Cub - Piccole Prede

Film 2014 | Avventura +13

Titolo originaleWelp
Anno2014
GenereAvventura
ProduzioneBelgio
Regia diJonas Govaerts
AttoriMaurice Luijten, Titus De Voogdt, Stef Aerts, Evelien Bosmans, Jan Hammenecker .
Uscitagiovedì 27 novembre 2014
DistribuzioneNotorious Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,80 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Jonas Govaerts. Un film con Maurice Luijten, Titus De Voogdt, Stef Aerts, Evelien Bosmans, Jan Hammenecker. Titolo originale: Welp. Genere Avventura - Belgio, 2014, Uscita cinema giovedì 27 novembre 2014 distribuito da Notorious Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,80 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Cub - Piccole Prede tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Jonas Govaerts fa il suo debutto come regista in un film che racconta la storia di un gruppo di giovani scout che si ritrova ad affrontare un pericolo mortale nel più buio dei boschi. In Italia al Box Office Cub - Piccole Prede ha incassato 117 mila euro .

Cub - Piccole Prede è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,80/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,60
CONSIGLIATO SÌ
Un campo scout si trasforma in una lotta alla sopravvivenza.
Recensione di Rudy Salvagnini
Recensione di Rudy Salvagnini

Un gruppo di boy scout, guidato da un trio di adulti - il saggio Chris, lo scanzonato Peter e la bella Jasmijn - parte per un campo boschivo che è inteso come un'avventura. Tra i ragazzini si distingue il taciturno Sam, preso un po' di mira sia da Peter sia da alcuni degli altri scout. Per evitare le intemperanze di un paio di giovinastri del luogo, invece di accamparsi nel prato al limitare del bosco che avevano affittato, Chris e gli altri si inoltrano con il furgoncino nel folto della vegetazione e montano le tende nel cuore della foresta. Lì, pensano, nessuno li disturberà. Il poliziotto locale, venuto a controllare se va tutto bene, è però perplesso: ricorda loro che lì vicino c'era una fabbrica di autobus, ora abbandonata. Diversi degli operai, dopo aver perso il lavoro per la chiusura della fabbrica, si erano impiccati nella foresta. Il macabro riferimento non impressiona il trio dei capi boy scout. Del resto, loro stessi hanno propagato, a uso e consumo degli impressionabili ragazzini, la storia di Kai, un ragazzino che vivrebbe nella foresta e di notte si trasformerebbe in licantropo. Il problema è che Sam comincia a vederlo, anche se nessuno gli crede. Un problema ancora maggiore è che nel bosco c'è qualcosa di peggiore di Kai.
L'horror belga non ha una grande tradizione quantitativa, ma presenta notevoli picchi qualitativi. Harry Kümel ha diretto un paio di classici come La vestale di Satana e Malpertuis. Il trio Belvaux-Bonzel-Poelvoorde ha creato un "caso" con il feroce e riuscito Il cameraman e l'assassino. Più recentemente, il Fabrice Du Welz di Calvaire o il Pieter Van Hees di Linkeroever, per citarne un paio, si sono messi in evidenza. Insomma, qualcosa brucia sotto la cenere e di tanto in tanto emerge. Jonas Govaerts si inserisce con autorità nella storia belga dell'horror aggiornando ai tempi moderni uno dei classici tòpoi dell'horror: il bosco cupo e misterioso, con l'accampamento dei giovani scout e un essere feroce che si annida nell'oscurità. Prima che qualcuno pensi a Jason Voorhees, bisogna avvertire che siamo su un versante più realistico e, per questo, più impressionante. Il film rielabora lo spirito dei racconti orrorifici tramandati attorno al fuoco dei campeggi e lo unisce alla ferocia degli slasher silvestri per trarne un racconto teso, feroce e riuscito anche sotto il profilo drammatico.
Il disagio di Sam - orfano e con un passato violento e misterioso - si lega a quello generato dalla rovina sociale, con la spettrale fabbrica abbandonata a rappresentare l'essenza di una profonda crisi che ripudia e imbestialisce. Proprio per questo, Sam - l'unico con la sensibilità per cogliere il disagio di chi è rifiutato dalla società - è anche l'unico in grado di capire che c'è incredibilmente qualcosa di vero nella leggenda di Kai.
La tensione interna al gruppo è delineata con pochi tocchi ed è strumentale a evidenziare le pulsioni adolescenziali di Sam, solitario ma attratto da Jasmijn e in qualche misura geloso di lei. In questo contesto, il rapporto che Sam instaura problematicamente con Kai è cruciale nel liberarlo dalla repressione e nello sprigionare un turbato e confuso spirito di rivalsa.
Nella seconda parte, notturna e tesa a catturare la parte più oscura dell'incubo, il film stempera le sue ambizioni metaforiche e psicologiche per dedicarsi alla creazione di una suspense un po' meccanica che ha più di qualche momento efficace, ma indulge in alcuni dei luoghi comuni dell'horror. La feroce conclusione è adeguata, anche se non proprio innovativa.
L'esordio di Jonas Govaerts è comunque di quelli promettenti: dimostra di avere stile, di saper girare con padronanza e capacità e di saper gestire bene i vari momenti del racconto.

Sei d'accordo con Rudy Salvagnini?
CUB - PICCOLE PREDE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD

-
-
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99 €9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 3 dicembre 2014
FraVagna

I film horror si suddividono in due categorie: ci sono quelli belli, psicologici, oscuri, che fanno leva sulle paure ancestrali e che accompagnano lo spettatore nel profondo anche molto tempo dopo la visone. C'è poi l'altra categoria, quella dei film che rinunciano a queste componenti per un puro e semplice gusto del raccapriccio e del sangue, donando allo spettatore qualche ora di divertimento e [...] Vai alla recensione »

domenica 5 aprile 2015
giu/da(g)

Campo Scout nei pressi di una fabbrica abbandonata, nei boschi attorno si celano strane presenze. Chiunque abbia fatto scout sa bene di cosa si tratta. Dormire per la prima volta in tenda o nel buio di un bosco porta naturalmente all'autosuggestione; di più, le foreste e le montagne silenziose diventano ambientazioni perfette per alimentare la paura con storie e racconti.

domenica 15 marzo 2015
Cohle

Forse avevano fretta di finire il film

domenica 30 novembre 2014
Francesco Ionadi

Comincio subito col dire che la prima parte della pellicola non mi è piaciuta: trama confusa; personaggi che compiono azioni incomprensibili; tensione al minimo. Ho apprezzato maggiormente la seconda parte: cresce la tensione; le sequenze orrorifiche sono ben congegnate. Le musiche mi sono piaciute e creano suspense. Forse la recitazione lascia un pò a desiderare.

venerdì 3 aprile 2015
valedark89

Vedendo il trailer cub piccole prede.. mi sono incuriosito vedendo il film dici che anche il film ha delle parti intriganti anche se il contesto non è certo originale.. cub è un buon film buona interpretazione del protagonista bambino Sam e discrete scene horror musica ben orchestrata per l atmosfera cub scorre fluido per tutto il film per un finale non certo sorprendente ma neanche scontato. [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 luglio 2017
st7no

da un lato un idea, carina, che si doveva pero' sviluppare molto meglio, dall' altro lato un caos di cose... leggenda o realta'? bullismo? umiliazioni? mostri? demoni? insomma un pentolone, tanti ingredienti con il risultato che ne e' uscito un gran casino.  Adesso io pero' voglio capire una cosa.... ma tutti questi film, dove c'e' uno psicopatico che ammazza tutti, [...] Vai alla recensione »

venerdì 28 novembre 2014
ADELIO

 Se pensate di recarvi a vedere comodamente in poltrona una pellicola dal vago sentore cultural-social-psicologico sullo spirito di affermazione di giovani virgulti ancorchè in divisa da giovani lupetti …..dimenticatelo!...Preparatevi piuttosto ad affrontare una tensione angosciante dall’inizio alla fine della proiezione all’interno di un impalcato tipicamente da film [...] Vai alla recensione »

domenica 3 maggio 2015
levelout

Ho preso il DVD appena uscito, con molta curiosità. Ad essere generosi una votazione forse di due stelle... non crea la tensione giusta sebbene ci siano gli spunti. I due capi maschi sono abbastanza ben descritti, la ragazza è lì solo per essere sacrificata! Per il resto la sceneggiatura è modesta e prevedibile. Il bosco poteva offrire molti più spunti.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati