Delhi Dance

Film 2012 | Sperimentale 95 min.

Titolo originaleTanets Deli
Anno2012
GenereSperimentale
ProduzioneRussia
Durata95 minuti
Regia diIvan Vyrypaev
AttoriKarolina Gruszka, Igor Gordin, Kseniya Kutepova, Arina Marakulina, Ina Sukhoretskaya .
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Ivan Vyrypaev. Un film con Karolina Gruszka, Igor Gordin, Kseniya Kutepova, Arina Marakulina, Ina Sukhoretskaya. Titolo originale: Tanets Deli. Genere Sperimentale - Russia, 2012, durata 95 minuti. Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Delhi Dance tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Le sette storie raccontate in questo lungometraggio si svolgono tutte nello stesso luogo, un ospedale cittadino dove i personaggi si incontrano e affrontano gioie e dolori.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Scheda Home
News
Critica
Premi
Cinema
Trailer
Un film compiuto e originale composto da sette variazioni su tema.
Recensione di Simona Previti
venerdì 16 novembre 2012
Recensione di Simona Previti
venerdì 16 novembre 2012

Delhi Dance è il film russo di Ivan Vyrypaev, regista e drammaturgo dell'omonima pièce da cui il film è tratto. Presentato nella sezione CINEMAXXI, racconta sette variazioni su tema: in un ospedale vuoto e asettico, contro un muro di piastrelle bianche, i personaggi si incontrano e discutono su amore morte amicizia danza. Le variazioni sono impercettibili e danno un senso di continuità a tutto il film, anche se i micro episodi sono autonomi e hanno ciascuno una propria fine. La danza e il fascino che questa può suscitare negli spettatori, il rapporto madre-figlia, l'invidia, la felicità costruita a partire dall'infelicità degli altri, la reazione alla morte, l'amore e la gelosia, il suicidio. Il tempo sembra non scorrere, su quella panchina. I personaggi restano frontali alla macchina da presa. Il film, come vuole oggi un'arte influenzata dai nuovi linguaggi del video, potrebbe essere in loop e continuare all'infinito. La danza di cui tutti i personaggi parlano, prima fra tutti la ballerina (la ragazza che ha appena perso la madre), non è mai mostrata. Resta un'assenza. Che parla della miseria e dell'infelicità sullo sfondo di una Deli che, come la danza, non si vede, ma che diventa metafora dell'arte. Contro l'atmosfera fredda dell'ambientazione, un uso sapiente anche se molto dosato della musica e del ralenti fa di questo film sicuramente una prova ben riuscita ed originale.

Sei d'accordo con Simona Previti?
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati