Qualunquemente

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Qualunquemente   Dvd Qualunquemente   Blu-Ray Qualunquemente  
   
   
   

Una satira che graffia. E fa male. Valutazione 4 stelle su cinque

di Movieman


Feedback: 932 | altri commenti e recensioni di Movieman
martedý 15 febbraio 2011

Devo dire la verità: credo che Cetto Laqualunque sia, insieme al Fantozzi di Paolo Villaggio, una delle maschere più geniali e graffianti che un comico italiano ci abbia regalato negli ultimi quarant'anni. Nato sul piccolo schermo, Cetto ha raccolto una moltitudine di consensi in quanto è, purtroppo, una summa di una certa malapolitica, sicuramente non soltanto italiana, che ha attecchito dovunque come un gigantesco e malefico Blob. Cetto era, però, un personaggio cabarettistico ed il salto sul grande schermo poteva essere rischioso. Invece gli è pienamente riuscito. Forse non sarà un capolavoro, ma è sicuramente un film "vivo", dove forse si ride a denti stretti ( perchè se uno si ferma a pensare ci trova da piangere! ) ma si ride bene in quanto si invita alla riflessione e non si manda il cervello in vacanza. E, proprio perchè è una satira che non riposa sullo schermo ma è un vero e proprio attacco frontale, qualcuno si è offeso. Non io, anche se sono calabrese. La trama del film pigia l'accelleratore proprio su problemi squallidamente reali, è inutile adottare la tecnica degli struzzi. E dunque: il film comincia con una riunione della cupola mafiosa in un paesino della Calabria. Le elezioni per la carica di sindaco sono imminenti e, fra i candidati, c'è un certo De Santis che è un campione di legalità. Spaventati da questa ondata di legalità i boss richiamano in Calabria il nostro "eroe" ( si fa per dire ) che, grazie ai maneggi di una "materia grigia", insomma una "mente" ( un Sergio Rubini, semplicemente fantastico ), fa la scalata politica all'insegna dell'ingiustizia per far prevalere i loro e soprattutto i suoi interessi. Attenzione, due spoiler in arrivo : il nostro non solo farà danni ma convertirà all'ingiustizia e al male il figlio adolescente, Melo. Sotto le immagini apparentemente solari -  ma la Calabria è una regione molto fotogenica -si nasconde un vero e proprio film dell'orrore popolato da laidi, corrotti e opportunisti. Il film è un'analisi spietata che non risparmia niente e nessuno. Il film non è offensivo assolutamente per la Calabria in quanto mette, in controluce, tutta la politica nazionale sullo stesso piano: e non è difficile trovare, per chi la politica la segue, frecciatine ai leader della destra e della sinistra. Al di là di tutto questo, comunque, è encomiabile, da parte dell'attore, lo sforzo di non rendere Cetto simpatico e di non pigiare sul tasto della volgarità che, fra veline e amanti, poteva facilmente esplodere. Ed è encomiabile la capacità di aver circondato Albanese di bravi caratteristi che, sia pur sconosciuti, riescono a dare sapore alle figurine di contorno. Da applauso  è, però, il figlio Melo. E' qui che si nasconde il vero messaggio politico del film: Melo è piagnone, debole, subisce passivamente la prepotenza del padre. Ma la sua debolezza non è dettata dall'innocenza perchè dentro di lui si nasconde il verme che si accomoda per convenienza alle decisioni egoistiche del padre. Somiglia sinistramente a molti di noi.  "Qualunquemente" è attraversato da una violenza psicologica molto forte, è un film "forte" dove il Male trionfa ed il Bene è sconfitto oppure viene messo a tacere: ma è anche un film su questa Italietta di inizio millennio ed io penso che, se fra cinquant'anni qualche storico vorrà farsi un'idea del clima italiano sociale e politico di adesso, dovrà vedersi questo film. Ed è un film che fa male.

[+] lascia un commento a movieman »
Sei d'accordo con la recensione di Movieman?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
50%
No
50%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Movieman:

Qualunquemente | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi

Pubblico (per gradimento)
  1░ | paolocarburi
  2░ | nacaski
  3░ | k. s. stanislavskij
  4░ | jkerr73
  5░ | marialucia
  6░ | alexlaby
  7░ | cronix1981
  8░ | g. romagna
  9░ | mattia pascal
10░ | frank slade
11░ | marbus
12░ | madeo87
13░ | everlong
14░ | misterix
15░ | brian77
16░ | renato volpone
17░ | donpedrito
18░ | leooooo
19░ | olgadik
20░ | fe_che
21░ | il poeta marylory
22░ | sawclaudio
23░ | giu/da(g)
24░ | tommaso battimiello
25░ | ignazio vendola
26░ | pecora rossa
27░ | gianluca78
28░ | dano25
29░ | andrea1967
30░ | andre89lost
31░ | billo
32░ | chiarialessandro
33░ | giofredo'
34░ | hollyver07
35░ | iuriv
36░ | aristoteles
37░ | chetelodicoafare
38░ | great steven
39░ | movieman
40░ | andaland
41░ | marce84
42░ | geppi
43░ | omero sala
44░ | franco cesario
45░ | andyflash77
46░ | gorod
47░ | pakyjoker
48░ | torres
49░ | marezia
50░ | vittorio
51░ | taxidriver
52░ | barbara simoncini
53░ | benmovie
54░ | natural
55░ | vervain
56░ | vale72
57░ | vipera nera
58░ | jayan
59░ | enzo70
Rassegna stampa
Piera Detassis
Nastri d'Argento (2)
David di Donatello (7)


Articoli & News
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 |
Link esterni
Sito ufficiale
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità