoiato.  Il finale è aperto che più non si può: ottimo.  Vivamente consigliato. 

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Mazzino Montinari
Il Manifesto

Nella settimana di Spectre, esce un film polacco, Corpi, Orso d'Argento alla Berlinale 2015, diretto dalla regista Malgorzata Szumovska giunta qui al suo sesto film e, a quanto pare, abbonata ai premi nei maggiori festival internazionali. Il paragone con la superstar delle spie suona improprio, pensando al budget e al numero delle sale che separano alla nascita i due film.

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Scena memorabile. In una giornata molto "polacca" - luce lattiginosa, pioggia sul parabrezza, un personaggio inquadrato solo di nuca che guida stancamente su una strada di campagna - accade una cosa prodigiosa. L'uomo inquadrato di spalle, come scopriremo, è un procuratore, che presto parcheggia accanto a un albero da cui penzola un impiccato. Suicidio, certamente.

Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Un procuratore di polizia e sua figlia Olga stentano a elaborare il lutto di moglie e madre deceduta da un anno. Olga è malata di anoressia e frequenta una terapia di gruppo guidata da Anna, una psicologa con velleità paranormali. La donna, infatti, si considera una medium in grado di dialogare coi morti. Nulla sembra accadere per caso e Anna si propone a Olga per far "rivivere" la cara estinta, a [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Ci sono due momenti sublimi in Corpi, il film della polacca Malgoska Szumowska premiato a Berlino con l'Orso d'argento per la regia. Si trovano all'inizio, nella scena impregnata di humour nero in cui la polizia rinviene un impiccato, e alla fine, che riscatta con un colpo d'ala un rapporto famigliare malato. Al cui centro troviamo Janusz, medico legale vedovo rotto alle esperienze più macabre, e sua [...] Vai alla recensione »

NEWS
GALLERY
sabato 14 febbraio 2015
Giancarlo Zappoli

Giunta alla sua 65^ edizione la Berlinale (dal 2001 sotto la direzione di Dieter Kosslick ) conferma il suo status di Festival attento alle questioni sociali e al contempo pronto a dare spazio, in particolare nelle ampie sezioni Panorama e Forum, alla [...]

winner
orso d'argento
Festival di Berlino
2015
winner
miglior montatore europeo
European Film Awards
2015
winner
miglior film europeo - people's choice award
European Film Awards
2016
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati