Il fascino indiscreto dell'amore

Film 2014 | Sentimentale +13 100 min.

Titolo originaleTokyo Fiancée
Anno2014
GenereSentimentale
ProduzioneBelgio, Francia, Canada
Durata100 minuti
Regia diStefan Liberski
AttoriPauline Etienne, Taichi Inoue, Julie LeBreton, Alice de Lencquesaing, Akimi Ota Hiroki Kageyama, Tokio Yokoi, Hiromi Asai, Shinnosuke Kasahara, Masaki Watanabe.
Uscitagiovedì 28 maggio 2015
DistribuzioneFil Rouge Media
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 7 recensioni.

Regia di Stefan Liberski. Un film con Pauline Etienne, Taichi Inoue, Julie LeBreton, Alice de Lencquesaing, Akimi Ota. Cast completo Titolo originale: Tokyo Fiancée. Genere Sentimentale - Belgio, Francia, Canada, 2014, durata 100 minuti. Uscita cinema giovedì 28 maggio 2015 distribuito da Fil Rouge Media. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 7 recensioni.

Condividi

Aggiungi Il fascino indiscreto dell'amore tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una tenera storia d'amore tra uno studente giapponese e una ragazza belga.

Il fascino indiscreto dell'amore è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Dentro un Giappone reale e sognato, il film mescola con gusto e il giusto garbo equivoci e fascinazioni, cliché e luoghi insoliti.
Recensione di Marzia Gandolfi
Recensione di Marzia Gandolfi

Amélie è nata in Giappone ma è cresciuta in Belgio. Vent'anni dopo torna a Tokyo per diventare una vera giapponese. Non c'è niente che desideri di più. Brillante e determinata, si improvvisa insegnante di francese e incontra Rinri, unico e giovane allievo con cui inizia presto una relazione sentimentale. Rinri, che ama i film della Yakuza e gli angoli nascosti di Tokyo, la introduce a un Giappone diverso da quello che lei credeva di conoscere e di ritrovare. Il Paese idealizzato della sua infanzia cede il posto alla realtà, alla natura e a qualcosa di più grande di lei. Qualcosa che la costringerà a rivedere la sua vita, i suoi sentimenti, il suo sguardo sull'altro da sé.
Best seller autobiografico di Amélie Nothomb, "Né di Eva né di Adamo" cambia titolo e debutta al cinema provando a emancipare l'Amélie letteraria dal suo narcisismo. Più affascinata dall'immagine che ha del Giappone che dal Giappone, la protagonista è determinata a ritornare sui passi e nel paese della sua infanzia. Paese che la impatta attraverso il personaggio di Rinri, il ragazzo che vorrebbe parlare fluentemente francese e toccarle il cuore. Ma Amélie è troppo presa a diventare più giapponese dei giapponesi e a ballare in culotte nei piani alti di Tokyo per accorgersi di quello che le accade veramente intorno. Cosciente della sua irresistibile 'mostruosità' è tuttavia Stefan Liberski, che sceglie per il suo film il volto e l'allure Nouvelle Vague di Pauline Étienne, attrice belga e discendente diretta della Bécassine di Joseph Pinchon.
Più esotica e meno leziosa dell'Amélie Poulain di Montmartre (Il favoloso mondo di Amélie), in affanno tra nani (da giardino) e crème brûlée, la sua eroina è risvegliata dall'abbaglio con il sussulto di un terremoto. La licenza, che nasce da un'esperienza diretta del regista, in Giappone con la troupe durante il maremoto del 2011, ridimensiona l'attitudine egotica della protagonista e trova una piccola storia d'amore, delicata e leggera che non prende troppo seriamente la materia letteraria d'origine e procede svagata sulle gambe lunghe di Pauline Étienne.
Lontano dall'adattamento di Alain Corneau del romanzo omonimo di Amélie Nothomb (Stupeur et tremblements), che esagerava sul sadismo della burocrazia giapponese, Tokyo Fiancée è una riflessione candida e stupita di usanze nipponiche, interrotta da tableaux vivants umoristici e in costume tradizionale, che vestono e spogliano Amélie come una bambola.
Dentro un Giappone reale e sognato, commentato dalla voce off della protagonista, Tokyo Fiancée mescola con gusto equivoci e fascinazioni, cliché (karaoke e templi) e luoghi insoliti (il parcheggio dei camion luminosi), svolgendo una relazione sentimentale e un racconto iniziatico alla scoperta dell'altro e di sé. Narrazione a cui difetta la sottigliezza, non certo il garbo.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Un film dalla gustosissima forma ma che lascia dei dubbi riguardo il contenuto.
Recensione di Francesco Giuseppe Trotta - Redazione SdC

Amelie ha vent'anni e sta per realizzare il suo singolarissimo sogno: diventare giapponese. Sì, perché la giovane ragazza, dal nome e i vestiti francesi, è nata a Tokyo e lì ha vissuto fino a 5 anni, quando è dovuta tornare in patria con i genitori. Ma il Giappone non è mai volato via dalla sua mente e finalmente ha l'età giusta per ritornarvi. Appena arrivata Amelie decide di guadagnare qualche soldo insegnando francese e incontra Rinri, il suo unico studente, con il quale scaturisce subito un rapporto intimo e curioso. I due ragazzi intraprendono così un percorso di crescita e scoperta che li porta a maturare una convinta coscienza di sé e dell'altro dai risvolti non sempre positivi, innescando un meccanismo di fascinazione reciproca che sembra fermarsi all'ideale e non penetrare nella realtà.
Tokyo Fiancée, del regista belga Stefan Liberski, è un film dalla gustosissima forma ma che lascia dei dubbi riguardo il contenuto. Liberski dà vita a personaggi e luoghi caratterizzati con scrupolosa attenzione, inserendoli in una Tokyo quanto mai insolita e affascinante. Con un tono leggero ed un'ironia ricercata, il film coinvolge e diverte lo spettatore spingendosi più volte al limite del grottesco. Anche la narrazione, pur seguendo un percorso abbastanza lineare, si rivela originale grazie all'incontro di due personaggi rappresentativi di culture distanti ma non inconciliabili, che i due giovani sembrano quasi volersi scambiare. Tuttavia, nel momento in cui emergono i primi dubbi e le prime difficoltà nella relazione di coppia, il regista belga non sembra riuscire ad entrare abbastanza in confidenza con i protagonisti da poter spiegare e motivare alcuni loro atteggiamenti.
Così resta un po' d'amaro in bocca nel finale, al momento della separazione dei ragazzi tanto brusca quanto il terremoto che sembra esserne la causa. E proprio come quando la terra trema sotto i nostri piedi trasmettendoci una sensazione di precarietà e insicurezza, così ci lascia il film di Liberski.

Sei d'accordo con Francesco Giuseppe Trotta - Redazione SdC?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Nata in Giappone ma cresciuta in Belgio, Amélie torna a Tokyo 20 anni dopo per diventare una vera giapponese. Dà lezioni di francese, trova un unico allievo e ha una relazione con lui, che adora i film di yakuza. Attraverso la relazione d'amore, la conoscenza della sua (benestante) famiglia e il vivere quotidiano, fino alla tragedia di Fukushima, Amélie impara a conoscere la realtà di un paese tanto diverso e a rivedere tutta la sua vita. Da Né di Eva né di Adamo , best seller autobiografico di Amélie Nothomb, un garbato film che parte come una commedia leggera, un po' Nouvelle Vague un po' Il favoloso mondo di Amélie , per poi diventare via via racconto di formazione sempre più malinconico e a tratti anche cupo. Ben scelti gli interpreti.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
IL FASCINO INDISCRETO DELL'AMORE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Infinity
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 10 giugno 2015
Flyanto

 Tratto dal romanzo "Nè di Eva, nè di Adamo" di Amélie Nathomb, "Il fascino indiscreto dell'amore" racconta la storia d'amore nata e vissuta per un certo periodo da una ragazza belga trasferitasi in Giappone ed un ragazzo giapponese, conosciuto in quanto divenuto suo allievo al fine di imparare la lingua francese.

domenica 18 febbraio 2018
Sellerone

Film delicato, divertente e spensierato, anche se poi in fondo ci trascina con i piedi per terra incrociando una catastrofe epocale che ha colpito il sol levante. Visto e credo di non rivederlo, a me i giapponesi piacciono solo quando guidano MECHA da battaglia. Guardato da solo, ma credo che a Ros potrebbe piacere. Non è opportuno per i bambini, ogni tanto anche i giapponesi lo fanno, soprattutto [...] Vai alla recensione »

sabato 5 dicembre 2015
paolantl

La Francia che incontra il Giappone!!! Si entra nell'atmosfera...da vedere!

FOCUS
INCONTRI
martedì 26 maggio 2015
Paola Casella

Stefan Liberski è multitasking: regista, attore, scrittore, comico (un suo spettacolo televisivo di cabaret, "in cui tutti facevamo tutto: attori, autori, cameramen, tecnici del suono", è stato campione di ascolti in Belgio). Dopo un passaggio in anteprima al Festival Rendez Vous Liberski presenta il suo ultimo film da autore e regista, la commedia romantica Il fascino indiscreto dell'amore, basata sull'omonimo romanzo della connazionale Amélie Nothomb.

Frasi
"Ogni attimo di silenzio è una parte di universo maturo!"
Una frase di Amélie (Pauline Etienne)
dal film Il fascino indiscreto dell'amore - a cura di Susanna
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Bizzarra commediola sentimental-turistico-culinaria, simpatica, ma troppo leziosa e alla resa dei conti stucchevole. È tornata a Tokyo la disinvolta ventenne Amélie, nata in Giappone, ma cresciuta in Belgio. In attesa di diventare scrittrice, dà lezione di francese all'unico allievo, il ricco coetaneo Rinri. E con la complicità di una fonduta svizzera scoppia l'amore.

Roberto Nepoti
La Repubblica

Nata a Tokyo, dove ha vissuto i suoi primi cinque anni, la ventenne belga Amélie ci torna decisa a «diventare giapponese» perché tutto l'affascina. Sboccia l'amore con Rinri, suo unico allievo in lingua francese; però lo shock tra le culture è più forte di quel che la fanciulla si aspettava. Il ragazzo è fin troppo gentile, cerimonioso, misterioso; sua madre, invece, gentile non lo è affatto.

NEWS
MYMOVIESLIVE
lunedì 8 febbraio 2016
Marzia Gandolfi

Se Roland Barthes ha trovato parole per tutti i gradi dell'amore ("Frammenti di un discorso amoroso"), il cinema ci ha donato tutte le immagini di quell'amore. Se proviamo a ricordare il primo bacio o il primo abbraccio di cui siamo stati testimoni, la [...]

LIBRI
giovedì 13 agosto 2015
 

Amélie torna in Giappone ma abbandona i tragicomici panni di impiegata nella multinazionale Yumimoto, vicenda narrata in "Stupore e tremori", e si concentra sulle peripezie sentimentali di quel periodo.

VIDEO
martedì 26 maggio 2015
 

I giapponesi e le occidentali sono incompatibili. L'inverso invece funziona: un occidentale e una giapponese insieme sono perfetti. La sorprendente teoria arriva da questa nuova clip tratta da Il fascino indiscreto dell'amore, in esclusiva oggi per MYmovies.i [...]

VIDEO
venerdì 8 maggio 2015
 

Avevo 20 anni e volevo essere giapponese". Così si presenta Amélie, protagonista de Il fascino indiscreto dell'amore, in questa clip in esclusiva tratta dal film. La sua storia è quella di Amélie Nothomb (autrice del romanzo "Né di Eva né di Adamo", da [...]

VIDEO
lunedì 27 aprile 2015
 

Amélie è nata in Giappone ma è cresciuta in Belgio. Vent'anni dopo torna a Tokyo per diventare una vera giapponese. Non c'è niente che desideri di più. Brillante e determinata, si improvvisa insegnante di francese e incontra Rinri, unico e giovane allievo [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati