Death of a Samurai

Film 2011 | Azione 126 min.

Titolo originaleHara-Kiri
Anno2011
GenereAzione
ProduzioneGiappone
Durata126 minuti
Regia diTakashi Miike
AttoriEbizô Ichikawa, Eita, Hikari Mitsushima, Kôji Yakusho .
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Takashi Miike. Un film con Ebizô Ichikawa, Eita, Hikari Mitsushima, Kôji Yakusho. Titolo originale: Hara-Kiri. Genere Azione - Giappone, 2011, durata 126 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Death of a Samurai tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il film di Takashi Miike partecipa, in Concorso, al Festival di Cannes 2011.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
Critica
Premi
Cinema
Trailer
Un'estetica teatrale che riflette sul rapporto tra potere e ricchezza.
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 19 maggio 2011
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 19 maggio 2011

Il samurai Hanshiro si reca presso la casa del clan Ii, che ha a capo il ricco Kageyu, per chiedere l'autorizzazione a commettere suicidio rituale. Kageyu lo informa che ormai accade sempre più spesso che ci siano samurai in povertà che fingono di volersi suicidare solo per poter accedere alle case dei ricchi per chiedere aiuto in denaro. Gli racconta così la vicenda di un giovane samurai, Motome, il quale aveva avanzato la stessa richiesta per poi rivelare di aver bisogno di un aiuto per curare la moglie ammalata e il figlioletto morente. Il clan lo aveva costretto a morire di una morte atroce perché obbligato a suicidarsi con la spada di bambù che aveva sostituito quella metallica venduta per bisogno. Hanshiro ascolta ma poi mostra di conoscere bene quella storia.
Non tutti i remake vengono per nuocere, si potrebbe dire dinanzi a questa opera di Takashi Miike che riprende un film degli Anni Sessanta. Innanzitutto perché fa un uso inatteso del 3D. Ci si sarebbero potuti aspettare fiumi di sangue e arti in volo sullo schermo e invece le tre dimensioni servono a far sì che gli spazi assumano una loro concretezza esteticamente raffinata che integra perfettamente una narrazione che potremmo definire quasi teatrale. Perché ciò che qui interessa ad uno dei più importanti registi del cinema giapponese non è l'azione (a cui dedica l'unica scena ipertrofica del film nel sottofinale) ma il rapporto che intercorre tra chi detiene il potere e la ricchezza e chi non ha altro su cui contare che se stesso e la propria dignità. Le storie di Hanshiro e Motome prendono corpo in un mondo non poi così lontano dalla società attuale nella quale l'umiliazione dei deboli sembra essere uno dei più elevati momenti di piacere per chi può esercitarla. Rispettando le regole del film di genere Takashi Miike riesce al contempo ad attualizzarle offrendoci un'occasione per riflettere sulla sofferenza dell'essere umano.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati