Ju Tarramutu

Film 2010 | Documentario +13 93 min.

Anno2010
GenereDocumentario
ProduzioneItalia
Durata93 minuti
Regia diPaolo Pisanelli
Uscitamercoledì 6 aprile 2011
DistribuzioneZaLab
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,21 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Paolo Pisanelli. Un film Genere Documentario - Italia, 2010, durata 93 minuti. Uscita cinema mercoledì 6 aprile 2011 distribuito da ZaLab. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,21 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Ju Tarramutu tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

La notte del 6 Aprile 2009 L'Aquila e la vita dei suoi abitanti sono state pesantemente devastate.

Consigliato sì!
3,21/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,92
PUBBLICO 1,00
CONSIGLIATO NÌ
Tarante e rintocchi di campana per il racconto di una lenta rinascita.
Recensione di Edoardo Becattini
lunedì 4 aprile 2011
Recensione di Edoardo Becattini
lunedì 4 aprile 2011

Nella notte fra il 5 e il 6 aprile 2009, in soli ventidue secondi, i territori dell'aquilano conoscono distruzione, spaesamento e macerie a causa di un terremoto di magnitudo devastante. Muoiono più di trecento persone, fra cui molti studenti universitari, e sono più di cinquantamila gli abitanti rimasti sfollati. Il governo dichiara lo stato di emergenza e, in pochi giorni, la protezione civile e le forze dell'ordine allestiscono delle tendopoli, laddove il centro cittadino viene recintato e chiuso al passaggio. Mentre il tempo passa, il silenzio regna sovrano, sul paesaggio e nella testa delle persone, e quel che resta del centro storico de L'Aquila somiglia sempre più a una città fantasma popolata solo da cani e gatti randagi. A muoversi velocemente sembra essere solo una grande macchina mediatica allestita attorno a un G8 e a un piano per la costruzione di nuovi appartamenti allestiti a tempo di record. Ma un terremoto "non è solo un problema edilizio, ma soprattutto una tragedia sociale, culturale e identitaria".
Se il terremoto di Lisbona del 1755 insegnò agli illuministi a diffidare del positivismo e della teodicea, il terremoto de L'Aquila del 2009 sembra più configurarsi come un violento monito contro la mediatizzazione della tragedia e la speculazione televisiva del dolore. A farsi carico dell'eredità di Voltaire è soprattutto il cinema documentario, che prima con Draquila ha portato le macerie della politica italiana fin sul tappeto rosso di Cannes, e adesso con Ju tarramutu propone "un viaggio nei territori della città più mistificata d'Italia". Entrambi i documentari partono infatti dal regime delle immagini confuse e contraddittorie sulle conseguenze del terremoto per mostrare quel che sta sotto la polvere, ma i rispettivi titoli sono già sintomatici del loro differente operare.
Draquila è una crasi, un gioco linguistico in cui la retorica della satira e dell'orazione catilinaria è funzionale a elaborare un j'accuse diretto e mirato contro il capo del governo e il primo funzionario della protezione civile. Il dialetto di Ju tarramutu ci pone invece all'interno della cultura locale, adottando un punto di vista in linea con lo sguardo della gente sfollata. L'idea di Pisanelli è infatti quella di utilizzare gli schermi delle televisioni solo come raccordo, una sorta di didascalia per sottolineare e sintetizzare il passare del tempo, con il proposito di errare ed esplorare fra parole e immagini del territorio più che di indagare ombre e interessi maleodoranti. Così, fin dal principio, il racconto del terremoto si compie attraverso un percorso di sensazioni visive e sonore. Una conta dei secondi che sono bastati a squarciare il profilo della città e le certezze dei suoi abitanti ci introducono a un insieme di elementi differenti, che vanno dalle testimonianze dei cittadini ingannati dalla potenza della natura e dall'incompetenza delle istituzioni, all'estasi visuale della contemplazione di un paesaggio agricolo su cui incombe tutta la pesantezza del silenzio.
Perimetrare i luoghi e pedinare i cittadini è ciò che serve a Pisanelli per contenere e affrontare la portata della tragedia. Per il resto, si avvale della collaborazione degli Animammersa, un gruppo di artisti aquilani che ha trasformato la rabbia dei cittadini in un caldo spettacolo di canti e balli popolari. I loro testi e la loro musica danno forma e anima ai vari frammenti di Ju tarramutu e permettono di entrare in empatia con il risveglio e la ribellione di quegli aquilani indisposti a diventare strumento di propaganda politica.
Tarante e rintocchi di campana ci accompagnano così lungo il racconto suggestivo di una lenta rinascita, una parabola ancora piena di crepe da suturare e di rovine da scavare. Come testimoniano i titoli di coda con le immagini-appendice della manifestazione di protesta del 7 luglio 2010, in cui la violenza di stato fuoriesce dalla forma simbolica della cornice televisiva e si concretizza nei colpi del manganello.

Sei d'accordo con Edoardo Becattini?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Presentato in concorso al Festival dei Popoli di Firenze 2010, il documentario uscì in pochi cinema italiani in coincidenza col 2° anniversario del terremoto 2009 in Abruzzo. Rispetto a Draquila. L'Italia che trema (2010) di Sabina Guzzanti, Pisanelli "mette in scena una vera e propria democrazia partecipativa" (G.A. Nazzaro). Dà parola agli abitanti dell'Aquila che vorrebbero riabitare la città, rifiutando l'internamento in lager condominiali e respingendo gli scandali della cricca di Bertolaso & C. e le promesse elettorali del signor B. Non manca di enfasi predicatoria nel raccontare il tentativo di una comunità di reinventarsi una vita e una vita al plurale. Sculture sonore: Antonio De Luca. Musiche: Animammersa. Distribuzione: Zalab.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
FOCUS
INCONTRI
venerdì 1 aprile 2011
Edoardo Becattini

Nella contemporaneità conta arrivare primi. Il documentario “istantaneo” e l'idea di reportage in presa diretta sui fatti e gli argomenti d'attualità è una pratica sempre più diffusa nel mondo dell'informazione istantanea e pervasiva. Molto più raro ai giorni nostri è il caso di film che si prendono il tempo per definire un campo, documentare una realtà, costruirsi uno stile e comunicare un'idea. Nel caso del terremoto che ha colpito L'Aquila la notte fra il 5 e il 6 aprile del 2009 e che ha distrutto decine di migliaia di abitazioni e ucciso più di trecento persone, abbiamo assistito in soli due [...]

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Dario Zonta
L'Unità

A due anni dal terremoto che ha sconvolto l’Abruzzo e l’Aquila, arriva un film molto bello, intenso e necessario, girato con rigore e candore da Paolo Pisanelli. Si tratta di un documentario, ma ben lontano dai modi alla Michael Moore a cui si è affidata la Guzzanti per Draquila. Pisanelli non ha interesse di denunciare questa o quella cosa, bensì vuole raccontare e mostrare questa terribile tragedia [...] Vai alla recensione »

Cinzia Romani
Il Giornale

Non si spegne l’attenzione civile sul dramma dei terremotati aquilani, a distanza di due anni da quel nefasto 6 aprile di terrore e morte in Abruzzo. Nel docufilm di Pisanelli si mescolano le voci e i volti dei tanti cittadini rimasti senza casa e senza speranza, mentre da Roma il governo procede secondo i suoi standard, troppo lenti per quelli di Onna e dintorni, nella norma dell’emergenza per chi, [...] Vai alla recensione »

Cinzia Romani
Il Giornale

Non si spegne l’attenzione civile sul dramma dei terremotati aquilani, a distanza di due anni da quel nefasto 6 aprile di tenore e morte in Abrnzzo. Nel docufilm di Pisanelli si mescolano le voci e i volti dei tanti cittadini rimasti senza casa e senza speranza,mentre da Roma il governo procede secondo i suoi standard, troppo lenti per quelli di Onna e dintorni, nella norma dell’emergenza per chi, [...] Vai alla recensione »

Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Una città da riprendere e da riprendersi. È questa L’Aquila documentata dal filmmaker, produttore e distributore totalmente indipendente Paolo Pisanelli. Che dopo aver portato Ju Tarramutu (il terremoto in dialetto aquilano) in vari festival (Popoli, Sulmona...), approda nelle sale in coincidenza con il triste anniversario, Il materiale è lontano dal giornalismo cannibale, ed è invece carne addolorata [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

«C’è una cosa che nessuna radio o tv può riportare fedelmente: il silenzio. Nei primi giorni dopo il sisma il silenzio era ovunque. Le persone andavano in giro come fantasmi. In mezzo alla gente c’era il silenzio, dentro alle teste c’era il silenzio... Tutti composti, silenziosi, educati. Non rassegnati. Semplicemente in pausa». È una delle testimonianze raccolte da Paolo Pisanelli a L’Aquila in «Ju [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati