Il Sospetto

Acquista su Ibs.it   Dvd Il Sospetto   Blu-Ray Il Sospetto  
Un film di Thomas Vinterberg. Con Mads Mikkelsen, Thomas Bo Larsen, Susse Wold, Annika Wedderkopp, Lasse Fogelstrøm.
continua»
Titolo originale Jagten. Drammatico, durata 115 min. - Danimarca 2012. - Bim Distribuzione uscita giovedì 22 novembre 2012. MYMONETRO Il Sospetto * * * 1/2 - valutazione media: 3,66 su 72 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
jacopo lunedì 7 gennaio 2019
i rischi della superficialità e ipocrisia Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

Film ben girato (tempi lenti e ambientazioni naturali, classici delle pellicole danesi). La qualità del film è data soprattutto alla bravura del protagonista, capace di vestire perfettamente il ruolo di “vittima” della situazione. Ottimo il tema portato all’attenzione poiché vicino alla realtà e troppo spesso poco discusso: la superficialità e l’ipocrisia del giorno d’oggi portano spesso a giungere a conclusioni frettolose senza pensare che il rischio è quello di rovinare irrimediabilmente la vita di persone di vero valore.

[+] lascia un commento a jacopo »
d'accordo?
ennio giovedì 15 novembre 2018
la caccia alle streghe del xxi secolo Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

Lo stile di Vinterberg è riconoscibile in questo film molto nordico nella caratterizzazione dei personaggi, così come in "Festen".
E' invece un film molto globale nella rappresentazione di una realtà collettiva che può diventare un incubo per l'individuo comune privo di difese. L'isteria di massa della società moderna si manifesta in maniera apparentemente gentile, senza forconi e fascine per roghi, ma i suoi meccanismi rimangono quelli dei secoli passati, e conducono l'individuo bersaglio di quest'isteria, se non alla morte violenta, all'isolamento e all'impotenza.
Il film risulta via via più angosciante e rimane quindi ben impreso nella mente dello spettatore, ed è impreziosito dalle ottime recitazioni del protagonista e di alcuni comprimari. [+]

[+] lascia un commento a ennio »
d'accordo?
laurence316 giovedì 7 settembre 2017
il tribunale popolare: un sospetto è già colpevole Valutazione 3 stelle su cinque
89%
No
11%

L'ex-enfant prodige del cinema danese alla Dogma 95 (che ha diretto un film, Festen, che è molto più apprezzabile di tanti polpettoni sfornati dal più famoso Lars Von Trier), dirige questo Il sospetto (La caccia, in originale) che è probabilmente il suo film più riuscito da quel lontano 1998.

Come quel film, anche questa sua ultima fatica ha a che fare con gli abusi sui minori, ma in maniera differente. Qui, infatti, non si tratta di un uomo che denuncia le violenza subite da bambino (senza essere particolarmente creduto), ma di una bambina che allude a degli abusi nei suoi confronti (a cui tutti credono, sulla base del presupposto che "i bambini non mentono mai"). [+]

[+] lascia un commento a laurence316 »
d'accordo?
iaoquinti venerdì 25 agosto 2017
notevole coinvolgimento emotivo. Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

Film estremamente coinvolgente che trascina lo spettatore in un lungo percorso pieno di sofferenza e frustrazione.
Un caso raro e sconvolgente, il quale purtoppo si verifica anche nel mondo reale, che nessuno di noi si meriterebbe di affrontare.
Per una persona così sensibile ed emotiva, è veramente difficile rimanere a galla in un mare di accuse infondate, soprattutto se queste vengono lanciate come lame affilate da quelli che ,una volta, erano amici e compagni di caccia.

[+] lascia un commento a iaoquinti »
d'accordo?
biso93 venerdì 5 maggio 2017
non si torna mai indietro Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Il sospetto é un film del 2012 diretto da Thomas Vintemberg.  Un film che tratta in modo intelligente ed equilibrato un tema caldo e potente come la pedofilia. Vintemberg si concentra sulle disastrose conseguenze Delle dicerie, Delle chiacchiere e Delle bugie. Come diceva il protagonista di old boy" un granello di sabbia e un sasso nell' acqua affondano allo stesso modo. L'analisi di questo concetto viene sviluppata in un piccolo paese danese, teatro perfetto per il contagio del pettegolezzo. Allo stesso tempo il film parla dell' infinita cattiveria e crudeltà che l'uomo può sviluppare in varie forme e nature. Non c'è giudizio nella storia. [+]

[+] lascia un commento a biso93 »
d'accordo?
no_data martedì 22 marzo 2016
ma perchè cambiano cosi i titoli? Valutazione 0 stelle su cinque
0%
No
0%

la caccia era perfetto, il sospetto è un mezzo spoiler, banale, e fa perdere il senso metaforico del titolo. non si capisce veramente perchè si accaniscano cosi sui titoli, che poi si sa che dicono sempre la verità, non ho mai conosciuto un titolo che non dica la verità.
mi verrebbe anche da dire che la preside è esagerata, troppo oscena, senonchè personaggi cosi ce ne sono.
da discutere anche l'analisi profonda delle paranoie femminil/mammiste, ma qui si va in un campo spinoso, mi astengo...

[+] lascia un commento a no_data »
d'accordo?
luca scial� lunedì 1 febbraio 2016
una bugia che rovina una vita Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
100%

Vinterberg torna là dove ha cominciato, da quel tema delicato quale gli abusi sui minori affrontato nel primo film: Festen. Se lì il fatto era accaduto realmente, qui si tratta di una fantasia di una bambina innamorata del suo maestro ma sentitasi respinta. Il risultato però è lo stesso: vite sconvolte, equilibri spezzati.
Il quarantenne maestro Lucas si vede da un giorno all'altro sconvolgere la sua vita da un'accusa di una delle sue alunne. Il piccolo paese dove vive lo addita come pedofilo, gli amici di una vita gli voltano le spalle, arrivando pure ad uccidergli il cane. Unico appoggio è il figlio Marcus così faticosamente ritrovato dopo il divorzio dalla moglie. [+]

[+] lascia un commento a luca scial� »
d'accordo?
jeff lebowsky lunedì 27 luglio 2015
l' estenuante caccia Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Il film tratta una tematica a dire poco scottante, nefasta e senza dubbio attuale, in modo molto intelligente e impeccabile. Racconta la storia di un uomo (Lucas) che lavora in un asilo che viene accusato ingiustamente dell’ incancellabile reato di molestie su una bimba, nonché figlia del suo migliore amico. Il protagonista dichiarerà quindi la propria innocenza di fronte all'accusa di avere compiuto questi atti di pedofilia, ma tutta la comunità (salvo pochissime eccezioni) vuole credere in ciò che viene più comodo: I bambini non mentono mai, bisogna sempre credere nella loro purezza e alla bontà. Questo film ci fa capire invece che la frase indicata sopra, può essere un luogo comune, uno stereotipo. [+]

[+] lascia un commento a jeff lebowsky »
d'accordo?
gabriella mercoledì 10 settembre 2014
dramma di un uomo perbene Valutazione 4 stelle su cinque
67%
No
33%

I bambini non mentono mai, si dice, invece mentono, solo che non sono capaci di controllare il loro comportamento e non si rendono conto del peso delle loro parole, né tantomeno delle conseguenze delle loro azioni. Accade quindi che Lucas, maestro d'asilo, divorziato e con un figlio adolescente che spera vada a vivere con lui, viene accusato ( per ripicca) dalla piccola Klara di “ attenzioni particolari” nei suoi confronti, raccontandone i dettagli alla direttrice della scuola. Immediatamente si scatena una vera e propria caccia alle streghe nel paesino danese dove è ambientata la vicenda, a nulla servono le spiegazioni di Lucas a sua discolpa, eppure Klara, ( come sottolinea la direttrice) è una bambina dalla fervida immaginazione, ma come può competere un adulto, seppur stimato e e benvoluto ,con un innocente angioletto biondo figlia del suo migliore amico? La comunità ha decretato il suo verdetto senza appello, Lucas è colpevole, si è macchiato dell'infamante colpa di pedofilia, di fronte a un paese in delirio, inizia una vera e propria caccia all'uomo, nulla viene risparmiato a Lucas, l'allontanamento sociale, brutture fisiche e disprezzo. [+]

[+] lascia un commento a gabriella »
d'accordo?
alexander 1986 mercoledì 9 luglio 2014
noi, i carnefici di lucas Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
100%

Lucas (Mads Mikkelsen) è un uomo gentile e riservato, separato e con un figlio, Markus, che vede saltuariamente. Vive in una comunità medio-piccola, ha molti amici e lavora con passione presso un orfanotrofio. La sua vita tranquilla viene rivoltata come un calzino quando uno dei bambini rivela - a modo suo, s'intende - di avere subito abusi sessuali da parte sua. ''I bambini non mentono mai, soprattutto su queste cose'' è il mantra ripetuto da tutti; sicché Lucas, bollato come 'colpevole' da tutti o quasi senza che gli sia concessa la facoltà di difendersi, diventa un mostro, anzi 'il' mostro par excellence, quello che incarna le paure più segrete di ogni genitore. 'Il sospetto' (il titolo originale, 'Jangten', significa 'Caccia') illustra in modo straordinariamente fedele le dinamiche che normalmente si sprigionano in corrispondenza di vicende del genere (comprese le violenze psicologiche sui minori da parte dei grandi) e non sarebbe un caso se a qualcuno ricordasse alcune vicende di cronaca nera. [+]

[+] lascia un commento a alexander 1986 »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 4 5 6 »
Il Sospetto | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Premio Oscar (1)
Golden Globes (1)
Festival di Cannes (1)
European Film Awards (2)
BAFTA (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 22 novembre 2012
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità